Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Recuperare nel centro storico

Quando si tratta di intervenire in zone storiche o in un centro storico con riqualificazioni o ristrutturazioni di immobili, non è mai cosa semplice: malte e calci.
- NEWS Restauro edile
edificio storico , edificio , recupero , centro storico

restauro centro storicoQuando si tratta di intervenire in zone storiche o in un centro storico con riqualificazioni o ristrutturazioni di immobili, non è mai cosa semplice.

Cantieri, soluzioni e prodotti, che spesso devono fare i conti con ciò che c'era prima, con l'esistente e con le sue peculiarità.



Materiali e restauro



Uno su tutti, nel mondo del restauro e della ristrutturazione, il problema dei materiali.

Questi infatti non solo devono essere performanti, ma devono riuscire a conciliare aspetti delle preesistenze, che non sempre vanno d'accordo con le soluzioni e le miscele che li compongono.

Quando si tratta di restauro, poi, il problema si amplifica e spesso devono essere adottate tecniche e materiali antichi, in modo da non inficiare sul risultato finale e sulla durata degli interventi.


Calcestruzzo premiscelato


villa barbaro, VeneziaPer operazioni e interventi edili in zone edificate e con una certa valenza storica, ad esempio, è stato creato da Leca Laterlite, un calcestruzzo leggero strutturale, premiscelato e fibrorinforzato, che si adatta perfettamente anche alle pose dirette di pavimentazioni e lastricati, avendo capacità di ritiro compensato e asciugatura controllata.


Tutte queste caratteristiche di Centro Storico, così si chiama il prodotto, permettono l'utilizzo di questo calcestruzzo, sia per la realizzazione di getti collaboranti su solai in legno, che per tipologie in laterocemento o calcestruzzo.

Ma anche getti affinché venga direttamente posata la pavimentazione, ottenendo sempre un prodotto leggero e particolarmente resistente.

centrostoricoIl Calcestruzzo Centro Storico non richiede miscele e aggiunta di altri materiali, e anche a livello di cantiere riduce le operazioni di preparazione, in quanto è facilmente preparabile utilizzando betoniere classiche o impastatrici.

Perché il prodotto sia utilizzabile e abbia le caratteristiche giuste di consistenza è necessario impastare il premiscelato Centro Storico con alcuni litri d'acqua e aspettare che il tutto assuma una consistenza semi fluida.

I dosaggi indicati devono poi essere comunque adattati all'esperienza, anche in base al tipo di lavorazione alla tipologia del cantiere a seconda delle stagioni.

In estate ad esempio, potrebbe essere possibile, vista l'alta temperatura, aggiungere ed utilizzare una dosa maggiore di acqua per la composizione dell'impasto.


Restauro e ristrutturazione dell'esistente


linea ex novo fassa bortoloOperare sull'esistente significa anche dover intervenire su edifici di un certo peso storico, ovvero immobili antichi, dove l'uso idoneo dei materiali per il recupero e il restauro diventa una priorità.

La ricerca e le tecnologie sotto questo aspetto hanno fatto grossi passi avanti e il recupero del patrimonio esistente oggi si avvale di soluzioni che oltre alla non invasività, alla garanzia di un risultato ottimale, sono caratterizzate da eco compatibilità e rispetto dell'ambiente.

Uno degli aspetti più importanti degli interventi sull'esistente è la scelta dell'intonaco, un tempo eseguito a regola d'arte, con verifiche e adattamenti nel tempo alle condizioni esterne, e oggi ormai spesso testato con tecniche di invecchiamento artificiale, che non sempre si rivelano veritiere, visto che l'esposizione che questi materiali hanno è sempre più caratterizzata da agenti aggressivi e inquinanti, che un tempo non esistevano.


Calce idraulica e cocciopesto


Una buona tecnica di intervento sull'esistente per opere di restauro e recupero è l'analisi dei materiali antichi utilizzati, scoprendone nuovi dosaggi e nuove possibili applicazioni. Come accade con i prodotti del marchio FASSA BORTOLO e la nuova linea Restauro Ex Novo.

Materiali antichi, come il coccio pesto o la calce idraulica, che, sono stati analizzati e riutilizzati per contribuire al mantenimento dell'esistente o anche al rifacimento di alcune parti come superfici murarie.

La calce idraulica in questione è quella naturale, la NHL 3,5, che viene utilizzata per una serie di prodotti specifici che vanno ad aumentare la resistenza.

edificio esistenteMa tra i materiali antichi riproposti per questo tipo di interventi, troviamo anche il cocciopesto, un classico materiale edilizio di origine romana e fenicia, già descritto da Vitruvio, che un tempo veniva utilizzato come rivestimento o come pavimentazione e che era caratterizzato da frammenti di laterizi e malta di calce aerea.

Il cocciopesto riproposto, così come la malta di cocciopesto, permette nelle sue molteplici varianti, interventi ottimali per il risanamento delle murature umide, data la sua bassa permeabilità all'acqua.

Molti i prodotti della linea di Fassa Bortolo specifici per risanamento e restauro: si va dalla bio malta di allettamento, alla malta faccia a vista, specifica per soluzioni idrofugate.
Ma anche materiali secchi per operazioni di rinzaffo, leganti specifici per iniezioni e appunto, intonaci di cocciopesto, per la realizzazione del fondo delle murature, il tutto a base di calce-idraulica naturale.

riproduzione riservata
Articolo: Recuperare nel centro storico
Valutazione: 5.80 / 6 basato su 5 voti.

Recuperare nel centro storico: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.991 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Recuperare nel centro storico che potrebbero interessarti


Bonus ristrutturazioni al proprietario unico di edificio per lavori su parti comuni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Detrazioni fiscali a favore dell'unico proprietario di un edificio per i lavori di ristrutturazione eseguiti sulle parti comuni delle varie unità immobiliari.

Il bonus facciate esclude il bonus mobili

Detrazioni e agevolazioni fiscali - A fronte di lavori sula facciata di un edificio si godrà anche del bonus mobili solo se gli interventi si fanno rientrare tra quelli di recupero del patrimonio edilizio

Recupero abitativo di sottotetto in condominio

Normative - Recuperare il sottotetto non abitabile, se permesso dalle normative regionali, è un'interessante opportunità per ampliare l'appartamento all'ultimo piano del condominio.

No al bonus ristrutturazione se l'edificio è di nuova costruzione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La Corte di Cassazione, con una recente ordinanza chiarisce quali sono i requisiti per poter beneficiare del bonus ristrutturazioni. Vediamo i punti salienti.

Detrazioni 65% e 50% per recupero di sottotetto

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali lavori eseguiti per il recupero di un sottotetto possono beneficiare della detrazione sul risparmio energetico (65%) o per le ristrutturazioni edilizie (50%)?

Area cortiliva

Sistemazione esterna - Il cortile è un'area scoperta compresa i corpi di fabbrica di un edificio, destinata a varie funzioni e classificata come pertinenza e parte comune condominiale

Interventi nel centro storico per il recupero abitativo

Soluzioni progettuali - Per il recupero abitativo dei piccoli locali collocati nei centri storici è necessario procedere all'accorpamento di più unità edilizie.

Piano Casa Campania è legge

Piano casa - Approvato anche in Campania il testo di legge sul Piano Casa per il recupero abitativo.

Bonus facciate 2020: vale anche se l'edificio è coperto da recinzioni?

Fisco casa - Il Bonus facciate non spetta se la parete esterna non è visibile dalla strada o da suolo di uso pubblico. Vediamo il punto di vista dell'Agenzia delle Entrate.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img gennaro vitale
Ciao a tutti,esiste un modo per recuperare vecchie CILA utilizzate in passato per ristrutturare il mio nuovo appartamento?Sarei curioso di conoscere i progetti.Grazie.
gennaro vitale 19 Settembre 2021 ore 19:40 2
Img nes23
Salve,io e la mia compagna stiamo definendo l'acquisto di una casa che è suddivisa in due unità distinte (con partitee rendite catastali distinte, entrambe categoria...
nes23 27 Luglio 2021 ore 18:22 1
Img laurarossi71
Devo ristrutturare il mio appartamento che si trova in condominio (11 appartamenti) sottoposto a vincolo, per cui non si può realizzare un cappotto esterno. Il condominio...
laurarossi71 02 Luglio 2021 ore 10:26 3
Img cera
Buongiorno,Il precedente proprietario della mia casa aveva fatto pratica di recupero sottotetto e progetto nuziale (legge 10/91) prevedeva installazione pompa calore per acqua...
cera 27 Aprile 2021 ore 16:12 5
Img stefaniatosi
Ciao a tutti,ho una domanda:Avevo presentato un progetto in comune per il recupero del sottotetto con rialzo dello stesso di circa 150 cm per avere l'altezza ponderale di 240 (il...
stefaniatosi 30 Marzo 2021 ore 20:11 2