Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Usucapione

Il diritto di proprieta' su un bene immobile, cosi' come altri diritti reali di godimento, come la servitu', possono essere acquisiti per usucapione, ossia a seguito del possesso prolungato e incontestato nel tempo di un dato bene.
09 Luglio 2010 ore 16:49 - NEWS Normative
bene immobile , beni immobili ,

Il codice civile disciplina i vari modi di acquisto della proprieta'.

UsucapioneIl piu' noto è certamente quello della compravendita, ma al pari dello stesso la proprieta' di un bene puo' essere acquisita anche in modo diverso.


Tra le varie modalità ve n'è una in particolare cui sovente si fa riferimento: l'usucapione.


L'art. 1158 c.c. recita:


La proprietà dei beni immobili e gli altri diritti reali di godimento sui beni medesimi si acquistano in virtù del possesso continuato per venti anni.


L'usucapione, in sostanza, è un particolare modo di acquisto della proprietà che matura per il fatto di aver posseduto, in modo pacifico ed indisturbato, un bene immobile per un determinato periodo di tempo.


Prima di proseguire nella valutazione dei modi e dei tempi dell'acquisto è utile precisare cosa s'intenda, giuridicamente, per possesso.


Ai sensi dell'art. 1140 c.c.


Il possesso è il potere sulla cosa che si manifesta in un'attività corrispondente all'esercizio della proprietà o di altro diritto reale.


Si può possedere direttamente o per mezzo di altra persona, che ha la detenzione della cosa.


UsucapioneUn esempio chiarirà il concetto: un soggetto che conduce in locazione un'unità immobiliare sarà sempre considerato un detentore e mai un possessore.


Ciò vuol dire che, salvo atti idonei a mutare la detenzione in possesso (art. 1141 c.c.), egli non potrà mai usucapire l'immobile che ha in locazione.


In linea di principio, visto e considerato che il possesso non può essere clandestino ma al contrario deve essere esplicito, la conclusione, che ad un primo e sommario sguardo viene da fare, è che difficilmente si potrà usucapire un qualche cosa.


D'altronde, banalmente, viene da pensare: chi, e non a titolo di cortesia, ci lascerebbe vivere indisturbati, senza contratto e senza contestazioni per così tanto tempo in un suo appartamento.


Se si sposta l'attenzione su altro tipo di beni immobili, però, la situazione cambia.


Si pensi a quei casi in cui pur essendovi dei confini ben precisi su di essi non v'è alcun elemento utile a permetterne una percezione immediata.


In questi casi l'uso prolungato e incontestato di una parte di proprietà altrui potrebbe portare all'acquisto per usucapione di una servitù o magari direttamente della proprietà.


È chiaro, allora, che in casi del genere è solo l'attenzione e la precisa conoscenza dei limiti della proprietà che permette di evitare che un proprio bene sia usucapito da altri.


L'art. 1159 c.c. disciplina una particolare ipotesi di usucapione, così detta abbreviata, caratterizzata dal fatto che il possesso dell'usucapente inizia sulla base di un titolo in concreto non valido ma astrattamente idoneo a fare trasferire la proprietà.


Recita la norma:


Colui che acquista in buona fede da chi non è proprietario un immobile, in forza di un titolo che sia idoneo a trasferire la proprietà e che sia stato debitamente trascritto, ne compie l'usucapione in suo favore col decorso di dieci anni dalla data della trascrizione.

UsucapioneLa stessa disposizione si applica nel caso di acquisto degli altri diritti reali di godimento sopra un immobile.


Come agire per ottenere il riconoscimento dell'acquisto per usucapione?


È evidente che, salvo il caso di riconoscimento volontario di tale avvenimento, l'unica soluzione è quella della strada giudiziale che porti all'emissione di una sentenza (da trascriversi presso i pubblici registri immobiliari) che accerti l'usucapione e dichiari l'acquisto della proprietà a tale titolo in favore del richiedente.

riproduzione riservata
Articolo: Usucapione
Valutazione: 4.60 / 6 basato su 10 voti.

Usucapione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Mario Atzori
    Mario Atzori
    Venerdì 25 Gennaio 2013, alle ore 17:07
    Con il solo compromesso di vendita, abito, senza soluzione di continuità, dal 23 ottobre 1991 in un immobile per il quale è in corso una causa per il riconoscimento dei pagamenti che ritengo di aver fatto a saldo.
    Posso intanto invocare l'usucapione dell'immobile?
    Grazie Mario Atzori
    rispondi al commento
  • Califano Gaetano
    Califano Gaetano
    Lunedì 10 Settembre 2012, alle ore 02:05
    L'usucapione di un appartamento può maturare se il possessore ha intentato causa per farsi riconoscere un compromesso che non aveva rispettato nel modo di pagamento, quindi sia in 1° grado che in appello è risultato soccombente ?
    Detti giudizi sono durati circa 30 anni ed il possessore ha instaurato un nuovo giudizio per usucapire la proprietà sostenendo appunto di possederla da circa 30 anni, il tempo dei due giudizi. Possibile che maturi l'usucapione in queste condizioni ?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.655 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Usucapione che potrebbero interessarti


Tasse vendita casa: le novità della manovra 2020

Fisco casa - Brutte notizie per chi vende casa entro 5 anni: aumentano del 6% le imposte sulle plusvalenze immobiliari. Ecco cosa prevede la Legge di Bilancio sull'argomento

Come si calcola il valore commerciale di un immobile

Comprare casa - Per calcolare il valore commerciale di un immobile bisogna utilizzare le metodologie di calcolo fornite dall'estimo, da scegliere in base allo scopo della stima.

Non c'è usucapione in caso di comodato dell'immobile

Proprietà - Il comodato ultra ventennale di un immobile comprato con contratto nullo non vale ai fini dell'usucapione. I chiarimenti della sentenza della Corte di Cassazione

Guida all'acquisto certificato degli immobili

Normative - Una interessantissima iniziativa del Consiglio Nazionale del Notariato e di dodici tra le principali Associazioni dei Consumatori al servizio dei diritti degli acquirenti di immobili.

Tutela degli immobili storici

Normative - Procedura per la dichiarazione di interesse culturale da parte del Ministero e iter per l'ottenimento del nullaosta da allegare al titolo edilizio in caso di opere edili.

Quando è nullo l'acquisto di un immobile abusivo?

Comprare casa - Quali sono i rischi per chi compra casa se nell'atto di compravendita non viene fatta menzione dei titoli abilitativi? Cosa succede in caso di immobile abusivo?

Bonus prima casa in comunione dei beni: viene meno se mancano requisiti a un coniuge

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di acquisto prima casa in comunione di beni non si potrà fruire del bonus se uno dei coniugi non effettua le dichiarazioni previste dalla legge in materia

Acquistare immobili provenienti da donazioni

Comprare casa - Quali sono i casi che si possono verificare e quali rischi può correre il promissario acquirente di un immobile se quest'ultimo deriva da una precedente donazione?

È possibile l'usucapione tra parenti?

Proprietà - Tra genitori e figli non si applicano le regole sull'usucapione di beni mobili o immobili. Vediamo quali sono le motivazioni e cosa dice la legge sull'argomento