Mobili del Settecento

NEWS DI Arredamento22 Gennaio 2014 ore 11:20
Direttorio e Chippendale in Francia ed Inghilterra, Barocchetto Genovese e Piemontese in Italia e molto altro ancora: un po' di notizie sui mobili del Settecento.
settecento , direttorio , barocchetto , chippendale
Arch. Maria Leone

Arredare una casa con gusto vuol dire anche saper fondere antico e moderno senza azzardare accostamenti quantomeno inusuali: è da un po' di tempo a questa parte che l'abbinamento antico/moderno fa tendenza, dunque può essere utile conoscere qualcosa in più riguardo i mobili d'antiquariato così da orientare meglio la propria scelta. Eccovi dunque un po' di notizie utili sui mobili del Settecento.


Mobili del Settecento in Europa


È la Francia la prima nazione che mi viene in mente quando penso ai mobili del Settecento: all'epoca infatti gli artigiani francesi erano i più richiesti dai numerosi nobili che li sommergevano di commesse per arredare i loro sontuosi appartamenti. Le forme un tantino eccessive, tipiche del Rococò, espressione dei fasti della corte del Re Sole, lasciano spazio a linee semplici e rigorose, quasi una sorta di reazione a tanto sfarzo.

Coppia di poltroncine proposta da Galleria VerdeQuesto nuovo stile, nato sotto il regno di Luigi XVI, era noto col nome di Direttorio ed era caratterizzato dalla presenza di elementi semplici quali scanalature delle gambe, delicate ghirlande e motivi floreali – di solito piccole rose – capitelli e nastri: tali elementi, contrariamente al gusto rocaille, venivano posti in maniera rigorosamente simmetrica, con un richiamo più che evidente alle forme eleganti della Roma antica.

Le dimensioni dei mobili sembrano altresì ridursi, complici le linee che hanno definitivamente perso la loro sinuosità: gli arredi più richiesti sono tavolini di diverse dimensioni e scrivanie, cassettoni e letti oltre che sedie, poltrone e divani. La foto illustra una coppia di poltroncine in mogano naturale, laccato e dorato, risalenti al 1795 proposto da Galleria Verde.

Cassettiera Chippendale esposta al Victoria & Albert Museum di LondraAnche in Inghilterra si risente di questo rigore e lo si reinterpreta attraverso arredi caratterizzati da una forte valenza pratica: scrivanie con alzate, credenze, tavoli e sedie realizzati utilizzando prevalentemente il mogano. I più noti artisti del settore spesso erano artigiani specializzati che progettavano e realizzavano da sé le loro opere ed il frutto di questo lavoro ha generato dei veri e propri stili: è il caso di Thomas Chippendale, designer ed ebanista inglese, che rielaborò in maniera molto personale lo stile neoclassico dell'epoca. La cassettiera della foto, realizzata da Chippendale, è esposta al prestigioso Victoria & Albert Museum di Londra.

Gli arredi in stile Chippendale sono caratterizzati da elementi ereditati dal Rococò, quali dorature ed ornamenti in bronzo, combinati ad archi a sesto acuto, forme ogivali e pinnacoli, tipici del neogotico: all'uso del mogano si affianca anche quello del palissandro, bosso e sicomoro. Molto diffusi sono i tavoli in stile Chippendale in cui si ritrova uno degli elementi tipici di questo stile, il piede a claw and ball: si tratta di una forma che riproduce la zampa di un animale poggiata sopra una piccola sfera.


Mobili del Settecento in Italia


Regno di Sardegna e Repubblica di Venezia, Granducato di Toscana e Repubblica di Genova, Stato Pontificio e Regno di Sicilia: ecco com'era suddivisa l'Italia nella seconda metà del Settecento – gli amanti della storia mi perdoneranno per l'estrema sintesi ed eventuali dimenticanze. Arte ed artigianato riflettevano appieno questa frammentarietà e dunque ciascuno stato era caratterizzato da proprie lavorazioni locali: vediamo le più note.


Barocchetto e Settecento Veneziano


Nella prima metà del Settecento in Italia era il Barocchetto lo stile nel quale venivano proposti gli arredi: il nome indica già che si tratta di una sorta di elaborazione del più noto Barocco francese, in cui le volumetrie sono volutamente più moderate mentre le forme aspirano ad una maggiore leggerezza.

Specchiera proposta da Officina AntiquariaRealizzati in legno di noce, con rivestimenti in mogano e palissandro, essi erano decorati utilizzando la tecnica della Lacca povera: si tratta di una tecnica che consiste nel decorare la superficie del mobile incollandovi carte stampate e acquerellate, praticamente quello che oggi conosciamo come decoupage. Il Barocchetto genovese e piemontese rappresentano le declinazioni più riuscite di questo stile.

Un discorso a parte meritano i mobili del Settecento Veneziano, tra i più belli di questa epoca, sia per la bravura degli artigiani che per la ricercatezza nelle forme. Laccature nei toni del verde, azzurro e giallo, e decorazioni raffinate che spesso rappresentavano fiori, temi orientali o scene di vita cittadina e campestre, rendono assai riconoscibili e richiesti questi mobili, in cui spicca la bravura degli artigiani.

Oltre al laccatore, infatti, figure chiave per la realizzazione del mobile erano l'indoratore – colui che si occupava della doratura degli elementi, per alcuni dei quali realizzata in oro zecchino – ed il depentore – artefice delle splendide decorazioni dipinte a mano. Un ottimo esempio è dato dala specchiera della foto, risalente al 1730, proposta da Officina Antiquaria.


Neoclassicismo


Cassettone proposto da Officina AntiquariaQuesta necessità di ridimensionare forme e volumi negli arredi trova il suo completamento nello stile Neoclassico, presente in Italia dalla seconda metà del Settecento: in questo caso le lavorazioni lasciano intravedere uno stile più omogeneo, perdendo dunque quei caratteri legati alle lavorazioni locali. Gli elementi che contraddistinguono questo stile rappresentano un omaggio alla sobrietà dell'architettura classica, in netta e voluta contrapposizione con l'opulenza tipica del Barocchetto: foglie d'acanto, modanature classiche, fregi e divinità sono gli elementi più utilizzati nelle decorazioni dei mobili.

Milano è uno dei maggiori centri in cui Il Neoclassicismo si sviluppa maggiormente: la nobiltà dell'epoca favorì la diffusione dello stile commissionando agli artigiani nuovi arredi per i loro appartamenti signorili che fossero espressione di sobrietà e raffinatezza. Tra gli artisti che meglio rappresentano il Neoclassicismo lombardo c'è sicuramente Giuseppe Maggiolini, maestro di intarsio ed ebanisteria. Nella foto, un cassettone in stile realizzato in noce, ulivo, acero e legno di rosa, disponibile presso Officina Antiquaria.

riproduzione riservata
Articolo: Mobili del Settecento
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 10 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Mobili del Settecento: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Mobili del Settecento che potrebbero interessarti
Tavolo classico in qualsiasi ambiente

Tavolo classico in qualsiasi ambiente

Vediamo una breve rassegna dei tavoli classici più diffusi nel corso della storia, con alcune caratteristiche per riconoscerli e apprezzarli.
Ecolamp al Carnevale di Venezia

Ecolamp al Carnevale di Venezia

L?edizione che si è appena conclusa del Carnevale di Venezia ha visto sfilare, accanto ai sontuosi e barocchi costumi che perpetrano la tradizione del...
Come leggere i particolari di mobili antichi

Come leggere i particolari di mobili antichi

Osservare le parti nascoste, i chiodi e le serrature per comprendere se un mobile antico è stato realizzato prima o dopo la diffusione dell'industrializzazione.
Mobili e complementi color oro e argento

Mobili e complementi color oro e argento

Mobili e complementi d'arredo, soprattutto in occasione delle feste natalizie, si vestono di oro e argento, regalando un'atmosfera glamour e sofisticata alla casa.
Bagno classico

Bagno classico

Un vero ritorno all'antico tra le tendenze del Salone Internazionale del Mobile 2010 per l'ambiente bagno.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.407 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Coppia di tavolini in legno laccato
    Coppia di tavolini in legno laccato...
    270.00
  • Coppia di comodini italiani in legno
    Coppia di comodini italiani in...
    1200.00
  • Coppia di comodini italiani intarsiati con piano
    Coppia di comodini italiani...
    1275.00
  • Coppia di poltrone francesi laccate e dipinte
    Coppia di poltrone francesi...
    1013.00
  • Arrotatura marmi Roma
    Arrotatura marmi roma...
    15.00
  • Dipinto francese ad olio su tela raffigurante
    Dipinto francese ad olio su tela...
    563.00
  • finestra Sinthesi in legno-alluminio
    Finestra sinthesi in...
    350.00
  • Calotta ptpc
    Calotta ptpc...
    3.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Weber
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.