Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Isolanti per tetti caldi

La tipologia di copertura a tetto caldo può essere perfettamente realizzata grazie all'impiego di specifici pannelli in schiuma di poliuretano espanso.
02 Settembre 2013 ore 10:47 - NEWS Ristrutturazione

La copertura di un edificio è, da sempre, uno dei suoi punti più critici e complessi, in quanto le sollecitazioni a cui è sottoposta dalle azioni esterne richiedono che essa sia particolarmente ben progettata e realizzata, in funzione di una serie di parametri che tengono conto della localizzazione dell'edificio, della posizione ed altezza rispetto al mare, della tipologia e frequenza delle precipitazioni a cui potrà essere sottoposta, nonché della sua inclinazione e geometria.

A seconda della scelta della tipologia di copertura in fase di progettazione, si avrà poi, in fase di costruzione, uno specifico pacchetto di copertura, cioè una stratificazione di vari materiali che per tipologia, sistema di posa e localizzazione in sezione avranno una funzione precisa. La posizione diversa di un materiale, in una stratificazione piuttosto che in un'altra, oppure la sua assenza o presenza determina un funzionamento diverso della copertura.

Tetto caldo: stratigrafiaSecondo alcuni schemi di valutazione, in particolare quelli che prendono in considerazione la presenza o meno di uno strato isolante e di una camera di ventilazione, le coperture usualmente realizzabili si dividono in 4 tipi, tra i quali una delle più diffuse e facilmente realizzabili è quella definita tetto caldo. Classificabile come copertura isolata non ventilata, il tetto caldo si caratterizza per la presenza dello strato isolante inframezzato tra due strati impermeabili, uno che protegge l'isolante dall'acqua e l'altro con funzione di barriera al vapore.


Pannelli isolanti in schiuma Polyiso


Questa stratificazione, a volte, sottopone l'impermeabilizzazione a forti sbalzi termici che possono danneggiarla. Essendo una tipologia di copertura diffusissima, perché facilmente realizzabile ed anche ottima come base per i tetti-giardino, dà splendidi risultati e può essere realizzata mediante l'impiego di guaine bituminose o sintetiche, che sovrapponendosi all'isolante lo proteggeranno sempre dai danni causabili dalle intemperie e dal possibile effetto dilavamento delle acque.


Per poter realizzare un tetto caldo che unisca prestazioni di isolamento termico ottimali con durevolezza e resistenza è bene che il materiale impiegato sia dotato di ottime proprietà isolanti, adeguata resistenza alla compressione, al calore e ai solventi del bitume. È per questo motivo che, ad esempio, ottimi materiali isolanti come il polistirene estruso e il polistirolo espanso non sono tra le soluzioni più adatte per questa tipologia di copertura in quanto potrebbero non resistere alle temperature superiori agli 80°C che si sviluppano in fase di posa della guaina e in condizioni di esercizio.

Analogamente, ma in senso inverso, prodotti di tipo fibroso possono essere altrettanto controindicati perché non ben resistenti all'umidità e alla compressione in maniera da garantire la durata delle loro prestazioni nel tempo.

Alla luce di tutte queste valutazioni prestazionali, una delle migliori soluzioni per la costruzione di un buon sistema di copertura a tetto caldo possono essere i pannelli in schiuma Polyiso, tra i quali in particolare Poliiso®Sb Hd di Ediltec, particolarmente adatto per coperture piane sotto guaina bituminosa ed in grado di garantire la migliore adesione possibile al manto impermeabilizzante.

Isoltec: Poliiso SB HDQuesto pannello è composto da una schiuma di poliuretano espanso, detta polyiso, di tipo rigido a celle chiuse, di colore giallo, espansa fra due supporti, uno in velo di vetro bitumato (quello della faccia superiore) ed uno in velo di vetro saturato (quello della faccia inferiore). Il termine HD, come si sa, è una sigla che indica Alta Densità (High Density), e nello specifico si riferisce ad una resistenza a compressione pari o superiore a 200 kPa. I pannelli Poliiso®Sb Hd sono disponibili nelle dimensioni standard di 600x1200 mm, con spessori da 30 a 120 mm, e dichiarano valori di λD pari a 0,028 W/mK, per spessori fino a 60 mm, e 0,026 W/mK, per spessori superiori secondo la norma europea EN 13165.

Dal punto di vista della ecosostenibilità del prodotto, Ediltec ha avuto particolare attenzione affinché la composizione della schiuma polyiso utilizzasse espandenti che non aggrediscono lo strato di ozono e, per questo, salvaguardano l'ambiente; questa schiuma isolante è dotata di altissimi valori di resistenza termica, ottime caratteristiche meccaniche e di stabilità dimensionale in un ampio intervallo di temperature, è leggera e con un'ottima classe di reazione al fuoco, è caratterizzata da una buona inerzia ai più diffusi agenti chimici ed ha scarso assorbimento.

Isolmar: Isolite VVBLa scelta della schiuma polyiso come materiale ideale per la posa di pannelli isolati sottoguaina su coperture a tetto caldo è al centro anche di una specifica linea di prodotti della Isolmar, i cui ricercatori hanno ben presente quanto questo materiale assicuri anche una ottima adesione al manto impermeabilizzante. In particolare parliamo del pannello Isolite VVB, in schiuma polyiso rigida a celle chiuse, di colore giallo, contenuta tra due supporti: in velo di vetro bitumato quello della faccia superiore, mentre quello della faccia inferiore è in velo di vetro saturato.

Disponibili negli spessori da 30 a 120 mm e prodotti nelle dimensioni standard di 600 x 1200 mm, i pannelli Isolite VVB possono resistere a temperature massime di esercizio fino a 110 °C, dichiarano valori di λD pari a 0.028 W/mK per spessori fino a 70 mm e 0,026 W/mK, per spessori superiori secondo la norma europea EN 13165, nonché valori di resistenza alla compressione maggiori o uguali 150 kPa. Di posa facile e rapida, grazie alla leggerezza e alla maneggevolezza, i pannelli Isolite VVB danno il meglio delle proprie caratteristiche fisico-meccaniche se installati a giunti sfalsati.

riproduzione riservata
Articolo: Isolanti per tetti caldi
Valutazione: 2.50 / 6 basato su 2 voti.

Isolanti per tetti caldi: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
329.035 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Isolanti per tetti caldi che potrebbero interessarti


Come isolare adeguatamente la mansarda

Sottotetto - Per rendere un sottotetto abitabile e confortevole occorre realizzare un adeguato isolamento termico delle superfici insieme con una buona illuminazione naturale

Isolamento termico del tetto per ridurre dispersioni e consumi

Isolamento termico - Sarebbe sufficiente coibentare adeguatamente i tetti delle nostre abitazioni per evitare dispersioni termiche e ridurre drasticamente i consumi energetici.

Detrazione 65% per isolamento pareti e tetto

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Che caratteristiche deve avere l'intervento edilizio sull'involucro e quali sono i documenti da conservare e trasmettere per accedere alla detrazione del 65%?

Pellicole di alluminio termoriflettenti isolanti

Isolamento termico - Tutti i vantaggi dell'isolamento termoriflettente, in termini di risparmio energetico, grazie ad una serie di materiali performanti, accoppiati in strati molto ridotti.

Pannelli isolanti in legno cemento, betonwood e airwood

Isolamento termico - Il legno cemento è un materiale molto particolare, ecocompatibile e dalle caratteristiche uniche di isolamento, resistenza ed ecocompatibilità, come betonwwod ed airwood.

L'attico

Progettazione - Questa tipologia edilizia, pur essendo un appartamento in citta', presenta molte analogie con la villetta unifamiliare.

Tetto modulare prefabbricato

Tetti e coperture - Il tetto modulare è un sistema di copertura prefabbricato con struttura portante montata a secco e dotato di un pacchetto ad alto grado di isolamento termico.

Pannelli fotovoltaici come isolanti

Impianti - I moduli fotovoltaici installati sul tetto delle abitazioni non solo producono energia pulita ma fungono anche da ottimo isolamento termico.

Teli tecnici per isolamento

Progettazione - Come impiegare correttamente i teli tecnici senza danneggiare la parte isolante.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img fireball
Buonasera a tutti, un consiglio. Ho un locale in muratura in campagna che funge da box ricovero bancali di pellet per stufa. Il tetto è in lamiera. Nonostante alcune...
fireball 29 Gennaio 2021 ore 19:31 1
Img ilpino
Salve a tutti,avrei bisogno di un consiglio per quanto riguarda il cappotto interno.Dovrei sistemare una vecchia struttura degli anni 70, non dotata di intercapedine.Per fare...
ilpino 19 Gennaio 2021 ore 19:05 21
Img giamar1
Salve a tutti, siccome la mia casa in muratura è molto fredda ho pensato che potrei rivestire le pareti esterne con pannelli coibentati lisci già finiti, in pratica...
giamar1 16 Gennaio 2021 ore 15:03 15
Img gavino84
Ciao a tutti mi chiamo Gavino faccio l'operaio in una ditta di manutenzione industriale presso una centrale termoelettrica quindi non ho esperienza nel settore edile. Inizio a...
gavino84 10 Gennaio 2021 ore 09:18 5
Img maxscaramella
Buongiorno. Sono proprietario di una baita di montagna di 40 metri quadri al piano (seconda casa) posta a quota 1400m slm. La casa è composta da un primo piano con vecchia...
maxscaramella 03 Gennaio 2021 ore 19:08 4