Interpretazioni sulla nuova normativa elettrica

NEWS DI Impianti elettrici24 Aprile 2012 ore 09:45
Le Norme che regolano il settore impiantistico, vengono da qualche tempo ridefinite in funzione delle variazioni dello stile di vita e del benessere ambientale.

All'acquisto di un alloggio presso un'impresa di costruzioni, segue in genere la sottoscrizione del preliminare di acquisto e del capitolato delle opere.

dispositivo elettrico domesticoQuest'ultimo documento (ampiamente discusso in passato), si pone come un elenco descrittivo delle caratteristiche e della consistenza del bene oggetto di vendita.

Solitamente il cliente, in base alle proprie esigenze e durante la fase di esecuzione dei lavori, chiede all'appaltatore delle opere aggiuntive denominate semplicemente da extracapitolato.

In base alla distinzione delle caratteristiche tipologiche che contraddistinguono un immobile, vi sono attualmente, delle direttive che indicano alcuni degli aspetti peculiari e che, di fatto, permettono all'acquirente (fin da subito) di determinare la reale consistenza del bene.


Un esempio ne è la Variante V3 alla Norma tecnica CEI 64-8 (allegato A), sugli impianti elettrici residenziali, relativa ai fabbricati di nuova costruzione o soggetti a interventi di ristrutturazione (esclusi gli edifici vincolati - DL 42/2004), ed entrata in vigore dal primo settembre del 2011.

Non entrando in merito alla trattazione puramente descrittiva di questa disposizione, peraltro già ampiamente discussa in altri articoli della Testata Giornalistica, si pongono alcune questioni di carattere pratico estrapolate dal contesto normativo.

prese e prolunghe per impianto elettricoIn passato le esigenze e le diverse condizioni di vita, determinavano degli standard abitativi molto comuni e quindi, i relativi requisiti, erano già in parte uniformati a schemi tipici.

Questo fattore si manifestava, di riflesso, anche nelle condizioni delle offerte commerciali poste dai costruttori che, di fatto, gestivano in maniera minimale tutto ciò che riguardava la funzionalità di un alloggio.

Con il passare del tempo, anche per il crescente sviluppo tecnologico, sono variate parecchie cose, soprattutto per ciò che riguarda gli apparecchi e i dispositivi elettrici in uso nella vita quotidiana.

climatizzatori su prospetto edificioÈ, infatti, aumentato il numero dei televisori, degli elettrodomestici utilizzati in cucina, oltre ovviamente a computer, stampanti e accessori (in parte sconosciuti fino a poco tempo fa), e ai nuovi sistemi di climatizzazione e di trattamento dell'aria.
A questa nuova condizione si contrappone evidentemente una differente concezione dell'impianto elettrico domestico, ora più complicato e tecnologico.



È, infatti, su questa base che la nuova direttiva ha posto delle differenti letture su ciò che riguarda la dotazione dell'impianto residenziale, partendo da una condizione minima (livello 1), per poi passare a un settore più elevato (livello 2), che comprende ulteriori accessori (numero prese , circuiti, impianto antintrusione, videocitofonia, ecc.), per poi passare alla terza categoria (livello 3) che contiene anche gli apparati della domotica.

ventilatore elettricoÈ evidente che ciascuno dei singoli settori determina una classificazione dell'unità abitativa, e quindi un differente valore commerciale che, di fatto, avrà una maggiore evidenza non solo documentale, ma anche attraverso l'indicazione sul certificato di conformità impiantistico.

Inoltre, in concordanza a queste differenti categorie, il cliente avrà modo di poter interpretare fin da subito, in base alle proprie esigenze (anche economiche), la consistenza del bene immobiliare, senza ricorrere a miglioramenti in corso d'opera.

Anche per ciò che riguarda la potenza di alimentazione si è posta un'indicazione ben definita, soprattutto per ciò che concerne un eventuale aumento dei kW rispetto a quelli già in uso.

Non è, infatti, raro riscontrare i casi in cui si è costretti a predisporre anzitempo l'accensione dei dispositivi e quindi di ridimensionare la funzionalità operativa dei vari apparati.
Un esempio tipico si ha d'estate, con il condizionatore accesso in concomitanza con lavatrice, lavastoviglie, asciugacapelli, ecc.

Questa condizione è stata in parte superata con il dimensionamento dei circuiti rispetto alla potenza impegnata e alla superficie degli alloggi.
Si ha, infatti, una potenza prevista di almeno tre kW, per unità abitative fino a 75 metri quadri, e non inferiore a sei kW per dimensioni maggiori.

Oltre a queste caratteristiche, propriamente funzionali, la nuova direttiva tiene conto anche dei fattori legati alla sicurezza dell'impianto, destinate soprattutto all'utente finale.

spinotto per dispositivi e apparecchiature elettricheBasti pensare ad esempio, come una buona dotazione e dislocazione di prese di alimentazione all'interno dell'alloggio, previene uno degli effetti più comuni, relativo agli incidenti domestici, causati dal sovraccarico di una presa, per l'immissione di più congegni, o dall'uso di prolunghe volanti.
In conclusione di questa breve trattazione, è palese che non sono stati illustrati tutti gli aspetti peculiari di questa normativa, ma fornito solamente delle interpretazioni di carattere generale.

Partendo da questo presupposto, è evidente che ciascuno potrà approfondire la questione, leggendo con attenzione tutti i temi descritti nella norma.
Analizzare, infatti, i vari argomenti consentirà, non solo di trarre informazioni di carattere informativo, ma di avere piena conoscenza di tutte le condizioni che determinano il corretto funzionamento del nostro alloggio.

riproduzione riservata
Articolo: Interpretazioni sulla nuova normativa elettrica
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 2 voti.

Interpretazioni sulla nuova normativa elettrica: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Lorenzo
    Lorenzo
    Domenica 11 Novembre 2012, alle ore 15:52
    Articolo generico, dice di essere pratico ma non dice nulla di pratico: più televisori come devono essere gestiti? Più elettrodomestici come devono essere gestiti?
    rispondi al commento
    • Arch. Emnuele Distefano
      Arch. Emnuele Distefano Lorenzo
      Lunedì 12 Novembre 2012, alle ore 08:40
      Per Lorenzo: L'articolo si pone di descrivere il cambiamento delle attuali normative poste in funzione della maggiori esigenze in ambito domestico. Con queste nuove condizioni è ovvio che si ha una maggiore funzionalità all'interno dell'ambiente.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Interpretazioni sulla nuova normativa elettrica che potrebbero interessarti
Attrezzi Lavori Elettrici

Attrezzi Lavori Elettrici

Fai da te - Gli interventi di manutenzione o riparazione sull'impianto elettrico di casa, specie se di piccola entità, richiedono utensili semplici, noti e non costosi.
Cavi elettrici

Cavi elettrici

Impianti - Caratteristiche costruttive e funzionali dei cavi elettrici, elementi indispensabili nella realizzazione degli impianti tecnici presenti nelle nostre abitazioni
Impianto elettrico: interruttori, sezionatori e relè

Impianto elettrico: interruttori, sezionatori e relè

Impianti elettrici - Interruttori, sezionatori e relè sono i più comuni dispositivi di manovra e protezione cavi negli impianti elettrici comuni presenti nelle nostre abitazioni.

Cavi elettrici in casa

Impianti elettrici - Semplici osservazioni e salde conoscenze di base possono farci capire i principi e le modalità con cui è stato realizzato l'impianto elettrico di casa.

Glossario Impianti Elettrici Civili

Impianti - L'utilizzo di un linguaggio appropriato e di precisi termini tecnici favorisce la comunicazione e facilita i confronti con i tecnici durante l'esecuzione dei lavori.

Progetto Elettrico

Progettazione - Un progetto elettrico deve contenere tutta una serie completa di specifici document ed elaborati conformi e rispondendti a norme e dati di riferimento.

Fasi realizzazione impianto elettrico

Impianti - La realizzazione dell'impianto elettrico in una casa si effettua di regola dopo la realizzazione degli impianti idrici e prima degli impianti di climatizzazione.

Isolamento cavi in casa

Impianti - Una verifica spesso trascurata quando si utilizza un impianto elettrico a servizio di un vecchio edificio è quella dell'isolamento dei cavi elettrici.

Fai da te elettricità

Fai da te - Nella maggior parte delle abitazioni nel nostro Paese è disponibile potenza elettrica fornita con il sistema monofase, una fase di alimentazione ed una neutra.
REGISTRATI COME UTENTE
295.729 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ristrutturazioni. imbiancature, impianto idraulico a Milano
    Ristrutturazioni. imbiancature,...
    1000.00
  • Impianto elettrico Monza e Brianza
    Impianto elettrico monza e brianza...
    2800.00
  • Impianto elettrico
    Impianto elettrico...
    2500.00
  • Lavabo
    Lavabo...
    600.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Faidacasa.com
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.