Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Elementi strutturali in legno massiccio

Una piccola guida per riconoscere le varie tipologie di lavorazione del legno massiccio utilizzato per costruire strutture portanti della casa, come tetti e solai.
12 Settembre 2012 ore 00:59 - NEWS Strutture in legno
legno massiccio , strutture legno , travi , travetti

tetto con struttura in legnoSpesso chi desidera ristrutturare casa o costruirne una nuova esprime il desiderio di avere il tetto o i solai in legno a vista.

Nella maggior parte dei casi i proprietari conoscono la differenza tra legno massiccio e legno lamellare ed hanno ben chiaro cosa preferiscono.

Il progettista, a sua volta, cercherà di assecondarne i desideri, ma verificandone la compatibilità con l'aspetto tecnico e, in caso di ristrutturazioni, anche con le preesistenze.


Quando la scelta verte sul legno massiccio subentrano anche altre opzioni, che il tecnico avrà il compito di esporre, mettendo in evidenza le differenze e la fattibilità per il progetto in atto.
Gli elementi in legno massiccio possono presentarsi in varie specie legnose.

Tra quelle più diffuse ci sono l'abete, il larice, il castagno e la quercia.
Meno utilizzati invece il pino e il pioppo.

Ci sono poi diverse tipologie di lavorazione che in parte andranno ad incidere anche sulla resa estetica finale. In questo articolo parleremo degli elementi in legno massiccio tondi a faccia piana, uso Trieste, uso fiume e a spigolo vivo.
Esistono inoltre altri due prodotti, il KVH e gli elementi a 2 o 3 lamelle, che sono una via di mezzo tra il legno massiccio e il legno lamellare .

Impariamo ora a riconoscere i vari tipi di lavorazione, partendo dalla più semplice.


Elementi tondi ad una faccia piana


Legno Sistem: elemento ad una faccia pianaSi ricavano da tronchi di piante intere, che mantengono la loro forma cilindrica tranne su un'unica estremità, che viene tagliata per tutta la lunghezza del tronco, così come vediamo nell'esempio di Legno Sistem.

Il pregio di queste travi consiste nell'integrità quasi totale degli anelli di crescita e, di conseguenza, anche delle fibre.
Pertanto la loro resistenza risulterà maggiore di elementi che invece provengono dalla suddivisione di tronchi più grossi.

Gli elementi ad una faccia piana si prestano bene per coperture non a vista, oppure per la ristrutturazione di abitazioni in cui vogliamo conservare un aspetto rustico.


Travi legno ad uso Trieste


Ares S.p.A.: travi uso triesteSi ricavano da tronchi di piante intere, che vengono squadrati su quattro lati lasciando degli smussi sugli angoli.

Nelle travi ad uso Trieste solo una delle facce risulterà piana e adatta per il montaggio in opera, così come vediamo nell'esempio qui riportato di Ares S.p.A..

Le altre facce vengono sempre squadrate, ma seguendo la naturale rastremazione del fusto. Non è detto, quindi, che tutti e i lati risulteranno paralleli fra loro a due a due per tutta la lunghezza del tronco.


Elementi ad uso fiume


Vender Legnami: travi ad uso fiumeDerivano sempre da tronchi interi, ma a differenza di quelli ad uso Trieste la lavorazione viene eseguita cercando di rendere le quattro le facce parallele per tutta la lunghezza del tronco. Lo vediamo bene in questa immagine di Vender Legnami.

Anche qui, gli smussi agli angoli sono tollerati e la maggior parte delle fibre del legno rimane intatta.


Elementi a spigolo vivo


Legno Sistem: trave a spigolo vivoSono detti anche elementi squadrati quattro fili. In questo caso non sono ammessi smussi naturali.
Lo spigolo può essere smussato solo con la lavorazione e principalmente per ragioni estetiche.

Questi elementi hanno il vantaggio di possedere una maggiore finitura e quindi rendono più facile realizzare incastri e giunzioni, nonché la posa in opera.

Purtroppo, però, gli elementi in legno massiccio a spigolo vivo comportano una notevole quantità di spreco di materiale.


KVH: legno massiccio da costruzione


Legno Project: KVHLa sigla sta per Konstruktionsvollholz, che significa legno massiccio da costruzione.

Si tratta di una tipologia di legno massiccio squadrato, piallato, essiccato e giuntato a pettine sull'intera sezione trasversale, come vediamo nell'esempio di Legno Project.

Per questo prodotto giuntato a pettine è necessaria la prova di idoneità dell'adesivo per le strutture portanti.

In genere si usano come collanti resine poliuretaniche trasparenti o talvolta colle a base di resine resorciniche.

L'impiego del KVH è il medesimo del legno massiccio non giuntato. A differenza di questo possiede una minore tendenza alla fessurazione.


Elementi in legno a 2 o 3 lamelle


Holzwerke Stingl: legno a 2 lamelleNe vediamo qui un esempio di Holzwerke Stingl.
Si compongono di due o tre tavole in legno massiccio, squadrate, essiccate e incollate.

Questa lavorazione rende il legno più stabile dimensionalmente e abbatte notevolmente la possibilità di fessurazione.

Inoltre possiedono caratteristiche prestazionali ben definite, che si prestano ad effettuare calcoli strutturali con risultati molto prossimi al comportamento reale della struttura.

Con questi prodotti è possibile anche sfruttare le giunzioni a pettine, come quelle descritte per il KVH, ed ottenere elementi di notevole lunghezza, fino anche 18 metri.

riproduzione riservata
Articolo: Elementi strutturali in legno massiccio
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 5 voti.

Elementi strutturali in legno massiccio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Luca
    Luca
    Martedì 29 Settembre 2020, alle ore 13:04
    Dovrei rifare un tetto di una tettoia in cui sono presenti delle travi uso trieste 16X16 cm X 6 metri di lunghezza poste a 80 cm l'una dall'altra.
    Chi sa dirmi quale portata hanno?
    Il tetto precedente era composto solo da listelli e tegole.
    Ora vorrei rifarlo inserendo, dall'interno Perlinato, freno a vapore, eps da 5 cm e tegole portoghesi.
    Reggeranno le travi?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.682 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Elementi strutturali in legno massiccio che potrebbero interessarti


Coperture e solai in legno che arredano

Strutture in legno - Le strutture di copertura in legno, tipiche dell'edilizia dei paesi montani, rappresentano sempre un elemento di grande fascino, sia che esaltino la...

Casa in legno: sistema blockbau

Progettazione - Edifici in legno massiccio, che pescano dalla tradizione edilizia piu' antica, particolarmente adatti alle nuove esigenze di ecosostenibilita'.

Rafforzamento dei solai in legno

Ristrutturazione - Un metodo innovativo estremamente efficace per rafforzare le travi lignee di un solaio, garantendo un notevole aumento della capacità portante dell'intera struttura, oltre a restituirne intatta, l'immagine originaria e le dimensioni.

Recupero dei solai in legno

Ristrutturazione - Tecniche moderne per il risanamento dei solai in legno.

Il legno lamellare: caratteristiche, applicazioni e tecniche di produzione

Strutture in legno - Il legno lamellare è un materiale strutturale artificiale, composito e versatile che associa tutti i vantaggi del legno massiccio a quelli della prefabbricazione

Tecnologia X- Lam

Ristrutturazione - Nel nostro Paese all?utilizzo del legno per la realizzazione di edifici è stato per lungo tempo preferito il ricorso al cemento armato che è parso

Funzionalita' delle travi a spessore in c.a.

Progettazione - La liberta', nella distibuzione funzionale delle tramezzature interne di un alloggio, dipende anche da alcuni accorgimenti tecnici.

Recupero strutturale del legno

Strutture in legno - Le strutture in legno, belle, antiche, allo stesso tempo resistenti ma delicate. Recuperarle prevede una serie di accorgimenti, ecco alcune indicazioni in merito.

Classificazione del legno, trattamenti e pannelli di legno ricostruito

Materiali edili - Il legno, e i suoi numerosi sottoprodotti (compensato, truciolare e legno lamellare) è
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img gius.villa
Salve a tutti, in questo periodo mi trovo a casa di un parente anziano un po' "distratto" e, salendo nel locale del sottotetto, mi sono accorto della presenza di almeno 2 travi in...
gius.villa 31 Maggio 2020 ore 10:49 5
Img rippey69
Buonasera a tutti, il solaio del sottotetto, soffitto del nostro appartamento, è fatto di travi varesi, distanziate 100/110cm e tavelloni nel mezzo, ma solo nella parte...
rippey69 25 Febbraio 2020 ore 01:28 1
Img arfemu
Salve a tutti. Ho un poggiolo in ferro. È lungo 7 metri ed è composto da travi di ferro che entrano nel muro per circa 50 cm a livello del solaio. Il solaio è...
arfemu 08 Novembre 2019 ore 15:32 2
Img faccy
Buongiorno, volevo sapere se è possibile usufruire della detrazione del 50% per la tinteggiatura dei contenitori esterni dei contatori (si sono arrugginiti) delle travi a...
faccy 17 Ottobre 2019 ore 09:48 1
Img postwardream
Salve, tolta la controsoffittatura, le travi di legno a sei metri di altezza risultano così decorate (foto). Secondo voi a che periodo risale questa decorazione? È...
postwardream 09 Aprile 2019 ore 11:39 4