Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Di chi è l'alloggio del portiere del condominio?

In tema di individuazione delle parti comuni di un condominio, l'alloggio del portiere può essere considerato di proprietà privata solo se così è espressamente previsto.
10 Febbraio 2015 ore 00:47 - NEWS Parti comuni

Servizio di portierato


PortiereIn condomino non è raro che sia presente un portiere; il codice civile non fa menzione delle maggioranze necessarie per addivenire alla deliberazione dell'attivazione o della soppressione di questo servizio. Per comprendere quali siano i quorum deliberativi necessari, quindi, è utile fare riferimento alle sentenze in materia.

La Cassazione, quando s'è occupata della soppressione del servizio di portierato, ha specificato che laddove tale servizio sia previsto dal regolamento di condominio, la soppressione dev'essere considerata alla pari di una modifica del regolamento medesimo, sicché per deliberarla è necessario il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti che rappresenti almeno la metà del valore millesimale dell'edificio (500 millesimi), così come stabilito dall'art. 1138, terzo comma, c.c. (cfr. Cass. 29 marzo 1995 n. 3708).

Ragionando all'opposto, quindi, anche per l'attivazione del servizio di portierato sarà necessaria la medesima maggioranza, salvo il caso in cui per la predisposizione dell'edificio (es. guardiania) siano necessarie opere innovative, in tal caso, almeno per queste, sarà necessario il voto favorevole della maggioranza dei partecipanti all'assemblea e almeno i due terzi del valore millesimale dell'edificio.

Trattandosi di servizio reso nell'interesse di tutti i condòmini, salvo diverso accordo tra tutti loro, la spesa dev'essere ripartita in ragione dei millesimi di proprietà (Trib. Bari 5 luglio 2012).


Parti comuni e portierato


L'art. 1117 n. 2 c.c. specifica che devono essere considerati di proprietà comune, salvo diversa indicazione del titolo, i locali per i servizi comuni, come i locali portineria, ivi incluso l'alloggio del portiere.

Che cosa vuol dire salvo diversa indicazione del titolo?

Secondo quella che è la unanime indicazione dottrinario-giurisprudenziale, il titolo è rappresentato dall'atto di cessione della prima unità immobiliare da parte dell'originario unico proprietario e/o dal regolamento condominiale contrattuale debitamente trascritto presso la conservatoria dei pubblici registri immobiliari.

Portiere in condominioSi badi: se nel primo atto d'acquisto è scritto che l'alloggio del portiere è di proprietà comune, un successivo regolamento, ancorché contrattuale, non può stabilire che quel locale sia di proprietà esclusiva, così come non è possibile nemmeno il contrario.

Non è obbligatorio che il regolamento col quale si stabilisce a chi appartenga l'alloggio sia trascritto, ma ciò è fondamentale per renderlo opponibile a terzi. Che cosa vuol dire ciò? Significa che se il regolamento non è trascritto, quel bene (alloggio del portiere) potrebbe essere oggetto di successivo trasferimento e trascrizione. Un bel pasticcio in cui il furbo pagherebbe i danni, ma ciò non escluderebbe, salvo casi di dolo, la regolarità della seconda vendita trascritta per prima (si tratta del principio sintetizzato nel brocardo latino Prior in tempore, potior in iure, ossia primo nel tempo più forte nel diritto).

In sostanza la presenza dell'indicazione in un atto trascritto che l'alloggio del portiere è di proprietà comune dà certezza assoluta di tale fatto (cfr. da ultimo Trib. Benevento 9 gennaio 2015 n. 19).

E se gli atti non dicono nulla? Del pari, ai sensi dell'art. 1117 c.c. l'alloggio del portiere dovrà essere considerato comune. In molte sentenze si usa la locuzione presunzione di condominialità. Ad avviso di chi scrive, non si tratta di presunzione ma di vera e propria proprietà comune (cfr. in tal senso Cass. SS.UU. n. 7449/93). La questione, nonostante una pronuncia delle Sezioni Unite, è tutt'altro che risolta, tant'è che molte sentenze parlano ancora oggi di presunzione di condominialità.

Che cosa accade, invece, se gli atti dicono che l'alloggio del portiere è di proprietà di uno dei condòmini ma dev'essere destinato a tale specifica funzione?

In tal caso, a dirlo è la Cassazione, si configura un vincolo di destinazione che si caratterizza alla stregua di un'obbligazione propter rem (cfr. Cass. 26 ottobre 2012, n. 18501).

Per abolire tale vincolo, quindi, è necessario il consenso unanime di tutti i condòmini.
E nel caso di soppressione del servizio di portierato?


Ad avviso di chi scrive la soppressione elimina momentaneamente l'obbligo di destinare quel cespite al portiere (se il portiere non c'è come si può destinare a lui all'alloggio?), ma non elimina il vincolo di destinazione per il caso in cui l'assemblea dovesse decidere di attivare nuovamente quel servizio.

Poiché non v'è certezza assoluta della possibilità di addivenire alla trascrizione delle così dette obbligazioni propter rem (in senso favorevole si veda Cass. 6 giugno 1968, n. 1711) è sempre bene che tale vincolo sia chiaramente specificato in ogni atto di trasferimento avente ad oggetto (anche) l'unità immobiliare gravata da quel vincolo di destinazione d'uso.

riproduzione riservata
Articolo: Alloggio del portiere
Valutazione: 3.50 / 6 basato su 4 voti.

Alloggio del portiere: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Francesca Russino
    Francesca Russino
    Sabato 11 Febbraio 2017, alle ore 15:42
    L'alloggio del portiere è proprieta del condominio ; si fa il contratto per un nuovo portiere al quale si concede l'alloggio molto disastrato e che abbisogna di una ristrutturazione.
    Tutte le spese vengono caricate al portiere ,il quale accetta, ma al momento di chiedere un prestito alle banche che si avvicini il più possibile alle spese da sostenere, si accorge che le banche non prendono in considerazione la sua richiesta .
    Come si dovrebbe comportare il condominio?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Francesca Russino
      Giovedì 16 Febbraio 2017, alle ore 11:10
      Potrebbe anticipare le spese e farsele restituire dal portiere.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.322 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Alloggio del portiere che potrebbero interessarti


Cessione dell'alloggio del portiere e problematiche condominiali connesse

Parti comuni - La vendita della casa del portiere, indipendentemente dalla cessazione del servizio di portierato, è operazione che necessita sempre del consenso di tutti i condòmini

Alloggio portiere condominio, cosa fare per affittarlo?

Parti comuni - Alloggio del portiere in condominio, quali sono gli adempimenti che si devono porre in essere per la sua locazione? Quali le maggioranze per deliberare l'affitto?

Portierato e ripartizione delle spese

Ripartizione spese - Il codice civile non si occupa di disciplinare il servizio di portierato.L?unica norma che contiene un accenno a tale servizio è l?art. 1117 c.c.

Individuazione delle parti comuni del condominio

Parti comuni - Le parti comuni del condominio sono quelle che servono al godimento delle unità immobiliari di proprietà esclusiva secondo legge o per contratto.

Portiere condominiale

Assemblea di condominio - Il servizio di portierato può essere istituito e soppresso dall'assemblea condominiale e il rapporto di lavoro con il portiere dev'essere curato dall'amministratore.

Come licenziare il portiere del condominio

Amministratore di condominio - In quali casi il condominio può decidere di licenziare il portiere: licenziamento per giusta causa o per giustificato motivo, vediamo quali sono le differenze.

Servizio di portineria, nozione e ripartizione spese

Condominio - Tra i servizi condominiali, quello di portierato rappresenta una fattispecie particolare trattandosi di un dipendente dei condomini. Che cosa fa e chi lo paga?

Il condominio può trasformarsi in comunione?

Condominio - La comunione,il condominio negli edifici e la possibilità che un bene in condominio divenga bene in comunione: i riflessi sulla sua cessione.

Ripartizione del compenso del portiere e validità della delibera

Ripartizione spese - Il compenso del portiere di un condominio deve essere ripartito in base ai millesimi di proprietà. Una soluzione diversa è invalida ma non sempre nulla, perché?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img orefassam
In che forma e con quali maggioranze possono essere richiesti e decisi interventi condominiali che rientrino nel'ecobonus in modo tale da poter poi aggiungere dei lavori dei...
orefassam 15 Novembre 2020 ore 12:47 3
Img bruno cima
Qualcuno sa se si possa accedere al bonus facciate in caso di violazioni non sanate nel condominio?...
bruno cima 01 Novembre 2020 ore 16:11 3
Img tommaso_82
Buon giorno, scrivo per avere maggiori delucidazioni riguardo alla possibilità di effettuare lavori usufruendo del super bonus 110% in un piccolo condominio composto da 7...
tommaso_82 31 Ottobre 2020 ore 10:07 1
Img masmoo
Per i lavori di rifacimento di guaina bituminosa del cordolo di scarico delle acque piovane del tetto, in un piccolo condominio di tre unità abitative, si applica...
masmoo 29 Ottobre 2020 ore 18:21 2
Img masfo
Sono proprietario di un appartamento non abitato in una palazzina costituita da 4 unità, priva di amministratore. Gli altri proprietari vorrebbero procedere a una...
masfo 29 Ottobre 2020 ore 18:20 5