Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Esenzione IMU per gli immobili occupati abusivamente

Era da tempo stata invocata e finalmente è stata introdotta con la Manovra l'esenzione dal pagamento dell'IMU per gli immobili occupati senza titolo o abusivamente
- NEWS Fisco casa
Barra Preventivi Online

Case occupate abusivamente


Il tema dell’occupazione case private senza titolo o abusivamente sta assumendo progressivamente maggiore rilevanza, in particolare in considerazione delle spesso (non esigue) imposte sugli immobili, quali l’IMU, che i proprietari sono tenuti a versare, in forza del diritto reale che vantano sul bene.

Come anticipato qualche tempo fa, la questione relativa alla debenza dell’IMU su unità immobiliari occupate è stata oggetto di numerosi contenziosi e, pertanto, di altrettanto numerose decisioni emesse da parte dei competenti giudici tributari, spesso giunti a decisioni diametralmente opposte.

In alcuni casi, infatti, è stata riconosciuta l’esenzione dal pagamento dell’imposta, attribuendo rilevanza all’insussistenza del presupposto impositivo del possesso, previsto ai sensi dell’art. 1, comma 740, della legge n. 160 del 2019.

case occupate abusivamente
Tale norma stabilisce espressamente che il presupposto dell'IMU è il possesso di fabbricati, esclusa l'abitazione principale (salvo che si tratti di un'unità abitativa classificata nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9).

In altre occasioni, altra parte della giurisprudenza ha confermato il pagamento del tributo, sull’assunto in base al quale l’IMU è dovuta anche per l’immobile occupato abusivamente, ritenendo che il “possessore” sia assoggettato al tributo, in quanto proprietario o titolare di diritto reale sull’immobile, a prescindere dal fatto che possa effettivamente fruire del proprio bene materialmente in ragione di un effettivo potere di gestione.

Tale incertezza ha alimentato un acceso dibattito che ha sollecitato un intervento legislativo, confluito nell’art. 1, comma 759 della nuova manovra Legge di Bilancio 2023.


Fabbricati occupati: quali sono esenti da IMU?


Preliminarmente, occorre precisare che il dettato normativo della Legge di Bilancio, nel disciplinare l’esenzione dal pagamento dell’imposta, si riferisce genericamente a immobili, senza fornire ulteriori chiarimenti in merito alla specifica categoria a cui l’esenzione si riferisce.

Ne deriva che, in assenza di ulteriori specificazioni, parrebbe che l’esenzione trovi applicazione con riferimento a qualsiasi tipo di immobile soggetto a IMU, compresi quindi anche i fabbricati a uso non abitativo, nonché i terreni agricoli e le aree fabbricabili.


Inutilizzabilità e indisponibilità per l’applicazione dell’esenzione IMU per le case occupate


L’esenzione IMU per le case occupate senza titolo è subordinata alla sussistenza di presupposti espressamente previsti dalla nuova disposizione normativa.

Il primo di tali presupposti è costituito dalla inutilizzabilità e indisponibilità dell’immobile, ovverosia l’impossibilità di fruire e di godere dell’immobile e di concederlo in godimento a terzi.

Tale inutilizzabilità o indisponibilità, in assenza di un più chiaro dettato normativo e in attesa di un possibile intervento da chiarificatore da parte dell’Agenzia delle Entrate, dovrebbe essere intesa in senso assoluto con la conseguenza che non dovrebbe trovare applicazione l’esenzione IMU allorquando l’inutilizzabilità o la non disponibilità sia soltanto parziale a esempio occupazione abusiva di una sola parte dell’immobile.


Condizioni di applicazione dell’esenzione IMU per le case occupate


Ulteriore requisito richiesto ai fini dell’esenzione dal pagamento dell’IMU per le case occupate è rappresentato dalla formalizzazione della indisponibilità o inutilizzabilità dell’immobile.

Nel dettaglio, il contribuente per essere esonerato dal versamento del tributo deve aver presentato denuncia all’autorità giudiziaria per i reati di violazione di domicilio (art. 614, secondo comma, c.p.) o invasione di terreni o edifici (art. 633, c.p.) o denuncia per l’occupazione abusiva.

Esenzione IMU case occupate abusivamente
Dovrebbe ritenersi pacifica anche l’esenzione in mancanza della presentazione di denuncia-querela all’autorità giudiziaria, a condizione che, per i reati perseguibili d’ufficio sia stata già avviata l’azione penale.


Comunicazione per le unità immobiliari occupate


Altra importante condizione che il contribuente proprietario o titolare di altro diritto reale è tenuto a eseguire per ottenere l’esenzione dal pagamento dell’IMU, è l’apposita comunicazione al Comune ove è sito l’immobile.

In particolare, si tratta di una apposita comunicazione con la quale il contribuente informa l’ente locale, competente nel territorio ove ha sede l’immobile, della sussistenza dei requisiti di cui sopra (indisponibilità e/o inutilizzabilità del bene immobile perché occupato senza titolo) e, successivamente, dell’eventuale venir meno di tali condizioni di esenzione.




La comunicazione dovrà essere certamente inviata telematicamente.

Le modalità con le quali tale comunicazione dovrà essere trasmessa devono essere stabilite con apposito decreto che il Ministero dell’Economia e delle finanze dovrà adottare entro 60 giorni dall’entrata in vigore dell’art. 1 comma 81, L. n. 197/2022 (2 marzo 2023).


Esenzione IMU per gli immobili colpiti da eventi sismici


La fattispecie di esenzione IMU per le case occupate, prevista dalla Legge di Bilancio, con riferimento agli immobili occupati abusivamente, si differenzia dall'ipotesi, prevista anch’essa dalla nuova manovra finanziaria, per gli immobili colpiti da eventi calamitosi, quali accadimenti sismici, che negli ultimi anni hanno riguardato diverse regioni del nostro Paese.

Esenzione Imu sismabonus
La Legge di Bilancio prevede una proroga dell’esenzione dal pagamento dell’IMU, disposta dall’art. 8, comma 3 del D.L. n. 74/2012, per le regioni interessate dal sisma del 2012 e del 2016.

Si tratta di una specifica tipologia di esenzione prevista per i fabbricati dichiarati inagibili a causa di tali eventi calamitosi a favore dei quali l’esenzione opera fino alla definitiva ricostruzione e agibilità dei fabbricati interessati e comunque non oltre il 31 dicembre 2023.

riproduzione riservata
Esenzione IMU per case occupate
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Esenzione IMU per case occupate: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
342.033 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Esenzione IMU per case occupate che potrebbero interessarti

Esenzione IMU case occupate: ecco cosa sapere!

Fisco casa - Con il disegno di legge Bilancio 2023 è stata introdotta una nuova misura in materia di IMU. Si tratta dell'esonero dal pagamento della tassa se la casa è occupata

Case occupate abusivamente: lo Stato deve provvedere o risarcire

Proprietà - Contro gli stabili occupati abusivamente, recita una nuova sentenza, lo Stato deve provvedere in tempi utili oppure risarcire i proprietari per i danni subiti.

Imu: niente esenzione sull'immobile se i coniugi risiedono in Comuni diversi

Fisco casa - Qualora moglie e marito abbiano fissato la residenza in due Comuni differenti non sussistono i requisiti per il riconoscimento dell'esenzione dal pagamento dell'Imu

IMU 2020: alle ipotesi la stretta sulle finte prime case

Fisco casa - Le Novità IMU con emendamento alla manovra economica 2020: stangata sull'imposta municipale unica per smascherare le finte prime case nei luoghi di villeggiatura

Si deve pagare l'IMU se l'immobile è occupato abusivamente?

Fisco casa - Il pagamento IMU, nelle frequenti ipotesi in cui l'immobile sia occupato abusivamente, è un tema che scatena un vivace dibattito in assenza di una normativa chiara

Scadenza pagamento saldo ICI

Fisco casa - C'è tempo fino al 16 dicembre per pagare il saldo ICI, dovuto per seconde case e per immobili con destinazione diversa da quella abitativa.

Imu prima casa esenzione solo per un appartamento a famiglia

Fisco casa - Cambiamenti con il decreto legge Fiscale: stretta sulle prime case in quanto viene riconosciuta l'esenzione IMU prima casa solamente per un'abitazione a famiglia

Esenzione Imu: la prova della dimora abituale è data dai consumi

Fisco casa - Solo i consumi effettuati dal contribuente e dal suo nucleo familiare forniscono prova della dimora abituale ai fini dell'esenzione Imu. Lo dice la Ctp di Napoli

Acquisto casa all'asta: spetta il Bonus prima casa under 36?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Viene richiesto all'Agenzia delle Entrate se è possibile beneficiare delle agevolazioni del Bonus prima casa under 36 in caso di acquisto all'asta di un immobile