Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

La conciliazione condominiale

NEWS Condominio11 Maggio 2010 ore 14:25
Con l?approvazione del d.lgs n. 28 del 4 marzo 2010 contenente norme in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali si è introdotto nel nostro ordinamento il tentativo obbligatorio di conciliazione anche in materia condominiale
condominio , amministratore , condomini
Con l'approvazione del d.lgs n. 28 del 4 marzo 2010 contenente norme in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali si è introdotto nel nostro ordinamento il tentativo obbligatorio di conciliazione anche in materia condominiale.ConciliazionePer restare ancorati pedissequamente alla parola della legge, in realtà, è più corretto affermare che per quelle controversie aventi ad oggetti questioni condominiali (così come per altre, si veda art. 5 d.lgs n. 28/10), dopo un anno dall'entrata in vigore del summenzionato decreto, prima d'iniziare una controversia in sede giudiziale, sarà obbligatorio (la legge pone una condizione di procedibilità rilevabile anche d'ufficio entro la prima udienza) attivare un procedimento di mediazione che può avere come esito la conciliazione tra le parti.Caratteristica fondamentale del procedimento, nelle intenzioni del legislatore, è l'informalità e la celerità che dovrebbero caratterizzarne l'esperimento.L'esito del procedimento di mediazione conciliazione, ossia il così detto verbale d'accordo può ottenere efficacia esecutiva ai fini dell'adempimento coattivo degli obblighi in esso contenuti.A differenza dell'arbitrato il procedimento di mediazione non è un procedimento dinanzi a giudici privati, quanto piuttosto un tentativo di comporre una controversia nascente senza dover appurare l'effettiva portata giuridica delle argomentazioni (e delle pretese) delle parti ma cercando di fare in modo che si possa comporre il loro contrasto anche mediante un accordo che metta da parte la disputa prettamente giuridicaUno degli intenti dichiarati del legislatore delegato nella emanazione dei decreti era quello di decongestionare in modo significativo il carico giudiziario attraverso questo strumento che rientra nel novero dei così detti mezzi di risoluzione alternativa delle controversie (meglio noto con l'acronimo ADR ossia alternative dispute resolution).Nonostante ciò, non sono mancate le critiche a questo tipo di procedimento che a dire di molti, più che una razionalizzazione e velocizzazione del sistema rappresenta una ulteriore barriera, che in molti casi potrebbe rivelarsi anche inutile e costosa, per i cittadini che chiedono giustizia.Queste critiche colgono nel segno anche e soprattutto nella materia condominiale.Il motivo è molto semplice: il rinvio tout court alle controversie che riguardano il condominio senza alcun coordinamento con la disciplina codicistica – soprattutto quella che regolamenta, già di per sà in modo molto vago, la ripartizione delle competenze tra amministratore ed assemblea – rischia di generare confusione e di conseguenza ulteriore contenzioso.ConciliazioneIl dato certo è che non è necessario azionare il procedimento di mediazione per:a)ricorsi per decreto ingiuntivo ex art. 63 disp. att. c.c.;b)per i procedimenti di volontaria giurisdizione (nomina e revoca amministratore di condominio, ricorso ex art. 1105 c.c.).Resta il dubbio per alcuni tipi di controversie che rappresentano dei veri e propri contenziosi.Si pensi al giudizio di revisione delle tabelle millesimali: quale potrà mai essere l'accordo conciliativo?In sostanza, solitamente, se una persona giunge alla conclusione di dover agire giudizialmente per ottenere la revisione e/o la modifica delle tabelle millesimali, vuol dire che già in assemblea non ha avuto ascolto e ragione.Allo stesso modo dicasi per le deliberazioni assembleari di ripartizione delle spese.Davvero si può pensare che l'amministratore, in sede di conciliazione, possa modificare il deliberato assembleare riparametrando il piano di riparto sulla base dell'accordo conciliativo (che quindi può anche non essere rispettoso di parametri di ripartizione legali o convenzionali) raggiunto con la controparte.Infine, nei giudizi relativi all'osservanza del regolamento di condominio, potrebbe accettarsi un accordo conciliativo che rappresenti di fatto, una deroga ad personam alle clausole regolamentari?Tutte questioni che solo la prassi, ci si augura, potrà risolvere senza troppe fibrillazioni.
riproduzione riservata
Articolo: La conciliazione condominiale
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 1 voti.

La conciliazione condominiale: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
305.737 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Manutenzione condomini Monza e Brianza, Milano
    Manutenzione condomini monza e...
    19.00
  • Manutenzione Stabili, Condomini, Uffici Milano
    Manutenzione stabili, condomini,...
    100.00
  • Rifacimenti esterni
    Rifacimenti esterni...
    500.00
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
Notizie che trattano La conciliazione condominiale che potrebbero interessarti
Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri
L'amministratore del piccolo condominio

L'amministratore del piccolo condominio

Condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

Ripartizione compenso dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - Una volta incaricato l'amministratore, salvo diverso accordo, ha diritto ad una retribuzione, la quale nell'art. 1135 c.c. ha sollevato qualche interrogativo.

Per individuare l'amministratore basta la deliberazione dell'assemblea

Condominio - S'ipotizzi che una persona debba far causa ad un condominio: a chi dev'essere notificato l'atto introduttivo del giudizio?

I provvedimenti dell'amministratore

Condominio - L'amministratore è il mandatario dei condomini. Egli agisce per loro nome e conto ai fini della gestione delle parti comuni dello stabile.

Dimissioni dell'amministratore di condominio. Quando sono possibili?

Amministratore di condominio - È consuetudine parlare della revoca dell'amministratore di condominio. Si sa che il legale rappresentante dei condomini può essere revocato in qualsiasi momento dall'assemblea.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img robbie1956
A corredo del mio appartamento vi è già un garage detenuto in proprietà indivisa con altro condomino.L'accesso al box con una autovettura, anche piccola,...
robbie1956 25 Luglio 2007 ore 07:03 5
Img nounou
Salve,Ho una domanda da porvi:Può un amministratore di condominio richiedere in assemblea un badget straordinario (di parecchi euro) ai condomini per coprire le spese...
nounou 18 Settembre 2007 ore 15:47 2
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
Img anonimo
Buongiorno,e grazie in anticipo a chi saprà dipanare alcuni dei miei dubbi.Vi spiego le mie perplessità:sono proprietario di una maisonette in una palazzina da 4...
anonimo 06 Novembre 2008 ore 08:21 2
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9