Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Esenzione IMU: il nucleo familiare non conta più!

La Corte Costituzionale ha stabilito che ai fini dell'esenzione IMU non rileva la residenza e dimora del nucleo familiare, ma del solo proprietario o possessore
- NEWS Fisco casa
Barra Progettazione Online

Esenzione IMU


Chi pensava che con l’intervento normativo del Decreto Fiscale Decreto Legge, 21 ottobre 2021, n. 146, collegato alla legge di Bilancio 2022, si fosse messa la parola fine in materia di esenzione Imu nel caso di nucleo familiare i cui componenti avessero stabilito residenza e dimora in abitazioni diverse, deve ricredersi alla luce dell’ultima pronuncia emessa dalla Corte Costituzionale del 13 ottobre 2022, n. 209.

Imu ed esenzione nucleo familiare
Con tale sentenza, infatti, i Giudici delle Leggi hanno dichiarato l'illegittimità costituzionale della norma con i principi ispiratori della nostra Costituzione.


Imu prima casa da quando non si paga


Per avere un quadro più chiaro e circoscritto del tema sul quale si è pronunciata la Corte delle Leggi, occorre fare un passo indietro e ripercorrere, seppur per brevi cenni e per tratti essenziali, il presupposto impositivo ai fini IMU.

Come noto, tale imposta, la cui disciplina è, a oggi, contenuta essenzialmente nella c.d. Legge IMU, ovverosia la L. 27 dicembre 2019, n. 160, riguarda gli immobili riconducibili alle tipologie di fabbricati, area fabbricabile e terreni agricoli e, ai sensi dell’art. 8, primo comma, D.Lgs. 14 marzo 2011, n. 23 sostituisce, la componente immobiliare, l'IRPEF e le relative addizionali (es. regionale, comunale) dovute sui redditi fondiari, relativi a beni immobili non locati.

Come per la previgente ICI anche con riferimento all’IMU è stata introdotta con il D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (Decreto Monti), l’esenzione dell’imposta per l’abitazione principale a partire dal periodo di imposta 2014, a condizione che sul medesimo immobile si stabilisca la residenza e la dimora abituale.


Imu nucleo familiare


Sovente, per esigenze di lavoro o studio, gli appartenenti al medesimo nucleo familiare possono anche non vivere nello stesso immobile o stabilire la residenza in luoghi diversi.
Il dettato normativo, negli anni, si è dovuto adattare alle evoluzioni sociali che hanno interessato anche il comparto familiare, oggi come oggi, diversamente inteso.

Esenzione IMU
Il D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 è dunque intervenuto sul punto, stabilendo che l’esenzione IMU è riconosciuta per l’abitazione principale, ovverosia per l’immobile ove il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente.

In altri termini, per avere diritto all’esenzione IMU occorre che l’intero nucleo familiare risieda e dimori nella stessa abitazione.

IMU nucleo familiare: la situazione cambia


La situazione cambia ulteriormente con l’introduzione del citato Decreto fiscale, il quale si inserisce in un lungo e controverso dibattito giurisprudenziale, che in molte occasioni aveva applicato letteralmente il dettato normativo, disconoscendo dunque l’esenzione IMU nei casi in cui gli appartenenti al nucleo familiare avessero stabilito la residenza o il domicilio in abitazioni diverse.

Altra nutrita giurisprudenza invece riteneva applicabile l’esenzione dal pagamento dell’imposta, in ogni caso anche con riferimento a entrambe le abitazioni degli appartenenti al nucleo familiare.

Esenzione IMU in base al nucleo familiare
Il Decreto fiscale si inserisce in tale controverso contesto giurisprudenziale, stabilendo che nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale o in comuni diversi, le agevolazioni per l'abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile, scelto dai componenti del nucleo familiare.

La scelta è lasciata al contribuente che deve formalizzarla in sede di dichiarazione IMU riferita al periodo di imposta 2022, barrando il campo 15 relativo all’esenzione e riportando nelle annotazioni la dicitura Abitazione principale scelta dal nucleo familiare ex art. 1, comma 741, lett. b), della legge n. 160 del 2019.


Nucleo familiare ai fini IMU


Qualche giorno fa, la sentenza corte costituzionale sull'IMU ha completamente ribaltato le carte in tavola.

I giudici delle leggi sono nuovamente tornati sulla questione, sollevata con un ricorso imu per la residenza coniugi in due comuni diversi, affermando l’illegittimità costituzionale dell’art. 1 comma 741 lett. b) della L. 160/2019, nella parte in cui stabilisce la necessaria sussistenza dei requisiti di residenza anagrafica e dimora abituale non solo al possessore dell’immobile, ma anche ai componenti del suo nucleo familiare.

Tale previsione, secondo la Corte, è contraria ai principi fondanti di uguaglianza e ragionevolezza ex art. 3 della Costituzione, poiché pone su piani diversi in termini di benefici fiscali i contribuenti che formalizzano la propria unione rispetto ad altri contribuenti come coppie di fatto che, pur trovandosi nelle medesime condizioni, in forza del nuovo dettato normativo non avrebbero diritto.

Imu nucleo familiare
La Corte chiarisce che non sussistono motivi tali da giustificare un diverso trattamento ai fini imu esenzione per i coniugi con residenza anagrafica e dimora abituale in due immobili differenti.

Per tali ragioni la Corte ha dichiarato l’illegittimità costituzionale della norma che prevede che l’intero nucleo familiare sia residente e dimori nello stesso immobile, cioè la contrarietà di tale norma ai principi costituzionali.


Conseguenze della sentenza Corte Costituzionale IMU coniugi


Come noto, la dichiarazione di incostituzionalità di una norma non è priva di conseguenze da un punto di vista giuridico.

A seguito della sentenza, infatti, la norma non può più essere applicata, con il risultato che sulla base di tale dichiarazione di incostituzionalità possono essere eventualmente presentate all’Amministrazione finanziaria competente richieste di rimborso.




Al riguardo, tuttavia, è prevedibile un prossimo pronunciamento da parte dell’Amministrazione finanziaria per conoscere in che termini e con quali modalità tale sentenza verrà recepita dal Fisco, soprattutto con riferimento ai rapporti a oggi pendenti.

riproduzione riservata
Esenzione IMU: non conta più il nucleo familiare
Valutazione: 5.75 / 6 basato su 4 voti.

Esenzione IMU: non conta più il nucleo familiare: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
341.150 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Esenzione IMU: non conta più il nucleo familiare che potrebbero interessarti

Imu: niente esenzione sull'immobile se i coniugi risiedono in Comuni diversi

Fisco casa - Qualora moglie e marito abbiano fissato la residenza in due Comuni differenti non sussistono i requisiti per il riconoscimento dell'esenzione dal pagamento dell'Imu

Esenzione Imu per i coniugi con residenza diversa: le novità del DL Fiscale

Fisco casa - Che succede se i coniugi hanno stabilito residenze diverse per motivi di lavoro? Come cambiano le regole con l'emendamento alla legge di conversione del DL Fiscale

Esenzione Imu: la prova della dimora abituale è data dai consumi

Fisco casa - Solo i consumi effettuati dal contribuente e dal suo nucleo familiare forniscono prova della dimora abituale ai fini dell'esenzione Imu. Lo dice la Ctp di Napoli

Imu prima casa: quando spetta l'esenzione?

Fisco casa - Quando si può beneficiare dell'esenzione Imu sulla prima casa? Quali sono i requisiti necessari? Vediamo in quali casi l'immobile si ritiene abitazione principale

Superbonus 110: come funziona per gli edifici unifamiliari in comproprietà?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Un cittadino che risiede in un edificio unifamiliare in comproprietà con un'altra persona che non vi risiede può fare richiesta della maxi agevolazione?

È prossima la scadenza per l'acconto Imu 2021

Fisco casa - Il prossimo 16 giugno scade il termine per il pagamento del primo acconto IMU 2021. Tutte le agevolazioni e le riduzioni previste dall'ultima Legge di Bilancio.

IMU 2020: alle ipotesi la stretta sulle finte prime case

Fisco casa - Le Novità IMU con emendamento alla manovra economica 2020: stangata sull'imposta municipale unica per smascherare le finte prime case nei luoghi di villeggiatura

IMU 2022 e le principali novità

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il Decreto fisco lavoro e la Legge di Bilancio hanno introdotto importanti novità che riguardano l'IMU, prevedendo riduzioni per pensionati, bonus IMU e esoneri

Esenzione IMU 2021 anziani in casa di riposo: in quali casi?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Anche per il 2021 viene confermata l'esenzione dal pagamento dell'Imu per gli anziani e i disabili che hanno trasferito la residenza presso casa di ricovero.