Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Cosa sono domicilio, dimora e residenza?

Il domicilio, la dimora e la residenza sono tre concetti che nel gergo comune vengono utilizzati quasi come sinonimi, ma invece rappresentano istituti differenti.
02 Settembre 2015 ore 09:21 - NEWS Leggi e Normative Tecniche
domicilio , residenza , dimora , dimora abituale

Fissare la residenza e la dimora ed eleggere domicilio


ResidenzaNel gergo comune per indicare il luogo in cui si abita è ricorrente usare indistintamente i termini residenza, dimora e domicilio.

Dal punto di vista tecnico-giuridico, però, i tre concetti sono ben distinti e anche le conseguenze giuridiche sono differenti in relazione al concetto di riferimento.

Per quanto concerne le questioni strettamente terminologiche si è soliti affermare che una persona fissa la propria residenza e la propria dimora ed elegge un domicilio.

Queste differenze producono i loro effetti anche dal punto di vista burocratico; infatti, per fissare una residenza o per eleggere un domicilio è necessario compiere delle dichiarazioni produttive di effetti giuridici laddove invece per fissare la propria dimora è sufficiente una condotta idonea a ciò.

A livello definitorio il codice civile specifica che per residenza si deve intendere il luogo in cui la persona ha la dimora abituale (art. 43 c.c.).

La dimora altro non è che il luogo in cui un soggetto abita.


Residenza


Attualmente per fissare la propria residenza in un determinato comune è necessario recarsi presso gli uffici comunali competenti (solitamente l'ufficio anagrafe) e compilare una dichiarazione in tal senso.

Sarà cura degli addetti a questo tipo di controlli (es. polizia municipale) verificare se la persona è effettivamente residente in quel luogo.

Fissata la residenza, agli effetti di legge, se ne fa discendere che nello stesso ambito sia anche stabilita la dimora.

Può accadere che la residenza legale non coincida con quella di fatto.

Ai fini legali, si pensi all'invio di comunicazioni d'ogni genere (raccomandate, atti giudiziari, ecc.) la spedizione presso la residenza legale è sempre produttiva di effetti giuridici mentre il recapito presso la residenza di fatto produce effetto solamente se il destinatario riceve personalmente la comunicazione a esso indirizzata.

Nel caso di cambio di dimora, si pensi al trasferimento da una città a un'altra, è consigliabile trasferire anche la residenza, salvo che si tratti di piccoli periodi o anche solo di soluzioni temporanee (si pensi al distaccamento temporaneo presso un'altra sede dell'azienda con la quale si lavora).

DimoraFissare la propria residenza nel luogo in cui si vive abitualmente è obbligatorio per legge (cfr. legge n. 1228/1954).

Non provvedere alle necessarie dichiarazioni presso i competenti uffici comunali, può comportare, nel caso di verifiche (siano esse intraprese d'ufficio o a seguito di segnalazioni) oltre alla correzione d'ufficio delle iscrizioni anagrafiche esistenti, anche all'applicazione di sanzioni pecuniarie (cfr. art. 11. l. n. 1228/1954).

Esempio: Tizio ha abitato in affitto molti anni presso un'abitazione di proprietà di Caio e vi ha fissato la residenza. Al momento della fine del contratto egli ha lasciato l'appartamento ma non ha variato la residenza con apposita dichiarazione all'ufficio competente.

Tizio, nella sua qualità di proprietario dell'appartamento, può domandare ai competenti uffici comunali (leggasi ufficio anagrafe) di effettuare le necessarie verifiche al fine di ottenere la variazione di residenza, o quanto meno la cancellazione di quel dato non più rispondente al vero.

Che cosa accade se chi lascia una residenza non ne può più eleggere una perché divenuto senza fissa dimora?

L'art. 2 della legge n. 1228/1954 disciplina il caso di persone senza fissa dimora e specifica che tali categoria di persone s'intendono residenti nel comune ove hanno stabilito il proprio domicilio.

Diversamente dalla scelta della residenza, che fa presupporre anche la fissazione della dimora e quindi concerne per lo più aspetti relativi alla vita privata, l'istituto del domicilio trova applicazione essenzialmente per le questioni inerenti la vita professionale.


Domicilio


Ai sensi del primo comma dell'art. 43 c.c., infatti, il domicilio di una persona è nel luogo in cui essa ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi.

Questo luogo può anche non coincidere con quello di residenza.

Tizio, proprietario di una piccola azienda agricola, può fissare la propria residenza a Milano ma eleggere domicilio a Monza, luogo in cui ha sede l'impresa.

Motivi di certezza giuridica nell'individuazione dei soggetti economici fanno sì che l'individuazione del domicilio debba essere fatta in quanto iniziare un'attività lavorativa porta con sé nella quasi totalità dei casi la necessità d'indicare la sede della stessa.

Nel gergo comune, così come nel linguaggio tecnico – giuridico, si è soliti dire che si deve eleggere domicilio.


Ai sensi dell'art. 47 c.c.:

Si può eleggere domicilio speciale per determinati atti o affari.

Questa elezione deve farsi espressamente per iscritto.

Un esempio chiarirà il concetto: si pensi alla necessità di iniziare una causa. Solitamente nel mandato che si firma per farsi rappresentare dall'avvocato v'è anche l'elezione di domicilio presso il suo studio per la ricezione di tutte le comunicazioni inerenti quel procedimento.

La persona, in questo modo, rende noto alle altre parti interessate (controparte, giudice e sua cancelleria, ecc.) che per quell'affare il suo domicilio è eletto presso una determinata sede.

Allo stesso modo si può eleggere domicilio per le comunicazioni con il condominio e per qualunque altro genere di affare.

Solitamente l'elezione ha validità fino alla conclusione dell'affare o comunque fino a nuova comunicazione nei casi di rapporti a tempo indeterminato (si pensi al proprietario di un appartamento in condominio), con l'obbligo di comunicazione della sua variazione.

riproduzione riservata
Articolo: Domicilio, dimora e residenza, cosa sono
Valutazione: 3.66 / 6 basato su 44 voti.

Domicilio, dimora e residenza, cosa sono: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Katia3
    Katia3
    Venerdì 6 Ottobre 2017, alle ore 17:34
    Devo trasferirmi presso mia madre in quanto è diventata invalida al 100%  e devo assisterla soprattutto la mattina, (di pomeriggio arriva la badante).
    Devo però mantenere la residenza attuale.
    Come fare a eleggere domicilio presso l'abitazione di mia madre per fini assistenzialistici?
    rispondi al commento
  • Yvon
    Yvon
    Giovedì 27 Luglio 2017, alle ore 10:06
    Dove si richiede il domicilio e che documenti occorrono per me che sono francese e vorrei un domicilio in italia?
    Ho una casa in Italia.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Yvon
      Mercoledì 9 Agosto 2017, alle ore 11:54
      Al comune di ubicazione dell'immobile, ma li non puoi chiedere domicilio, ma residenza. 
      rispondi al commento
  • Mario
    Mario
    Giovedì 20 Luglio 2017, alle ore 15:29
    Mia madre pensionata residente in Puglia può eleggere domicilio presso la figlia nel Lazio e, per quando tempo può essere domiciliata.
    Grazie 
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Mario
      Venerdì 21 Luglio 2017, alle ore 18:08
      Il domicilio è un luogo dove si hanno determinati interessi (Es. per comunicazioni, affari, ecc.). Se va a vivere lì al massimo deve chiedere una residenza temporanea, ove consentita.
      rispondi al commento
  • Silvia
    Silvia
    Martedì 23 Agosto 2016, alle ore 16:02
    Quindi, secondo voi, se una persona è proprietaria di un appartamento a Buccinasco e lo ha messo in affitto, ma risiede a Milano presso un'altra persona, con la legge è a posto o può incorrere in qualche grana?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
330.410 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Domicilio, dimora e residenza, cosa sono che potrebbero interessarti


Cambiare residenza: come e cosa comunicare all'anagrafe

Burocrazia e utenze - La redidenza, ossia la dichiarazione del luogo in cui si vive, dev'essere comunicata agli uffici dell'anagrafe del Comune interssato perché è la legge a imporlo.

Esenzione Imu: la prova della dimora abituale è data dai consumi

Fisco casa - Solo i consumi effettuati dal contribuente e dal suo nucleo familiare forniscono prova della dimora abituale ai fini dell'esenzione Imu. Lo dice la Ctp di Napoli

Imu: niente esenzione sull’immobile se i coniugi risiedono in Comuni diversi

Fisco casa - Qualora moglie e marito abbiano fissato la residenza in due Comuni differenti non sussistono i requisiti per il riconoscimento dell'esenzione dal pagamento dell'Imu

Scade oggi il termine per il pagamento prima rata IMU e TASI 2019

Fisco casa - Scade oggi 17 giugno il termine per pagare la prima rata dell'IMU e TASI per l'anno 2019. Ecco chi deve pagare e come fare se si è in ritardo con il pagamento.

Cambio residenza e comunicazioni per il registro di anagrafe condominiale

Regolamento condominiale - In che modo cambio di residenza e registro anagrafe condominiale sono collegati? Le indicazioni per i giusti tempi e modi di segnalazione del cambio residenza.

Imu prima casa: quando spetta l’esenzione?

Fisco casa - Quando si può beneficiare dell’esenzione Imu sulla prima casa? Quali sono i requisiti necessari? Vediamo in quali casi l'immobile si ritiene abitazione principale

Prima Casa: definizione, requisiti e tasse da pagare

Proprietà - Quali sono le differenze tra i concetti di prima casa e abitazione principale? Due termini importanti per comprendere le agevolazioni fiscali in caso di acquisto

Violazione di domicilio e legittima difesa, nuove norme

Proprietà - Come opera la legittima difesa in caso di violazione di domicilio? Lo vediamo qui anche alla luce delle nuove norme della Legge del 2019 sulla legittima difesa.

Affitti studenti fuori sede: le nuove detrazioni fiscali 2018

Affittare casa - Con il decreto fiscale 2017 approvato dal Senato, sono state introdotte delle novità sulle detrazioni del 19% dei canoni di affitto per gli studenti fuori sede.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img c.s.
Buongiorno, ho acquistato un immobile intestato solo a me come prima casa.Il mio compagno pagherà i lavori di ristrutturazione e vorrebbe detrarre le spese (io non le posso...
c.s. 17 Marzo 2021 ore 14:41 3
Img maria graziamatranga
Buongiorno, nel caso di trasferimento e dimora stabile presso regione o comune diverso da quello di residenza, a seguito di contratto di lavoro presso pubblica amministrazione a...
maria graziamatranga 06 Novembre 2020 ore 16:24 1
Img esperoo2000
Ciao a tutti, in questi ultimi tre anni i miei genitori hanno ristrutturato una casa di mia proprietà godendo delle detrazioni fiscali che, come si sa, vengono spalmate in...
esperoo2000 21 Luglio 2020 ore 12:05 2
Img simonamartinelli
Salve, Mia madre é proprietaria di un appartamento nel quale andrò a vivere io. A fine dicembre ha aperto la CILA e mi ha intestato un contratto di affitto in...
simonamartinelli 01 Febbraio 2020 ore 23:03 2
Img maddaisid
Salve, avrei bisogno di un vostro supporto riguardo la mia situazione attuale..Sono sposato nell'Aprile 2019.Io ho la residenza nel comune "A"Mia moglie, unitamente a nostro...
maddaisid 24 Gennaio 2020 ore 17:40 1