Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Inquilino, appartamento e danni

NEWS Affittare casa14 Novembre 2012 ore 00:51
Il conduttore, quale custode della cosa oggetto del contratto, è gravato da una presunzione di colpa per i danni che derivano dal bene concesso in locazione.
locazione , locatore , locatario , danni

CasaC'è una norma del codice civile, esattamente l'art. 1588, che pone ben precise responsabilità in capo al conduttore di un'unità immobiliare.

La norma, composta di due commi e rubricata Perdita e deterioramento della cosa locata, recita:

Il conduttore risponde della perdita e del deterioramento della cosa che avvengono nel corso della locazione , anche se derivanti da incendio, qualora non provi che siano accaduti per causa a lui non imputabile.

È pure responsabile della perdita e del deterioramento cagionati da persone che egli ha ammesse, anche temporaneamente, all'uso o al godimento della cosa.


È il conduttore che deve discolparsi


Il primo elemento che si evince leggendo l'art. 1588 c.c. riguarda la presunzione di colpa posta in capo al conduttore.
È questo il significato dell'inciso qualora non provi ecc.

Un esempio ci aiuterà a capire meglio in che cosa consiste questa presunzione di responsabilità.

Si rovina il pavimento dell'unità immobiliare?

Il conduttore è il primo responsabile.

In tal senso, ad esempio, il Tribunale di Milano, in una sentenza del 2008, ha affermato che nell'ambito del rapporto contrattuale fra locatore e conduttore trova applicazione l'art. 1588 c.c. che rende il conduttore responsabile della perdita o del deterioramento della res locata a meno che provi che gli accadimenti siano dipesi da causa a lui non imputabile.

In questo contesto, prosegue la sentenza, non avendo il conduttore provato che l'accadimento era derivato da causa a lui non imputabile non ha superato la presunzione a suo carico e pertanto dovrà ritenersi, al pari del proprietario, tenuto a rispondere dei danni che traggono causa diretta dalle opere di salvataggio che, necessitate dall'esigenza di contenere l'iter evolutivo dello stesso deterioramento, sono state fonte di pregiudizio per il terzo (Trib. Milano 17 aprile 2008 n. 5059 in Giustizia a Milano 2008, 6, 46 (s.m.)).


L'onere della prova del danno


Casa2In questa situazione è fondamentale capire quali siano i requisiti minimi dell'onus probandi.

Detto diversamente: che cosa deve provare l'inquilino di cui si presume la responsabilità per non essere condannato a pagare il risarcimento del danno?

Secondo la Cassazione, la prova della mancanza di colpa per la perdita o il deterioramento della cosa locata, della quale l'art. 1588 c.c. (applicabile anche all' affitto di azienda, in quanto norma generale delle locazioni non incompatibile con la disciplina specifica dell'affitto, che della locazione è una species) onera il conduttore, deve essere piena e completa (v. spec. Cass. 10126/2000).

Insomma come si direbbe per il processo penale oltre ogni ragionevole dubbio.

In caso di perdita o deterioramento dei beni derivante da un disastro naturale, pertanto – prosegue la Cassazione – non è sufficiente la prova di ciò, ma è necessario provare, più ampiamente, che il conduttore ha adempiuto diligentemente il suo obbligo di custodia (art. 1177 c.c., art. 1587 c.c., n. 1, e art. 1590 c.c., comma 1), il quale non è assorbito dall'evento naturale, in considerazione della eventuale possibilità che il danno conseguente a quell'evento sia comunque prevenuto o impedito dalla diligente condotta dell'obbligato (Cass. 12 maggio 2006 n. 11005).


Un esempio aiuterà a capire meglio.

C'è un allagamento dovuto ad un tremendo acquazzone e un'unità immobiliare resta pesantemente danneggiata.

L'inquilino, per andare esente da colpe, deve dimostrare di aver fatto tutto quanto in suo potere per evitare danni al bene locatogli e che, di conseguenza, tali danni sono dovuti a fattori assolutamente estranei alla sua sfera d'intervento.


Conduttore e condominio


In questo contesto il locatario non è responsabile solamente verso il locatore ma anche verso il condominio.

Sul punto, infatti, la Cassazione ha chiarito che nel caso di deterioramento, il danno è non solo quello che si riferisce alla cosa locata, considerata nella sua individualità, ma deve comprendere anche i danni derivanti dagli accadimenti concernenti la cosa locata, come quelli alle parti comuni dell'edificio in cui l'immobile è ubicato, trattandosi di danni derivanti da inadempimento di obbligo contrattuale (art. 1218 cod. civ.), i quali sono tutti quelli indicati dall'art. 1223 dello stesso codice (Cass. 21 ottobre 2005 n. 20357).


Senza danno la presunzione di colpa non esiste


Casa3Ad ogni buon conto sta sempre a chi lamenta un danno provarlo e provare altresì che esso deriva dal bene concesso in locazione.

Se non c'è danno non c'è presunzione di colpa.

Questa la conclusione cui è giunta la Cassazione, con una sentenza depositata in cancelleria lo scorso 26 ottobre.

Si legge nella pronuncia che la presunzione di colpa generica a carico del conduttore prevista dall'art. 1588 c.c. resta scalfita dalla circostanza, se accertata in sentenza, della inesistenza degli asseriti danni prodotti dalla sua condotta al bene locato (Cass. 26 ottobre 2012, n. 18498).

Insomma senza danno nessuna risarcimento, com'è logico che sia.

riproduzione riservata
Articolo: Inquilino, appartamento e danni
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 3 voti.

Inquilino, appartamento e danni: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.049 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Persiana alluminio eclissa quadra
    Persiana alluminio eclissa quadra...
    200.00
  • Imbiancatura a strisce Milano
    Imbiancatura a strisce milano...
    20.00
  • Profilo a T Schluter-RENO-T
    Profilo a t schluter-reno-t...
    2.48
  • Profili di protezione Schluter-FINEC
    Profili di protezione...
    5.15
  • Wall stickers per interruttore removibili
    Wall stickers per interruttore...
    9.59
  • Rasaerba a benzina Briggs & Stratton
    Rasaerba a benzina briggs &...
    349.01
Notizie che trattano Inquilino, appartamento e danni che potrebbero interessarti


Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Affitto e obbligo di APE

Affittare casa - In occasione di un contratto di affitto in quali casi bisogna dotarsi di Attestato di Prestazione Energetica, allegarlo al contratto o consegnarlo al conduttore?

Locazione: il modello RLI nel caso di decesso del locatore

Affittare casa - Cosa succede al rapporto di locazione immobiliare in caso di decesso del locatore; cosa devono comunicare gli eredi all'Agenzia delle Entrate con il modello RLI

L'inquilino, il condominio ed i danni

Condominio - L'inquilino di un un'unità immobiliare in condominio può essere risarcito dal proprietario anche se i danni provengono da parti comuni.

Sistemazione del bagno: chi paga le spese di riparazione, il locatore o il locatario?

Affittare casa - Nell'ambito della locazione, le due parti hanno precisi obblighi in relazione alle riparazioni sebbene l'applicazione pratica delle norme non sempre è semplice.

Locazione: nulli i canoni pattuiti in nero

Fisco casa - Nulla la scrittura privata successiva al contratto che stabilisce un canone di locazione più alto per evadere le tasse(Cassazione, sent.n°18213 del 17/09/2015).

Diritto di prelazione

Affittare casa - Il diritto di prelazione è quell'istituto in base al quale, a parità di condizioni, un soggetto viene preferito rispetto ad un altro, in capo ad un negozio giuridico.

Locazione e immissioni intollerabili

Affittare casa - Le immissioni non si contestano al locatore, ma la terzo trattandosi di molestie di fatto e non di vizi o molestie di diritto, le uniche di cui risponde il proprietario.

Cosa deve fare il proprietario per i canoni di locazione non pagati

Proprietà - Sul canone di locazione di un immobile ad uso abitativo, il proprietario ottiene un reddito soggetto a tassazione. Ma che cosa succede se l'inquilino non paga?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img arcangelo.calo
Salveil mio contratto di locazione scade il 1° luglio 09, a quale indice Istat dovrei aggiornarlo giugno o luglio (che non è ancora stato pubblicati) e qual'è il...
arcangelo.calo 28 Giugno 2009 ore 16:37 1
Img alexciri
Possiedo un appartamento che ho affittato con un contratto di locazione di 4+4, rinnovabile automaticamente a meno che io avvisi gli inquilini 6 mesi prima con raccomandata A/R...
alexciri 26 Marzo 2014 ore 16:05 1
Img maryquant
Buonasera.Vorrei chiedere come si fa a stipulare un contratto di affitto per l'appartamento di proprietá del condominio.Grazie...
maryquant 27 Agosto 2015 ore 23:09 7
Img elisamts88
Buongiorno, ho un dubbio riguardo la pertinenza di spese per la riparazione di due problemi strutturali verificatisi nell'appartamento (anni '70) in cui sono in affitto. Un...
elisamts88 12 Settembre 2019 ore 14:09 3
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3