Piante acquatiche: tipologie e consigli per la coltivazione

NEWS DI Piante03 Giugno 2019 ore 11:32
Le piante acquatiche non sono così difficili da coltivare, in un laghetto artificiale o nella tinozza in terrazzo: basta seguire i consigli di vivaisti esperti.

Piante acquatiche per laghetti


Tra le differenti tipologie di piante esistenti, una di quelle più curiose e suggestive rientra nella categoria piante acquatiche. Le piante da laghetto possono risultare ai più misteriose e si pensa che possano essere difficili da coltivare, ma non è sempre vero!

Queste possono rappresentare una proposta suggestiva e scenografica adatta ai laghetti artificiali che qualcuno potrebbe avere in un angolo del proprio giardino .
Rientrano nel mondo delle piante che vivono nell'acqua anche le piante palustri che sorgono in natura in prossimità dei laghi.


Piante palustri Alisma parviflora di Etabeta-ninfee.it

Piante palustri Alisma parviflora di Etabeta-ninfee.it

Piante palustri Alisma parviflora di Etabeta-ninfee.it
Piante acquatiche anemone palustre su Etabeta-ninfee.it

Piante acquatiche anemone palustre su Etabeta-ninfee.it

Piante acquatiche anemone palustre su Etabeta-ninfee.it
Pianta acquatica Hydrocotile su Etabeta-ninfee.it

Pianta acquatica Hydrocotile su Etabeta-ninfee.it

Pianta acquatica Hydrocotile su Etabeta-ninfee.it
Menta acquatica su Agripetgarden.it

Menta acquatica su Agripetgarden.it

Menta acquatica su Agripetgarden.it
Ninfea pianta da laghetto Etabeta-ninfee.it

Ninfea pianta da laghetto Etabeta-ninfee.it

Ninfea pianta da laghetto Etabeta-ninfee.it
Primula acquatica su Agripetgarden.it

Primula acquatica su Agripetgarden.it

Primula acquatica su Agripetgarden.it

I vivai specializzati in piante per laghetto rendono agli interessati anche molto facile l'acquisto: infatti, le piante si possono comprare pesino online e i vivaisti sapranno indicarci anche le qualità più adatte in base al laghetto, alla sua posizione e profondità.

Le piante che crescono in ambienti acquatici sono legate a ecosistemi fluviali o lacustri a oggi possono essere scelte come piante decorative da collocare nei laghetti ma anche in apposite vasche e tinozze adatte alla coltivazione in terrazzo.

Ninfea pianta acquatica di Etabeta-ninfee.it
Quando parliamo del mondo delle piante acquatiche facciamo riferimento a ninfee e fiori di loto, ma anche piante ossigenanti, varietà galleggianti e piante adatte a terreni umidi.

I vivai specializzati, oltre a offrire una vasta gamma di piante acquatiche, sapranno darvi tutte le caratteristiche di ogni specie e fornirvi anche l'attrezzatura completa per creare un laghetto artificiale in giardino ricorrendo a teli, filtri, appositi concimi e altro ancora.


Tipologie di pianta acquatica ombreggiante: ninfee e fior di Loto


Tra le piante acquatiche più conosciute non possiamo non citare le ninfee, esemplari bellissimi e fioriti che si suddividono in ninfee rustiche, che fioriscono tra maggio e ottobre e resistono al gelo dell'inverno, oppure ninfee tropicali dalle corolle sgargianti che possono fiorire di giorno o di notte. Le specie tropicali in inverno vanno riparate dal freddo e devono essere riportate all'esterno quando la temperatura dell'acqua è di 25° C, non prima.

Ninfee Rosennymphe da laghetto su Etabeta-ninfee.it
Indiscusse protagoniste dei giardini acquatici sono piuttosto facili da coltivare.

La pianta acquatica pone le sue radici sul fondo del lago o della vasca, anche se ciò che è visibile in superficie sono i fiori e le loro foglie che galleggiano elegantemente a filo d'acqua.

La concimazione va fatta in primavera e l'unica accortezza è inserire il concime dentro la terra del vaso per evitare che si disperda in acqua. Per coltivare i fiori acquatici è importante sapere a quale profondità vanno collocate le piante: le specie tropicali vanno poste ad almeno 30 cm in una posizione assolata. Anche per le ninfee è opportuno procedere alla potatura delle foglie: in questo modo si favorisce una maggiore e più abbondante fioritura.

Anche online è possibile scegliere tra una vastissima quantità di ninfee e lo stesso vale per altre piante acquatiche. Sul sito Etabeta-ninfee si possono acquistare la ninfea odorata Sulohurea, gialla e profumata è perfetta per andare a decorare laghi medio grandi portando colore dalla tarda mattina fino al pomeriggio. Ma si trovano ad esempio anche la ninfea Rosennymphe che è nota per la sua fioritura eccezionale e per la corolla cangiante e ancora la ninfea Tetragona dai fiori bianchi, perfetta in laghetti medio piccoli e molte altre specie ancora.

Tra le piante fiorite galleggianti un'altra varietà dal fascino senza tempo è il fiore di Loto adatto alla coltivazione anche in contenitori di piccole dimensioni.

Fior di loto Shirokunshi su Etabeta-ninfee.it
Questo fiore è molto resistente alle basse temperature e al gelo, essendo una pianta rustica che si caratterizza per le foglie emerse molto grandi capaci di raggiungere anche gli 80 cm di diametro. La pianta fiorisce in estate, da luglio al mese di settembre se esposta in pieno sole.

Per una coltivazione in spazi ridotti come i vasi a tenuta d'acqua che possono essere appoggiati su tavoli terrazzi e balconi si può ricorrere a fior di Loto nani.
Tra le specie che si possono trovare online citiamo il Nelumbo nucifera, Alba plena o ancora Red Korea. Le corolle possono avere colori tenui o al contrario vivaci.


Piante palustri da riva dal potere ossigenante


La natura non finisce mai di sorprenderci: pensiamo che tra le piante acquatiche troviamo la categoria di piante palustri che affondano le radici in acqua ma crescono sui lati di fiumi e laghi.

Queste hanno la capacità di depurare l'aria, quindi, oltre all'estetica risulta apprezzabile questa caratteristica.

Si può optare per l'Alisma parviflora, pianta fiorita con foglie dalla nervatura bene in vista o ancora l'Anemopsis della California dai fiori bianchi o per la pianta palustre Hydrocotyle che galleggia sull'acqua.

Non solo le piante palustri, ma anche altre particolari piante adatte a terreni umidi crescono bene se le loro radici sono immerse nell'acqua, anche se possono definirsi piante tradizionali, da terra e non prettamente acquatiche.

Vengono spesso utilizzate insieme alle palustri per andare a integrare e completare la macchia rigogliosa che va a circondare laghetti o stagni, per creare l'habitat ideale.

Sul sito Agripetgarden.it è interessante andare a scovare tra le piante per laghetti anche le piante ossigenanti sommerse capaci di liberare ossigeno in quantità mantenendo l'acqua pulita ed evitando la formazione di fastidiose alghe, come il biancospino d'acqua, o il ranuncolo acquatico o ancora piante non fiorite e verdi come Egeria Najas o Elodea Densa.

Calla palustre di Agripetgarden.it
Accanto a queste troviamo una vasta gamma di piante definite adatta alla fitodepurazione ossia la depurazione dell'acqua del lago come Juncus, menta acquatica, giacinto d'acqua o a bella e raffinata calla palustre. In questo modo il risultato si ottiene secondo un funzionamento efficace di autodepurazione adatto a un habitat umido e acquatico.

Queste piante vanno scelte in base alla migliore compatibilità con il contesto ambientale, al tipo di terreno e al potere depurativo di ogni pianta. Non preoccupatevi se il risultato non sarà ottimale e in inverno la vasca sembrerà meno pulita: ciò dipende dal funzionamento che potremmo definire per natura stagionale delle piante dal potere di fitodepurazione.


Minipond: come crearlo


Se siete rimasti affascinati da questo mondo e volete mettervi alla prova potete acquistare un piccolo kit minipond fai da te che è la definizione di un piccolo specchio d'acqua, un mini laghetto che potete ricreare all'aperto, anche in terrazza.

Il contenitore adatto è una tinozza in plastica o in metallo o ancora in pietra o in legno, profonda almeno 35 cm e larga almeno 70 cm.

Una volta riempita d'acqua, può ospitare il contenuto del kit proposto da Hydrophyllum.it.

Kit minipond di Hydrophyllum.it
Eccolo: una pianta ossigenante, pianta per la fitodepurazione dell'acqua, una pianta ornamentale e una ninfea.

riproduzione riservata
Articolo: Piante acquatiche: quali sono e come curarle
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 3 voti.

Piante acquatiche: quali sono e come curarle: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Piante acquatiche: quali sono e come curarle che potrebbero interessarti
Ninfee da laghetto

Ninfee da laghetto

Giardino - Le ninfee sono tra le piante acquatiche ornamentali più belle e ricercate per abbellire sensibilmente un laghetto da giardino e donargli fascino ed estetica
Coltivare le Ninfee

Coltivare le Ninfee

Piante - Le Ninfee sono piante acquatiche dall'indubbio carattere scenografico che, con i loro fiori grandi e colorati, rendono unico qualsiasi giardino domestico.
Piante Idrofile

Piante Idrofile

Piante - Le idrofile sono piante, generalmente dotate di organi aerei che permettono la permanenza continua delle ra­dici nell'acqua senza marcire, attraverso essi respirano.

Tre giorni per il Giardino promosso dal FAI

Giardinaggio - Dal 28 aprile al primo maggio prossimi si svolgerà la ventesima edizione di Tre giorni per il Giardino, evento promosso dal FAI (Fondo per l'Ambiente Italiano).

Felci e ninfee in giardino

Giardino - Felci e ninfee sono tra le più comuni specie vegetali che animano gli specchi di acqua ed i loro bordi, naturali o artificiali esse non richiedono molte cure.

Costruire un laghetto artificiale

Fai da te - L'acqua in giardino costituisce un elemento fondamentale sia per la sopravvivenza delle specie vegetali che per l'aspetto estetico e ornamentale dell'ambiente esterno.

Giardini d'Autore 2011

Giardino - Torna anche quest'anno la manifestazione florovivaistica Giardini d'Autore, che si svolge a Riccione dal 18 al 20 marzo, nella splendida cornice di...

Piante vere, manutenzione zero

Giardinaggio - Grazie alle creazioni Jardin D'Hiver è possibile avere piante vere che non hanno bisogno di cure e mantengono il loro inalterato splendore per almeno 10 anni.

Come funziona una bioscina naturale

Spazio esterno - Una biopiscina, o laghetto naturale balneabile, è uno specchio d'acqua artificiale la cui pulizia avviene grazie alle piante acquatiche appositamente presenti.
REGISTRATI COME UTENTE
303.655 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Velux
  • Kone
  • Vimec
  • Black & Decker
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
CHIEDI PREVENTIVI DEL SETTORE:
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.