Tari ridotta al 50% se la raccolta rifiuti non funziona

Flash News DI Fisco casa13 Giugno 2018 ore 09:31
L'importo della Tari può essere ridotto se il servizio di smaltimento dei rifiuti non viene eseguito correttamente. Vediamo quanto affermato dalla CTP di Roma.

Tari a metà se in strada ci sono troppi rifiuti


Disservizi nel servizio di raccolta rifiuti?
La Tari potrà essere ridotta fino al 50%. È questa la bella notizia che arriva leggendo la sentenza n. 22531/2017 della Corte di Cassazione.
Ebbene sì, in caso di troppi rifiuti in strada la Corte Suprema riconosce al contribuente il diritto di beneficiare di uno sconto della Tari, l’imposta sui rifiuti, richiesta a fronte del servizio finalizzato al loro smaltimento.

Con tale ordinanza i giudici di legittimità affermano che l'imposta deve essere ridotta:

per il solo fatto che il servizio di raccolta, debitamente istituito e attivato, non venga poi concretamente svolto, ovvero venga svolto in grave difformità rispetto alle modalità regolamentari relative alle distanze e capacità dei contenitori e alla frequenza della raccolta; così da far venire meno le condizioni di ordinaria e agevole fruizione del servizio da parte dell'utente. Ordinanza Cassazione 22531/2017


Tale principio viene recepito e ribadito dalla Commissione tributaria provinciale di Roma con la più recente sentenza 6269/2018.
Il grave disservizio che giustifica uno sconto sulla Tari deve essere supportato da prove idonee: foto attestanti la presenza di rifiuti per le strade e lettere di diffida inviate al Comune e alla ditta incaricata della raccolta.

Tari riduzione pagamento
Si può certo considerare storica la vittoria del contribuente che ha ottenuto la riduzione al 50% della Tari, a causa dell’irregolare e non adeguato servizio di smaltimento dei rifiuti davanti alla propria abitazione. In un periodo in cui l’emergenza rifiuti è un problema molto sentito, soprattutto in alcune parti del Paese, la conclusione del contenzioso a favore del cittadino ha rappresentato per molti un importante risultato.

Grande è stata la soddisfazione da parte del movimento difesa dei consumatori che da tempo si era fatto portavoce delle gravi inadempienze nell’esecuzione del servizio e dunque delle irregolarità nell’applicazione dell’imposta.
Altro effetto della decisione della CTP di Roma è stato un certo l’allarme da parte di quegli enti locali per i quali maggiori sono le difformità, disservizi e criticità da affrontare.

Morale della questione: il pagamento della Tari deve essere connesso all’effettivo ed efficace espletamento del servizio di raccolta della spazzatura.
In altre parole, se le strade sono piene di cassonetti che straripano, se vi è spazzatura lasciata sui marciapiedi, il contribuente ha diritto, quanto meno, a una riduzione dell’imposta.

riproduzione riservata
Articolo: Tari ridotta in caso di disservizi prolungati
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 2 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Tari ridotta in caso di disservizi prolungati: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Tari ridotta in caso di disservizi prolungati che potrebbero interessarti
Tari maggiorata per errore: i consumatori chiedono il rimborso

Tari maggiorata per errore: i consumatori chiedono il rimborso

La Tari, tassa sui rifiuti urbani, in alcuni Comuni italiani sarebbe stata pagata addirittura il doppio a causa di un errore di calcolo della sua quota variabile...
Pagamento della TARI per i proprietari di una seconda casa

Pagamento della TARI per i proprietari di una seconda casa

Se siamo proprietari di una seconda casa ma questa non è abitata nemmeno da terzi, è ugualmente necessario il pagamento della TARI, la tassa sui rifiuti urbani?...
Tassa rifiuti: riduzione ed esenzione Tari

Tassa rifiuti: riduzione ed esenzione Tari

La Tari, la nuova tassa rifiuti nata con la IUC, che ha sostituito la Tarsu e la Tares non deve essere pagata sempre. Ecco i casi di riduzione ed esenzione.
Come si calcola la TARI

Come si calcola la TARI

Ecco le istruzioni e le regole per il calcolo della Tari, la tassa sui rifiuti, introdotta con la IUC, insieme a IMU e Tasi, per sostituire la Tares e la Tarsu.
Esenzione TARSU: onere di informazione a carico del contribuente

Esenzione TARSU: onere di informazione a carico del contribuente

Secondo la Cassazione è onere del contribuente informare il comune per ottenere l'esclusione di alcune aree dalla superficie tassabile e fruire dell'esenzione Tarsu.
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.