Esecuzione specifica dell'obbligo di concludere il contratto

NEWS DI Proprietà25 Giugno 2015 ore 14:30
Il codice civile contiene una norma che consente di ottenere una sentenza costitutiva degli effetti del contratto che non è stato concluso da chi è vi era obbligato.

Esecuzione forzata in forma specifica


firma di un contratto preliminareL'esecuzione forzata in forma specifica è l'esecuzione forzata con cui la legge consente di ottenere un effetto specifico, e non un effetto in forma equivalente.

L'esecuzione per equivalente è quella che mira a raggiungere la soddisfazione del credito mediante la conversione in danaro dei beni del creditore oppure mediante l'espropriazione di danaro del creditore presso terzi.

Viceversa, l'esecuzione in forma specifica mira a un risultato preciso, quello che il creditore avrebbe ottenuto con l'adempimento spontaneo del debitore.

Gli artt. 2930 e ss. c.c. trattano proprio dell'esecuzione forzata in forma specifica.

In particolare, l'art. 2932 c.c. si occupa dell'esecuzione in forma specifica dell'obbligo di contrarre.

L'articolo precisamente così recita: Se colui che è obbligato a concludere un contratto non adempie l'obbligazione, l'altra parte, qualora sia possibile e non sia escluso dal titolo, può ottenere una sentenza che produca gli effetti del contratto non concluso.

Se si tratta di contratti che hanno per oggetto il trasferimento della proprietà di una cosa determinata o la costituzione o il trasferimento di un altro diritto, la domanda non può essere accolta, se la parte che l'ha proposta non esegue la sua prestazione o non ne fa offerta nei modi di legge, a meno che la prestazione non sia ancora esigibile.


Obbligo di contrarre e contratto preliminare


Tipico esempio dell'obbligo di contrarre è dato dalla firma di un contratto preliminare di un bene immobile, noto anche come compromesso.

Il contratto preliminare, come noto ai giuristi, obbliga a contrarre (nel nostro caso, a vendere e acquistare), ma non produce l'effetto del passaggio di proprietà dell'immobile.

Dal contratto preliminare deriva cioè in capo alle parti l'obbligo di contrarre, quindi a effetti obbligatori, mentre il contratto definitivo potrà essere a effetti obbligatori, cioè portare a un contratto comportante per le parti degli obblighi (cioè ad es. la locazione di un bene) oppure, più spesso, come nel caso del trasferimento della proprietà, effetti detti reali (v. art. 1376 c.c.).

Come è opportuno che sia, le parti spesso pattuiscono un termine entro il quale concludere il contratto definitivo. Se detto termine non viene pattuito, il contratto è ugualmente valido e si può pretendere immediatamente l'esecuzione, oppure, in mancanza di accordo, rivolgersi al giudice perchè fissi il termine, ai sensi dell'art. 1183 c.c..

Nei casi in cui invece il termine è previsto, esso può essere essenziale oppure no: il termine è essenziale se dal contratto si desume che le parti intendevano considerare venuta meno l'utilità perseguita nel caso di conclusione del contratto oltre quella data (v. ad es. Cass. n. 21587/2007).

Se una delle due parti non adempie all'obbligo di contrarre, l'altra può rivolgersi al giudice per chiedere l'esecuzione forzata in forma specifica tramite la sentenza di cui all'art. 2932 c.c..

Il preliminare deve avere la forma dell'atto definitivo (v. art. 1351 c.c.); ciò vuol dire che nel caso di vendita di immobili deve avere la forma scritta (v. art. 1350 c.c., co.1, n.1).


Trascrizione del contratto preliminare, della domanda giudiziale e della sentenza


consegna di un immobileIl contratto preliminare deve inoltre essere trascritto, se la forma è data da atto pubblico o da scrittura privata con sottoscrizione autenticata o accertata giudizialmente e comunque secondo le prescrizioni di cui all'art. 2645-bis c.c..

La trascrizione del contratto definitivo (e di ogni altro atto volto a dare esecuzione al preliminare) prevarrà sulle trascrizioni e sulle iscrizioni effettuate contro il promittente alienante successivamente alla trascrizione del preliminare (art. 2645-bis, co.2).

La domanda giudiziale volta a ottenere la sentenza costitutiva va trascritta, come la sentenza stessa; la trascrizione della sentenza che accoglie la domanda prevale sulle trascrizioni e iscrizioni eseguite dopo la trascrizione della domanda (v. art. 2652, n. 2 c.c.).

Inoltre, in proposito alla sentenza che accoglie la domanda diretta a ottenere l'esecuzione in forma specifica dei contratti preliminari, la sua trascrizione prevale, al pari della trascrizione del definitivo sulle trascrizioni e iscrizioni effettuate contro il promittente alienante dopo la trascrizione del contratto preliminare (v. artt. 2645-bis, co.2 e 2652 c.c.).

Gli effetti della trascrizione cessano, e si considerano come mai esistiti, se non avvengono la trascrizione del definitivo (o di ogni altro atto che sia esecuzione del preliminare) o della domanda giudiziale (volta a ottenere l'esecuzione in forma specifica ex art. 2932 c.c.).

A tali fini, la trascrizione deve avvenire al massimo entro un anno dalla data stipulata dalle parti per la stipula del definitivo e comunque entro tre anni dalla trascrizione del preliminare (v. art. 2645-bis).


Sentenza costitutiva


Abbiamo detto che in caso di inadempimento dell'obbligo di contrarre una delle parti può chiedere la sentenza costituiva di cui all'art. 2932 c.c.

Detta sentenza è chiamata costitutiva nel senso che essa costituisce, cioè produce gli effetti del contratto non concluso.

Ai sensi dell'art. 2908 c.c. infatti nei casi previsti dalla legge, l'autorità giudiziaria può costituire, modificare o estinguere rapporti giuridici, con effetto tra le parti, i loro eredi o aventi causa.

Per restare all'esempio del preliminare, essa, al passaggio in giudicato, produce il passaggio di proprietà, dietro pagamento del prezzo (v. ad es. Trib. Salerno n. 3238/2014).

In alcuni casi poi la costituzione degli effetti è addirittura impossibile; ad esempio, per restare nel caso degli immobili, se il bene è stato già venduto a terzi e pure trascritto prima della trascrizione della domanda giudiziale ex art. 2652 c.c.

riproduzione riservata
Articolo: Inadempimento del contratto preliminare e sentenza costitutiva
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Inadempimento del contratto preliminare e sentenza costitutiva: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Inadempimento del contratto preliminare e sentenza costitutiva che potrebbero interessarti
Effetti sentenza di risoluzione per inadempimento contratto di locazione

Effetti sentenza di risoluzione per inadempimento contratto di locazione

Affittare casa - Nell'ambito di una locazione può accadere che sorgano problemi e una delle parti domandi la risoluzione del contratto: da quando decorrono gli effetti della sentenza?
Preliminare di vendita: che fare se il venditore cambia idea?

Preliminare di vendita: che fare se il venditore cambia idea?

Comprare casa - Quali sono gli strumenti giuridici a disposizione dell'acquirente qualora, dopo il contratto preliminare il venditore si rifiuti di vendere l'immobile promesso.
Preliminare di vendita e irregolarità urbanistiche e sanitarie

Preliminare di vendita e irregolarità urbanistiche e sanitarie

Normative - Se l'immobile oggetto del preliminare di compravendita è difforme rispetto a quanto pattuito, il compratore può chiedere la restituzione del doppio della caparra.

Trascrizione del preliminare di vendita

Comprare casa - La trascrizione del preliminare di vendita viene eseguita da un notaio e tutela la parte acquirente qualora il venditore venga meno agli accordi stabiliti.

Abusi edilizi: ecco quando è valida la comprevendita

Leggi e Normative Tecniche - La Corte di Cassazione con sentenza n. 24852/2015 prevede la validità del preliminare anche in caso di abusi edilizi che non modificano la volumetria dell'immobile

Acquisto della casa principale non eseguito e fallimento

Comprare casa - Cosa accade alla vendita non eseguita di un immobile destinato ad abitazione principale nel caso in cui l'imprenditore viene successivamente dichiarato fallito?

Risoluzione contratto preliminare e restituzione dell'immobile prima del rogito

Comprare casa - In caso di risoluzione del contratto preliminare con consegna anticipata del bene, il promissario acquirente deve restituire il bene e pagare un corrispettivo.

Vendita immobile: il contenuto del preliminare e le verifiche da fare

Proprietà - Contratto con cui le parti si impegnano a stipulare una futura compravendita, nel preliminare devono esserci elementi essenziali ed è necessario fare delle verifiche.

Contratto preliminare: quali sono i rimedi giuridici se l'immobile è gravato da ipoteca?

Comprare casa - Cosa può fare il compratore se dopo la stipula del contratto preliminare si accorge che l'immobile è ipotecato? Quali sono le tutele a favore dell'acquirente?
REGISTRATI COME UTENTE
295.670 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Wavin tubo polipropilene ppr tigris green barra
    Wavin tubo polipropilene ppr...
    10.30
  • Parete cartongesso Milano
    Parete cartongesso milano...
    45.00
  • Consolidamento Roto&Push Parma e dintorni
    Consolidamento roto&push parma...
    80.00
  • Consolidamento ValveSystem Parma e dintorni
    Consolidamento valvesystem parma e...
    400.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Faidacasa.com
  • Mansarda.it
  • Faidatebook
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.