Usucapione di beni da parte del condominio

NEWS DI Amministratore di condominio07 Settembre 2014 ore 00:34
In tema di usucapione, ossia di acquisto della proprietà di un bene in ragione del suo possesso nel tempo, anche l'amministratore di condominio può agire in giudizio.

Usucapione


Parlando di usucapione gli operatori del diritto intendono far riferimento ad un modo di acquisto a titolo originario della proprietà e dei diritti reali di godimento (escluse le servitù non apparenti), in virtù di un possesso non vizioso e continuato per un determinato periodo di tempo, che varia a seconda della natura del bene posseduto (Katia Mascia, L'usucapione. La casistica giurisprudenziale di acquisto della proprietà di beni mobili e immobili e di altri diritti reali attraverso il decorso del tempo, Halley Editrice, 2007).

Accertamento usucapioneQuesta la definizione di usucapione che si rintraccia in rete e comunque leggendo manuali giuridici e sentenze sul tema.

Che cos'è il possesso?

Alla domanda risponde l'art. 1141 c.c. a mente del quale si definisce possesso il potere sulla cosa che si manifesta in un'attività corrispondente all'esercizio della proprietà o di altro diritto reale.

Tale esercizio può essere diretto ed immediato oppure essere esercitato per il tramite di un detentore.

In buona sostanza chi possiede e lo fa locando un bene immobile può usucapirlo conteggiando nel proprio possesso anche l'utilizzazione dell'immobile da parte del conduttore.

Il tempo necessario a consentire l'acquisto per usucapione è pari a 20 anni (salvo casi particolari in cui sono sufficienti solamente 10 anni, cfr. art. 1159 c.c.).

È utile ribadire che ai fini dell'usucapione il possesso dell'immobile deve essere ultraventennale, pubblico, pacifico, non interrotto e continuo.

Pubblico, ossia dev'essere facilmente comprensibile che l'usucapente stia possedendo il bene.

Pacifico, ossia che nessuno contesti quel possesso. A tal riguardo è utile ricordare che la diffida e la messa in mora non costituiscono atti idonei ad interrompere i termini dell'usucapione (v. da ultimo Cass., sez. II, 19.06.2003, n. 9845; e Cass., sez. Il, 23.11.2001, n. 14.917).

Non interrotto e continuo, ossia nel possesso, seppur non esercitato quotidianamente, dev'essere presente una continuità che giustifichi l'esistenza dell'esercizio di tale situazione di fatto.

In ogni caso impediscono l'acquisizione per usucapione i così detti atti di tolleranza (art. 1144 c.c.).

La giurisprudenza, chiamata a darne una definizione, ha chiarito che possono essere considerati atti di tolleranza idonei a non far maturare il tempo necessario per l'usucapione tutti quei fatti che trovano giustificazione nello spirito di condiscendenza, nei rapporti di amicizia o di buon vicinato ed implicano una previsione di saltuarietà o di transitorietà (v. Cass., sez. II, 25.06.2004, n. 11871).

Spetta a chi invoca la tolleranza darne prova in giudizio (art. 2697 c.c.), in tutti i modi possibili a norma delle leggi processuali.


Usucapione e condominio


Causa per usucapioneUn condominio, ossia l'insieme dei condomini che lo vanno a comporre, può reclamare l'usucapione di un bene in ragione del possesso prolungato, da parte della collettività, per più d'un ventennio?

Se sì, chi può reclamare, per il tramite di un'azione giudiziale di accertamento, l'avvenuta usucapione?

Quando in passato la Cassazione s'è trovata a rispondere a quesiti come quelli appena indicati, ha affermato che l'amministratore di un condominio non è legittimato, senza autorizzazione dell'assemblea, all'esperimento di azioni reali contro i singoli condomini o contro terzi dirette ad ottenere statuizioni relative alla titolarità o al contenuto di diritti su cose e parti dell'edificio, a meno che non rientrino nel novero degli atti meramente conservativi. (Nella specie, la S.C. ha cassato senza rinvio la sentenza che aveva riconosciuto tale legittimazione in relazione all'azione proposta nei confronti di uno dei comproprietari che aveva aperto accessi nel cortile comune ai fini della rimessa di autovetture, in quanto tale azione, secondo la S.C., avrebbe inciso sulla condizione di un bene comune sottoposto a servitù) (Cass. 6 febbraio 2009 n. 3044).

È bene ricordare che l'accertamento dell'usucapione rientra nell'ambito delle azioni reali, come tale, quindi, soggetta al tentativo obbligatorio di conciliazione ex art. 5 d.lgs n. 28/2010.

Non sono mancate sentenze (si tratta di un orientamento minoritario) dalla quale lettura sembra emergere una totale impossibilità, per l'amministratore di portare avanti azioni reali a favore dei condomini (cfr. Cass. 24 novembre 2005 n. 24764).

In una sentenza resa dal Tribunale di Trento, la n. 516 del 29 aprile 2014, si litigava proprio in relazione all'usucapione, da parte di un condominio, di alcune unità immobiliari (cantine e sottotetti) appartenenti a dei condomini.

Il Tribunale ha ritenuto fondata la domanda di usucapione proposta dall' amministratore di condominio in favore della compagine da lui amministrata.

Nel dispositivo della sentenza il giudice ha stabilito le quote di proprietà (tutte uguali) in capo ai singoli condomini.

Non è chiaro (visto che la sentenza è stata redatta in modo conciso nella parte relativa allo svolgimento del processo, in osservanza delle disposizioni processuali che lo consentono) se l'amministratore fosse dotato di delibera di autorizzazione a stare in giudizio o se avesse avuto specifico mandato dai condomini, sta di fatto che il giudice adito ha accertato l'intervenuta usucapione.

Resta un dubbio: se il condominio, giuridicamente parlando, non esiste, e se, com'è pacificamente ammesso, i diritti reali non rientrano tra quelli sui quali l'amministratore ha poteri di gestione, rientrando nella sfera di dominio dei singoli (salvo il caso degli atti conservativi), com'è possibile che l'assemblea autorizzi una causa su un qualcosa che poco o nulla ha a che vedere con la gestione delle parti comuni ?

riproduzione riservata
Articolo: Usucapione di beni da parte del condominio
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 6 voti.

Usucapione di beni da parte del condominio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Usucapione di beni da parte del condominio che potrebbero interessarti
Usucapione, parti comuni e processo

Usucapione, parti comuni e processo

Condominio - Si può chiedere l'accertamento dell'usucapione o la si può eccepire. La differenza è notevole in relazione alle parti che processuali.
Amministratore di condominio e servitù

Amministratore di condominio e servitù

Condominio - L'amministratore di condominio non può agire in giudizio per ottenere il riconoscimento di una servitù perché questa azione non rientra tra i suoi poteri.
Si possono usucapire i beni condominiali?

Si possono usucapire i beni condominiali?

Condominio - I condomini hanno diritto di usare i beni comuni nel modo che ritengono più consono alle proprie necessità

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

Liti tra vicini e ruolo dell'amministratore

Liti tra condomini - Le liti più frequenti sono quelle tra vicini, soprattutto in condominio. Qual'è il ruolo dell'amministratore di condominio in caso di litigi sul pianerottolo.

L'amministratore del piccolo condominio

Condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.

L'amministratore di condominio e le cause condominiali

Condominio - Il ruolo di amministratore di condominio è in tutto e per tutto equiparabile a quello di un mandatario, vale a dire alla persona cui ci si rivolge per

Il compenso dell'amministratore? Lo paga anche l'inquilino (forse)

Amministratore di condominio - Tra le spese cui deve partecipare l'inquilino una di quelle che crea maggiori problemi è il compenso dell'amministratore. Chi lo paga?

Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibile per i condomini di un condominio minimo portare in detrazione le spese per lavori di ristrutturazione su parti comuni. Cosa dice l'Agenzia delle Entrate
REGISTRATI COME UTENTE
295.521 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Box doccia sfera
    Box doccia sfera...
    332.00
  • Ristrutturazione facciate Bologna
    Ristrutturazione facciate bologna...
    35.00
  • Trendy shiny tappeto
    Trendy shiny tappeto...
    695.00
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.