Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

I principali doveri dell'amministratore di condominio

Gli adempimenti e le responsabilità dell'amministratore di condominio sono numerosi e complessi. Web Condominio offre la soluzione su misura per ogni condominio
11 Giugno 2021 ore 12:23 - NEWS Amministratore di condominio

Doveri amministratore condominio


Negli ultimi anni, si è registrato un maggiore interesse del Legislatore alla materia condominiale.

In particolare, la Legge 11 dicembre 2012 n. 220, con l’obiettivo di ordinare la disciplina condominiale, da una parte, ha introdotto ex novo specifici obblighi e adempimenti e, dall’altra, si è limitata a formalizzare nero su bianco molte incombenze che di fatto, pur in assenza di una specifica previsione normativa, erano già eseguiti in condominio.

Doveri e obblighi amministratore condominio
In un simile contesto, nuove attribuzioni e connesse responsabilità sono state previste in capo agli amministratori di condominio.

Ciò ha comportato una inevitabile metamoforsi del ruolo e delle responsabilità dell’amministratore di condominio che da mero rappresentante della comunione è diventato, negli ultimi anni, centro di imputazione di nuovi rapporti giuridici e nuove responsabilità.


Adempimenti amministratore di condominio (art. 1130, n. 1 e 10, c.c.)


Il riferimento normativo per individuare le principali attribuzione riservate dalla legge all’amministratore condominio, è rappresentato dall’art. 1130 c.c., sensibilmente modificato dalla Legge di riforma del condominio.

Tale norma attribuisce, in primis, all'amministratore di condominio una funzione di carattere meramente esecutivo, che consiste nella convocazione annuale dell’assemblea per l’approvazione del rendiconto condominiale ai sensi dell’art. 1130 bis c.c. e di eseguire le delibere e curare l'osservanza delle decisioni regolamentari.

L’amministratore di condominio è tenuto altresì a rispettare previste formalità per convocare correttamente l’assemblea sia ordinaria sia straordinaria.

Amministratore di condominio Roma doveri e obblighi

In particolare, ai sensi dell’art. 66 disp. di att. c.c. l’amministratore di condominio è tenuto a inviare ai condomini, nel rispetto di un congruo preavviso di almeno 5 giorni prima della data fissata per l’adunanza, la relativa convocazione con indicazione chiara del luogo e dell’ora, dove avrà luogo la riunione nonché l’ordine del giorno.

Occorre che l’avviso sia inoltrato ai condomini con posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o tramite consegna a mano.

Ai sensi dell’art. 1136 c.c. le deliberazioni assunte dall’assemblea devono essere riportate in un apposito verbale che deve essere trascritto in un registro tenuto dall’amministratore di condominio.

Questi deve inoltre inviare ai condomini tale verbale di assemblea, in quanto funzionale all’esercizio di impugnazione delle delibere.


Omessa convocazione dell’assemblea da parte dell’amministratore di condominio


L‘omessa convocazione dell’assemblea per l’approvazione del bilancio, costituisce una grave violazione degli obblighi di un amministratore di condominio e, pertanto, rappresenta ai sensi dell’art. 1129 c.c., motivo di revoca.

Nelle ipotesi di omessa convocazione ogni singolo condomino può autonomamente ricorrere al Tribunale competente, per chiedere la revoca giudiziale dell’amministratore di condominio, integrando tale inadempienza motivo per giusta causa.


Obbligo amministratore di condominio di disciplinare l’uso cose comuni (art. 1130, n. 2, c.c.)


All’amministratore di condominio compete anche il compito di regolamentare l’uso delle cose e dei servizi comuni, assicurando il miglior godimento ai partecipanti della comunione, garantendo la vigilanza e la tutela.

Nell’esecuzione di tale obbligo l’amministratore di condominio può eseguire verifiche e impartire le disposizioni necessarie a mantenere integra la parità di godimento dei beni e servizi comuni a beneficio di tutti i condomini, non potendo però vietarne del tutto l'uso (Cass. n. 6567/2006).

Tali attività, per essere concretamente realizzate, richiedono spesso la ratifica da parte dell’assemblea.

A esempio, se l'attivazione dell'impianto comune di riscaldamento può essere disposta in via autonoma dall'amministratore, spetta tuttavia all'assemblea il potere di deliberare in ordine alle spese necessarie per il suo adeguamento agli standard tecnici prescritti dalle normative sulla sicurezza e sulla limitazione delle emissioni inquinanti prodotte dalla combustione (Cass., n. 8531/1996).


Obbligo amministratore di condominio di riscuotere i contributi (art. 1130, n. 3, c.c.)


Fra doveri amministratore condominio rientra altresì la riscossione dei contributi nei confronti dei condomini, necessarie al sostentamento delle spese per l’utilizzo di beni e servizi comuni.

Sovente in ambito condominiale si pone il problema di recuperare tali quote condominiali (a volte anche consistenti) non versate da condomini morosi.

Amministratore condominio spese comuni
In tal caso, la legge di riforma stabilisce l’obbligo amministratore di condominio di riscuotere i contributi condominiali attraverso la più opportuna azione legale per il recupero forzoso del credito, entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio e, conseguentemente, di seguire con scrupolo e massima diligenza l'iter giudiziario sino al procedimento di esecuzione.

Il mancato adempimento di tale obbligo di vigilanza può essere causa di possibile revoca giudiziaria per grave irregolarità su iniziativa di ciascun condòmino.


Obbligo amministratore di condominio di erogare le spese (art. 1130, n. 3, c.c.)


L’art. 1130 c.c. prevede ulteriori funzioni di natura amministrativa, caratterizzate da ampi margini di autonomia decisionale e discrezionalità in capo all'amministratore di condominio, in relazione a interventi afferenti l’ordinaria amministrazione.

Più stringenti sono invece i poteri riservati all’amministratore di condominio afferenti gli interventi di manutenzione straordinaria.

Tali decisioni competono all’assemblea (art. 1135, primo comma, n. 4), salvo casi di urgenza, per i quali è previsto il potere dell’amministratore di condominio di approvare e disporre spese, avendo l’obbligo di riferire alla prima assemblea (art. 1135, secondo comma, c.c.).
Amministratore di condominio e assembleaGeneralmente le attività di riscossione dei contributi ed erogazione delle spese sono svolte sulla base di un preventivo annuale che indica la destinazione dei fondi ripartiti per necessità e la misura del contributo di ciascun condomino.

Tali spese concorreranno a formare un fondo a disposizione dell'amministratore a cui questi può attingere per autorizzare spese aventi anche carattere di urgenza, quali, a esempio, interventi sulla facciata per evitare gravi e imminenti pericoli derivanti dalla caduta in strada degli intonaci.


Atti conservativi amministratore di condominio (art. 1130, n. 4, c.c.)


L’amministratore di condominio ha altresì il potere di agire in difesa dei diritti riguardanti le parti comuni dell'edificio contro molestie, spogli o minacce, provenienti da terzi o anche da singoli condomini, nonché atti a salvaguardia dei diritti concernenti l'edificio condominiale unitariamente considerato.

Per giurisprudenza prevalente compete all’amministratore di condominio, anche senza previa autorizzazione dell’assemblea, l'azione volta a rimuovere gravi difetti di costruzione che incidono sull'intero edificio e i singoli appartamenti, nonché il potere di intervenire contro eventuali azioni messe in atto dagli stessi condomini finalizzate alla realizzazione di scavi nel sottosuolo.


Obblighi amministratore condominio, l'aspetto fiscale (art. 1130, n. 5, c.c.)


Negli ultimi anni, abbiamo certamente assistito a un progressivo ampliamento delle competenze fiscali riservate all’amministratore di condominio.

Numerosi provvedimenti normativi e recenti Manovre finanziarie hanno ufficializzato diversi adempimenti e in alcuni casi, introdotto convenienti forme di incentivi ad hoc per il contesto condominiale, riconoscendo altresì benefici maggiorati.

Tutto ciò si è tradotto in nuovi doveri amministratore condominio anche nei confronti del Fisco.

Come noto, la previsione del condominio quale sostituto di imposta ex art. 23, D.P.R. n. 600/1973, ha comportato specifici obblighi di versamento e dichiarativi, materialmente assolti dall’amministratore di condominio.
In particolare, vi rientrano principalmente:

  • obbligo di applicazione e versamento della ritenuta d'acconto Irpef (artt. 23 e 25, D.P.R. n. 600/1973);

  • rilascio e trasmissione della relativa Certificazione Unica (CU);

  • obbligo di presentazione del modello 730;

  • presentazione del modello AC.


Obblighi documentali dell’amministratore di condominio (art. 1130, n. 6-7-8 e 9, c.c.)


L’art. 1130 c.c. riporta che l’amministratore deve conservare tutta la specifica documentazione del condominio che amministra (a titolo esemplificativo, registro dell’anagrafe condominiale, registro del verbale di assemblea, di nomina e revoca e registro di contabilità) afferente la vita e la gestione condominiale.

Il fine di tale obbligo risiede nella necessità di garantire l’accesso ai documenti da parte del condomino al fine di garantire la trasparenza e la regolarità degli interessi comuni.

Amministratore condominio e obblighi documentali
Si tratta di un compito che spesso espone l’amministratore di condominio a continue richieste e possibili azioni di responsabilità personale da parte dei condomini, poiché non è sempre immediato determinare quando la richiesta del condomino costituisce intralcio all’attività dell’amministratore.

Non può ritenersi violazione dell’obbligo di fornire la documentazione il comportamento dell’amministratore di condominio che indica gli orari e il luogo dove trovare la documentazione, rifiutandosi di fornire copia cartacea dei documenti richiesti (Trib. Roma, 11 luglio 2018, n. 14268).


Fine Articolo
LA REDAZIONE CONSIGLIA

Amministratori di condominio Roma: esperienza e trasparenza al vostro servizio


Web CondominiLa tendenza di attribuire all’amministratore nuovi obblighi, sovente può far sorgere difficoltà soprattutto pratiche dovute anche al continuo evolversi della normativa e alla necessità di interfacciarsi con diversi professionisti e tecnici dei vari settori.

Il nuovo ruolo dell’amministratore di condominio impone a quest’ultimo un inevitabile ripensamento delle priorità e una maggiore attenzione alle connesse responsabilità.

Come districarsi dunque fra tutti questi adempimenti?

La soluzione è Web Condomini.

Web condomini è una realtà specializzata e consolidata che si occupa con successo di amministrazione condominiale e immobiliare.

L’esperienza ventennale nel settore condominiale dei soci fondatori garantisce all’amministratore di condominio a Roma servizi personalizzati, professionali, chiari e trasparenti, attraverso rigorose procedure di controllo.

La nuova figura professionale dell’amministratore di condominio, in particolare in realtà come quella romana, impone un costante aggiornamento e un occhio attento alle nuove tecnologie e modalità di comunicazione più avanzate, senza dimenticare l’importanza del contatto diretto.

Web condomini risponde a tali esigenze, mettendo a disposizione dell’amministratore condominio Roma un sistema di gestione smart delle più complesse attività con l'ausilio di moderni software e garantendo una reperibilità h24, 7 giorni su 7, semplificando notevolmente la fruizione dei servizi condominiali da parte del singolo condomino.

Sul sito di Web condomini vi è una pagina dedicata all’area condomini, ove all’interno, attraverso l’inserimento di specifici codici, è possibile per i condomini accedere a una area riservata dove reperire tutte le principali informazioni con pochi e semplici click.

Se siete alla ricerca di un amministratore condominio Roma, che garantisca una gestione del vostro condominio trasparente e attenta, la scelta giusta è Web Condomini.

riproduzione riservata
Articolo: Obblighi amministratore condominio
Valutazione: 5.80 / 6 basato su 5 voti.
Padovani Giuseppe nasce come Amministratore e Commerciale di una società Motonautica di vendita e ricambi per imbarcazioni, leader a Roma nel settore del marchio Yamaha.L’attività di Amministratore condominiale non professionista, inizia con il mandato da parte del condominio in cui viveva, era l’anno 2000.

Obblighi amministratore condominio: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Federica
    Federica
    1 giorni fa

    Mentre stavo facendo i lavori nel bagno gli operai si sono accordi che la fecale perde ed esala cattivi odori, la sostituzione del tratto di tubo spetta a me perchè è in casa mia oppure al condominio? io ho avvisato l'amministratore che ha detto che si deve coninvolgere anche l'assicurazione condominiale! come funziona?

    rispondi al commento
  • Frakingofgamer40
    Frakingofgamer40
    Giovedì 30 Agosto 2018, alle ore 09:56
    Se un condomino deve effettuare dei lavori in casa sua, ma questi lavori, poi, vanno a modificare l'aspetto del condominio, tipo una veranda, l' Amministratore e' tenuto a chiedere tutti i permessi per la costruzione di tale veranda e deve poi informare tutti gli altri condomini?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Frakingofgamer40
      Martedì 4 Settembre 2018, alle ore 10:31
      Prima d'ogni cosa è il condòmino che avrebbe dovuto informare l'amministratore dell'opera. Quanto ai poteri dell'amministratore: egli può contestare la violazione del decoro dell'edificio ed eventualmente sollecitare il comune a fare le opportune verifiche della regolarità amministrativa della veranda, ma non ha il potere di obbligare il condòmino a darli copia dell'autorizzazione a edificare la chiusura del balcone.
      rispondi al commento
  • Mariabartolacci
    Mariabartolacci
    Lunedì 22 Giugno 2015, alle ore 17:25
    Una semplice domanda.Posso pretendere che vengano effettuate le comunicazioni con l'amministratore tramite pec? Arrivano prima (abito in un posto dove, se non sei in casa al momento del passaggio del postino, impieghi 3 giorni lavorativi per recuperare le raccomandate). Posso pretenderlo o è a sua discrezione?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Mariabartolacci
      Martedì 23 Giugno 2015, alle ore 18:57
      L'assemblea può deliberare l'apertura di una Pec che l'amministratore è tenuto ad utilizzare per le comunicazioni con i condòmini.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
Notizie che trattano Obblighi amministratore condominio che potrebbero interessarti

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

Amministratore di condominio e servitùCondominio - L'amministratore di condominio non può agire in giudizio per ottenere il riconoscimento di una servitù perché questa azione non rientra tra i suoi poteri.

L'amministratore da chi viene nominato per un piccolo condominio?

Amministratore di condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.


Ripartizione compenso dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - Una volta incaricato l'amministratore, salvo diverso accordo, ha diritto ad una retribuzione, la quale nell'art. 1135 c.c. ha sollevato qualche interrogativo.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il postoCondominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

Amministratore e passaggio di consegne

Condominio - Una recente sentenza del Tribunale di Bari, la n. 967 del 17 marzo 2010, ci permette di chiarire, allo stato attuale, quali siano gli strumenti a disposizione

Condòmini sempre più esposti ai creditori del condominio

Parti comuni - Qualora i creditori del condominio siano insoddisfatti sono pignorabili le quote del singolo condomino anche se non moroso. Le novità della Corte di Cassazione.

Condominio senza amministratore, istruzioni per l'usoAmministratore di condominio - I condomini che non hanno l'obbligo di nominare un amministratore sono quelli che contano meno di nove partecipanti. Ma come si gestiscono queste compagini?

Il compenso dell'amministratore? Lo paga anche l'inquilino (forse)

Amministratore di condominio - Tra le spese cui deve partecipare l'inquilino una di quelle che crea maggiori problemi è il compenso dell'amministratore. Chi lo paga?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img luca1954
Salve,l'amministratore del nostro condominio ha indetto un'assemblea dopo aver fatto fare l'analisi di fattibilità.Nell'ordine del giorno è scritto infatti...
luca1954 18 Aprile 2021 ore 21:19 2
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 25 Febbraio 2021 ore 09:49 11
Img lorenzomasi
C'è compatibilità tra amministratore di condominio e tecnico asseveratore di lavori superbonus?...
lorenzomasi 08 Gennaio 2021 ore 11:54 1
Img lisetta09
Mio figlio ha acquistato un appartamento in cui vi è un condominio di 6 proprietari. Il condominio è gestito dal marito di una proprietaria a titolo gratuito. Le...
lisetta09 23 Settembre 2018 ore 18:09 2
Img angelica90
Salve, sono proprietaria di un appartamento in condominio dal 2016. L'amministratore di condominio è un condomino che a titolo gratuito si occupa del condominio. Ad oggi...
angelica90 30 Giugno 2018 ore 21:02 10