Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Variazione catastale: quando e come procedere

La richiesta di variazione catastale dell'immobile è una pratica di estrema rilevanza se si vuole essere in regola in caso di ristrutturazione e cessione immobile
25 Maggio 2021 ore 09:55 - NEWS Catasto

Variazione catastale dell’immobile: cos’è?


La variazione catastale di un immobile è essenzialmente una richiesta che il proprietario (o un tecnico da questi incaricato) formula direttamente all’Ufficio del Catasto competente per apportare una modifica catastale allo stato dell’immobile di cui è in possesso.

Nella maggior parte dei casi si procede alla variazione catastale dell’immobile in sede di vendita del proprio appartamento o nel caso in cui si decida di eseguire importanti opere di ristrutturazione, tali da modificare sensibilmente lo stato dell'immobile.

Variazione catastale immobile
In questo ultimo caso, ci si accorge di dover iniziare l’apertura di tale pratica perché ci ritroviamo il relativo costo nel preventivo del tecnico che effettua l’intervento, il quale provvederà anche a completare la procedura.


Vantaggi di una corretta dichiarazione di variazione catastale


È importante conoscere di cosa si tratta quando ci troviamo di fronte a una pratica di variazione catastale per evitare spiacevoli sorprese!

Ciò soprattutto in considerazione del fatto che a partire dal 2010 (per effetto dell’entrata in vigore del Dl 78/2010), occorre che vi sia una perfetta conformità catastale, ovvero, che lo stato dell’immobile da cedere rispecchia fedelmente quanto indicato nella planimetria catastale e negli altri documenti catastali (visura catastale).

Anche piccole imperfezioni o incongruenze possono impedire o creare problemi in sede di cessione dell’immobile.

La variazione catastale riguarda essenzialmente l’aggiornamento visura catastale e l’aggiornamento planimetria catastale.

In altri termini sono oggetto di modifica tutte le informazioni relative all’immobile: gli identificativi catastali, la toponomastica, i titolari del bene, etc.


Termine di scadenza per la presentazione della dichiarazione di variazione catastale


L’Agenzia precisa che il termine di presentazione delle dichiarazioni al catasto è fissato in trenta giorni decorrenti dalla data in cui i fabbricati sono divenuti abitabili o servibili all’uso cui sono destinati o comunque decorrenti dalla data di ultimazione della variazione nello stato per le unità immobiliari già censite.

Termine variazione catastale immobile
Il mancato rispetto di tale termine comporta l’applicabilità di specifiche sanzioni.
Tale violazione può essere regolarizzata con l’istituto del ravvedimento operoso di cui all’art. 13, D.lgs. 18 dicembre 1997, n. 472.

Si tratta di uno strumento che consente di regolarizzare eventuali mancati versamenti dell’imposta, ottenendo notevoli riduzioni delle sanzioni, determinate in base al momento in cui si procede alla regolarizzazione.


Quando occorre procedere con una variazione catastale dell’immobile?


Non necessariamente tutte le modifiche sopravvenute sull’immobile impongono l’aggiornamento catastale.

Occorre aver apportato modifiche che incidono sulla rendita catastale, poiché su di essa si basa il calcolo di diverse imposte sugli immobili (IMU e Tari a esempio).

È certamente previsto la variazione catastale nelle ipotesi di (a titolo esemplificativo e non esaustivo):

  • cambio di destinazione d’uso (ad esempio un vecchio negozio che diventa un immobile abitativo);

  • divisione o fusione di più unità immobiliari;

  • modifiche afferenti il nominativo del proprietario (a esempio, quando al catasto risulta il vecchio proprietario);

  • ampliamento della superficie di un’unità immobiliare con realizzazione di solai o soppalchi accessibili dall’interno;

  • variazioni interne alle unità immobiliari, con redistribuzione e modificazione del numero dei vani principali e/o accessori.


In ogni caso, è consigliabile rivolgersi a un tecnico che, a seguito di approfondito sopralluogo, potrà valutare il singolo caso concreto e suggerire la necessità di procedere con l’apertura di una pratica di variazione catastale.

Quando non è necessaria la variazione catastale?


Il parametro per individuare i casi in cui non è necessario procedere alla variazione dei dati catastali risiede nell’entità dell’intervento che deve essere lieve e cioè non deve modificare la rendita catastale.

Progetto variazione catastale
Se si rientra in tali ipotesi e si intende vendere il proprio immobile, per essere in regola è sufficiente fare presente eventuali modifiche non rilevanti sopravvenute nel contratto di compravendita e, su consiglio del notaio, potrebbe essere necessaria anche il rilascio di una dichiarazione di conformità dell’immobile.


Come si fa una variazione catastale?


La procedura per la variazione catastale è stata negli ultimi anni semplificata e telematizzata.

La richiesta può essere effettuata tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate aggiornamento dati catastali.

Mediante, il software messo a disposizione dell’Amministrazione finanziaria è possibile procedere all’aggiornamento dati catastali online, mediante la c.d. pratica docfa (Documento catasto fabbricati).

Come si fa variazione catastale
È in ogni caso consigliabile farsi assistere da un tecnico di fiducia che seguirà la procedura docfa, provvedendo all’invio di un modulo compilato e la planimetria catastale aggiornata, in base alle modifiche eseguite.

Diversamente, è possibile presentare la richiesta direttamente e personalmente all’Ufficio del Catasto del proprio Comune, previa prenotazione online dell’appuntamento.


Tempi, costi e spese della variazione catastale


Per quanto riguarda le tempistiche, queste dipendono strettamente dal professionista che cura l’intera procedura di variazione catastale.

È possibile però individuare indicativamente fra tre e cinque (decorrenti dalla data di presentazione della richiesta) i tempi medi necessari per ottenere una prima risposta da parte dall’Agenzia delle Entrate, in ordine alla richiesta presentata telematicamente.

Quanto costa una variazione catastale?



In relazione al costi variazione catastale, se ci si affida a un tecnico, questi sono variabili e dipendono strettamente anche dal grado e livello di modifica catastale richiesta.

Con riferimento ai costi fissi, ovverosia alla docfa costo, sul sito dell’Agenzia delle Entrate si legge che per ogni unità di nuova costruzione, ovvero derivata da dichiarazione di variazione, è previsto il versamento di euro 50,00 se appartenente alle categorie a destinazione ordinaria (categorie dei gruppi A, B e C) e a quelle censite senza rendita, oppure il versamento di euro 100,00 se appartenente alle categorie a destinazione speciale e particolare (categorie dei gruppi D ed E).

riproduzione riservata
Articolo: Variazione catastale di un immobile
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Variazione catastale di un immobile: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
330.337 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Variazione catastale di un immobile che potrebbero interessarti


Classamento Catastale

Catasto - Che cosa è il classamento catastale per un immobile e a cosa serve? In base a quali parametri di solito viene assegnato ad un immobile il classamento catastale.

Proroga sanatoria catastale

Catasto - Con l'approvazione di un emendamento al Decreto Milleproroghe viene posticipato al 30 aprile 2011 il termine ultimo per presentare la sanatoria catastale.

Accatastamento

Catasto - L'accatastamento è obbligatorio non solo per nuove costruzioni, ma anche per qualunque intervento che possa comportare una modifica della rendita catastale.

Revisione catastale del Comune: le regole della Cassazione

Catasto - Il Comune deve motivare la revisione catastale che determina un aumento del valore dell'immobile. Lo afferma la Corte di Cassazione con una recente sentenza.

Quando eseguire una procedura DOCFA

Catasto - Eseguire lavori che cambiano la destinazione d'uso di un immobile o un frazionamento, sono operazioni che comportano variazioni catastali, ma non sono le sole.

I chiarimenti dal Notariato sulla conformità catastale

Catasto - Il notariato e il DL 78/2010 chiariscono gli obblighi in merito all'identificazione e alla conformità catastale degli immobili oggetto di trattativa immobiliare

Cos'è e come si calcola la superficie catastale

Catasto - Cos'è e come si calcola la superficie catastale. Differenze con la vecchia disciplina di accatastamento degli immobili.

In quali casi un impianto fotovoltaico deve essere accatastato?

Catasto - L'Agenzia del Territorio ha pubblicato una nota esplicativa per chiarire in quali casi un impianto fotovoltaico deve essere accatastato in maniera indipendente.

Come controllare la conformità edilizia in caso di compravendita

Comprare casa - Prima della compravendita è consigliabile incaricare un tecnico di verificare la conformità urbanistico-edilizia e catastale dell'immobile che si vuole acquistare.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lutex
Salve,ho acquistato un immobile e mi piacerebbe avere gli schemi dell'impianto sia elettrico che idraulico, così da evitare danni in caso di fori da fare nel muro.Nella...
lutex 26 Aprile 2021 ore 16:46 1
Img francescarizzi
Buongiorno a tutti,avendo necessità di sollevare il direttore dei lavori per una manutenzione straordinaria (rifacimento impianto casa privata e cambio planimetria...
francescarizzi 22 Aprile 2021 ore 20:04 1
Img leonardodon
Ho una casetta in legno di 7 mq non ancorata e fissa ma appoggiata sul terreno senza platea in cemento denunciata al mio comune con una semplice domanda in quanto rientra nelle...
leonardodon 22 Gennaio 2021 ore 22:46 2
Img gabrielefranzò
Ciao a tutti !! Sono nella fase conformità per quanto riguarda ecobonus 110% e volevo domandarvi se la variazione di una porta ad un arco in muratura rientra nella...
gabrielefranzò 05 Gennaio 2021 ore 16:34 1
Img christianbarbieri
Buonasera. Sto valutando una proposta di acquisto per il mio appartamento e ovviamente debbo garantire la coerenza catastale. Dal catasto online la planimetria catastale risulta...
christianbarbieri 27 Settembre 2020 ore 10:07 1