Reti Antincendio: Idranti

NEWS DI Impianti15 Ottobre 2011 ore 15:28
Gli idranti degli impianti antincendio hanno spesso caratteristiche di portate e pressioni tali da permetterne l'uso solo a personale addestrato.
incendio idrante , idranti , aqua , acque
Ing. Vincenzo Granato

Idranti


L'acqua costituisce il mezzo piu' diffuso ed economico per gli spegnimenti degli incendi, le tecnologie legate all'utilizzo dell'acqua sono per molti aspetti piu' che centenarie e semplici. I componenti fondamentali di tali tecnologie sono le tubazioni, in acciaio o polietilene, i gruppi di pompaggio, i serbatoi con le riserve ed i vari terminali come gli sprinkler, gli idranti, i naspi e le manichette.

acquaGli idranti sono probabilmente i più diffusi terminali degli impianti antincendio idrici, essi possono essere allocati sia all'interno che all'esterno degli edifici civili ed industriali, con opportune capacità di portate pressione dell'acqua e specifiche descritte dalle norme vigenti in materia.

In particolare, per gli idranti posti all'interno degli edifici civili, le caratteristiche in termini di portate e pressioni sono più contenute rispetto agli idranti posti nelle aree esterne degli stessi edifici, ciò perché gli idranti posti all'interno possono, in caso di pericolo di incendio, essere utilizzati anche da persone che non hanno un addestramento tecnico particolare e possono facilmente controllarne le pressioni e le portate in gioco.

Un'altra caratteristica fondamentale degli idranti è la facilità di raggiungimento in caso di pericolo di incendio, generalmente gli idranti sono posizionati in luoghi strategici lungo le vie di fuga negli edifici civili.

Numeri Degli Idranti



Negli edifici residenziali, per fronteggiare i pericoli di incendio, si trovano comunemente gli idranti Dn 45 o i naspi con Dn 25; gli idranti hanno, nei casi più comuni, dei getti con una pressione non inferiore ai 2 bar, una portata di acqua di 120 litri al minuto e generalmente un raggio di azione di circa 20m; più maneggevoli sono invece i naspi, riducendosi per essi le portate fino a circa 40 litri al minuto e pressioni di due bar.idrante

Un aspetto fondamentale per gli impianti antincendio idrici in generale, è il numero di terminali, idranti e/o naspi, che vengono attivati in condizione di pericolo, tale numero incide notevolmente sul dimensionamento delle tubazioni, della riserva e del gruppo di pompaggio.

Sia le norme vigenti in materia che le considerazioni di natura pratica per gli impianti di spegnimento ad acqua, siano essi ad idranti e/o naspi, in caso di pericolo di incendio, si considera generalmente l'attivazione della metà del numero di idranti e/o naspi costituenti l'impianto di spegnimento, più una unità.

Similmente nel caso degli impianti a sprinkler che hanno generalmente un raggio di azione dell'ordine di un paio di metri e che proteggono aree di diverse centinaia di metri quadri, come possono essere i garage degli edifici residenziali, il dimensionamento delle tubazioni finalizzato a garantire le necessarie portate e pressioni agli sprinkler è fatto considerando la possibilità di un numero limitato di principi di incendio.

Più precisamente, per gli idranti all'esterno degli edifici civili o più precisamente per le lance, i riferimenti sono caratterizzati da valori di pressioni e portate più elevate: pressioni alla base delle lance non inferiori a tre bar e portate dell'ordine di circa 300 litri al minuto; tali valori sono coerenti con il fatto che gli idranti esterni agli edifici sono generalmente destinati ad essere utilizzati da personale addestrato in condizioni di pericolo più spinte rispetto a quando gli incendi od i principi di incendio sono confinati all'interno degli stessi edifici.

barÈ bene osservare che la pressione di tre bar, già costituisce un limite, per la gestione degli idranti da parte di personale non addestrato, mentre per persone addestrate agli interventi in caso di pericoli di incendio il limite è di 7 bar, un'idea dei numeri in gioco è data dall'atmosfera terrestre che esercita su un tutti i corpi, al livello del mare, la pressione di circa 1 bar.

I numeri su descritti, sono puramente indicativi e relativi ai casi più comuni come quelli degli edifici civili cittadini e le relative aree di pertinenza come ad esempio i garage; la realizzazione di un impianto antincendio in generale e/o di rilevazione incendi è legato alla valutazione dei rischi negli ambienti che l'impianto in questione serve.


ing. Vincenzo Granato

riproduzione riservata
Articolo: Reti Antincendio: Idranti
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Reti Antincendio: Idranti: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Reti Antincendio: Idranti che potrebbero interessarti
Cucine ecocompatibili

Cucine ecocompatibili

Non solo estetica e funzionalità. Molte cucine oggi sono ecocompatibili, progettate secondo criteri di qualità che proteggono l?ambiente. Modelli dall'anima...
Norme sul trattamento delle acque potabili

Norme sul trattamento delle acque potabili

Il D.M.della Salute 25/2012 e diverse norme UNI stabiliscono Regole tecniche relative ad apparecchiature destinate al trattamento di acqua per consumo umano.
Rilevazione Incendi: Rilevatori Fumo

Rilevazione Incendi: Rilevatori Fumo

L'efficacia di un sistema di rilevazione incendi è proporzionale alla sua capacità di fornire un allarme efficacie nella fase covante dell'incendio.
Smaltimento acque di prima Pioggia

Smaltimento acque di prima Pioggia

L'importanza di smaltire le acque piovane che spesso sono causa di allagamenti.
Impianti Antincendio: l'Acqua

Impianti Antincendio: l'Acqua

Le naturali caratteristiche dell'acqua come mezzo estinguente possono essere amplificate con l'utilizzo di tecniche come l'emulsione e la diluizione.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.237 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.00
  • Tenda alla veneziana VELUX
    Tenda alla veneziana velux...
    95.16
  • Prato jardin spessore
    Prato jardin spessore...
    47.91
  • Rifacimenti esterni
    Rifacimenti esterni...
    500.00
  • Videoispezione camino
    Videoispezione camino...
    220.00
  • Antico comodino francese intarsiato del xix secolo
    Antico comodino francese...
    1350.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Weber
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.