Stalking in condominio

NEWS DI Liti tra condomini28 Aprile 2015 ore 13:18
È sempre più chiaro, lo stalking, cioè l'esercizio di atti persecutori che provochi determinate reazioni indicate dall'art. 612-bis c.p. può avvenire in condominio.

Il reato di stalking


es. di atto persecutorioL'art. 612-bis contenente le norme sul cosiddetto reato di stalking - introdotto sei anni fa (con la L. 11/2009) nel nostro codice penale - ai commi 1, 2 e 3, (dopo successive modifiche) così recita:
Atti persecutori Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni chiunque, con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l'incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita.

La pena è aumentata se il fatto è commesso dal coniuge, anche separato o divorziato, o da persona che è o è stata legata da relazione alla persona offesa ovvero se il fatto è commesso attraverso strumenti informatici o telematici.

La pena è aumentata fino alla metà se il fatto è commesso a danno di un minore, di una donna in stato di gravidanza o di una persona con disabilità di cui all'articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ovvero con armi o da persona travisata.

Si tratta di una norma dal contenuto piuttosto vago, che infatti per questo è incorsa nel giudizio di legittimità costituzionale, superandolo però: la Corte Costituzionale con la sentenza n. 172/2014 ha infatti stabilito che la vaghezza della norma non è incostituzionale, cioè non contrasta con il principio della determinatezza delle fattispecie penali, di cui all'art. 25, co.2, Cost.

Per determinatezza dobbiamo intendere, in parole semplici, l'ideoneità della norma a essere compresa e riscontrata nella realtà, perchè sia rispettata dal cittadino e applicata dal giudice.

La norma va a coprire quel vuoto normativo di tutela verso i comportamenti persecutori, assillanti e invasivi della vita altrui (Cort. Cost. n. 172/2014).

Secondo l'interpretazione della Corte, la norma non elenca i comportamenti sanzionati, ma fornisce comunque gli strumenti per individuare i comportamenti che integrano il reato: li fornisce ai cittadini, che sanno che qualunque forma di minaccia e di molestia reiterate (bastano due volte) che provochino determinate reazioni (quelle indicate nella norma) nella vittima (o nelle vittime) sono atti persecutori (altrimenti detti stalking), puniti dall'art. 612-bis del nostro codice penale.

E detti strumenti la norma li fornisce anche al giudice, il quale potrà rinvenire il reato nelle situazioni più varie, purchè vi ritrovi gli elementi indicati dalla norma, intepretando la norma stessa secondo il precetto per cui occorre non già valutare isolatamente il singolo elemento descrittivo dell'illecito, bensì collegarlo con gli altri elementi costitutivi della fattispecie e con la disciplina in cui questa si inserisce (tra tante, v. Cort. Cost. n. 282/2010 e n. 172/2014).

Dato il testo elastico della norma, è toccato alla giurisprudenza creare le figure tipiche, cioè individuare nella realtà il reato, descritto in astratto dalla norma.


Elementi del reato di stalking


A ogni modo, elementi costitutivi della fattispecie di reato, cioè elementi senza i quali non si può parlare di stalking, devono essere: la reiterazione di condotte minacciose o moleste (1° elemento), idonee alternativamente a cagionare le conseguenze (2° elemento) indicate nella norma e va da sè che la fattispecie possa crearsi nei contesti più vari. Deve anche essere dimostrato il nesso causale tra l'azione e le consguenze.

Sicuramente la vicinanza fisica permette allo stalker di agire – anche se i potenti mezzi oggi consentono certamente uno stalking da remoto (in tal caso abbiamo addirittura un'aggravante) - e la vicinanza fisica non c'è solo in famiglia o al lavoro o per la strada, etc.., ma è un elemento caratterizzante del rapporto di vicinato e di condominio.


Stalking e condominio


atto persecutorio in condominioVarie sono infatti le sentenze di condanna per stalking verso i vicini di casa. Tra le più recenti indichiamo la n. 33933/2014 resa dalla Corte di Cassazione per stalking tra fratelli nonchè vicini di casa .

Sullo stalking condominiale è significativa la sentenza n. 20895/2011, la quale ha riconosciuto che le condotte reiterate non devono necessariamente essere rivolte sempre verso la stessa persona, se la minaccia fatta a uno può valere anche come molestia fatta ad altro, cioè se può comunque spaventare anche l'altro.

Nel giudizio definito dalla sentenza n. 20895 le molestie e le minacce erano verso tutte le donne, quindi genericamente verso il sesso femminile, purchè abitante nel condominio dello stalker.

L'elemento spaziale dello stesso edificio ha legato le vicende di tutte e ha costituito, secondo il giudice, il reato di stalking.

Così si esprime la sentenza n. 20895: È dunque ineludibile l'implicazione che l'offesa arrecata ad una persona per la sua appartenenza ad un genere turbi per sè ogni altra che faccia parte dello stesso genere. E se la condotta è reiterata indiscriminatamente contro talaltra, perchè vive nello stesso luogo privato, sì da esserne per questa ragione occasionale destinataria come la precedente persona minacciata o molestata, il fatto genera all'evidenza il turbamento di entrambe.

Di recente la questione dello stalking tra vicini è tornata alla ribalta con la sentenza con cui il Tribunale di Genova ha condannato per stalking condominiale due vicini di casa, madre e figlio, che con le loro ripetute minacce e molestie avevano indotto uno stato di paura in una giovane coppia con figlioletto, costringendola a modificare la propria vita: la famiglia, preoccupata per la propria sicurezza, vessata in molti modi (ad es. musica ad alto volume nel cuore della notte, bastoni battuti a terra, getto di rifiuti etc..) anche nel cuore della notte, denunciata per motivi inesistenti, minacciata, si era addirittura trasferita in un seminterrato e alla fine aveva denunciato gli stalkers. L'astio aveva tratto origine da una lite per un cortile condominiale.

A proposito di odio tra vicini, le nostre menti non possono dimenticare la vicenda di cronaca nera avvenuta nel 2006 a Erba (Co) dove i due omicidi, ricordati spesso con il solo nome proprio (segno forse di come sia rimasta impressa nel nostro immaginario collettivo la macabra familiarità che i due avevano con le vittime) di Olindo e Rosa, uccisero a colpi di spranga e coltello i loro vicini di casa, dopo averli odiati a lungo.

La vicenda era infatti il culmine di una escalation di odio tra vicini di casa.

O, più simpaticamente, si può pensare a un personaggio di secondo piano di Walt Disney, tale Anacleto Mitraglia, noto solo ai lettori più specializzati, il quale è il vicino di casa di Paperino. Le storie che lo hanno come protagonista, insieme ovviamente a Paperino, finiscono con sradicamenti di alberi, distruzioni di case, etc... per fortuna mai con degli omicidi, siamo sempre nel mondo di Walt Disney...

riproduzione riservata
Articolo: Stalking condominiale
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 3 voti.

Stalking condominiale: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Svevavolo
    Svevavolo
    Mercoledì 7 Settembre 2016, alle ore 17:28
    L'ipotesi da te descritta non sembra rientrare in quella prevista dal testo della norma (art. 612-bis, co.1), riportato nell'articolo.
    rispondi al commento
  • Aurelio
    Aurelio
    Mercoledì 3 Agosto 2016, alle ore 19:04
    Abito in un condominio con giardino da sei anni, con un altro condomino condividiamo una striscia di terreno dove piantiamo fiori ed altro.
    Dopo un litigio, la figlia ha deciso di mettere una divisione di mattonelle tra una sua pianta e la mia, senza che ci sia nessuna necessità visto la promiscuità.
    Più volte le ha messe più volte le ho tolte.
    Lei sa che mi da molto fastidio questa attitudine e lo continua a fare.
    Si può configurare come stalking?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Stalking condominiale che potrebbero interessarti
Stalking condominiale, esagerare può far scattare il divieto di dimora

Stalking condominiale, esagerare può far scattare il divieto di dimora

Condominio - Stalking condominiale,ovvero atti persecutori reiterati contro i propri vicini. Se i fatti sono inequivocabili lo stalker può essere allontanato dal palazzo.
Il problema del razzismo in condominio

Il problema del razzismo in condominio

Liti tra condomini - La miscela esplosiva di convivenza in condominio e razzismo può portare a delle sentenze penali di condanna, dall'ingiuria allo stalking, con l'aggravante del razzismo.
Liti tra vicini e ruolo dell'amministratore

Liti tra vicini e ruolo dell'amministratore

Liti tra condomini - Le liti più frequenti sono quelle tra vicini, soprattutto in condominio. Qual'è il ruolo dell'amministratore di condominio in caso di litigi sul pianerottolo.

Condominio e notifiche

Condominio - Chi può ricevere gli atti giudiziari che un condomino o un terzo notifica alla compagine condominiale?Si pensi all?impugnazione della deliberazione

Limitazioni ai diritti dei condomini

Condominio - In un articolo pubblicato recentemente su questo blog  ci siamo occupati delle conseguenze pratiche e giuridiche legate alla realizzazione di una veranda.Lo

Individuazione delle parti comuni del condominio

Condominio - Le parti comuni del condominio sono quelle che servono al godimento delle unità immobiliari di proprietà escluisva secondo legge o per contratto

Una causa condominiale è sempre utile se la delibera è illegittima?

Condominio - Non ci sono stime certe ma il sentire comune pone la causa condominiale ai primi posti tra le controversie nei nostri uffici giudiziari.

Abrogato obbligo certificazione energetica

Condominio - Continuano i colpi di spugna dell?attuale esecutivo nei confronti delle normative emanate dallo scorso governo per il settore casa.Dopo l?abrogazione

Amministratore di condominio e servitù

Condominio - L'amministratore di condominio non può agire in giudizio per ottenere il riconoscimento di una servitù perché questa azione non rientra tra i suoi poteri.
REGISTRATI COME UTENTE
296.544 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ristrutturazione del bagno invalidi
    Ristrutturazione del bagno invalidi...
    500.00
  • Inferriate blindate di sicurezza
    Inferriate blindate di sicurezza...
    329.00
  • Persiane blindate di sicurezza
    Persiane blindate di sicurezza...
    230.00
  • Offerta ristrutturazione casa - appartamento - villa
    Offerta ristrutturazione casa -...
    10.00
  • Sistema di sicurezza domestico wireless
    Sistema di sicurezza domestico...
    88.99
  • Amazon Echo Dot altoparlante intelligente
    Amazon echo dot altoparlante...
    29.99
Natale in Casa
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Policarbonato online
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.