Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Termografia all'infrarosso

NEWS Ristrutturazione30 Luglio 2012 ore 01:26
La termografia all'infrarosso consente controlli non invasivi e rilevazioni delle discontinuità e dei difetti presenti su una superficie muraria, anche storica.
termografia , infrarossi , analisi energetica , calore

Il tema del risparmio energetico oggi è molto sentito. A partire già dagli anni Settanta, con il diffondersi della crisi petrolifera, è nata l'importanza di costruire un'edilizia improntata al miglioramento delle condizioni termiche, ovvero alla riduzione delle dispersioni e quindi ad una conseguente diminuzione del dispendio energetico ed economico.

Non solo nuova costruzione però. Anche l'esistente ha avuto e continua ad avere la sua importanza. Da qui la necessità di pianificare opere di risanamento edilizio mirate, con involucri performanti ed adeguatamente studiati.

Analisi dell'esistente con infrarossi



termografiaPer analizzare l'esistente esistono una serie di analisi diagnostiche in situ, effettuate con strumenti appositi, in grado di rilevare lesioni, dispersioni e perdite, così da poterle successivamente sanare in modo idoneo.
Tra queste, la termografia all'infrarosso è la tecnica primaria per la misurazione della temperatura superficiale di un corpo. Applicata al restauro e alla ristrutturazione, si riescono a fare ispezioni controllando la quantità di calore che viene emessa, senza necessariamente avere contatto con le superfici.

Una tecnica non invasiva, non distruttiva, fondamentale per riscontrare eventuali anomalie e degradi: la radiazione all'infrarosso infatti, rileva quantità di calore diverse e differenti, a seconda della forma e della situazione in cui si presenta lo stato di conservazione di una data superficie edilizia e dei materiali che la compongono.

La rilevazione del calore viene poi mappata in immagini realizzate con falsi colori, che sono rappresentativi delle varie zone, associando un colore ad una diversa temperatura.

I macchinari per la termografia all'infrarosso sono ormai molto sensibili e i più moderni possono arrivare a segnalare, in situazioni particolari, come nel restauro, anche variazioni di temperatura di pochi centesimi di grado.

Termografia e restauro



termografia 2L'applicazione di una termocamera per la termografia nel campo del restauro, chiamata anche termovisione, può aiutare sotto due fronti specifici: da un lato permette di individuare gli eventuali difetti, presenti in un materiale o in una data superficie dell'elemento tecnologico che si va ad analizzare. Dall'altro, infine, riesce anche a dare una valutazione, sempre in termini di temperatura, sulla differenza che si va a creare, tra il difetto in questione e la parte circostante, in modo da avere più elementi da valutare per procedere poi con un intervento mirato.

Tra le indicazioni più semplici da rilevare ci sono i distacchi di intonaco, le infiltrazioni d'acqua e gli ammaloramenti per marcescenza o troppa secchezza. Le discontinuità termiche che vengono individuate vengono poi messe in evidenza con termocamere ad alta risoluzione, sempre in continua evoluzione, che in alcuni casi possono effettuare anche il rilievo delle superfici pregiate più a rischio anche per fattori microclimatici della zone in cui si opera.

Termografia a fini energetici



termografia 3Sotto il punto di vista energetico invece, la termografia consente anche la valutazione delle dispersioni termiche e della permeabilità all'aria di un dato edificio, senza dimenticare che spesso la dispersione termica si tramuta anche in dispersione acustica.

Un utilizzo un po' diverso dal solito riguarda invece l'essicazione di una superficie muraria. La termografia in questo caso viene applicata ad un muro in cui è avvenuta un perdita e in cui, di conseguenza c'è imbibimento. Una volta individuata la perdita con gli infrarossi, devono essere praticati dei fori all'interno dei punti interessati, in modo da permettere al flusso d'aria e dell'acqua di fuoriuscire e drenare il più possibile.

Proprio la pratica dei fori all'interno della tessitura muraria deve essere affiancata dalla termografia, in quanto in questo modo, rilevando materiali e strutture diverse, si evitano perforazioni in impianti e in tubature.

Vantaggi termografia all'infrarosso



L'utilizzo della termografia all'infrarosso nel campo dell'esistente è fondamentale e consente di ottenere numerosi vantaggi. Primo fra tutti, se si ha a che fare con edifici storici di un certo rilievo architettonico, funge da ottimo supporto alla ricerca storica sulle preesistenze e sulle modalità costruttive di un tempo, individuando anche all'interno di certe superfici, le caratteristiche di aggregazione dei vari corpi di fabbrica che si hanno a disposizione. Ciò significa che tra le possibilità che la termografia offre ci sono anche i rilievi di ponti termici, degli strati di finitura e degli eventuali impianti.

Anche nell'edilizia di recupero ha grande impiego, in quanto permette di verificare l'efficacia del risanamento effettuato, mediante un controllo post intervento. Se poi il danno è esteso e gli interventi avvengono in più riprese, la termografia consente anche un monitoraggio e un controllo delle evoluzioni dei vari fenomeni di degrado.


riproduzione riservata
Articolo: Termografia all'infrarosso
Valutazione: 5.57 / 6 basato su 7 voti.

Termografia all'infrarosso: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
313.900 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Intonaco premiscelato
    Intonaco premiscelato...
    7.20
  • Rifacimento intonaco Bologna e provincia
    Rifacimento intonaco bologna e...
    29.00
  • Analisi termografica Latina
    Analisi termografica latina...
    400.00
  • Rasante per strato finale Rasocote 5 Plus Activ'Air
    Rasante per strato finale rasocote...
    14.48
  • Barbecue a gas campingaz
    Barbecue a gas campingaz...
    172.02
  • Lavastoviglie beko
    Lavastoviglie beko...
    219.99
Notizie che trattano Termografia all'infrarosso che potrebbero interessarti


Termografia, parte 1

Impianti - La Termografia è una foto ad infrarossi di oggetti e manufatti che ne descrive le caratteristiche termiche e ne individua i punti di dispersioni di calore.

Termografia, parte 2

Impianti - In Germania, ad Amburgo, a Settembre 2011 una conference tematica specialistica sulla termografia detterà le linee guida per uno standard europeo in materia.

Fotografia a infrarossi ed efficienza energetica

Ristrutturazione - Un metodo diagnostico utile per l'individuazione delle dispersioni termiche degli edifici esistenti, ma non solo.

Termografia ad infrarossi

Isolamento termico - La termografia ad infrarossi è un metodo non invasivo di indagine sugli edifici per individuare dispersioni, ponti termici, umidità, lesioni o distacco di intonaco.

Termocamere ad infrarossi: identificare le dispersioni termiche

Impianti di riscaldamento - L'impiego di termocamere a raggi infrarossi permette di avere immagini che identificano i punti di maggiore dispersione termica di un involucro edilizio

Strumenti per la diagnosi ambientale

Ristrutturazione - Le nuove tecnologie consentono di effettuare diagnosi sugli edifici attraverso strumentazioni che permettono analisi non invasive: eccovi dunque qualche esempio.

Per un buon isolamento termico: umidità, dispersioni e termografia

Isolamento termico - La presenza e le prestazioni dell'isolamento termico di un edificio possono essere verificate grazie alla termografia, tecnica sempre più diffusa di recente

Termocamere

Arredamento - Un involucro edilizio deve essere capace di gestire lo scambio di flussi energetici con l'ambiente per determinare un corretto microclima interno e garantire

Ecotour 2011

Ristrutturazione - Lo scorso 24 novembre si è concluso ad Udine Ecotour 2011, un ciclo di convegni a tappe, aventi come tema il risparmio energetico in edilizia, organizzati
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img annaomar
Ristrutturare casa mettendo come riscaldamento i pannelli radianti a infrarossi.Aiutoooooo mi date informazioni aggiornate ho visto discussioni che risalgono al 2006!!!Qualcuno li...
annaomar 07 Novembre 2014 ore 19:33 3
Img salvatorefichera
Salve a tutti e buon anno, con la foto scattata di una termografia vedo che ho parecchi termosifoni che il calore non passa uniformemente. Quale procedura dovrei fare, o meglio...
salvatorefichera 02 Gennaio 2019 ore 20:54 3
Img bissa40
Ieri è stata effettuata la termografia della stanza al 2° piano, scarsamente coibentata.Da un primo esame, tetto a parte, occorre coibentare tre pareti e sostituire la...
bissa40 11 Marzo 2015 ore 16:30 4
Img bissa40
- Appartamento disposto su 2 piani; - Impianto di riscaldamento a pavimento. Notevole escursione termica tra 1° e 2° piano, causa scarsa o nulla coibentazione (...
bissa40 30 Gennaio 2018 ore 16:20 4
Img flymanct
Ciao a tutti,ho un'abitazione di 55 mq, due vani nella quale vivo.Possiedo due pompe di calore, ma noto che il riscaldamento di questo sistema è veloce ad arrivare e veloce...
flymanct 07 Dicembre 2013 ore 01:28 2