Ratifica dell'operato dell'amministratore condominiale

NEWS DI Condominio20 Gennaio 2014 ore 20:58
L'amministratore di condominio ha dei poteri e dei doveri individuati dalla legge, ma se va oltre le proprie attribuzioni l'assemblea può ratificare il suo operato.

AssembleaIn tema di condominio negli edifici, l'assemblea ha sempre il potere di ratificare i provvedimenti dell'amministratore eccedenti la sfera di competenza di quest'ultimo, con efficacia sanante dei loro effetti, purché tali atti rientrino a loro volta nei poteri gestori del medesimo consesso.

In buona sostanza se l'amministratore dispone degli interventi, non urgenti di manutenzione straordinaria (es. sostituzione portone), l'assemblea ha tutto il potere di ratificare l'operato del proprio legale rappresentante.

Se, invece, il provvedimento dell'amministratore, oltre ad eccedere i propri poteri, esula dalle competenze assembleari (es. chiusura all'uso di una parte comune in assenza di ragionevoli motivi), l'assemblea non può far nulla.


Attribuzioni dell'amministratore


Una volta nominato, che cosa può e che cosa deve fare l'amministratore?

L'elenco delle attribuzioni, ossia dei poteri e doveri dell'amministratore condominiale è contenuto nell'art. 1130 c.c. ma di attribuzioni e obblighi si hanno tracce anche nell'art. 1129 c.c.

L'amministratore, inoltre, in quanto mandatario della compagine, è tenuto e può fare tutto ciò che serve per adempiere alle proprie funzioni, sia pur se ciò sia non espressamente previsto (art. 1708 c.c.).

Assemblea condominialeNon è raro, leggendo le tante sentenze che si occupano dell'argomento, trovare alcune decisioni nelle quali si legge che l'essenza delle funzioni dell'amministratore è imprescindibilmente legata al potere decisionale dell'assemblea: è l'assemblea l'organo deliberativo del condominio e l'organo cui compete l'adozione di decisioni in materia di amministrazione dello stesso, mentre l'amministratore riveste un ruolo di mero esecutore materiale delle deliberazioni adottate in seno all'assemblea. Nessun potere decisionale o gestorio compete all'amministratore di condominio in quanto tale (e ciò a differenza di quanto accade nelle società, sia di persone che di capitali, dove all'amministratore competono poteri propriamente gestionali) (Cass. 7 marzo 2013, n. 5761).

Insomma secondo la Cassazione, l'amministratore è organo esecutivo del condominio: l'assemblea decide, l'amministratore esegue.

Vero ma fino ad un certo punto; lo stesso art. 1130 c.c. (nel delineare le attribuzioni dell'amministratore) lascia al mandatario della compagine un margine di manovra, sia pur minimo, che lo rende non solamente mero esecutore della volontà assembleare ma anche figura in grado di adottare provvedimenti vincolanti (art. 1133 c.c.) senza il preventivo assenso dell'assise.


Provvedimenti dell'amministratore e ratifica


Alcuni esempi di potere d'azione dell'amministratore slegato dalla mera esecuzione della volontà assembleare, poteri che hanno riflessi immediati sulla vita comune, possono essere d'aiuto per comprendere meglio quanto detto, fin'ora, in via del tutto teorica.

Si pensi alla mancanza di disciplina dell'orario di accensione dell'impianto di riscaldamento centralizzato: l'amministratore può deciderne uno di propria iniziativa.

Si pensi, ancora, alla necessità di agire contro alcuni condomini per il recupero del credito e della correlata esigenza di dotarsi delle provviste economiche necessarie a farlo.

In questi casi l'amministratore può agire senza chiedere all'assemblea il permesso di prendere simili provvedimenti, anzi: soprattutto per il caso del recupero del credito, restare inerte può avere delle conseguenze sul corretto adempimento dell'incarico.

Ci sono casi, poi, in cui l'amministratore dovrebbe avere l'autorizzazione assembleare prima di agire, ma, invece, agisce comunque di propria iniziativa.

In questi casi il mandatario può ottenere la ratifica del proprio operato e, di conseguenza, vedere sanata l'iniziale carenza di legittimazione a compiere l'atto compiuto.

In tal senso è stato più volte affermato che è davvero pacifico che l'assemblea del condominio in un edificio, in sede di approvazione del consuntivo di lavori eseguiti su parti comuni del fabbricato e di ripartizione della relativa spesa, ben possa riconoscere a posteriori opportunamente e vantaggiosamente realizzati detti lavori, ancorché non previamente deliberati ovvero, a suo tempo, non deliberati validamente, ed approvarne la relativa spesa, restando, in tal caso, la preventiva formale deliberazione dell'opera utilmente surrogata dall'approvazione del consuntivo della spesa e della conseguente ripartizione del relativo importo fra i condomini (cfr. Cassazione civile , sez. II, 24 febbraio 1995, n. 2133; Cass. Sez. II civ., 27 dicembre 1963, n. 3226) (Trib. Salerno 10 novembre 2009).

riproduzione riservata
Articolo: Ratifica dell'operato dell'amministratore condominiale
Valutazione: 3.75 / 6 basato su 4 voti.

Ratifica dell'operato dell'amministratore condominiale: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Ratifica dell'operato dell'amministratore condominiale che potrebbero interessarti
Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri
Provvedimenti dell'amministratore e diritti dei condomini

Provvedimenti dell'amministratore e diritti dei condomini

Condominio - La Cassazione, con una sentenza dello scorso 11 maggio, la n. 10347, torna ad occuparsi dei poteri dell?amministratore, dei loro limiti e del corretto
I provvedimenti dell'amministratore

I provvedimenti dell'amministratore

Condominio - L'amministratore è il mandatario dei condomini. Egli agisce per loro nome e conto ai fini della gestione delle parti comuni dello stabile.

Amministratore di condominio, cause, poteri e limiti

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio ha il potere di agire e resistere in giudizio senza necessità di autorizzazione assembleare nelle materie di sua stretta competenza.

Assemblea condominiale e la ratifica delle scelte dell'amministratore

Condominio - L'assemblea condominiale è il centro nevralgico delle decisioni sulle parti comuni, anche quando si tratta di ratificare scelte dell'amministratore.

Per individuare l'amministratore basta la deliberazione dell'assemblea

Condominio - S'ipotizzi che una persona debba far causa ad un condominio: a chi dev'essere notificato l'atto introduttivo del giudizio?

Nomina giudiziaria dell'amministratore di condominio

Condominio - La nomina dell?amministratore è un atto di competenza dell?assemblea dei condomini.Quando in un condominio ci sono più di quattro comproprietari

Amministratore e lavori straordinari

Condominio - L?assemblea, ai sensi del combinato disposto di cui agli artt. 1135 e 1136 c.c. è competente a deliberare sui lavori straordinari relativi alle parti

Liti condominiali

Liti tra condomini - Si parla spesso di cause condominiali, vale la pena comprendere più da vicino quali sono queste controversie, quando sorgono e quali sono i ruoli di amministratore.
REGISTRATI COME UTENTE
295.593 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Inferriate blindate di sicurezza
    Inferriate blindate di sicurezza...
    329.00
  • Ristrutturazione bagno zona Roma
    Ristrutturazione bagno zona roma...
    3790.00
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.