Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Forme di inadempimento del conduttore

NEWS Affittare casa11 Ottobre 2014 ore 10:52
Nell'ambito di un contratto di locazione ad uso abitativo, il conduttore deve rispettare precise norme di legge per evitare contestazioni da parte del proprietario.
locazione , inadempimento del conduttore , sfratto

Inadempimento del conduttore nella legge italiana


Contratto di locazionePer individuare le forme di inadempimento del conduttore è necessario andare a leggere tre diverse fonti regolatrici del rapporto: il codice civile agli articoli 1587, 1588 e 1590 e 1453 e ss, (questi ultimi per quanto riguarda le norme sull'inadempimento in generale), la legge 392/78 all'articolo 5 ed il contratto che le parti hanno sottoscritto.

Ricordiamo che in materia, il contratto ha forza di legge tra le parti (art. 1372 c.c.), che esso obbliga le parti non solo a quanto in esso espresso, ma anche a tutte le conseguenze che ne derivano secondo la legge, gli usi e l'equità (art. 1374), che le parti possono liberamente determinare il contenuto del contratto nei limiti imposti dalla legge (art. 1322 c.c.).

Detto ciò, la prima forma di inadempimento che sovviene usualmente è quella della morosità. Sulla questione la risposta è data dall'art. 3, L. 392/78, il quale proprio sotto il titolo inadempimento del conduttore prevede esplicitamente (solo) la morosità e ci fornisce i paletti normativi che consentono di sapere senza dubbio quando il conduttore è inadempiente (quindi moroso) e quando è solo ritardatario.

La chiarezza della norma (una volta tanto) ci consente di andare più spediti nella soluzione in caso di controversia. Ed infatti, la norma prevede che il mancato pagamento del canone, decorsi venti giorni dalla scadenza o il mancato pagamento degli oneri accessori quando l'importo non pagato superi le due mensilità del canone, costituisce motivo di risoluzione ai sensi dell'art. 1455, c.c.: quindi, la non scarsa importanza dell'inadempimento, in generale condizione essenziale per la risoluzione del contratto ai sensi dell'art. 1455 è nel caso della locazione individuata esattamente dalla legge. Negli altri casi, invece, a parte l'ipotesi di un accordo bonario tra le parti, è il giudice a stabilire l'importanza dell'inadempimento, con gli intuibili rischi dati dall'imprevedibilità della decisione.

LocazionePer quanto poi stabilisce il codice civile, l'inadempimento è la violazione degli obblighi individuati dagli articoli 1587 (obbligo di prendere in consegna la cosa e osservare la diligenza del buon padre di famiglia nel servirsene per l'uso determinato nel contratto o per l'uso che può altrimenti presumersi dalle circostanze; obbligo di dare il corrispettivo nei termini convenuti), 1588 (obbligo di non deteriorare la cosa) e 1590 (obbligo di restituzione nello stato in cui ha ricevuto l'immobile).

Per quanto infine attiene al contratto, va da sè che dovrà intendersi inadempimento il mancato rispetto delle clausole convenute; anche in questo caso però, in fase giudiziale sarà il giudice a stabilire quanto grave sia l'inadempimento e se consenta la risoluzione.

Mediazione obbligatoria. Ne consegue che aldilà dei bollenti spiriti derivanti dal frequente inasprimento dei rapporti tra locatore e conduttore, l'esperimento giudiziale richiede una valutazione razionale dello stato di fatto esistente. Quello della locazione infatti è il classico caso in cui una mediazione può portare ad esiti ben più soddisfacenti di un giudizio; ciò in quanto la mediazione può riuscire in uno dei suoi punti di forza: stemperare gli animi, che ispirano buona parte delle controversie in materia locatizia, mentre il giudizio non può che inasprirli. Date le incognite di cui sopra in materia di inadempimento, sarà utile il fatto che l'esito della decisione non potrà poi essere un imprevisto deciso da un terzo (il giudice), ma sarà deciso e condiviso tra le parti.

Peraltro la locazione è una delle materie per cui l'esperimento della mediazione è reso obbligatorio dal D.lgs 28/2010 (art. 5-bis).


Un caso concreto d'inadempimento


Così, ad esempio, se nel contratto viene pattuita la locazione di una sola porzione dell'appartamento, l'utilizzo del bene oltre tale porzione senza alcun accordo e per di più non a fini abitativi ma per la dimora di animali aggressivi e sporchi, integra innanzitutto la violazione degli obblighi assunti a contratto relativi alla locazione di una parte specifica del bene; inoltre integra la violazione delle obbligazioni ex art. 1587 e 1588 per utilizzo del bene non conforme gli usi pattuiti, e di non deterioramento; integrerà poi, eventualmente, i reati accertati poi in sede penale.


Azioni legali per l'inadempimento del conduttore


Nel caso della morosità, se il conduttore occupa ancora l'immobile il locatore potrà innanzitutto ottenere di liberarsene mediante la procedura di sfratto ex artt. 658 e ss, c.p.c.; potrà poi tentare di recuperare il debito mediante la procedura di ingiunzione abbinata alla prima ex artt. 658 e 664 c.p.c., o disgiunta ex art 669, c.p.c.; infine, potrà anche chiedere il risarcimento degli eventuali danni patiti in seguito all'illecita condotta del conduttore.


Come detto, anche il rilascio dell'immobile alla scadenza è un'obbligazione, ai sensi dell'art. 1590 c.c.; anche qui, nel caso di inadempimento, il locatore può ottenere lo sfratto per finita locazione (art. 657 c.p.c.), nonché la condanna del conduttore al risarcimento del danno derivato dal ritardo del rilascio.

Sebbene, scaduti i termini pattuiti a contratto e dalla legge non sia necessaria la costituzione in mora prima del giudizio ex art. 1219, (se il pagamento deve essere fatto presso il creditore), sarà comunque opportuno tentare una definizione bonaria della vicenda mediante una comunicazione scritta; ciò non solo per scongiurare in ogni modo il giudizio, ma anche in vista della eventuale valutazione del giudice del comportamento tenuto dalla parte in fase stragiudiziale.

Successivamente, come già detto, sarà comunque necessario esperire il tentativo di mediazione, prima del giudizio. A parte però il caso dei procedimenti per convalida di licenza o sfratto, dove la mediazione non è obbligatoria fino al mutamento del rito di cui all'articolo 667 del codice di procedura civile, che si ha in caso di opposizione dell'intimato.

riproduzione riservata
Articolo: Forme di inadempimento del conduttore
Valutazione: 3.33 / 6 basato su 3 voti.

Forme di inadempimento del conduttore: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Michele16
    Michele16
    Domenica 14 Ottobre 2018, all or 09:19
    In qualità di inquilino sto affrontando numerosi problemi nel condominio.
    A partire da un ascensore che si blocca ogni 15 giorni, fino ad un decoro del condominio a dir poco vergognoso.
    Ho sollecitato più volte il proprietario con raccomandate a dover provvedere e ho avuto come risposta che non sono problemi suoi e mi devo rivolgere direttamente all'amministratore.
    In questo caso si può parlare di inadempienza contrattuale?
    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Michele16
      Martedì 30 Ottobre 2018, all or 17:37
      Ciao Michele16, in linea di principio il rapporto in condominio è, salvo eccezioni espresse, tra proprietario e condominio; il conduttore resta fuori dal rapporto. Inoltre, il proprietario è tenuto a far sì che il conduttore goda dell'immobile (v. art. 1575 c.c.); deve almeno provarci, insomma, altrimenti, sì, a mio parere è inadempimento contrattuale. Se poi ci prova e non ottiene risultati, è un'altra problematica.Se vuoi una risposta più dettagliata ed approfondita sull'argomento, prova il servizio di consulenza a pagamento di lavorincasa su aspetti, legali, fiscali, condominiali di lavorincasa.it riguardanti la casa Consulenza Legale, Fiscale e Condominiale 
      rispondi al commento
  • Rosa4
    Rosa4
    Martedì 25 Settembre 2018, all or 16:11
    Non si parla di inadempienza del conduttore nel caso in cui non fa rispettare ad un inquilino le regole civili del regolamento condominiale.
    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Rosa4
      Venerdì 28 Settembre 2018, all or 15:33
      Scusa Rosa4, è una domanda la tua?
      rispondi al commento
  • Luisella Caria
    Luisella Caria
    Domenica 5 Agosto 2018, all or 14:12
    Può rappresentare una forma di inadempimento contrattuale il fatto che il locatario di un appartamento non consenta l'accesso agli operai per l'esecuzione dei lavori di manutenzione straordinaria? E che da questo fatto siano derivati danni all'appartamento sottostante? 
    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Luisella Caria
      Venerdì 28 Settembre 2018, all or 15:48
      Sì Luisella Caria, detta così è inadempimento contrattuale e sì, il conduttore risponde dei danni eventualmente causati. La cosa va comunque vista nel dettaglio da un esperto.
      rispondi al commento
  • Luisella Caria
    Luisella Caria
    Domenica 5 Agosto 2018, all or 14:09
    Può rappresentare una forma di inadempimento contrattuale il fatto che il locatario di un appartamento non consenta l'accesso agli operai per l'esecuzione dei lavori di manutenzione straordinaria?
    E che da questo fatto siano derivati danni all'appartamento sottostante?
    Grazie
    rispondi al commento
  • Svevavolo
    Svevavolo
    Martedì 8 Novembre 2016, all or 18:40
    No, a meno che non abbiate qualcosa a contratto e anche in tal caso no, se l'inadempimento è di scarsa importanza. Se vuoi una risposta più dettagliata ed approfondita sull'argomento, prova il servizio di consulenza a pagamento su aspetti, legali, fiscali, condominiali di lavorincasa.it riguardanti la casa <a title="Consulenza Legale
    rispondi al commento
  • Guido Cambi
    Guido Cambi
    Domenica 6 Novembre 2016, all or 21:06
    Un inquilino ha modificato a mia insaputa il contratto di fornitura di energia elettrica, ha fatto lavori interni senza autorizzazione (pareti in cartongesso) ha creato una balaustra sul balcone ecc.
    Posso chiedere la risoluzione del contratto?
    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Guido Cambi
      Martedì 8 Novembre 2016, all or 18:42
      No, a meno che non abbiate qualcosa a contratto e anche in tal caso no, se l'inadempimento è di scarsa importanza. Se vuoi una risposta più dettagliata ed approfondita sull'argomento, prova il servizio di consulenza a pagamento su aspetti, legali, fiscali, condominiali di lavorincasa.it riguardanti la casa <a title="Consulenza Legale
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
316.622 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Forme di inadempimento del conduttore che potrebbero interessarti


Locazione abitativa, morosità e sfratto

Normative - La convalida sfratto per morosità può essere bloccata dal pagamento dei canoni dopo la domanda giudiziale ma bisogna restare in regola per evitare la risoluzione.

Sfratto per finita locazione

Affittare casa - Al termine del contratto di locazione il proprietario ha due possibilit: intimare al conduttore di lasciare l'appartamento o sfrattarlo se non l'ha fatto in tempo.

Locazione: cosa fare se il canone non viene riscosso

Affittare casa - Quando il proprietario di un immobile concesso in locazione non riscuote il canone dovuto dall'inquilino può non pagare l'IRPEF. Ecco l'ultima decisione del Fisco

Affitti: sfratto per finita locazione e sfratto per morosità

Affittare casa - Sfratto per finita locazione e sfratto per morosità: due procedimenti a tutela del locatore che consentono il rilascio dell'immobile nei casi fissati dalla legge

Niente detrazione interessi del mutuo se l'affitto è in corso

Detrazioni e agevolazioni fiscali - È possibile detrarre gli interessi passivi del mutuo contratto per l'acquisto di un immobile non adibito ad abitazione principale? Vediamo cosa dice la legge.

Doveri dell'affittuario nel contratto di locazione di un'abitazione

Affittare casa - La sottoscrizione di un contratto di affitto di un'abitazione comporta per l'affittuario l'assunzione di una serie di diritti e doveri. Vediamo quali sono i doveri.

Inquilino moroso: ecco come difendersi

Mutui e assicurazioni casa - Per tutelare i proprietari di immobili in locazione da inquilini morosi, si trovano sul mercato molte polizze assicurative. Vediamo da vicino di cosa si tratta.

Affitti e canoni non pagati: cosa cambia con il Decreto Crescita

Affittare casa - Niente imposte sui canoni di locazione non percepiti. Ecco le novità introdotte con il Decreto Crescita pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 29 giugno scorso.

Se il riscaldamento non funziona si può avere una riduzione dell'affitto?

Affittare casa - Quali sono le contromisure che un conduttore può adottare se il riscaldamento dell'abitazione non funziona? Può ridurre o sospendere il pagamento del canone?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img fabriziolepiscopo
Avrei una richiesta di informazioni in merito alle detrazioni fiscali su ristrutturazione immobile. Trovandomi in una casistica particolare, non ho trovato una risposta esaudiente...
fabriziolepiscopo 17 Settembre 2020 ore 19:34 1
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 23 Luglio 2020 ore 16:37 6
Img barbarafranzoni
Buongiorno. Sono in affitto dal 2009 con contratto 4+4 regolarmente rinnovato. A gennaio il proprietario mi ha mandato una raccomandata dicendo che entro il 31 luglio dovrò...
barbarafranzoni 23 Luglio 2020 ore 16:33 7
Img lucav22
Salve a tutti, volevo sapere se io (conduttore) potessi chiedere la restituzione dei canoni versati per un immobile ad uso abitativo tramite contratto di locazione non registrato...
lucav22 24 Maggio 2020 ore 23:07 12
Img apache7
Buongiorno vorrei chiedere un vs parere. Starei per acquistare una seconda casa vicino al mare come investimento da poter locare d'estate, la mia disponibilità non è...
apache7 18 Maggio 2020 ore 16:05 2