L'amministratore nel procedimento di mediazione

NEWS DI Condominio28 Aprile 2012 ore 14:11
L'amministratore è il legale rappresente del condominio e lo rappresenta e difende anche nei procedimenti di mediazione. Con che poteri?
condominio , amministratore , mediazioni , conciliazioni
A partire dallo scorso 21 marzo, chi volesse intentare causa in materia condominiale, prima di rivolgersi al giudice competente, deve esperire un tentativo di conciliazione. MediazioneTanto dice il d.lgs n. 28/10. In particolare, ai sensi dell'articolo 5 del succitato decreto legislativo n. 28, chi intende esercitare in giudizio un'azione relativa ad una controversia in materia di condominio, [...], è tenuto preliminarmente a esperire il procedimento di mediazione ai sensi del presente decreto ovvero il procedimento di conciliazione previsto dal decreto legislativo 8 ottobre 2007, n. 179, ovvero il procedimento istituito in attuazione dell'articolo 128-bis del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, e successive modificazioni, per le materie ivi regolate. L'esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale. L'improcedibilità deve essere eccepita dal convenuto, a pena di decadenza, o rilevata d'ufficio dal giudice, non oltre la prima udienza. Il giudice ove rilevi che la mediazione è già iniziata, ma non si è conclusa, fissa la successiva udienza dopo la scadenza del termine di cui all'articolo 6. Allo stesso modo provvede quando la mediazione non è stata esperita, assegnando contestualmente alle parti il termine di quindici giorni per la presentazione della domanda di mediazione. Il presente comma non si applica alle azioni previste dagli articoli 37, 140 e 140-bis del codice del consumo di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, e successive modificazioni. La mediaconciliazione, abbiamo avuto modo di specificarlo in altre circostante, è un procedimento stragiudiziale (vale a dire che si tiene al di fuori di una causa), il cui scopo è quello di far raggiungere alle parti un accordo sulla materia del contendere. Niente di più o di meno da una normalissima transazione. L'accordo, che viene ad essere consacrato nel così detto verbale di conciliazione, non dev'essere strettamente legato all'oggetto della contesa (potendo essere allargato o ristretto), nà© può essere considerato alla stregua di una sentenza. In sostanza con la procedura di conciliazione, le parti non cercano giustizia ma provano a trovare una soluzione condivisa. Per assurdo l'accordo potrebbe portare a confermare il comportamento di cui ci si lamenta! Mediazione2Fatta questa premessa di carattere generale e tornando più specificamente al condominio, è utile domandarsi: quali sono i poteri dell'amministratore in materia? Come per ogni altra vicenda riguardante le parti comuni, il mandatario dei condomini ha la legale rappresentanza della compagine. Insomma chi intende procedere con questo tentativo avendo come controparte un condominio, deve chiamare in giudizio l'amministratore: quest'ultimo da che tipo di poteri è investito? A ben vedere la vicenda non è molta diversa da una causa o comunque da un contesto in cui il mandatario prende delle decisioni sulle cose comuni. In definitiva, egli oltre che rappresentare il condominio avrà il potere di prendere tutte le decisioni che rientrano nell'ambito dei suoi poteri: per il resto prima di accettare o rifiutare un accordo dovrà convocare l'assemblea per farla decidere in merito.
riproduzione riservata
Articolo: L'amministratore nel procedimento di mediazione
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

L'amministratore nel procedimento di mediazione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano L'amministratore nel procedimento di mediazione che potrebbero interessarti
Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri
L'amministratore del piccolo condominio

L'amministratore del piccolo condominio

Condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.
Ripartizione compenso dell'amministratore di condominio

Ripartizione compenso dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - Una volta incaricato l'amministratore, salvo diverso accordo, ha diritto ad una retribuzione, la quale nell'art. 1135 c.c. ha sollevato qualche interrogativo.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

La nomina dell'amministratore è obbligatoria

Amministratore di condominio - La nomina dell'amministratore è obbligatoria, se l'assemblea non provvede i comproprietari possono rivolgersi all'Autorità Giudiziaria affinché provveda alla nomina.

Amministratore di condominio e servitù

Condominio - L'amministratore di condominio non può agire in giudizio per ottenere il riconoscimento di una servitù perché questa azione non rientra tra i suoi poteri.

Amministratore e passaggio di consegne

Condominio - Una recente sentenza del Tribunale di Bari, la n. 967 del 17 marzo 2010, ci permette di chiarire, allo stato attuale, quali siano gli strumenti a disposizione

Nomina giudiziaria dell'amministratore di condominio

Condominio - La nomina dell?amministratore è un atto di competenza dell?assemblea dei condomini.Quando in un condominio ci sono più di quattro comproprietari

Per individuare l'amministratore basta la deliberazione dell'assemblea

Condominio - S'ipotizzi che una persona debba far causa ad un condominio: a chi dev'essere notificato l'atto introduttivo del giudizio?
REGISTRATI COME UTENTE
295.644 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Avvolgibile alluminio Roma
    Avvolgibile alluminio roma...
    47.00
  • Pavimento in laminato ad incastro milano
    Pavimento in laminato ad incastro...
    35.00
  • Trasforma vasca in doccia firenze e toscana
    Trasforma vasca in doccia firenze...
    2300.00
  • Imbiancatura pareti al mq milano
    Imbiancatura pareti al mq milano...
    5.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Weber
  • Kone
  • Black & Decker
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.