Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Prezzo gas: ecco i veri motivi del forte ribasso!

Il prezzo del gas alla borsa di Amsterdam (Ttf) è sceso moltissimo. Non è solo merito del price cap, anzi, ci sono diversi motivi per temere un prossimo rialzo!
- Burocrazia e utenze
Barra Preventivi Online

Prezzo gas e bollette più leggere: ma quanto durerà?


Il prezzo del gas è sceso. Alla borsa di Amsterdam, l'indice Ttf, il valore preso come riferimento per la formazione del prezzo del gas in Europa, ha toccato i 55,3 euro a megawattora.

Un valore che non si vedeva ancora prima che scoppiasse la guerra Russia-Ucraina.

Secondo gli analisti, questo ribasso non è dipeso dal price cap. Ci sono altre motivazioni e, purtroppo, anche varie ragioni per ipotizzare che la situazione possa peggiorare nuovamente.

Il prezzo del gas è sceso soprattutto grazie alle temperature miti di fine anno, ma l'inverno vero sta per arrivare
Fondamentalmente, a contribuire alla diminuzione del prezzo del gas è stato il calo della domanda.

Negli ultimi 3 mesi del 2022, infatti, abbiamo goduto di un clima anomalo: molto mite e con temperature ben al di sopra rispetto alle medie stagionali. Tale situazione ha quindi mantenuto bassa la domanda di gas, con consumi ridotti in maniera considerevole.

Sulla base dei dati Snam, nell'ultimo trimestre del 2022, in Italia, si è verificato un risparmio di circa 5,6 miliardi metri cubi di gas rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente.

Essendoci dunque una domanda minore, gli stoccaggi sono rimasti semipieni. La media europea è dell'81,7% e l'Italia, dal canto suo, è scesa appena al di sotto dell'80%.

Oltre a tutto quanto appena detto, il gas abbonda anche grazie all'arrivo di navi cariche di Gnl, il gas naturale liquefatto proveniente dalla Cina. E ancora, in termini di riduzione di utilizzo del gas, molto sta facendo anche con le fonti energetiche rinnovabili.
Negli scorsi giorni, Germani e Gran Bretagna hanno prodotto quantità record di energia eolica.

Nonostante tutto quanto sopra esposto, non c'è da stare troppo sereni. Se l'inverno, infatti, pare essere ormai messo in sicurezza, c'è da preoccuparsi in vista della prossima primavera, quando i Paesi europei dovranno riempire gli stoccaggi per l'inverno successivo.

Il 2023 potrebbe essere il primo anno in cui l'Europa non comprerà gas dalla Russia, soppiantata dal Gnl.

Tuttavia, c'è il forte rischio che la potenziale ripresa dell'economia cinese potrebbe dirottare il Gnl verso la Cina, proprio quando servirà di più all'Europa.

Inoltre, dopo l'ondata di freddo di metà dicembre, in Italia ed Europa sta per arrivare il vero inverno, con il termometro che segnerà temperature anche 4 gradi sotto la media stagionale. Di conseguenza, il consumo di gas accelererà provocando un più rapido svuotando degli stoccaggi.

Ecco che, allora, la scarsa disponibilità di gas genererà nuovamente timori di blackout e razionamenti, riportando nel giro di breve tempo al rialzo del prezzo del gas sul mercato. E di conseguenza anche al caro bollette.

riproduzione riservata
Prezzo gas sceso di molto: ecco le vere ragioni
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 2 voti.

Prezzo gas sceso di molto: ecco le vere ragioni: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti