Responsabilità dell'appaltatore

NEWS DI Normative27 Luglio 2012 ore 10:39
Il contratto d'appalto pone in capo all'appaltatore una serie di obblighi e quindi di responsabilità che non sempre vengono meno se gli sono fornite istruzioni sbagliate.
appalto , appaltatore , committente , opera

L'appaltatore, vale a dire l'impresa che si è assunta l'obbligo di realizzare un'opera o di rendere un servizio, è responsabile della sua cattiva esecuzione.


AppaltoChe scoperta dell'acqua calda! Verrebbe da esclamare.


Il punto non è questo o meglio, dall'affermazione di principio, volutamente generica, appena espressa, deriva una domanda: fino a che punto l'appaltatore dev'essere considerato responsabile?


Per rispondere al quesito è bene, prima d'ogni cosa, inquadrare con chiarezza la nozione di appalto.



L'appalto



Ai sensi dell'art. 1655 c.c.:


L'appalto è il contratto col quale una parte assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di un'opera o di un servizio verso un corrispettivo in danaro.


L'obbligazione del committente si sostanzia nel pagamento del prezzo.


Quella dell'appaltatore nel compimento dell'opera e/o del servizio con gestione a proprio rischio; una vera e propria attività d'impresa.


L'obbligazione dell'appaltatore va ricondotta tra quelle così dette di risultato.


In sostanza, per dirla con un esempio, chi s'impegna a costruire un palazzo o a ristrutturalo deve costruirlo o porre in essere gli interventi conservativi; non ci deve solo provare con tutta la propria abilità (quella sarebbe un'obbligazione di mezzo, come sono quelle dei medici e degli avvocati), l'appaltatore ci deve riuscire.


In questo contesto bisogna valutare la responsabilità per vizi o difformità dell'opera.


Gli studiosi di diritto hanno chiarito che per difformità deve intendersi una discordanza dell'opera dalle prescrizioni contrattuali, mentre i vizi sono la mancanza di modalità o di qualità che, anche se non espressamente pattuiti, devono comunque considerarsi inerenti all'opera secondo le regole dell'arte e la normalità delle cose (Caringella – De Marzo, Manuale di diritto civile Parte III Il contratto, Giuffrè, 2007).



Responsabilità dell'appaltatore



Appalto2In questo contesto, quindi, è naturale che gli sforzi degli addetti ai lavori si siano orientati verso il chiarimento del livello della responsabilità dell'appaltatore per i vizi e le difformità di quanto ha realizzato rispetto a quello che doveva effettivamente realizzare.


Secondo la Cassazione l'appaltatore ha il preciso obbligo, normativamente sanzionato, di eseguire le opere a regola d'arte assicurando al committente un'opera esente da vizi e garantendo allo stesso un risultato tecnico conforme alle sue esigenze ed è tenuto a titolo di responsabilità contrattuale, derivante dalla sua obbligazione di risultato, all'intera garanzia per le imperfezioni od i vizi dell'opera (Cass. 21 maggio 2012 n. 8016).


Quest'affermazione di principio dev'essere calata nella realtà e, sempre nella stessa sentenza, la Cassazione ha specificato che l'appaltatore è responsabile anche se riceve istruzioni sbagliate, a partire dal progetto originario, nella misura in cui pur avendo il potere di far notare la loro inesattezza non lo fa.


Si legge nella pronuncia che l'appaltatore stante l'obbligo di eseguire a regola d'arte l'opera commessagli, deve osservare i criteri generali della tecnica relativi al particolare lavoro affidatogli.


Con la specifica intesa che al fine di assolvere il proprio obbligo di osservare i criteri generali della tecnica relativi al particolare lavoro affidatogli, l'appaltatore è obbligato a controllare -come è già stato affermato da questa Corte (sent. N. 821 del 1983), nei limiti delle sue cognizioni tecniche, la bontà del progetto o delle istruzioni impartite dal committente ed, ove queste siano palesemente errate, può andare esente da responsabilità soltanto se dimostri di avere manifestato il proprio dissenso e di essere stato indotto ad eseguirle, quale nudus minister, per le insistenze del committente ed a rischio di quest'ultimo.


Pertanto, in mancanza di tale prova, l'appaltatore è tenuto, ai titolo di responsabilità contrattuale, derivante dalla sua obbligazione di risultato, all'intera garanzia per le imperfezioni o i vizi dell'opera senza potere invocare il concorso di colpa del progettista o del committente (Cass. ult. cit.).


Non solo: l'appaltatore può essere considerato responsabile anche davanti ad istruzioni sbagliate impartitegli dal direttore dei lavori, vale a dire da quella figura con particolari conoscenze tecniche che il committente nomina per evitare brutte sorprese.


La conferma a quest'affermazione la troviamo nella sentenza già citata.


[…] come, è stato già detto da questa Corte, (Cass. 2214/1975) neppure, eventuali errori nelle istruzioni del Direttore dei Lavori esimono l'appaltatore da responsabilità, essendo egli tenuto a controllarli e correggerli, secondo diligenza e perizia e dovendo egli sempre uniformarsi alle regole tecniche (Cass. 21 maggio 2012 n. 8016).



Conclusioni



Appalto3La situazione, quindi, è sufficientemente chiara.


L'appaltatore ha ben precise responsabilità e non può nascondersi dietro le istruzioni sbagliate ricevute: egli, in considerazione della sua esperienza, ha sempre il potere di far notare inesattezze e possibili difetti che potrebbero derivare dall'esecuzione di un intervento in un particolare modo.


Solamente se fa notare ciò ma nonostante tutto il committente (o chi per lui) insiste nel proprio intento, l'appaltatore potrà essere considerato mero esecutore dell'opera (si dice in gergo giuridico nudus minister) e quindi nemmeno più appaltatore e come tale andare esente da responsabilità.

riproduzione riservata
Articolo: Responsabilità dell'appaltatore
Valutazione: 4.60 / 6 basato su 5 voti.

Responsabilità dell'appaltatore: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Filly
    Filly
    Domenica 28 Luglio 2013, alle ore 01:50
    Cass 2214/19 buonasera : a distanza di quattro mesi dall'inizio dei lavori a corpo di ristrutturazione di una palazzina l'appaltatore ha chiesto circa 23.000 euro in più giustificando che il computo metrico riportava misure non coerenti con il fabbricato in quanto sensibilmente inferiori.
    Il condominio per evitare lungaggini ha offerto 10.000 €. ma l'appaltato ha rifiutato e sospeso i lavori.
    Conviene pagare o consultare un avvocato contro ditta e direttore dei lavori?
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Filly
      Martedì 30 Luglio 2013, alle ore 12:19
      Per Filly: sicuramente è consigliabile un consulto con un legale per valutare, carte alla mano, il da farsi.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Responsabilità dell'appaltatore che potrebbero interessarti
Definizione Contratto Appalto

Definizione Contratto Appalto

Normative - Il codice civile, il Decreto Legislativo 81/08 e gli articoli 86 ed 87 del decreto Legislativo 163/2006 definiscono in maniera univoca tutte le possibilità di gestione di un appalto.
Non c'è responsabilità dell'appaltatore se sono errate le istruzioni del committente

Non c'è responsabilità dell'appaltatore se sono errate le istruzioni del committente

Leggi e Normative Tecniche - In caso di difetti dell'opera per progetto errato, l'appaltatore non risponde dei danni se ha manifestato il dissenso e ha agito per le insistenze del committente
Appalto, difformita' e vizi dell'opera

Appalto, difformita' e vizi dell'opera

Normative - Il contratto d'appalto per la costruzione di un immobile e le contestazioni per i vizi e le difformita' dell'opera. Come e contro chi agire ed in che tempi.

Appalto in condominio e responsabilità contrattuale

Condominio - Poteri dell'amministratore in relazione e la responsabilità contrattuale derivante dal contratto di appalto in condominio

Responsabilità dell'appaltatore e del committente verso terzi

Leggi e Normative Tecniche - L'appaltatore assume l'obbligo, dietro pagamento, di eseguire un'opera. Quali sono le sue responsabilità e quelle del committente per i danni verso terzi?

Appalto, vizi dell'opera e loro denuncia

Normative - Il contratto d'appalto, prevedendo l'esecuzione dei lavori a rischio e pericolo dell'appaltatore, consente al committente una serie di azioni per i vizi dell'opera.

Appalto, consegna e accettazione dell'opera

Normative - La consegna e l'accettazione dell'opera appaltata, sia pur potendo avvenire contestualmente, sono fenomeni giuridicamente distinti con differenti conseguenze.

Appalto tra privati e diritto di recesso

Leggi e Normative Tecniche - Nell'appalto l'interesse giuridicamente rilevante alla realizzazione del progetto è solo del committente. Di conseguenza egli può sempre recedere, salvo indennizzo.

Direttore dei lavori

Normative - Il contratto d'appalto per l'esecuzione d'interventi manutentivi o di costruzione di nuovi fabbricati ed il direttore dei lavori. Caratteristiche, compiti e responsabilta' di questa figura professionale.
REGISTRATI COME UTENTE
295.535 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Guaina in opera
    Guaina in opera...
    15.00
  • Posa in opera piastrelle in ceramica roma
    Posa in opera piastrelle in...
    24.00
  • Posa in opera pareti in vetrocemento
    Posa in opera pareti in...
    180.00
  • Dipinto olio su tela firmato paesaggio montano
    Dipinto olio su tela firmato...
    350.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.