Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Gas radon: l'inquinamento invisibile

NEWS Materiali edili11 Giugno 2019 ore 11:19
Il gas radon è un agente inquinante naturale che può essere contenuto in alcuni materiali da costruzione ed è ritenuto potenzialmente nocivo alla salute dell'uomo.

Il gas radon presente nelle abitazioni è dannoso per la salute


Il gas radon è un gas nobile naturale radioattivo, prodotto dall'uranio, presente su tutta la crosta terrestre in diverse percentuali e contenuto anche in alcuni materiali da costruzione, quali tufi, pozzolane e graniti.

Il gas radon è un agente inquinante che non si percepisce con i sensi umani perché inodore, incolore e insapore, la sua presenza è innocua se siamo all'aria aperta ma, la sua elevata concentrazione in ambienti chiusi costituisce una minaccia per la salute dell'uomo, in quanto è stato definito come seconda causa per l'insorgenza del tumore al polmone.

Il gas radon è nocivo alla salute dell'uomo
Va specificato che non è il radon di per sè a essere nocivo, in quanto gas inerte, ma i prodotti del suo decadimento che sono metalli quali piombo, bismuto e polonio, pericolosi in quanto possiedono un'elevata energia che può danneggiare le cellule, rompendo in più punti la molecola di DNA.

Occorre quindi limitare la concentrazione o meglio la penetrazione del gas radon all'interno delle nostre abitazioni, garantendo adeguati ricambi d'aria e intervenendo sulla corretta sigillatura delle giunzioni tra pavimento e parete, consentendo l'areazione delle fondazioni attraverso vespai areati.

Casseri a perdere GRANCHIO per vespaio areato - Project for Building
L'azienda Project for Building propone il cassero a perdere GRANCHIO in polipropilene riciclato utilizzato per la realizzazione di vespai areati, adatto sia per le nuove costruzioni che per le ristrutturazioni, dotato di un sistema di collegamento ad incastro che consente una posa facile e veloce, la cui forma cava favorisce un'ottima ventilazione e dispersione del gas radon.


Gas radon: normativa


La Direttiva 2013/59/EURATOM del Consiglio del 5 dicembre 2013 stabilisce le norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall'esposizione alle radiazioni ionizzanti.

Il radon (precedentemente niton) è l'elemento chimico che nella tavola periodica viene rappresentato dal simbolo Rn e numero atomico 86.
Il radon è solubile in acqua e poiché la sua concentrazione in atmosfera è in genere estremamente bassa, l'acqua naturale di superficie a contatto con l'atmosfera (sorgenti, fiumi, laghi, etc) lo rilascia in continuazione per volatilizzazione anche se generalmente in quantità molto limitate.

D'altra parte, l'acqua profonda delle falde, può presentare una elevata concentrazione di 222Rn rispetto alle acque superficiali.

In Italia gli enti preposti a misurare il radon in casa e nei luoghi chiusi sono le ARPA (Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente), a cui si può fare riferimento per adottare provvedimenti di bonifica nei casi di superamento dei limiti di legge.


Le principali fonti di inquinamento da radon negli ambienti confinati


All'interno delle abitazioni e dei luoghi chiusi le principali fonti di rischio radon sono:

  • il suolo

  • i materiali da costruzione

  • l'acqua


Il radon prodotto nel suolo è in grado di diffondersi fino ad arrivare in superficie.
I materiali da costruzione rappresentano una fonte di radon indoor di secondaria importanza rispetto al suolo; tuttavia, in alcuni casi possono essere la causa principale.

Alcune rocce come graniti e porfidi, spesso usati in edilizia e alcuni materiali da costruzione tipici italiani, come il tufo e la pozzolana, contengono infatti un alto tenore di uranio, progenitore del radon.

In caso di abitazioni in tufo, occorre verificare se si tratta di tufo radioattivo ed effettuare delle opportune misurazioni medianterilevatore radon.

Gli eventuali lavori di bonifica dal gas radon richiederanno l'intervento di un tecnico esperto in radioprotezione. L'uso di estrattori potrebbe favorire il ritorno alla normalità così come un'adeguata ventilazione è sempre consigliabile per evitare alte concentrazioni del gas.


L'azienda Pontarolo Engineering Spa propone il vespaio aerato CUPOLEX che permette di controllare la risalita di gas radon, in quanto l'intercapedine d'aria ne riduce notevolmente la concentrazione fino a raggiungere livelli trascurabili.


Come intervenire in caso di edifici a rischio radon?


Gli edifici a rischio radon maggiormente esposti sono quelli costruiti su suoli di origine vulcanica o fortemente permeabili e che impiegano materiali da costruzione quali tufo, graniti e pozzolane, partecipando così alle cause dell'inquinamento indoor.

Le più comuni vie di accesso del gas radon dal suolo sono:

- i giunti di connessione perimetrali fra solaio a terra e pareti verticali;

- la mancata sigillatura delle canalizzazioni degli impianti elettrici o idraulici;

- le microfessurazioni nel basamento dovute al ritiro dei leganti o ad assestamenti strutturali;

- le fessurazioni dovute alla non corretta posa dei materiali da costruzione;

- le intercapedini e la discontinuità in corrispondenza dei giunti di dilatazione.

I possibili interventi per limitare la concentrazione di radon sono i seguenti:

- aumentare il ricambio d'aria con l'esterno, con la ventilazione naturale o forzata;

- sigillare le vie d'ingresso, chiudendo ermeticamente crepe, fessure e microfessure mediante resine e materiali siliconici o poliuretani;

- depressurizzazione dell'eventuale intercapedine o vespaio per deviare all'esterno il radon, mediante ventola aspirante o realizzazione di un pozzetto radon nel terreno al di sotto del solaio;

- pressurizzazione dell'abitazione, in particolare del piano interrato, immettendo aria con un ventilatore in modo da creare una barriera capace di contrastare l'entrata del gas nell'edificio.

Negli edifici di nuova costruzione è opportuno realizzare l'attacco a terra mediante un vespaio areato in modo da creare un'intercapedine d'aria tra il terreno ed il fabbricato, con canalizzazioni per l'espulsione del gas radon verso l'esterno.


Vespaio areato per limitare l'immissione di gas radon


Negli ultimi anni la tecnologia costruttiva del vespaio areato è andata evolvendosi in diverse soluzioni pratiche e funzionali basate su casseforme a perdere composte da elementi modulari in materiale plastico, di facile installazione e autobloccanti, con grande risparmio di mano d'opera.

Vespaio areato anti radon - Daliform Group
Le casseforme a perdere per vespaio IGLU® dell'azienda Daliform srl affiancate in sequenza secondo un senso prestabilito, consentono la rapida formazione di una piattaforma pedonale autoportante sopra la quale viene eseguita una gettata di calcestruzzo, costituendo un vespaio ventilato con l'area sottostante cava sfruttabile per il passaggio di impianti ma soprattutto un vespaio ventilato a contrasto dell'umidità di risalita e del gas Radon.

riproduzione riservata
Articolo: Gas Radon inquinante naturale
Valutazione: 5.14 / 6 basato su 21 voti.

Gas Radon inquinante naturale: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
308.025 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Kone
  • Saint-Gobain ISOVER
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Rivestimento tufo bianco
    Rivestimento tufo bianco...
    182.00
  • Rivestimento tufo pietra
    Rivestimento tufo pietra...
    220.00
  • Rivestimento tufo mattoncino
    Rivestimento tufo mattoncino...
    207.00
  • Dispositivo monitoraggio inquinamento indoor TecnovAir R
    Dispositivo monitoraggio...
    699.00
  • Rilevatore di gas-gpl-metano
    Rilevatore di gas-gpl-metano...
    199.99
  • Metal detector cercametalli
    Metal detector cercametalli...
    72.99
Notizie che trattano Gas Radon inquinante naturale che potrebbero interessarti


Radon in edilizia

Ristrutturazione - Gas subdolo, presente in natura nel sottosuolo, classificato al secondo posto per l'insorgenza di tumori polmonari, puo' entrare in casa attraverso crepe e fenditure nei muri.

Eliminazione gas radon da edifici esistenti

Soluzioni progettuali - L'Arpa Toscana ha pubblicato delle schede informative con soluzioni interessanti per eliminare o prevenire l'ingresso di gas radon all'interno di edifici esistenti.

Verifiche tecniche prima di acquistare un immobile

Comprare casa - Quando si sta per fare un investimento sono tanti gli aspetti da considerare, ecco alcune indicazioni specifiche che riguardano le verifiche tecniche da effettuare.

Pannelli isolanti in legno cemento, betonwood e airwood

Isolamento termico - Il legno cemento è un materiale molto particolare, ecocompatibile e dalle caratteristiche uniche di isolamento, resistenza ed ecocompatibilità, come betonwwod ed airwood.

Isolamento con ghiaia in vetro cellulare

Isolamento termico - La pratica del riciclaggio si sta diffondendo molto anche nel mondo dell'edilizia, la ghiaia in vetro cellulare è l'esempio, ideale per l'isolamento ed ecologica.

Caratteristiche e realizzazione di un vespaio cavedio per bagno

Restauro edile - I vespai cavedio detti anche igloo (o iglù), rappresentano una delle soluzioni costruttive più innovative per la creazione di un solaio con intercapedine aerata

Piante antinquinanti

Giardino - Alcune specie di piante hanno proprietà antinquinanti, ovvero sono in grado di assorbire bioemissioni, smog ed elettrosmog presenti in casa.

Vetro cellulare cos'è e come si utilizza

Progettazione - Il vetro cellulare come materiale termoisolante naturale: ecco come dal riciclo di semplici bottiglie di vetro, si genera un versatile materiale ecosostenibile.

Vespaio aerato

Risanamento umidità - Nei locali a diretto contatto con i terrapieni è buona norma realizzare un'intercapedine aerata tra il terreno e la superficie che delimita il locale: il vespaio.