Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Scivolone nel cortile e responsabilità del condominio

Il condominio è responsabile per i danni derivanti ad una persona dal cortile comune a meno che la causa del danno non sia dovuta al comportamento del danneggiato.
11 Febbraio 2014 ore 00:53 - NEWS Liti tra condomini
cortile , condominio , cose in custodia , danni

Condominio, parti comuni e cose in custodia


Il condominio , si dice, è una particolare forma di comunione forzosa nella quale coesistono beni in proprietà esclusiva (le unità immobiliari) e parti in proprietà comune ai titolari delle prime.

CortileLe cose comuni sono quelle indicate dall'art. 1117 c.c. ed in generale tutte quelle funzionali al miglior godimento delle unità immobiliari.

Tra le parti comuni, salvo diversa indicazione del regolamento contrattuale e/o degli atti d'acquisto, ricade il cortile.

La Cassazione, sostanzialmente riprendendo la definizione comune di cortile, ha chiarito che questa parte dell'edificio, tecnicamente, è l'area scoperta compresa tra i corpi di fabbrica di un edificio o di più edifici, che serve a dare aria e luce agli ambienti circostanti.

Ma avuto riguardo all'ampia portata della parola e, soprattutto, alla funzione di dare aria e luce agli ambienti, che vi prospettano, nel termine cortile possono ritenersi compresi anche i vari spazi liberi disposti esternamente alle facciate dell'edificio - quali gli spazi verdi, le zone di rispetto, i distacchi, le intercapedini, i parcheggi - che, sebbene non menzionati espressamente nell'art. 1117 cod. civ., vanno ritenute comuni a norma della suddetta disposizione (Cass. 9 giugno 2000, n. 7889).


Cortile e danni


Il ragionamento che bisogna applicare alle cose comuni è pressoché il seguente: i condomini sono comproprietari dei beni di cui all'art. 1117 c.c. ed in generale di quelli comuni.

Il proprietario di una cosa è anche il suo custode Cortile condominialee quindi è il responsabile dei danni che ne derivano (ferma restando la responsabilità anche di eventuali preposti, come ad esempio l' amministratore ).

La responsabilità per danni da cose in custodia (ex art. 2051 c.c.) ha natura obiettiva e quindi il condominio è responsabile per i danni in via obiettiva.

Essere obiettivamente responsabili significa rispondere di ogni danno che sia stato causato dal bene in custodia, salvo l'avvenimento di un fattore imprevedibile, ossia salvo caso fortuito.

Siccome il cortile è una parte comune, allora il condominio è responsabile in via obiettiva dei danni derivanti dal cortile tanto ai condomini, quanto ai terzi


Danno e comportamento del danneggiato


Responsabilità obiettiva non vuol dire obbligo di pagare per le dabbenaggini o le sviste del danneggiato.

Detta diversamente: chi ha subito il danno anche per colpa propria potrebbe non essere risarcito o essere risarcito in misura minore (cfr. art. 1227 c.c.).

In un caso risolto dal Tribunale di Roma, una signora era scivolata in un cortile condominiale riportando delle lesioni.

Da qui la sua richiesta di danno al condominio.

Richiesta rigettata in ragione del suo comportamento, che, a dire del Tribunale, era risultato determinante ai fini delle lesioni.

Si legge in sentenza che sebbene la responsabilità per i danni cagionati da cose in custodia, prevista dall'art. 2051 cod. civ., abbia carattere oggettivo, essendo sufficiente, per la sua configurazione, la dimostrazione da parte dell'attore del verificarsi dell'evento dannoso e del suo rapporto di causalità con il bene in custodia e che il custode, per escludere la sua responsabilità, abbia l'onere di provare il caso fortuito (ossia l'esistenza di un fattore estraneo che, per il suo carattere di imprevedibilità e di eccezionalità, sia idoneo ad interrompere il nesso causale), tuttavia, nei casi in cui il danno non sia l'effetto di un dinamismo interno alla cosa, scatenato dalla sua struttura o dal suo funzionamento, ma richieda che l'agire umano, ed in particolare quello del danneggiato, si unisca al modo di essere della cosa, essendo essa di per sé statica e inerte, per la prova del nesso causale occorre dimostrare che lo stato dei luoghi presentava un'obiettiva situazione di pericolosità, tale da rendere molto probabile, se non inevitabile, il danno (cfr. Cass. n. 2660 del 5.2.2013).


La responsabilità da cose in custodia ex art. 2051 cod. civ., infatti, sussiste qualora ricorrano due presupposti: un'alterazione della cosa che, per le sue intrinseche caratteristiche, determina la configurazione nel caso concreto della cd. insidia o trabocchetto e l'imprevedibilità e l'invisibilità di tale alterazione per il soggetto che, in conseguenza di questa situazione di pericolo, subisce un danno (cfr. Cass. 11592 del 13/05/2010) (Trib. Roma 15 novembre 2013 n. 22967).

Nel caso di specie, ha concluso il Tribunale di Roma, dall'istruttoria della causa è emerso che non è stata la cosa in sè a porsi come causa del danno ma che, invece, è stata la danneggiata con il proprio comportamento maldestro (così si legge in sentenza) a creare la condizione per farsi male.

Come si dice in queste circostanze: chi è causa del suo mal pianga se stesso! (e non pretenda denari, aggiungiamo noi).

riproduzione riservata
Articolo: Scivolone nel cortile e responsabilità del condominio
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 1 voti.

Scivolone nel cortile e responsabilità del condominio: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
327.883 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Scivolone nel cortile e responsabilità del condominio che potrebbero interessarti


Condominio, buche, insidie e trabocchetti

Condominio - Il condominio, quale custode delle cose individuate anche dall'art. 1117 c.c. è responsabile dei danni derivanti da insidie e trabocchetti presenti su beni comuni.

Marciapiede scivoloso? I danni li paga il condominio

Parti comuni - Il condominio, quale custode dei beni comuni, è responsabile per i danni da essi provocati a meno che non riesca a dimostrare un caso fortuito

Condominio, responsabilità, prova e risarcimento danni

Parti comuni - S'ipotizzi che Tizio, proprietario in condominio Alfa, subisca danni da infiltrazioni proveniente da parti comuni. Cosa deve fare per ottenere il risarcimento danni.

Infiltrazioni e responsabilità condominiale, cosa fare?

Condominio - Infiltrazioni e responsabilità condominiale, ovvero che cosa poter fare quando si scopre che il danno all'appartamento proviene da parti condominiali?

Se una pianta condominiale danneggia il cortile del singolo che succede?

Parti comuni - Nel caso in cui l'edera del condominio provochi danni al cortile del singolo, il condominio potrebbe dover risarcire il danno. Vediamo in sintesi come e perché.

Ponteggi in condominio, danni e responsabilità

Manutenzione condominiale - Il condominio non risponde a titolo di responsabilità oggettiva per i danni derivanti da ponteggi montati per interventi manutentivi.

Pavimento scivoloso e danni: non sempre è colpa del condominio

Liti tra condomini - Se una persona, sia essa un condomino o un estraneo alla compagine, si fa male nelle parti comuni dell'edificio non sempre il condominio deve pagare i danni.

Condominio e parti comuni

Ripartizione spese - In tema di condominio negli edifici, se alcuni beni servono solamente un gruppo di condòmini, solo questi partecipano alle spese e devono essere considerati proprietari.

Area cortiliva

Sistemazione esterna - Il cortile è un'area scoperta compresa i corpi di fabbrica di un edificio, destinata a varie funzioni e classificata come pertinenza e parte comune condominiale
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img luisolp
Salve, il condominio in cui abito dovrebbe effettuare dei lavori di coibentazione sfruttando il superbonus 110 e cedendo il credito ad una Esco. Contemporaneamente io vorrei...
luisolp 28 Febbraio 2021 ore 11:12 3
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 25 Febbraio 2021 ore 09:49 11
Img lutex
Salve, sto eseguendo dei lavori di ristrutturazione del mio appartamento. Ieri l'amministratore del condominio mi segnala che l'inquilino dell'appartaento di fianco al mio gli ha...
lutex 02 Febbraio 2021 ore 10:57 7
Img atievoli65
Salve a tutti. Abito in un complesso di 5 unità abitative e sono il proprietario del semi interrato.Ogni unità ha il suo pozzo nero e purtroppo da uno di questi, ci...
atievoli65 27 Gennaio 2021 ore 19:16 1
Img anonimo
Mi chiamo Alberto e vorrei avere chiarimenti su una questione che riguarda i rifiuti. Vivo in un condominio e da diversi anni uno dei condomini si occupa di portare fuori i...
anonimo 08 Gennaio 2021 ore 15:19 2