Tari maggiorata: ecco i chiarimenti da parte del Mef

Flash News DI Fisco casa22 Novembre 2017 ore 09:17
Con la circolare del Mef, pubblicata il 20 novembre scorso sono, stati definiti i nuovi criteri di calcolo della Tari le modalità di rimborso per i contribuenti
tari , mef , imposta , comuni

Calcolo della Tari e rimborsi ai contribuenti


Con la circolare del Mef dello scorso 20 novembre sono arrivate le istruzioni per chiarire le modalità di calcolo della Tari. Molti sono stati i contribuenti che a causa degli errori di calcolo commessi dai Comuni, hanno subito un esborso superiore al dovuto.
I ricorsi preannunciati la scorsa settimana dai cittadini che hanno pagato un importo maggiorato della tassa sui rifiuti, hanno reso necessario un documento ufficiale di interpretazione della normativa in materia.

Il Mef, con la circolare sopra indicata, ha indicato così i criteri per la definizione della quota variabile della tassa che aveva portato all'errore.

Tari criteri di calcolo
Ma andiamo con ordine e riepiloghiamo brevemente quanto successo.
La Tari è un’imposta costituita da una quota fissa e una quota variabile.
La parte fissa è calcolata in base ai metri quadri dell’unità immobiliare comprensiva di pertinenze. La parte variabile tiene conto del numero di membri della famiglia. Questa parte variabile è stata considerata erroneamente più volte, tante quante il numero delle pertinenze annesse all’abitazione.
Ne è conseguito che in molti Comuni la Tari è risultata particolarmente gonfiata.

Dopo tanto discutersi la circolare fornisce gli opportuni chiarimenti in merito al calcolo di questa parte variabile e sulle eventuali richieste di rimborso da parte dei contribuenti.

Il Mef precisa che, facendo riferimento alle pertinenze dell’abitazione (garage, box auto, cantina) appare corretto considerare la quota variabile una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica. Per superficie totale dell’utenza domestica si intende, come specificato dal Mef, la somma dei metri quadri dell’abitazione con annesse le pertinenze.

Cosa possono fare i cittadini che hanno pagato più del dovuto? Il Mef chiarisce senza equivoci che, qualora la parte variabile sia stata moltiplicata per il numero delle pertinenze, si potrà richiedere un rimborso al Comune della parte non dovuta.
Come procedere? Innanzitutto, chiarisce il Mef, i rimborsi possono essere richiesti per le imposte versate a far data dal 2014, anno in cui è stata istituita l’imposta.

La richiesta di rimborso può essere presentata dai cittadini danneggiati con carta semplice; devono essere correttamente riportati i dati che identificano il contribuente, l’importo versato e quello per cui si chiede il rimborso, con precisazione delle pertinenza che hanno determinato l’errore.
Viene invece esclusa la possibilità di chiedere rimborsi quando esisteva la Tares e in riferimento alla Tari puntuale relativa a quei Comuni, meno di 300, che hanno cercato di commisurare l’imposta all’effettiva produzione di rifiuti.

riproduzione riservata
Articolo: Nuovi criteri di calcolo Tari
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 2 voti.

Nuovi criteri di calcolo Tari: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Nuovi criteri di calcolo Tari che potrebbero interessarti
Pagamento della TARI per i proprietari di una seconda casa

Pagamento della TARI per i proprietari di una seconda casa

Fisco casa - Se siamo proprietari di una seconda casa ma questa non è abitata nemmeno da terzi, è ugualmente necessario il pagamento della TARI, la tassa sui rifiuti urbani?
Tari ridotta al 50% se la raccolta rifiuti non funziona

Tari ridotta al 50% se la raccolta rifiuti non funziona

Fisco casa - L'importo della Tari può essere ridotto se il servizio di smaltimento dei rifiuti non viene eseguito correttamente. Vediamo quanto affermato dalla CTP di Roma.
Tari maggiorata per errore: i consumatori chiedono il rimborso

Tari maggiorata per errore: i consumatori chiedono il rimborso

Fisco casa - La Tari, tassa sui rifiuti urbani, in alcuni Comuni italiani sarebbe stata pagata addirittura il doppio a causa di un errore di calcolo della sua quota variabile

Tassa rifiuti: riduzione ed esenzione Tari

Fisco casa - La Tari, la nuova tassa rifiuti nata con la IUC, che ha sostituito la Tarsu e la Tares non deve essere pagata sempre. Ecco i casi di riduzione ed esenzione.

TARI, tassa sui rifiuti urbani

Fisco casa - La Tari è l'imposta che sostituisce dal primo gennaio di quest'anno la vecchia Tares ed è destinata a finanziare i servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

TARI: le scadenze per il pagamento della tassa rifiuti

Fisco casa - Cambiano da comune a comune le scadenze di pagamento per la TARI del 2015, la tassa sui rifiuti che dal 1 gennaio 2014 ha sostituito TARSU, TARES, TIA1 E TIA2.

Tasse sulla casa 2015: la mini guida su IMU, TASI, TARI

Fisco casa - Scartata l'ipotesi di introdurre la tassa unica sulla casa, la local tax, anche nel 2015 i contribuenti dovranno fare i conti con Imu, Tasi e Tari, nate con la IUC.

Tari calcolata erroneamente: come chiedere il rimborso

Fisco casa - In caso di tari calcolata erroneamente dal Comune, quali sono gli strumenti a tutela del cittadino? Come ottenere la restituzione di quanto indebitamente versato?

Come si calcola la TARI

Fisco casa - Ecco le istruzioni e le regole per il calcolo della Tari, la tassa sui rifiuti, introdotta con la IUC, insieme a IMU e Tasi, per sostituire la Tares e la Tarsu.
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.