Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Difformità parziale: demolizione o sanzione pecuniaria?

In caso di abusi edilizi con interventi in parziale difformità, è possibile applicare una sanzione pecuniaria? Il Consiglio di Stato risponde con una sentenza.
- Leggi e Normative Tecniche
Barra Progettazione Online

Abusi edilizi con interventi in parziale difformità: demolizione o sanzione?


Si torna a parlare di abusi edilizi. Nello specifico, si tratta il caso di abusi edilizi con interventi in parziale difformità.
Ci si chiede, in questi è sempre prevista la demolizione oppure è possibile l'applicazione di una sanzione pecuniaria?

Il Consiglio di Stato dà la risposta nella sentenza n. 6551/2021, emanata per il ricorso proposto dai proprietari di un terreno confinante con un altro sul quale erano stati costruiti 3 edifici che presentavano parziali difformità rispetto al progetto presentato.

Nel caso specifico, gli appellanti avevano richiesto la demolizione delle opere costruite in parziale difformità in quanto più alte rispetto a quanto segnalato nel progetto, andando così a costituire una variazione essenziale all'edificio, ai sensi dell'art. 32 comma 1 lettera c) del D.P.R. n. 380/2001.
Difformità parzionale edificio
Dopo avere negato l'istanza di sanatoria, l'amministrazione comunale ha quindi commutato l'ordine di demolizione di tali opere in parziale difformità dai titoli abilitativi (ex art. 34 del D.P.R. n. 380 del 2001) in sanzione pecuniaria, dal momento che la sanzione ripristinatoria avrebbe provocato gravi danni e pregiudizi statici all'edificio stesso.

La sentenza del Consiglio di Stato


Nonostante il ricorso fosse illegittimo, in quanto non correttamente motivato, il Consiglio di Stato ha espresso il proprio facendo riferimento all'art. 34 del D.P.R. n. 380/2001 secondo cui:

  • gli interventi e le opere realizzati in parziale difformità dal permesso di costruire sono rimossi o demoliti a cura e spese dei responsabili dell'abuso (comma 1);

  • quando la demolizione non può avvenire senza pregiudizio della parte eseguita in conformità, il dirigente o il responsabile dell'ufficio applica una sanzione (comma 2).


Ne consegue pertanto che, i presupposti per l'applicazione della sanzione pecuniaria sostitutiva sono i seguenti:

  • il rischio esistente che la demolizione possa arrecare pregiudizio alla parte dell'opera eseguita in conformità;

  • la sussistenza di una difformità solo parziale.

La norma, tuttavia, non fornisce una definizione compiuta circa la nozione di parziale difformità, che rappresenta una categoria residuale rispetto ai casi di totale difformità o alle ipotesi di variazioni essenziali.

Variazioni essenziali, quali sono?


Secondo quanto previsto dall'art. 32 del DPR 380/2001 (Testo Unico Edilizia), si può parlare di variazione essenziale nei seguenti casi:

  • mutamento della destinazione d'uso che implichi variazione degli standard previsti dal D.M. 2 aprile 1968, n. 1444;

  • aumento consistente della cubatura o della superficie di solaio (da valutare in relazione al progetto approvato);

  • modifiche sostanziali di parametri urbanistico-edilizi del progetto approvato (localizzazione dell'edificio sull'area di pertinenza);

  • mutamento delle caratteristiche dell'intervento edilizio assentito;

  • violazione delle norme vigenti in materia di edilizia antisismica.

Non possono invece essere considerate variazioni essenziali tutte quelle che vanno a incidere sulla entità delle cubature accessorie, sui volumi tecnici e sulla distribuzione interna delle unità abitative.

La variazione di altezza è una variazione essenziale?


L'art. 54 della L.R. n. 12/2005, in attuazione del primo comma del già citato art. 32, individua tra le variazioni essenziali rispetto al progetto approvato anche una differenza di altezza, ma solo se in misura superiore a un metro.

Nel caso in esame, l'aumento di altezza, inferiore a un metro, ha interessato solamente la parte laterale del sottotetto, lasciando invece invariata l'altezza della parte centrale. Trattasi pertanto di una variazione non essenziale.
Per tale motivo il Consiglio di Stato ha quindi respinto il ricorso e confermato l'applicazione della sanzione pecuniaria al posto della demolizione della parte abusiva.

riproduzione riservata
Edificio con difformità parziali: demolizione o sanzione?
Valutazione: 5.83 / 6 basato su 6 voti.

Edificio con difformità parziali: demolizione o sanzione?: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img enrico maestri
Gentilissimi,vi scrivo per un parere, non essendo sicuro di quanto propostomi dal geometra contattato.Mio padre nel 1966 ha costruito la casa genitoriale che oggi abbiamo meddo in...
enrico maestri 05 Dicembre 2022 ore 17:55 2
Img luca verone
Buongiorno,vorrei chiedere cortesemente un'informazione.Sto facendo la sanatoria per la mia abitazione, il geometra mi ha fatto il rilievo finale, sono andato a vedere i disegni...
luca verone 30 Novembre 2022 ore 19:04 3
Img cadalpa
Salve, vorrei un parere (se possibile). Io nel 2009 ho accettato di fare una piccola finestra su bagno su condominio di 10 appartamenti. I rimanenti appartamenti (9) avevano gia...
cadalpa 20 Novembre 2022 ore 14:14 1
Img olimpia maffeo
L'inquilino del mio appartamento (per fortuna andato via) ha fatto degli abusi edilizi non sanabili. Sto facendo una sanatoria con sia. Posso avere la detrazione del 50% sul costo...
olimpia maffeo 18 Maggio 2022 ore 12:40 7
Img l@ll@
Buongiorno a tutti, spero di aver scelto la categoria giusta e ringrazio in anticipo chi voglia aiutarmi per il mio caso singolare. I fatti:10 anni fa ho ereditato casa (un...
l@ll@ 11 Aprile 2022 ore 12:11 3