Se il singolo condomino si impossessa della parte comune?

NEWS DI Parti comuni18 Dicembre 2014 ore 00:58
Breve disamina di alcuni degli strumenti stragiudiziali e giudiziali per difendersi dalla prepotenza dei vicini, facendo in modo che le turbative possano cessare.

Impossessamento del bene comune


Azione di manutenzioneIn condominio , come in comunione, l'uso delle parti comuni ad opera del singolo deve avvenire in maniera da non ledere il diritto degli altri all'uso della cosa comune. Il principio, volto a tutela della civile convivenza e dei diritti di tutti, è sancito in particolare dall'art. 1102 c.c., applicato al condominio per il rinvio ex art. 1139 c.c.

Ma, come comportarsi davanti ad azioni prepotenti di vicini che utilizzano la cosa comune come un bene proprio?

Il più delle volte si tratta di usi un po' personali della cosa, e dovrebbe bastare un bell'incontro pacificatorio a risolvere la questione. Incontro informale, oppure in assemblea, oppure in sede di mediazione civile, o infine, rinunciando il più delle volte alla pacificazione dei rapporti, davanti al giudice, il quale in un modo o in un altro, metterà la parola fine alla controversia. In questi casi la labilità del confine tra uso conforme ed uso non conforme del bene comune consiglierebbe appunto una soluzione stragiudiziale, dati gli esiti incerti del processo.

Anzi, dato che spesso detti comportamenti derivano da ripicche, risentimenti etc, la vera interruzione della catena la darebbe appunto un accordo bonario tra le parti.

In altri casi, si spera più rari, il carattere prepotente dell'azione è evidente e, fatti salvi i tentativi bonari, sempre vivamente consigliati, il risultato dell'azione legale si appalesa più incisivo che nel caso precedente. Se ad esempio, un condomino installa nel bel mezzo del muro di cinta un cancello, l'evidente noncuranza nei confronti dei diritti degli altri farà poco sperare in un buon esito conciliativo o transattivo.


Azione di reintegrazione del possesso


L'incidenza dell'azione prepotente sui diritti degli altri sarà tale da farla rientrare nella categoria dell'impossessamento, violento o clandestino.

Contro tale ipotesi l'ordinamento prevede l'utilizzo di un azione legale specifica, detta di reintegrazione del possesso e regolata dagli artt. 1168 e 1169 c.c.

Tale azione consente di chiedere al giudice che ordini la reintegrazione, cioè la rimessione in possesso del bene. L'azione, tutelando il possesso e non la proprietà, può essere fatta valere sia dal proprietario del bene che da chi lo detiene, quindi, per pensare ad alcuni tra i casi più frequenti, dal conduttore, o anche dall'appaltatore (v. Cass. n. 7700/1996) o dal convivente nei confronti del compagno proprietario del bene (v. Cass. n. 19423/14). Il proprietario dovrà, perlomeno in caso di contestazione, dimostrare il possesso e non la proprietà (ad es. Cass. n. 5760/2004, Cass. n. 4057/1989). Deve insomma essere dimostrato in giudizio il rapporto di fatto con la cosa. Ciò perchè il proprietario avrebbe già a disposizione le diverse azioni di tutela della proprietà.

Azione giudizialeL'azione deve essere intentata entro un anno dall'evento. Lo spoglio può essere violento (posto con atti arbitrari, contro la volontà espressa o tacita del possessore, secondo Cass. n. 11453/2000) o clandestino (cioè posto mediante atti che non potevano venire a conoscenza dello spogliato secondo Cass. n. 1217/2006).

Un altro presupposto essenziale dell'azione di spoglio è dato dal cosiddetto animus spoliandi che può essere inteso come la intenzione di attentare alla posizione possessoria altrui (Cass. 8489/2014) o la consapevole volontà di sostituirsi nella detenzione parziale o tatale nel godimento del bene al detentore, contro la volontà di questo (così Cass. 4226/85) o la consapevolezza di sovvertire una situazione possessoria contro la volontà espressa o presunta del possessore (v. Cass. n. 8059/1995 e altre). Inoltre, è stato stabilito che può legittimamente ritenersi insito nell'atto stesso di privare del godimento il possessore contro la sua volontà (Cass. n. 1997/2001).

In particolare in condominio, lo spoglio della parte comune è definito come trasformazione dell'uso del bene da uti condominus (uso da condomino) ad uti dominus (da proprietario). Il condomino cioè non usa più il bene considerandolo una parte in comune con altri, ma come se fosse di sua proprietà.

Nel caso del compossesso, quindi delle parti comuni in condominio, la giurisprudenza è costante nel ritenere che il mancato uilizzo degli altri condomini non esclude l'animus spoliandi del condominio che si impossessi del bene trasformandone l'utilizzo da uti condominus con l'uso uti dominus (v. Cass. n. 13747/2002), costituendo quest'ultima non utilizzazione manifestazione delle facoltà ricomprese nel diritto di proprietà e nel relativo possesso (Cass. n. 18281/14 ma v. anche Cass. n. 13747/2002), mentre quella coincide con una trasformazione dello stesso (spazio comune) ad uso definitivamente esclusivo uti domini (Cass. n. 13747/2002).


Azione di manutenzione del possesso


In aggiunta all'azione di reintegrazione, esiste anche, sempre a tutela del possesso (che però deve durare in maniera continua ed ininterrotta da oltre un anno) l'azione di manutenzione ex art. 1170 c.c., prevista in particolare contro le molestie nel possesso, in assenza di impossessamento violento o clandestino. L'azione va intentata entro un anno dalla turbativa.

Con l'azione di manutenzione è stato ad esempio avviato il processo poi conclusosi con la sentenza della Cassazione n. 7748/2011, che ha riconosciuto una molestia eliminabile ex art. 1170 c.c. la costruzione di un varco nel muro perimetrale di collegamento tra un immobile appartenente ad un condominio ed un altro, dello stesso proprietario esterno al condominio, in quanto servitù non autorizzata da tutti i partecipanti del condominio.

L'elemento soggettivo dell'azione di manutenzione è detto animus turbandi, inteso a volte come la volontà del fatto di ledere un altrui possesso ritenendosi non rilevante l'eventuale convinzione di esercitare un proprio diritto (v. Cass. n. 22414/2004 o Cass. n. 8829/1997), altre volte, al contrario non la coscienza e volontà di compiere un atto lesivo dell'altrui possesso, bensì la coscienza e volontà di esercitare una propria situazione di possesso (Cass. n. 9871/1994).

I proprietari potranno sempre utilizzare le azioni di nuova opera (art. 1171 c.c.) e di denunzia di danno temuto (art. 1172 c.c.), anche se nella casistica si preferisce l'utilizzo delle azioni a tutela del possesso.

Trattasi sempre di azioni che possono essere intraprese dal condomino per conto proprio o dal condominio nel complesso.

riproduzione riservata
Articolo: Impossessamento parti comuni
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Impossessamento parti comuni: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Impossessamento parti comuni che potrebbero interessarti
Azione di rivendicazione

Azione di rivendicazione

L'azione di rivendicazione, esperibile senza limitazioni di tempo, fatta salva l'usucapione, consente al proprietario di escludere gli altri dal godimento del bene.
Denuncia di danno temuto

Denuncia di danno temuto

La denuncia di danno temuto rappresenta uno dei rimedi più rapidi ed efficaci finalizzati ad ottenere l'eliminazione dei pericoli provenienti da proprieà altrui.
Stato di necessità e occupazione di immobile abusiva

Stato di necessità e occupazione di immobile abusiva

Davanti alle occupazioni abusive di abitazioni, la giurisprudenza oscilla tra la tutela della proprietà in sede civile e penale e l'esimente dello stato di necessità.
Azione di regolamento dei confini e apposizione di termini: quali sono le differenze

Azione di regolamento dei confini e apposizione di termini: quali sono le differenze

Come e quando possono essere esercitate le azioni di regolamento dei confini e di apposizione dei termini. Presupposti, come funzionano e quali le differenze.
Conduttore e spese condominiali

Conduttore e spese condominiali

Il proprietario di un unità immobiliare in condominio ha sempre diritto di ottenere dal conduttore il rimborso di determinate spese condominiali. Come provarle?...
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.420 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.00
  • Tenda alla veneziana VELUX
    Tenda alla veneziana velux...
    95.16
  • Profilo per alloggiamento vetro Schluter-DECO-SG
    Profilo per alloggiamento vetro...
    13.78
  • Scrittoio antico di legno
    Scrittoio antico di legno...
    2850.00
  • Prato wimbledon spessore
    Prato wimbledon spessore...
    29.12
  • Pergola arancio addossata
    Pergola arancio addossata...
    1356.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Faidatebook
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.