Condominio: diritto di sopraelevazione

NEWS DI Tabelle millesimali10 Giugno 2015 ore 11:14
In tema di sopraelevazione dell'ultimo piano del condominio, non solo l'aumento dell'altezza, ma anche ogni nuovo volume sull'ultimo piano dev'essere considerato tale.

Nozione di sopraelevazione


SopraelevazioneÈ possibile, in un condominio , elevare un nuovo piano rispetto a quelli già esistenti?

Se sì, a quali condizioni e con che limiti?

Della questione se ne occupa l'art. 1127 c.c. che, nei suoi quattro commi, dà una risposta alle domande appena poste.

Il primo comma della norma testé citata consente al proprietario dell'ultimo piano dell'edificio di elevare nuovi piani o nuove fabbriche purché ciò non sia vietato dal titolo, ossia dall’atto di acquisto o dal regolamento condominiale di natura contrattuale, debitamente trascritto (ai fini dell’opponibilità) o comunque accettata da tutti i condòmini.

La stessa facoltà, specifica il secondo periodo del medesimo comma, è posta in capo a chi è proprietario esclusivo del lastrico solare. Chiaramente anche in questa ipotesi il titolo può negare a priori tale facoltà.

Il secondo comma dell’art. 1127 c.c. pone un divieto assoluto e inderogabile: la norma vieta la sopraelevazione se le condizioni statiche dell'edificio non la consentono. Rispetto a questa ipotesi devono essere tenute in considerazione anche le così dette norme antisismiche (cfr. Cass. 26 aprile 2013, n. 10082).

Il terzo comma consente ai condomini di opporsi alla sopraelevazione, anche con un’azione per denuncia di nuova opera o di danno temuto, se questa pregiudica l'aspetto architettonico dell'edificio (è evidente che la soprelevazione alteri l’estetica dello stabile e quindi si richiede il pregiudizio, ossia un danno) oppure quanto alla realizzazione di quest’opera possano seguire una notevole diminuzione di aria o di luce per i piani sottostanti. In tali casi spetta a chi si oppone alla sopraelevazione fornire prova di tali circostanze.

Il quarto e ultimo comma impone all’autore della sopraelevazione di ricostruire il lastrico solare di cui tutti o parte dei condomini avevano il diritto d’uso e di pagare un’indennità agli altri condòmini, a meno che ciò non sia escluso dal titolo.

Una premessa: secondo la Corte di Cassazione sopraelevazione non è solamente quella che innalza l’edificio esistente, ma ogni realizzazione di nuove superfici o volumi, quali ad esempio le verande costruite sugli ultimi piani degli edifici (cfr. in tal senso Cass. pen. 25 novembre 2004 n. 45588).

In questo contesto, secondo gli ermellini, l'indennità ex art. 1127 c.c., è dovuta non solo in caso di realizzazione di nuovi piani o nuove fabbriche, ma anche per la trasformazione di locali preesistenti, mediante incrementi delle superfici e delle volumetrie, indipendentemente dall'altezza del fabbricato, traendo fondamento dall'aumento proporzionale del diritto di comproprietà sulle parti comuni , conseguente all'incremento della porzione di proprietà esclusiva (Cass. 18 novembre 2011 n. 24327).


Condominio e sopraelevazione


Sopraelevazione in condominioNell’analisi della sopraelevazione, ci limiteremo a esaminare gli aspetti condominiali del problema. È chiaro, infatti, che questo tipo d'intervento edilizio si scontra con la necessità di una serie di autorizzazioni amministrative che possono variare a seconda della tipologia d'intervento e del tipo di stabile sul quale si andrà a operare, ivi comprese le norme sismiche che sono da sole in grado di delegittimare un’opera che per ogni altro verso sarebbe fattibile (cfr. Cass. 26 aprile 2013, n. 10082).

In primo luogo la sopraelevazione è sempre consentita, salvo che non risulti il contrario dal titolo o dal regolamento di condominio di origine contrattuale.

Ciò significa che il condomino interessato potrà costruire senza chiedere il permesso agli altri comproprietari, salvo diversa indicazione contenuta in un regolamento condominiale di origine contrattuale.

Ha diritto di sopraelevare il condomino proprietario dell'ultimo piano (o i condòmini se all'ultimo piano vi sono più unità immobiliari) o il condomino proprietario del lastrico solare .

Naturalmente, vista l'importanza dell'opera da eseguire, anche se non vi è l'obbligo, salvo particolari disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, è sempre consigliabile informare gli altri condomini, magari attraverso la convocazione di un'assemblea.

Ciò perché, come ci dicono i commi secondo e terzo dell'art. 1127 c.c., la sopraelevazione non è ammessa se le condizioni statiche dell'edificio non lo consentono o se la stessa pregiudichi il decoro dello stabile o diminuisca aria e luce per i piani sottostanti. Naturalmente si tratta di obiezioni che devono essere sollevate e provate dai condòmini contrari a questo intervento; tuttavia, proprio per evitare l'insorgere di lunghi, costosi e incerti contenziosi vale la pena informare i propri vicini della genuinità del progetto e dell'assenza di rischi o pregiudizi per lo stabile. Un'opera d'informazione a carattere preventivo che, se fondata su dati inequivocabili, spiana la strada a un sereno inizio dei lavori.


Indennità per la sopraelevazione


In quanto all'indennità spettante ai condomini per la sopraelevazione, non è chiaro né in dottrina, né in giurisprudenza il fondamento di questo indennizzo.

Secondo alcuni è dovuto quale corrispettivo per l'utilizzo dell'area sovrastante il lastrico, a parere di altri, invece, si tratta di una compensazione pecuniaria per la perdita di valore (millesimale) delle unità immobiliari rispetto alle parti comuni.

Anche l'area di riferimento per il calcolo dell'indennizzo non è individuata univocamente.

Alcuni sostengono che vada a coincidere con l'intero terreno edificabile (comprendendo dunque anche cortili, spazi verdi, ecc.); per altri, al contrario, l'area da tenere in considerazione è quella che il nuovo corpo di fabbrica andrà a occupare. Qualunque sia la tesi, un dato è certo: il valore è quello attuale dell'area e non quello che la stessa aveva al momento dell'edificazione del condominio.

Ognuno, infine, avrà diritto all'indennità che dovrà essere commisurata ai millesimi di proprietà. L'atto di vendita o il regolamento condominiale contrattuale, tuttavia, possono escludere la necessità di indennizzare gli altri condomini.

riproduzione riservata
Articolo: Sopraelevazione in condominio
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 2 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Sopraelevazione in condominio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Sopraelevazione in condominio che potrebbero interessarti
Sopraelevazione e indennità

Sopraelevazione e indennità

Un condomino costruisce sulla terrazza a livello di pertinenza della sua unità immobiliare una veranda sostituendo l'originaria tettoia, il condominio gli fa causa e chiede la rimozione del manufatto.
Sopraelevazione, decoro architettonico e prescrizione

Sopraelevazione, decoro architettonico e prescrizione

Se la sopraelevazione si limita a ledere il decoro dell'edificio, gli altri condomini hanno vent'anni per ottenere acceramento dell'illecito e sua rimozione.
Divieto di sopraelevare su lastrico solare

Divieto di sopraelevare su lastrico solare

Il proprietario dell'ultimo piano dell'edificio può elevare nuovi piani, salvo che risulti altrimenti dal titolo, stessa facoltà spetta al proprietario esclusivo del lastrico solare.
Altana, ovvero un belvedere sul tetto del condominio

Altana, ovvero un belvedere sul tetto del condominio

Altana è un termine ai più sconosciuto eppure la sua descrizione da parte della Corte di Cassazione, al pari di quella dei dizionari, la rende molto più familiare.
Tecnologia X- Lam

Tecnologia X- Lam

Nel nostro Paese all?utilizzo del legno per la realizzazione di edifici è stato per lungo tempo preferito il ricorso al cemento armato che è parso...
usr REGISTRATI COME UTENTE
289.230 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Mitsubishi climatizzatore inverter trial split 9+9+12 zen
    Mitsubishi climatizzatore inverter...
    2600.00
  • Haier climatizzatore inverter classe a+++ gas r32
    Haier climatizzatore inverter...
    630.00
  • Mitsubishi climatizzatore inverter trial split 9+9+12 serie
    Mitsubishi climatizzatore inverter...
    2160.00
  • Lastra di gesso antiumidità Gyproc Hydro H1
    Lastra di gesso antiumidità...
    5.91
  • Costruzione tetti mansarde
    Costruzione tetti mansarde...
    150.00
  • Mangiatoia a tramoggia in plastica kg 18
    Mangiatoia a tramoggia in plastica...
    12.63
  • Ristrutturazioni chiavi in mano Milano e provincia
    Ristrutturazioni chiavi in mano...
    35.00
  • Box doccia in pvc
    Box doccia in pvc...
    162.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Tende.online
  • Faidatebook
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 229.00
foto 1 geo Lecce
Scade il 31 Maggio 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.