Nuove conferme e vecchi dubbi riguardo alle tabelle millesimali

NEWS DI Tabelle millesimali10 Giugno 2011 ore 12:39
Per l'approvazione e revisione di tabelle millesimali è sufficiente una deliberazione assembleare approvata con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti.

Approvazione tabelle millesimali


Era il 9 agosto del 2010 quando le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione affermarono che per l'approvazione e la revisione di tabelle millesimali conformi ai criteri legali di ripartizione delle spese (ossia al principio di proporzionalità, artt. 1118-1123 c.c.), è sufficiente una deliberazione assembleare approvata con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti che rappresenti quanto meno la metà del valore (millesimale) dell'edificio.

Tabelle millesimaliUna sentenza resa dal Tribunale di Monza lo scorso 12 aprile, la n. 1132, prende atto di tale decisione, ne ribadisce l'importanza e la fa propria.

Ciò detto e quindi constatando come il principio di diritto espresso dalle Sezioni Unite stia trovando riscontri (sempre importanti in una materia così controversa come quella dell'approvazione delle tabelle millesimali) è bene evidenziare un altro passaggio della sentenza che, contrariamente a quello appena indicato, ripropone, almeno apparentemente, nuove ombre sulla modalità d'approvazione e revisione dello strumento di ripartizione delle spese.

Il riferimento è al modo in cui possa essere prestato il consenso all'approvazione e revisione delle tabelle millesimali.

Al riguardo il tribunale brianzolo ha specificato che le tabelle millesimali possono essere approvate dai condomini anche per facta concludentia, vale a dire attraverso la loro osservanza e non contestazione dalla quale possa concretamente desumersi l'accettazione.

Questa tesi se rapportata ai due generi di tabelle millesimali oggi considerate legittime (ossia assembleari e contrattuali) è da ritenersi ininfluente in un caso e criticabile per l'altro.

Vediamo perchè.

Approvazione tabelle millesimali per facta concludentia


Per l'approvazione, lo hanno detto le Sezioni Unite, sono sufficienti le maggioranze sopra indicate.

Ciò vuol dire che i condomini assenti o dissenzienti devono rispettarle in quanto le deliberazioni sono obbligatorie per tutti i condomini (art. 1137 c.c.).

Chi non è d'accordo può impugnarle nei modi e nei termini di legge.In sostanza il loro consenso, anche per facta concludentia, non è necessario come per un'altra qualsiasi delibera.

Per i millesimi di natura contrattuale, che derogano quindi ai criteri legali, essendo le tabelle un allegato al regolamento il principio cui fare riferimento è quello indicato dalla sentenza n. 943/99 delle Sezioni Unite secondo il quale per la modifica di clausole del regolamento di condominio contrattuale è richiesto il consenso, manifestato in forma scritta ad substantiam di tutti i partecipanti alla comunione.

È pur vero che quanto detto è espresso da un organo giurisdizionale e non ha la stessa forza vincolante d'un testo di legge.

Vecchi dubbi riguardo alle tabelle millesimaliCiò nonostante per le argomentazioni riportate in quella sentenza, essa può a buona ragione dirsi un caposaldo della materia.

La sentenza del tribunale di Monza fa riferimento a pronunce che le Sezioni Unite nel 1999 ritennero superate.

In tal senso, si legge nella pronuncia n. 943 che le sentenze di questa Corte, con le quali si è deciso che il consenso di tutti i condomini per la validità ed efficacia delle modifiche di clausole dei regolamenti contrattuali può essere manifestato anche con comportamenti concludenti, si fondano sulla regola generale della libertà delle forme operante in tema di atti e negozi giuridici (art. 1322 cod. civ.), e, nel caso di modifiche dei criteri di ripartizione delle spese condominiali , anche sulla non incidenza della clausola regolamentare su situazioni di diritto reali (sent. nn. 4774 del 1977 7884 del 1991); ma si tratta di argomenti superati da quelli posti a base della conclusione per la quale le variazioni del regolamento di condominio richiedono che il consenso (unanime o maggioritario se il regolamento non è contrattuale) dei partecipanti alla comunione sia espresso nella forma scritta a pena di nullità.

Come dire: il giudice brianzolo ha fatto riferimento a principi espressi da sentenze considerate ormai superate.Legittimo, è vero, ma pur sempre criticabile.

riproduzione riservata
Articolo: Tabelle millesimali, nuove conferme e vecchi dubbi
Valutazione: 2.00 / 6 basato su 1 voti.

Tabelle millesimali, nuove conferme e vecchi dubbi: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Tabelle millesimali, nuove conferme e vecchi dubbi che potrebbero interessarti
Sentenza  Cassazione n. 18477 del 9 agosto 2010

Sentenza Cassazione n. 18477 del 9 agosto 2010

Condominio - Con la recente sentenza n. 18477 del 9 agosto delle sezioni unite della Corte di Cassazione si fa finalmente un po? di chiarezza riguardo alla questione
È possibile la formazione di un regolamento condominiale giudiziale?

È possibile la formazione di un regolamento condominiale giudiziale?

Regolamento condominiale - In questo articolo viene approfondita la questione relativa alla possibilità, per ogni condomino, di chiedere la formazione di un regolamento condominiale giudiziale.
Ripartizione spese condominiali e scelta del criterio sbagliato

Ripartizione spese condominiali e scelta del criterio sbagliato

Ripartizione spese - Che cosa accade se l'assemblea decidesse, erroneamente, di applicare un criterio di ripartizione delle spese errato e le tabelle fossero, anch'esse, errate?

La modifica delle tabelle millesimali contrattuali

Tabelle millesimali - La modificazione delle tabelle millesimali contrattuali deve avvenire con il consenso di tutti i condomini.Diversamente la deliberazione di modifca è nulla.

Documentazione da portare in assemblea condominiale

Assemblea di condominio - L'amministratore è sempre tenuto a portare in assemblea la documentazione condominiale inerente gli argomenti posti in discussione, oppure non è sempre necessario?

Revisione tabelle millesimali senza unanimità

Tabelle millesimali - Con la sentenza 18477 del 9 agosto delle sezioni unite della Cassazione sarà sufficiente la maggioranza in assemblea per avere la revisione delle tabelle millesimali.

Tabelle millesimali errate e rimborso quote condominiali

Tabelle millesimali - Le tabelle millesimali sono lo strumento indispensabile per la ripartizione delle spese tra tutti i condomini. Che cosa accade se le stesse risultano errate?

Partecipazione all'assemblea dell'ex condomino

Condominio - L?assemblea, per quella che è la definizione comunemente accolta da dottrina e giurisprudenza, è il luogo in cui i condomini assumono le decisioni

Torna la solidarietà condominiale? Sembra di si!

Ripartizione spese - Torna la solidarietà tra condomini per le spese comuni? A leggere la sentenza n. 1133 resa dal Tribunale di Bari lo scorso 30 marzo parrebbe proprio di si.
REGISTRATI COME UTENTE
295.629 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Soppalchi grigliati acciaio
    Soppalchi grigliati acciaio...
    49.00
  • Pensilina autoportante in policarbonato alveolare
    Pensilina autoportante in...
    398.00
  • Montascale curvilinei Freecurve Alliance
    Montascale curvilinei freecurve...
    7000.00
  • Montascale curvilineo Freecurve Elegance
    Montascale curvilineo freecurve...
    7000.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Black & Decker
  • Kone
  • Weber
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.