Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Qualità dell'aria e ventilazione

NEWS Impianti di climatizzazione29 Ottobre 2014 ore 15:32
Come avviene e come procedere per il ricambio d'aria e la ventilazione all'interno di un ambiente confinato e in particolare all'interno dell'ambiente domestico.
aria , ricambio d'aria , ventilazione

Qualità dell'aria degli ambienti confinati


ventilazione finestre

La qualità dell'aria riveste un ruolo fondamentale quando si parla di benessere e comfort in un dato ambiente, sia questo di tipo domestico, che lavorativo. Alla base non c'è solo un aspetto di salubrità, ma anche di areazione, di ricambi d'aria e di miglioramento della percentuale di umidità, che spesso concorre nel diffondere germi e batteri.
La presenza di una o più persone all'interno di un dato spazio va a modificare la qualità dell'aria, poiché comporta una modifica delle composizione dell'aria stessa che vi è all'interno, andando ad impoverirla di ossigeno.

L'aria fresca è necessaria per mantenere buone condizioni all'interno di uno spazio confinato. I ricambi devono essere frequenti e possibilmente in ore diverse della giornata, concentrando l'ultimo cambio in camera da letto, prima di andare a dormire.

Il ricambio deve essere proporzionale in genere, al numero di persone presenti all'interno dell'ambiente, ma anche in relazione al tipo di attività che vi si svolge all'interno.

Oltre all'impoverimento dell'ossigeno, vanno considerati altri fattori, quali gli agenti inquinanti che effettivamente contaminano l'aria. Senza scomodare necessariamente l'inquinamento metropolitano, altri tipi di problemi possono derivare da fumo, fibre di amianto, polline o gas vari, che si formano nel tempo in caso di un certo particolare settore di lavorazioni, ad esempio in un ambiente di lavoro.


Fumo di tabacco


Il fumo di tabacco è uno dei principali agenti inquinanti all'interno di un ambiente confinato. Anche se oramai il divieto è esteso ai locali pubblici, spesso, in ambienti domestici, si ritrova con quel problema, che aumenta soprattutto quando si ha a che fare con combustione incompleta, che genera a sua volta una serie di composti chimici molto rischiosi per la salute e altamente cancerogeni.


VOC – composti organici volatili



Oltre al fumo anche i VOC sono prodotti molto rischiosi per la salute umana. Sono essenzialmente degli agenti inquinanti interni che provengono da materiali presenti all'interno dello spazio considerato e che spesso, hanno origine da arredi, vernici, materiali, anche di vecchia data, oltre che da prodotti chimici usati quotidianamente, anche all'interno di un ambiente domestico.

Dai VOC hanno origine diverse malattie, come la legionella, o malattia dei legionari, che è una malattia delle vie respiratorie, molto simile all'asma bronchiale.


Controllo qualità dell'aria: metodi di rimozione


ventilazione di un'abitazione

Tra le principali tecniche per tenere sotto controllo la qualità dell'aria, ci sono piccoli escamotage che possiamo applicare nella vita quotidiana, senza per forza andare incontro a grosse fatiche.
Innanzitutto c'è un discorso legato alla temperatura. Temperature troppo alte all'interno dell'ambiente domestico, favoriscono l'insorgere di muffe e funghi, in caso di mancato ricambio d'aria corretto e di percentuale di umidità eccessiva. Inoltre, la percezione della temperatura è proprio legata alla quantità di umidità presente. Per questo è bene dotarsi in certi casi di deumidificatore, senza eccedere nell'uso.

tecniche per il ricambio d'aria

Andando sull'aspetto tecnico, ci sono tre metodi per il controllo della qualità dell'aria:
1. Controllo alla sorgente, ovvero quello che comprende tutti quei metodi che limitano la diffusione degli agenti inquinanti e ne eliminano direttamente la fonte. Per esempio le cappe da cucina, che, una volta in funzione, aspirano l'aria e gli agenti inquinanti diffusi durante le fasi di preparazione del cibo.

2. Un altro metodo è il controllo per diluizione: anche qui, per limitare la diffusione degli agenti inquinanti, si cerca di effettuare il ricambio, con aria esterna possibilmente pulita. La classica apertura delle finestre ne è un esempio ed è sempre un buon metodo anche per limitare la diffusione dei VOC, soprattutto in caso di ambienti appena progettati o con vernici e mobili nuovi.

3. Infine, il terzo metodo: il controllo per rimozione. In questo caso, non basta il concetto di ricambio per diluizione del problema, ma si deve intervenire con veri e propri impianti , per la depurazione dell'aria all'interno dell'ambiente, sia esso domestico o lavorativo. Solitamente si usa più per la seconda soluzione, in spazi molto grandi e dove, vista la conformazione dell'edificio, non sia sempre possibile effettuare il ricambio in altro modo.

La tecnica più facile è appunto la seconda, e anche quella più utilizzata. Bisogna stare solo attenti all'aspetto energetico, visto che, cambiare l'aria in modo sbagliato, comporta spesso una grossa perdita dal punto di vista energetico, quando si ha a che fare con edifici un po' datati e non isolati nel modo corretto.

riproduzione riservata
Articolo: Qualità dell'aria e ventilazione
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Qualità dell'aria e ventilazione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
316.466 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Qualità dell'aria e ventilazione che potrebbero interessarti


Il nuovo Regolamento europeo per il contenimento energetico degli impianti di ventilazione

Impianti di climatizzazione - Da gennaio, in vigore nuovi requisiti minimi di efficienza energetica per le unità di ventilazione e nuove informazioni obbligatorie sulle etichette energetiche

Ventilazione naturale degli edifici

Progettazione - Ogni edificio deve essere opportunamente dotato di impianti di ventilazione, che assicurino il movimento dell'aria e il suo naturale ricambio con altra aria che abbia valori di temperatura, umidita'  e pulizia accettabili.

Soluzioni per problemi di condensa superficiale

Ristrutturazione - La ventilazione meccanica controllata permette di aerare i locali evitando la formazione di condensa e muffe sulle pareti interne.

Aria in Casa

Impianti - Per gestire e condizioni di benessere negli edifici, relative alle attività che dentro vi si svolgono, è determinante conoscere la norma UNI 10339 e le ASHRAE

Effetti della ventilazione naturale

Progettazione - La ventilazione naturale, i suoi effetti e le strategie per il corretto posizionamento delle aperture negli edifici: metodi per una progettazione bioclimatica.

Recuperatori di Energia Fredda

Impianti - Ventilatori in grado di recuperare energia termica, in freddo ed in caldo, dall'aria estratta dagli ambienti concorrono alla riduzione della spesa energetica.

Qualità Aria

Impianti - Il naturale ricambio dell'aria in casa avviene aprendo porte e finestre ma non sempre tale operazione garantisce la necessaria qualità dell'aria. 

Sistemi di areazione bagno

Impianti di climatizzazione - Garantire la giusta qualità dell'aria è importante anche negli ambienti che necessiterebbero di continui ricambi, come i bagni, soprattutto se privi di finestra

Diffusione Aria in Casa

Impianti - In continua diffusione i sistemi di ventilazione forzata nelle case garantiscono la possibilità del riscaldamento invernale e del condizionamento estivo.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img chiarale
Dovendo ristrutturare un locale di nostra proprietà al piano terra di un condominio, abbiamo scoperto che la canna fumaria originale, risalente a circa 30 anni fa, ma mai...
chiarale 27 Gennaio 2014 ore 16:17 1
Img cipi86
Buonasera,ho un problema con una stufa a pellet installata dal proprietario del piano terra in quanto hanno montato la stufa facendo andare le scarico dei fumi in una canna...
cipi86 03 Ottobre 2013 ore 15:07 1
Img gabrielee
Spiego il più brevemente e chiaramente possibile la situazione. Entro nell'appartamento sabato 1/2/2020. Mi accorgo subito la sera stessa che il citofono non funziona.
gabrielee 20 Marzo 2020 ore 14:30 1
Img nastia2020
Buonasera! Ho due vicini, una al primo piano uno al piano terra.la vicina del primo piano non vuole ripiastrellare e isolare la terrazza in comune fuori dalla casa, circa 60mq...
nastia2020 02 Marzo 2020 ore 18:18 5
Img gianfrsg75
Buonasera a tutti,spero di ricevere un consiglio da qualcuno più esperto di me per risolvere un problema annoso che mi si è presentato.Abito in un piccolo...
gianfrsg75 12 Febbraio 2014 ore 18:19 1