Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Plusvalenza immobiliare: cos'è e quando è tassata

Il maggior guadagno, che origina dalla cessione di un immobile (abitazione, terreno agricolo o edificabile), può essere tassato con modalità e aliquote diverse.
07 Maggio 2021 ore 11:55 - NEWS Proprietà

Cos’è la plusvalenza?


Per plusvalenza si intende l’incremento di valore dato dalla differenza fra il costo sostenuto per l’acquisto o la costruzione di un bene immobile e il maggior prezzo con il quale il medesimo immobile è successivamente ceduto.

La plusvalenza è, dunque, il guadagno conseguito a seguito di una operazione articolata in due fasi: l’acquisto e la successiva rivendita del medesimo bene.

Tale differenza fra il prezzo di acquisto o di costruzione assume rilevanza fiscale, poiché costituisce reddito imponibile che deve essere dichiarato al Fisco e, pertanto, tassato.

Plusvalenza immobiliare
Nel nostro ordinamento giudico la plusvalenza è tassata solo in alcuni specifici casi, sulla base di quanto disposto dalle norme previste dal Testo unico delle imposte sui redditi, nel prosieguo anche TUIR, a seconda che si tratti di plusvalenza da redditi d’impresa o da redditi diversi.

Con specifico riguardo alla plusvalenza immobiliare, questa rientra nell’ambito dei c.d. redditi diversi se l'alienante è un soggetto non imprenditore.

In tale categoria reddituale sono ricompresi i redditi, non riconducibili alle tipologie di provento espressamente individuate dal Legislatore (Redditi fondiari, Redditi di capitale, Redditi di lavoro dipendente, Redditi d’impresa), ma, in ogni caso, aventi rilevanza fiscale e dunque assoggettabili a tassazione.


Tipologie di plusvalenza immobiliare


Al fine di individuare le plusvalenze immobiliari, che possono essere oggetto di tassazione, il primo riferimento normativo è rappresentato dall’art 67 dpr 917/1986.

Tale norma nel tempo ha subito importanti modifiche legislative.

Il testo previgente, prevedeva una generalizzata tassazione plusvalenze caratterizzate da un chiaro intento speculativo. L’attuale formulazione, pur non contenendo più l’espresso riferimento allo scopo speculativo, deve ritenersi pacifico come tale obiettivo continui a costituire una importante componente dell’intera operazione.

L’attuale art 67 dpr 917 del 1986, individua specifiche ipotesi di tassazione plusvalenza immobili, raggruppandole in tre diverse macro categorie:

  • la plusvalenza realizzata mediante la lottizzazione di terreni, o l'esecuzione di opere intese a renderli edificabili, e la successiva vendita, anche parziale, dei terreni e degli edifici (lett. a) dell'art 67 comma 1 tuir;

  • la plusvalenza realizzata mediante cessione a titolo oneroso di terreni agricoli acquistati da non più di 5 anni, esclusi quelli acquisiti per successione (lett. b) dell’art 67 comma 1 tuir;

  • in ogni caso, la plusvalenza realizzata a seguito di cessioni a titolo oneroso di terreni suscettibili di utilizzazione edificatoria, secondo gli strumenti urbanistici vigenti al momento della cessione (lett. b) dell’art 67 comma 1 tuir.


Plusvalenza terreni edificabili


L’art 67 comma 1 tuir alla lettera a) stabilisce che sono tassabili le plusvalenze realizzate mediante la lottizzazione di terreni o l’esecuzione di opere intese a renderli edificabili, e la successiva vendita, anche parziale, dei terreni e degli edifici.

Ai sensi del citato articolo è, dunque, soggetto a tassazione anche l’acquisto di un terreno edificabile.

Tassazione plusvalenza terreno edificabile
Si precisa che per lottizzazione deve intendersi il mero completamento della necessaria procedura amministrativa, risultando del tutto ininfluente che le opere di urbanizzazione non siano ancora state avviate (in tale senso, Cass., 27 giugno 2019 n. 17264).

Rientrano in tale previsione normativa i terreni acquistati mediante ordinario atto di compravendita, nonché i terreni trasferiti per successione, donazione o usucapione.

Calcolo plusvalenza


Per le compravendite immobiliari aventi a oggetto terreni, realizzate dopo il 1° gennaio 2002, la plusvalenza si determina come differenza tra:

  • il corrispettivo percepito per la vendita, anche parziale, dei terreni (o degli edifici) che sono stati oggetto di lottizzazione o di esecuzione di opere intese a rendere i terreni stessi edificabili e

  • il prezzo di acquisto o il costo di costruzione del bene ceduto, aumentato dei costi inerenti per calcolo plusvalenza (a esempio le spese per la realizzazione di opere di urbanizzazione).


In caso di trasferimento del terreno per successione o donazione, è previsto che si assuma come prezzo di acquisto il valore dichiarato negli atti registrati, aumentato di ogni altro costo successivo inerente, nonché dell’imposta comunale sull’incremento di valore degli immobili e di successione.

La vendita di terreni edificabili, se produce plusvalenza terreni edificabili, è sempre tassata, anche dopo cinque anni dall’acquisto e anche se il trasferimento della proprietà è avvenuto per successione o donazione.

Tassazione terreni edificabili


Determinato l’imponibile da assoggettare a imposta, la plusvalenza è tassata, in forma ordinaria, ai fini Irpef, nell'anno di conseguimento, secondo il principio di cassa.

Tassazione terreni edificabili
Ciò significa che, la plusvalenza immobiliare concorre, con tutti gli altri redditi (redditi da lavoro dipendente, pensione, etc), alla determinazione del reddito complessivo.

La tassa plusvalenza è quindi determinata secondo le aliquote previste per i vari scaglioni di reddito IRPEF, a partire dall’aliquota più bassa pari al 23%.


Plusvalenza terreni agricoli


Anche la cessione di terreno agricolo produce una plusvalenza tassata in capo al venditore.

Tale plusvalenza terreni agricoli, conseguita mediante la cessione di terreno agricolo a titolo oneroso, purché non suscettibile di utilizzazione edificatoria (es. terreni agricoli) se acquistato o ricevuto in donazione da non più di 5 anni, rientra nei redditi diversi di cui all’art. 67 comma 1 tuir (lett. b) ed è soggetta a quanto disposto all’art. 68 tuir.

Tassazione terreno agricolo
La plusvalenza terreni agricoli non è, invece, oggetto di tassazione, nel caso in cui si tratti di plusvalenza terreni edificabili pervenuti per successione.

Tassazione plusvalenza vendita terreno agricolo


In tali casi, la plusvalenza viene calcolata come differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto, aumentato di ogni altro costo inerente al bene.

Tali oneri accessori devono risultare dalla fattura.

In caso di rideterminazione del valore dei terreni mediante perizia giurata la plusvalenza si calcola sulla differenza tra il prezzo di vendita e il valore di perizia.

In questo caso tra i costi inerenti, rientra anche la spesa sostenuta per il rilascio della perizia.

Tassazione plusvalenza vendita terreno agricolo
La plusvalenza terreni agricoli deve essere esposta nella dichiarazione dei redditi del venditore, e tassata in base alle aliquote progressive applicabili al suo reddito complessivo.

Come rilevato, essendo lo scaglione minimo pari al 23%, fermo restando la necessità di verificare la specifica situazione contabile e fiscale del contribuente, nella maggior parte potrebbe risultare più conveniente la tassazione sostitutiva plusvalenze immobiliari, che prevede l’applicazione di una imposta sostitutiva 20%, per i trasferimenti conclusi fino al 31 dicembre 2019.


Plusvalenza da cessione di terreni suscettibili di capacità edificatoria


Ultima categoria di plusvalenza tassabile è rappresentata dalla plusvalenza che origina dalla cessione a titolo oneroso di terreni suscettibili di capacità edificatoria.

Tale plusvalenza è contemplata dalla lettera b) dell’art 67 comma 1 tuir, ai sensi del quale tra i redditi diversi da assoggettare a tassazione rientrano anche le plusvalenze realizzate a seguito di cessione di terreni suscettibili di utilizzazione edificatoria secondo gli strumenti urbanistici vigenti al momento della cessione.

In base al principio di cassa, tali plusvalenze concorrono a formare il reddito complessivo del cedente nell'anno in cui il corrispettivo è percepito.

Tassazione plusvalenza di terreni suscettibili di capacità edificatoria


La plusvalenza, in tal caso, è data dalla differenza tra i corrispettivi percepiti nel periodo d'imposta e il prezzo di acquisto aumentato dei costi inerenti al bene.

Il regime naturale di tassazione della plusvalenza è regolato dall'art. 17, primo comma, lett. g bis TUIR salvo opzione per la tassazione ordinaria, da esercitarsi nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta in cui è avvenuta o ha avuto inizio la percezione del corrispettivo.

Tassazione sostitutiva plusvalenze immobiliari


La plusvalenza è esposta nella dichiarazione annuale dei redditi ed è tassata con le aliquote indicate per i diversi scaglioni in base al reddito complessivo.

In alcuni casi, però, qualora la plusvalenza derivi da vendita di un immobile o di un terreno agricolo acquistati o costruiti da parte di una persona fisica da meno di 5 anni, può essere assoggettata a un’imposta sostitutiva delle ordinarie imposte sui redditi, introdotta dalla legge 23 dicembre 2005, n. 266, all’art. 1, comma 496 (c.d. Legge di Bilancio 2006).



Tale norma prevedeva l’applicazione di una imposta sostitutiva pari al 20% (12,50% prima del 3 ottobre 2006).

La citata aliquota, per effetto della Legge di Bilancio per il 2020 (art. 1, comma 695, L. 27 dicembre 2020, n. 160) è stata innalzata al 26%, con esclusivo riferimento ai trasferimenti conclusi a partire dal 1 gennaio 2020.

L’imposta è incassata dal notaio al momento del perfezionamento dell’atto, e immediatamente versata al fisco per via telematica.

riproduzione riservata
Articolo: Plusvalenza immobiliare
Valutazione: 5.86 / 6 basato su 7 voti.

Plusvalenza immobiliare: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
330.337 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Plusvalenza immobiliare che potrebbero interessarti


Plusvalenza sui beni immobiliari

Normative - Prima di procedere alla vendita di un bene immobiliare, è opportuno valutare una ulteriore tassazione rispetto al regime ordinario.

Tasse vendita casa: le novità della manovra 2020

Fisco casa - Brutte notizie per chi vende casa entro 5 anni: aumentano del 6% le imposte sulle plusvalenze immobiliari. Ecco cosa prevede la Legge di Bilancio sull'argomento

Cassazione: bollette molto basse, la casa non è abitazione principale

Fisco casa - Per la Corte di Cassazione la presenza di consumi bassi è un indice del fatto che l'abitazione non è quella principale: scatta così l'imposta sulla plusvalenza.

Possesso immobili: la disciplina fiscale ai fini IRPEF

Fisco casa - Gli immobili, sia adibiti ad abitazione principale che in locazione, producono reddito rilevante ai fini IRPEF. Ecco un manuale fiscale per possesso di immobili

Ici sui terreni

Normative - Sono soggetti al regime impositivo dell'Ici non solo gli edifici ma anche i terreni, siano essi edificabili o di tipo agricolo.

Cedolare secca 2019: come funziona la tassazione sostitutiva

Fisco casa - Contratto di locazione cedolare secca: come esercitare l'opzione del regime di tassazione facoltativo, aliquote e modalità di versamento. Le novità per il 2019.

Investire in terreni agricoli e relativi annessi

Normative - La terra conserva valore nel tempo, ma le variabili che incidono sulla determinazione del suo valore sono varie e complesse.

In aumento la cedolare secca su affitti concordati

Fisco casa - Manovra 2020: quali gli effetti per i contribuenti. Triplicano le imposte ipotecarie e catastali e aumenta al 12,5% la cedolare secca. Vediamo quali sono le novità

Scadenza pagamento saldo ICI

Fisco casa - C'è tempo fino al 16 dicembre per pagare il saldo ICI, dovuto per seconde case e per immobili con destinazione diversa da quella abitativa.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img ale_jandro
Ciao a tutti. Sto vendendo degli immobili e per assurdo in base ai prezzi stabiliti per ogni singolo immobile, verrà a crearsi una plusvalenza, anche se nel complesso...
ale_jandro 21 Ottobre 2020 ore 12:28 1