Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Impianto elettrico e ripartizione delle spese

Una recente sentenza, resa dal Tribunale di Bari, ci consente di affrontare il tema della messa a norma degli impianti elettrici imposta dalla legge n.
15 Ottobre 2010 ore 12:18 - NEWS Condominio
ripartizione spese , impianti , delibere nulle , antenna
ImpiantoUna recente sentenza, resa dal Tribunale di Bari, ci consente di affrontare il tema della messa a norma degli impianti elettrici imposta dalla legge n. 46 del 1990 e della ripartizione dei costi ad essa relativi.Ai sensi del terzo comma dell'art. 7 della predetta legge tutti gli impianti realizzati alla data di entrata in vigore della presente legge devono essere adeguati, entro tre anni da tale data, a quanto previsto dal presente articolo.La legge, finalizzata a garantire la sicurezza degli impianti elettrici e di tutti quelli consimili individuati dall'art. 1, è stata abrogata e sostituita dal d.m. n. 37/08.Il termine di tre anni è stato prorogato in più occasioni.In sostanza per lungo periodo di tempo si è reso necessario attivarsi per mettere a norma gli impianti esistenti.A ben vedere, non esistendo dati certi, non ci sarebbe da stupirsi se qualche impianto ancora non lo fosse.L'analisi della sentenza, quindi, risulta ancor'oggi di grande attualità.Tale attività, è lapalissiano, comporta l'erogazione di spese necessarie a pagare l'impresa esecutrice dei lavori per l'opera prestata.ImpiantoChi deve contribuire?Quanto alla prima domanda la risposta è molto semplice: il costo per gli interventi di messa a norma dell'impianto devono essere sostenuti dal proprietario dell'unità immobiliare ubicata in condominio.Ciò vuol dire, ad esempio, che l'inquilino è tenuto a pagare solamente se espressamente previsto nel contratto di locazione.In questo contesto è domandarsi: in che misura il condomino dovrà contribuire?Il Tribunale di Bari, con la sentenza n. 2837 del 20 settembre 2010, fornisce una risposta chiara, precisa ed inequivocabile.Nel caso di specie la spesa per la messa a norma dell'impianto era stata ripartita in parti uguali.Un condomino, contrario a tale scelta, impugnava la deliberazione assembleare.Il magistrato chiamato a dare giustizia gli dava ragione, in quanto, a suo dire che le spese relative all'adeguamento dell'impianto elettrico alla normativa prevista dalla L. 46/90 vadano ripartite a norma del primo comma dell'art. 1123 c.c. trattandosi di spese relative alla conservazione e godimento delle parti comuni, con la conseguenza che le stesse devono essere sostenute dai singoli condomini in misura proporzionale al valore di proprietà di ciascuno. (Trib. Bari n. 2837/10).La sentenza è importante in quanto ribadisce, espressamente, che il criterio legale previsto dall'art. 1123, primo comma, c.c. è derogabile ma solo se v'è accordo tra tutti i condomini e che quindi in materia di condominio la ripartizione in parti uguali delle spese di conservazione non può assurgere a criterio legale.
riproduzione riservata
Articolo: Impianto elettrico e ripartizione delle spese
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Impianto elettrico e ripartizione delle spese: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
325.643 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Impianto elettrico e ripartizione delle spese che potrebbero interessarti


Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite

Ripartizione delle spese e validità della delibera

Ripartizione spese - Per la ripartizione delle spese condominiali, ai fini della validità della delibera, scegliere un criterio errato è cosa diversa dalla deroga a un criterio esistente.

Impugnazione delibere e ripartizione delle spese: vizi contestabili e casi ricorrenti

Ripartizione spese - L'impugnazione delle delibere è materia che s'intreccia spesso con quella della ripartizione delle spese: gli aspetti comuni e quelli principali dei due argomenti

La modifica delle tabelle millesimali contrattuali

Tabelle millesimali - La modificazione delle tabelle millesimali contrattuali deve avvenire con il consenso di tutti i condomini.Diversamente la deliberazione di modifca è nulla.

Lavori condominiali e contestazione delle deliberazioni

Condominio - Per l'impugnazione di deliberazioni che concernono interventi su cose comuni è necessario contestare la deliberazione con la quale si decide e non quella di spesa.

Spese condominiali e ricevuta di pagamento

Ripartizione spese - La ricevuta di pagamento delle spese condominiali attesta l'avvenuto pagamento delle quote e i condomini hanno diritto a chiederla e ottenerla dall'amministratore.

Il caso delle delibere condominiali nulle e le conseguenze sui tempi d'impugnazione

Assemblea di condominio - La nullità delle delibere assembleari rappresenta l'ipotesi più grave di causa d'invalidità rispetto alla quale non valgono le regole previste dall'art. 1137 c.c.

Piano di ripartizione spese condominiali: cos'è e a cosa serve

Ripartizione spese - Il piano di ripartizione delle spese condominiali, specie se approvato dall'assemblea, è fondamentale per una corretta gestione delle spese in un condominio.

Ritardo nei pagamenti delle quote condominiali e poteri dell'assemblea

Assemblea di condominio - Quali sono i poteri dell'assemblea nel caso di ritardo nei pagamenti delle rate condominiali? Ridotti al minimo a meno che non decida di intervenire sui poteri riconosciuti all'amministratore.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img carlocorneo
Buongiorno, mi chiedevo se ai fini del calcolo del tetto di spesa (plafond fiscale per solo l'isolamento termico) è possibile conteggiare oltre alle abitazioni e ai negozi,...
carlocorneo 29 Dicembre 2020 ore 18:27 1
Img lucav22
Salve a tutti, Volevo sapere se fosse possibile far rientrare l'impianto idrico, elettrico e termico nel conteggio del bonus 110% in quanto sto ristrutturando casa, praticamente...
lucav22 23 Dicembre 2020 ore 17:47 7
Img sandro1965-
Buongiorno, siamo 5 fratelli e sorelle e siamo proprietari di una piccola palazzina (familiare) con 10 appartamenti (termoautonomi e senza ascensore) dislocati su 3 piani e...
sandro1965- 07 Dicembre 2020 ore 13:41 2
Img serenabosco
Volendo usufruire del Superbonus del 110% e considerando che, per ogni condomino, c'è un limite di spesa che può rientrare nella cessione del credito, vorrei capire...
serenabosco 06 Dicembre 2020 ore 14:21 1
Img ciroafeltra@live.it
Buonasera a tutti, chiedo scusa in anticipo non ho ben capito se c'è una sezione in cui presentarsi.Mi servirebbe un consiglio. Vivo a Roma possiedo una cantina di 9 mq...
ciroafeltra@live.it 04 Dicembre 2020 ore 17:09 2