Villette a schiera, condominio oppure no?

NEWS DI Assemblea di condominio30 Ottobre 2014 ore 17:47
In tema di villette a schiera non v'è dubbio che le stesse possano andare a configurare un condominio, laddove le stesse abbiano delle parti in comune tra loro.

Villette a schiera e norme condominiali


VilletteUn insieme di villette a schiera può essere considerato un condominio ? La risposta è sicuramente positiva, oggi, grazie alla legge di riforma del condominio che ha esteso l'applicazione delle norme sul condominio anche ai così detti condominii orizzontali (cfr. art. 1117-bis c.c.).

Per tutte le cause sorte prima della legge n. 220/2012 (e sono tante) vale ancora quanto detto dalla giurisprudenza, sicché ci pare utile dar conto di una delle più recenti sentenze in materia di villette a schiera e condomiio orizzontale.

Il proprietario di una villetta posta all'interno di un complesso residenziale in località turistica chiedeva al comune l'autorizzazione allo scarico provvisorio delle acque reflue della sua abitazione nell'impianto esistente, consistente in un vasca di tipo Imhoff e in una vasca di stoccaggio in cemento armato a tenuta stagna.

Il comune negava l'autorizzazione con la motivazione che la villa era inserita in un complesso residenziale unitario di notevole estensione territoriale; per conseguenza, il proprietario ricorreva contro il diniego davanti al Tar e poi davanti al Consiglio di Stato. La decisione in appello, di rigetto, è stata emessa il 31 luglio 2014 (sentenza n. 4043/2014).

Quando l'abitazione indipendente fa parte del complesso residenziale?

Tutto ruotava intorno alla risposta alla domanda se l'abitazione del ricorrente fosse inserita in un'unica, ben più grande struttura, data dal complesso residenziale, oppure no.

Ciò perchè il regolamento regionale (regolamento Regione Puglia n. 1 del 1988), regolante gli scarichi dei nuovi insediamenti civili che non recapitano in pubbliche fognature, consente l'utilizzo del sistema di depurazione richiesto dal ricorrente solo nel caso di insediamenti civili di consistenza inferiore a 50 vani o a 5.000 mc ed aventi comunque un numero di abitanti inferiore o uguale a 50 unità; disponendo per i casi con numero di abitanti comunque superiore il rispetto della disciplina fissata per gli scarichi delle pubbliche fognature.

Villette a schieraIl diniego amministrativo e poi il rigetto giudiziale erano basati, dunque, sulla risposta positiva a quella domanda: infatti, si afferma in sentenza, in quanto si tratta di un'area delimitata da una recinzione continua e da cancelli (che dunque limitano gli accessi ai soli proprietari) ed è strutturata in modo uniforme con stradine interne ed alberi dall'alto fusto.

Quando l'abitazione indipendente fa parte del condominio?

Ma a ciò si aggiungeva la considerazione pacifica che di condominio sicuramente trattavasi; ed infatti, la sentenza richiama la nota decisione n. 8066/2005 con cui la Corte di Cassazione ha esplicitato il concetto di condominio orizzontale. Infatti, si afferma nella sentenza in commento, si ha condominio anche nel caso di compendi composti da più edifici autonomi, ma che sono [...] caratterizzate dal rapporto di accessorietà necessaria che le lega alle singole proprietà individuali, delle quali rendono possibile l'esistenza stessa o l'uso, come per esempio [....], le reti viarie interne, gli impianti dei servizi idraulici o energetici dei complessi residenziali: per cui in tali casi si configura l'ipotesi di cui agli artt. 1117 cod. civ. e 62 disp. att. cod. civ. (Cass. Civ., sez. II, 18 aprile 2005 n. 8066).


Accessorietà delle parti comuni


Insomma, come è ormai acquisito, non può essere la direzione in cui si sviluppa la costruzione, verticale o orizzontale, a stabilire se trattasi di condominio, ma in buona sostanza la presenza di parti comuni ex art. 1117: infatti anche corpi di fabbrica adiacenti orizzontalmente (come in particolare proprio le case a schiera) possono ben essere dotati di strutture portanti e di impianti essenziali comuni, come quelli che sono elencati nell'art. 1117 cod. civ., peraltro esemplificativamente e con la riserva se il contrario non risulta dal titolo. Peraltro, anche in mancanza di un così stretto nesso strutturale, materiale e funzionale, l'ipotesi della condominialità non può essere senz'altro esclusa, neppure per un insieme di edifici indipendenti.

Lo si ricava dagli art. 61 e 62 disp. att. cod. civ., che consentono lo scioglimento del condominio nel caso in cui un gruppo di edifici [...] si possa dividere in parti che abbiano le caratteristiche di edifici autonomi, pur quando restano in comune con gli originari partecipanti alcune delle cose indicate dell'articolo 1117 del codice: dal che si desume che è permessa la costituzione ab origine di un condominio di fabbricati a sé stanti, aventi in comune solo alcuni elementi, o locali, o servizi, o impianti condominiali (Cass. n. 8066/2005).

L'accessorietà menzionata dalla sentenza in commento è proprio quella relazione tra bene comune e bene di proprietà individuale posta a fondamento dell'applicazione delle norme sul condominio; accezione ricomprendente sia e soprattutto, il criterio funzionale che quello materiale.

Tra tante si veda la sentenza 27145/2007 con cui la Corte ha ben definito i concetti di collegamento funzionale e collegamento materiale: Affinché possa operare, ai sensi dell'art. 1117 c.c., il cosiddetto diritto di condominio, è necessario che sussista una relazione di accessorietà fra i beni, gli impianti o i servizi comuni e l'edificio in comunione, nonché un collegamento funzionale fra i primi e le unità immobiliari di proprietà esclusiva.

Pertanto, qualora, per le sue caratteristiche funzionali e strutturali, il bene serva al godimento delle parti singole dell'edificio comune, si presume - indipendentemente dal fatto che la cosa sia, o possa essere, utilizzata da tutti i condomini o soltanto da alcuni di essi - la contitolarità necessaria di tutti i condomini su di esso [...].

Tra le cose comuni ed i piani o le porzioni di piano può sussistere, oltre che il suddetto collegamento funzionale, anche un legame materiale di incorporazione che rende le prime indissolubilmente legate alle seconde ed essenziali per la stessa esistenza o per l'uso di queste, dalle quali i beni comuni (muri, pilastri, travi portanti, tetti, fondazioni, facciate ecc.) non possono essere separati.

riproduzione riservata
Articolo: Villette a schiera, condominio oppure no?
Valutazione: 5.60 / 6 basato su 5 voti.

Villette a schiera, condominio oppure no?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Raffaele
    Raffaele
    Giovedì 19 Maggio 2016, alle ore 19:27
    Tre villini a schiera formano un condominio orizzontale a tutti gli effetti?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Villette a schiera, condominio oppure no? che potrebbero interessarti
Villette a schiera passive

Villette a schiera passive

Architettura - Lo studio di architettura MUT Architecture sta realizzando un progetto di villette a schiera passive nel sobborgo parigino di Pantin.
Riforma del condominio e multiproprietà

Riforma del condominio e multiproprietà

Condominio - La riforma del condominio ha esteso esplicitamente l'applicabilità degli artt. 1117 e ss. anche alle multiproprietà. Era davvero necessario questo riferimento?
Riforma del condominio e i supercondominii

Riforma del condominio e i supercondominii

Assemblea di condominio - Oggi, contrariamente a tale impostazione, l'applicazione delle norme dettate in materia di condominio negli edifici è esteso anche ai supercondomini ed ai condomini orizzontali.

Supercondominio

Condominio - Il supercondominio è quella particolare forma di comunione nella quale al fianco di piani o porzioni di proprietà esclusiva vi sono parti dello stabile, locali, impianti, ecc., di proprietà comune.

Individuazione delle parti comuni del condominio

Condominio - Le parti comuni del condominio sono quelle che servono al godimento delle unità immobiliari di proprietà escluisva secondo legge o per contratto

Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibile per i condomini di un condominio minimo portare in detrazione le spese per lavori di ristrutturazione su parti comuni. Cosa dice l'Agenzia delle Entrate

Il preventivo di gestione del condominio tra necessità e opportunità

Ripartizione spese - Il preventivo annuale di gestione del condominio serve ad individuare le spese che dovranno essere affrontate nel corso dell'anno. Focus sui principali aspetti.

Amministratore di condominio e servitù

Condominio - L'amministratore di condominio non può agire in giudizio per ottenere il riconoscimento di una servitù perché questa azione non rientra tra i suoi poteri.

730 precompilato: comunicazione delle spese di ristrutturazione del condominio

Fisco casa - L'Agenzia delle Entrate pubblica le istruzioni per inviare al Fisco i dati relativi alle spese effettuate per lavori di ristrutturazione nell'ambito condominiale
REGISTRATI COME UTENTE
295.479 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Immergas kit fumi orizzontale excentrico Ø 60-100
    Immergas kit fumi orizzontale...
    55.00
  • Box doccia sfera
    Box doccia sfera...
    332.00
  • Ridea othello plate 62 0x69 0 verniciature
    Ridea othello plate 62 0x69 0...
    661.00
  • Othello double plate 41x89 bianco orizzontale
    Othello double plate 41x89 bianco...
    619.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.