Rovina e difetti di cose immobili

NEWS DI Normative10 Giugno 2010 ore 15:45
La costruzione di beni immobili, le responsabilità dell'appaltatore e i rimedi esperibili dal committente. Il caso della rovina e dei gravi difetti dell'edificio.
appalto appalto , rovina , difetti , committente

RovinaLa costruzione di un immobile, è cosa nota, comporta per l'appaltatore una serie di responsabilita' di varia natura.


Responsabilita' verso i propri dipendenti in materia di sicurezza sul lavoro, responsabilita' per l'esecuzione dell'opera in conformita' alle disposizioni delle norme urbanistiche, responsabilita' civile verso il committente e gli acquirenti delle unita' immobiliari, ecc.


Tra queste ultime, risalta quella prevista dall'art. 1669 c.c. che recita:


Quando si tratta di edifici o di altre cose immobili destinate per la loro natura a lunga durata, se, nel corso di dieci anni dal compimento, l'opera, per vizio del suolo o per difetto della costruzione, rovina in tutto o in parte, ovvero presenta evidente pericolo di rovina o gravi difetti, l'appaltatore è responsabile nei confronti del committente e dei suoi aventi causa, purché sia fatta la denunzia entro un anno dalla scoperta.


Il diritto del committente si prescrive in un anno dalla denunzia
.


Di che tipo di responsabilità si tratta?


In che modo e da chi può essere fatta valere?


In ipotesi di rovina o difetti dell'opera, la responsabilità che ne deriva, data la sua natura extracontrattuale, trova applicazione anche a carico di coloro che abbiano collaborato nella direzione dell'esecuzione dell'opera appaltata, qualora detta rovina o detti difetti siano ricollegabili a fatto loro imputabile (Cass. 30 maggio 2003, n. 8311).


RovinaQuesta la risposta al primo quesito fornita dalla giurisprudenza maggioritaria.


Ciò, ad esempio, ha portato ad affermare che al pari del committente anche l'acquirente è legittimato ad agire in via extra contrattuale per i vizi e difetti delle cose immobili.


D'altronde è lo stesso art. 1669 c.c. parlando degli aventi causa del committente a prevedere tale possibilità.


Sui motivi che possono spingere un soggetto all'azione ex art. 1669 c.c. la stessa norma è chiara:


a)rovina, in tutto o in parte dell'opera o pericolo di rovina della stessa;


b)gravi difetti dell'immobile.


Quanto a questi ultimi la Suprema Corte di Cassazione ha avuto modo di evidenziare che i gravi difetti di costruzione, che danno luogo alla garanzia prevista dall'art. 1669 c.c., non si identificano con i fenomeni che influiscono sulla staticità, durata e conservazione dell'edificio, ma possono consistere in tutte le alterazioni che, pur riguardando direttamente una parte dell'opera, incidano sulla struttura e funzionalità globale, menomando apprezzabilmente il godimento dell'opera medesima (sent. n. 2977/1998 e, proprio con riferimento ad infiltrazioni di acqua e di umidità per difetto di copertura, n. 10218/1994, n. 13112/1992) (Cass. 4 novembre 2005 n. 21351).


L'interessato dovrà denunciare il difetto all'appaltatore entro un anno dalla scoperta al fine di vedersi risarcito del danno o eventualmente di ottenere il risanamento dell'immobile.


Trascorso un anno dalla denunzia, il diritto di agire giudizialmente per ottenere quanto di proprio diritto si prescrive.


Legittimato ad agire è, come si è detto, il committente, l'acquirente e nel caso di gravi difetti o pericolo di rovina di beni condominiali anche l'amministratore di condominio.


RovinaIn tal senso è parere dominante in seno alla dottrina ed alla giurisprudenza che costituisce principio pacifico che l'amministratore del condominio, anche se privo della preventiva autorizzazione dell'assemblea, è legittimato a proporre l'azione di cui all'art. 1669 c.c., relativa ai gravi difetti di costruzione che possono pregiudicare le parti comuni dell'edificio (ex plurimis: Cass. 2775/97; Cass. 5613/96) (Cass. 1 agosto 2006 n. 17484, contra, nel senso della necessità di una deliberazione autorizzativa a stare in giudizio Cass. 9 aprile 1987 n. 3500).


Si tratta di un'azione conservativa ai sensi dell'art. 1130, primo comma n. 4, c.c.


avv. Alessandro Gallucci

riproduzione riservata
Articolo: Rovina e difetti di cose immobili
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Rovina e difetti di cose immobili: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Rovina e difetti di cose immobili che potrebbero interessarti
Perché il condominio può agire contro l'appaltatore?

Perché il condominio può agire contro l'appaltatore?

Amministratore di condominio - Perché in tema di azione di responsabilità per gravi difetti contro l'appaltatore o il costruttore - venditore può agire anche l'amministratore di condominio?
Appalto, difformità vizi, gravi difetti e ruolo dell'amministratore

Appalto, difformità vizi, gravi difetti e ruolo dell'amministratore

Normative - L'amministratore di condominio può agire in giudizio contro il costruttore dell'edificio solamente nel caso di gravi difetti delle parti comuni dell'edificio.
Gravi difetti dell'immobile e impianto di videocitofono

Gravi difetti dell'immobile e impianto di videocitofono

Leggi e Normative Tecniche - In tema di azioni di garanzia da farsi valere a seguito di contratto di appalto, non rientra nella nozione di grave difetto il malfunzionamento del videocitofono.

Forma, funzione e tempi della denuncia dei gravi difetti nel contratto d'appalto

Normative - La denuncia dei gravi difetti nell'ambito del contratto d'appalto non è soggetta a forme particolari, ma dev'essere presentata entro termini ben precisi.

Appalto, difformita' e vizi dell'opera

Normative - Il contratto d'appalto per la costruzione di un immobile e le contestazioni per i vizi e le difformita' dell'opera. Come e contro chi agire ed in che tempi.

Appalto, consegna e accettazione dell'opera

Normative - La consegna e l'accettazione dell'opera appaltata, sia pur potendo avvenire contestualmente, sono fenomeni giuridicamente distinti con differenti conseguenze.

Definizione Contratto Appalto

Normative - Il codice civile, il Decreto Legislativo 81/08 e gli articoli 86 ed 87 del decreto Legislativo 163/2006 definiscono in maniera univoca tutte le possibilità di gestione di un appalto.

Appalto, vizi dell'opera e loro denuncia

Normative - Il contratto d'appalto, prevedendo l'esecuzione dei lavori a rischio e pericolo dell'appaltatore, consente al committente una serie di azioni per i vizi dell'opera.

Appalto in condominio e responsabilità contrattuale

Condominio - Poteri dell'amministratore in relazione e la responsabilità contrattuale derivante dal contratto di appalto in condominio
REGISTRATI COME UTENTE
295.510 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Dipinto italiano paesaggio con rovine e personaggi
    Dipinto italiano paesaggio con...
    1200.00
  • Antico dipinto italiano paesaggio con rovine del
    Antico dipinto italiano paesaggio...
    4600.00
  • Dipinto italiano paesaggio marino con rovine e
    Dipinto italiano paesaggio marino...
    1700.00
  • Realizzazione di pareti in forati Roma e dintorni
    Realizzazione di pareti in forati...
    120.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Kone
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.