Il giardino inglese

NEWS DI Progettazione22 Maggio 2009 ore 15:41
Importanti in Italia sono il Giardino inglese di Palermo, il giardino Treves de Bonfili, ma soprattutto il Giardino Inglese della Reggia di Caserta.
giardino , topiaria , giardino inglese

Agli inizi del secolo XVIII nasce, in Europa, un nuovo modo di osservare la natura, secondo un atteggiamento di Empfindsamkeit (sensitività).
In Inghilterra, soprattutto tra l'aristocrazia, diversamente in Francia ed in Italia, si diffonde una nuova concezione uomo-natura, dove quest'ultima è intesa come incantevole forza da lasciare inalterata nella sua bellezza senza rinchiuderla in schemi geometrici da definire e circoscrivere in spazi.

Nel Grand Mistery of Godliness (1660) More scrive:
[…] i nostri occhi sono colpiti dalla luce abReggia di Caserta, foto arch.Monica Pezzellabagliante del sole, o se osservano la bellezza placida e calma della luna, o sono rinfrescati dalla dolce brezza dell'aria o infine sono rapiti nella contemplazione della scintillante luce delle stelle, o restano attoniti davanti alle cascate di qualche fiume imponente, come quelle de Nilo, o ammirano l'altezza di qualche insuperabile e inaccessibile vetta di montagna, o con piacevole orrore e brivido guardano una foresta silente.



Il filone di tale interpretazione, sfocia nella realizzazione di giardini chiamati all'inglese che troveranno ampia diffusione, nella seconda metà del secolo, nel resto dell'Europa.

La borghesia portatrice di ideali nuovi, di un nuovo concetto di bellezza e un nuovo modo di approcciarsi alla natura finanziarò e volle fortemente una progettazione bella e sublime.

I giardini inglesi saranno progettati come un territorio non dominato dall'uomo da artificiose riproduzioni di paesaggi.
Gli alberi, le piante e tutta la vegetazione riusciranno con tale progettazione a mostrare scenografie inaspettate e non programmate.

Stagni, isolette, siepi, gruppi apparentemente spontanei di alberi, colline e radure si mescoleranno con l'architettura (soprattutto gotica) e la scultura.
I percorsi sinuosi e gli effetti a sorpresa saranno progettati per emozionare.
Il giardino sarà dunque un luogo in cui la suggestione sarà artefice di forti emozioni.

Progettazioni regolari
e selvagge di grandi parterre, mai incolti, si alterneranno con maestria ed eleganza, suscitando meraviglia soprattutto per la presenza di alberi e piante rare.

Bellissimo e raro esemplare Reggia di CasertaLe differenti emozioni malinconiche, piacevoli ed amene, verranno bilanciate dalle regolare non regolarità insita nella natura.

Lasciata come si presenta non verrà aggredita dall'uomo Humphrey Repton, uno dei maggiori architetti del paesaggio inglesi, sintetizza così la filosofia del giardino inglese:
Il migliorare la scena di una contrada, al fine di mostrarne le bellezze naturali, costituisce un'arte che ha origine in Inghilterra…ed io ho adoperato, per definirla, il termine di Landscape Gardening.

Già Lucrezio, nel De rerum natura II, 1-6, aveva descritto tale condizione:
È dolce, quando sul vasto mare i venti sconvolgono le acque, guardare dalla terra alla grande fatica altrui; non perché sia un dolce piacere il tormento di qualcuno, ma perché è dolce vedere da quali mali tu stesso sia privo. Dolce è anche contemplare i grandi scontri di guerra schierati nella pianura senza che tu prendi parte al pericolo.

Gli elementi arborei saranno dunque impiantati in modo da cogliere all'improvviso il passante con la magnificenza della natura. Tre, seppur con concezioni differenti, saranno i grandi progettisti di tale architettura naturale: William Kent (progetto dei giardini di Chiswick House, Claremont e Stowe), Lancelot Brown (progetto dei parchi di Stourhead e Painshill) e Humphrey Repton (autore dei Red Books, libretti nei quali illustra ai committenti le fasi del "prima" e "dopo" dei progetti di trasformazione dei luoghi).


Importanti in Italia sono il Giardino inglese di Palermo, il gCedro del Libano, Giardino inglese Reggia di Casertaiardino Treves de Bonfili, ma soprattutto il Giardino Inglese della Reggia di Caserta, realizzato da John Andrea Graefer, dove al suo interno fu piantata anche la prima camelia.

Esso si sviluppa ortogonalmente rispetto al percorso d'acqua realizzato con una immensa cascata.

Voluto da Maria Carolina d'Austria, che volle rompere con la tradizione del giardino all'italiana, seguendo i suggerimenti di lord Hamilton, fece chiamare a Caserta, l'inglese Graefer, competente di botanica per realizzare il suo giardino in naturale libertà.

Il giardino fu adornato di piante rare, esso è ancora oggi arricchito da piante esotiche, tra cui anche un bellissimo Cedro del Libano che conduce alla fontana del Pastore antico sino al Criptoportico ed al bagno di Venere, luogo prediletto della massoneria nel quale attuavano il rito di purificazione del corpo.

riproduzione riservata
Articolo: Il giardino inglese
Valutazione: 3.50 / 6 basato su 2 voti.

Il giardino inglese: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Il giardino inglese che potrebbero interessarti
Giardino alla francese: caratteristiche

Giardino alla francese: caratteristiche

Sistemazione esterna - Il giardino alla francese, discendente diretto del giardino formale o all'italiana, si caratterizza per il suo impianto rigorosamente geometrico e razionale.
Cos'è e come creare un giardino all'italiana

Cos'è e come creare un giardino all'italiana

Sistemazione esterna - Il giardino all'italiana nasce dal desiderio di un equilibrio naturale coniugato al rigore geometrico, inteso come ritorno alle forme architettoniche classiche.
Arte topiaria: come realizzarla

Arte topiaria: come realizzarla

Giardinaggio - Ritorna di moda l'arte topiaria, ovvero quella particolare tecnica di plasmare le forme della natura per abbellire il giardino, dando sfogo alla creatività.

Giardino formale o all'italiana

Sistemazione esterna - Il giardino all'italiana è uno stile di giardino formale - cioè caratterizzato dalla predominanza di forme geometriche - ideato in Italia nel Rinascimento.

Bordo misto all'inglese

Giardinaggio - Il bordo all'inglese in giardino è una tecnica colturale perfetta per chi non ama le forme troppo definite e un mix di specie e varietà differenti durante l'anno.

Giardino all'inglese

Sistemazione esterna - Il giardino all'inglese, detto anche giardino romantico o paesaggista, imita la natura incolta e selvaggia con il sapiente uso di piante, laghetti e finte rovine.

Giardino Giapponese

Giardino - L'estetica ed il senso del rapporto con la natura nella tradizione paesaggistica del Paese del Sol Levante.

Storia del giardino

Giardino - Breve excursus attraverso la storia del giardino, dalle origini ai nostri giorni.

Scegliere la siepe

Giardinaggio - La scelta delle essenze da piantumare in una siepe non è immediata e va studiata in base alla dimensione del giardino, alle necessità pratiche e alla resa estetica.
REGISTRATI COME UTENTE
295.535 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Genius 100 carrello
    Genius 100 carrello...
    48.80
  • Lampada solare da giardino stocker modello roma
    Lampada solare da giardino stocker...
    39.89
  • Rullo da giardino 32 cm
    Rullo da giardino 32 cm...
    88.94
  • Zoccoli forati giardino e casa verde oliva
    Zoccoli forati giardino e casa...
    9.46
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.