• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Fiera di Parma: a marzo torna il Mercanteinfiera

Dal 12 al 20 marzo 2022, ha luogo il Mercanteinfiera, la Mostra Internazionale di Modernariato, Antichità e Collezionismo che ospita antiquari da tutta Europa
Pubblicato il

Il Mercanteinfiera torna alla Fiera di Parma per il consueto appuntamento primaverile


Dal 12 al 20 marzo 2022, torna alla Fiera di Parma il Mercanteinfiera, una Mostra Internazionale di Modernariato, Antichità e Collezionismo che si svolge regolarmente due volte all'anno, in autunno e in primavera. La fiera ospita antiquari provenienti da tutta Europa che propongono pezzi unici che fanno gola ai cultori e ai collezionisti dell'antiquariato.

Nei 4 padiglioni, sviluppati su un totale di 40.000 mq di superficie espositiva, sfilerà tutta la storia dell'arte dal Seicento al Novecento, passando per il Classicismo e il Romanticismo, fino ad arrivare al Realismo e all'Art Decò.

Mercante in fiera
Non mancheranno poi rarità, come un ricercato visore stereoscopico dei primi anni del XX secolo, per vedere le cartoline in tridimensionale. O un quadro dipinto da Luciano Lutring, pittore e criminale noto come il solista del mitra poiché nascondeva le armi nella custodia di un violino.

Saranno inoltre presenti le grandi firme dell'orologeria (Rolex, Patek Philippe, Audemars Piguet), della moda vintage e del design storico (Gio Ponti, Fornasetti, Gaetano Pesce) che hanno creato oggetti iconici, tanto da essere ancora oggi presenti nelle nostre case.

Mostre collaterali


L'edizione primaverile del Mercanteinfera, è coadiuvata da due mostre collaterali:

  • Partivano i bastimenti. Home sweet home America, curata da Massimo Cutò, giornalista e collezionista;

  • Olivetti Storia di Innovazione, realizzata in collaborazione con l'Associazione Archivio Storico Olivetti di Ivrea.


Pur diverse per le storie narrate, le due esposizioni hanno in comune la dimensione del sogno.

Nella prima, il sogno di 14 milioni di italiani che a inizio secolo si imbarcavano verso il Nuovo Mondo. Nella seconda, il sogno di un uomo, Adriano Olivetti, che ambiva a un modello economico-industriale basato su valori quali giustizia, solidarietà e umanità.

Ilaria Dazzi, Exhibition director di Mercanteinfiera, ha spiegato il perché della sua scelta per queste due mostre.

Da un lato, per contribuire a un senso di memoria civile dal momento che le storie delle migrazioni di oggi sono le stesse di quelle vissute dai nostri antenati. Nel caso di Olivetti, invece, è sotteso il desiderio di ricordare, dandogli il giusto riconoscimento, un genio del design (e non solo) che è riuscito a innovare l'industria italiana.

riproduzione riservata
Mercanteinfiera a Parma
Valutazione: 5.82 / 6 basato su 11 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
  • Carla
    Carla
    Martedì 8 Febbraio 2022, alle ore 10:37
    Prima della pandemia sono andata spesso al Mercanteinfiera di Parma e ne sono rimasta sempre affascinata!
    Finalmente si potrà ritornare con un po' di spensieratezza e libertà in più.
    rispondi al commento
    • Federica Ermete
      Federica Ermete Carla
      Martedì 8 Febbraio 2022, alle ore 11:30
      Anch'io Carla ci sono stata più volte.
      Pur non essendo una collezionista né un'appassionata del settore, è un luogo di grande fascino.
      Difficilmente può lasciare indifferenti.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto