Design solidale al Salone

NEWS DI Arredamento03 Marzo 2012 ore 01:03
Dignity Design è un progetto internazionale per valorizzare il valore delle donne artigiane thailandesi. Sarà presentato in aprile a Milano

Il design piace a tutti. È una soddisfazione avere in casa oggetti firmati dai grandi stilisti dell'arredamento internazionale, da Achille Castiglioni a Philippe Starck, da Alvar Aalto a Ettore Sottsass. Perchà? la loro creatività, il loro impegno, è come se un po' si diffondessero nell'ambiente di cui i complementi fanno parte. E anche noi ci sentissimo sulle stesse corde di questi grandi professionisti.

Ma il design ha anche un altro volto: quello artigianale. Una faccia che, nell'era post-industriale, si sta riscoprendo più viva che mai. E se l'attenzione per il fatto a mano travalica i confini e si espande in tutto il mondo, acquista ancora più valore. In occasione del Salone del Mobile 2012, l'artigianato internazionale sarà una delle tematiche trattate, grazie a un progetto dedicato all'hand made.

Si chiama Dignity Design Collection ed è un'iniziativa pensata per incoraggiare l'attività delle artigiane che lavorano nelle comunità rurali e urbane in Thailandia.

Un'idea partita dalla Fondazione Buon Pastore Onlus – organizzazione internazionale non profit impegnata sul fronte sociale – sviluppata in collaborazione con Oak Foundation e Misean Cara, altre due realtà che sostengono le situazioni umanitarie di difficoltà in tutto il mondo. Protagoniste di questa iniziativa sono un gruppo selezionato di designer italiane e thailandesi.

Grazie alla supervisione di Patrizia Scarzella, architetto milanese, e Valentina Downey, designer italiana e docente all'Università di Bologna, le ragazze hanno disegnato e realizzato una collezione di accessori tessili per la casa – ma anche gioielli fatti a mano e oggetti in carta – mettendo a frutto tutta la loro creatività e manualità. I prodotti sono stati creati all'interno delle strutture gestite dalle suore del Buon Pastore in Thailandia: da Bangkok a Nong Khai fino a Chiang Rai.

Tutte città che, nonostante siano piegate dalla povertà e dalla difficoltà economica, costituiscono un vero e proprio punto di riferimento per le tradizioni culturali del popolo thailandese. In queste zone l'associazione religiosa ha costruito un network di centri dove lavoratori e lavoratrici possono realizzare prodotti artigianali.

Sono oltre 600 le persone impiegate, in gran parte donne, che provengono da situazioni personali e familiari di disagio e sofferenza. Il design diventa uno strumento per valorizzare l'arte e la maestria di popolazioni che, per le difficili condizioni economiche in cui vivono, diversamente non avrebbero accesso al patinato mondo dell'arredamento.

Non solo: il design si fa anche portatore di valori nuovi, si arricchisce di una umanità che lo rende, forse, specchio di una realtà più completa e attuale. Punto cruciale tra gli obiettivi di Dignity Design è l'importanza del lavoro delle donne.

Grazie a questo progetto, l'attività delle artigiane thailandesi viene valorizzata come strumento di crescita economica, mezzo per mantenere le tradizioni artigianali e le tipicità locali, strategia per esaltare prodotti esclusivi e di qualità. Tutti gli oggetti della collezione saranno distribuiti a livello internazionale.

Il ricavato dalla vendita di questi prodotti servirà a incentivare lo sviluppo economico, ma anche a garantire un adeguato salario alle artigiane, chiave per dare impulso a un futuro equo e sostenibile. Il Salone del Mobile, con la sua cornice di eventi collaterali che coinvolgono tutta la città di Milano, sarà l'occasione perfetta per battezzare la collezione in Italia.

Perchà? solo nel più grande evento dedicato al comparto arredo possono convergere le energie per dare la giusta visibilità a un progetto che, per una volta, non guarda al profitto ma vuole aiutare il mondo a spostare l'attenzione su preziose attività manifatturiere, che vivono ed esistono in luoghi straordinari, ma spesso purtroppo nascosti.

Non è solo il Belpaese ad accogliere Dignity Design. Il progetto è già passato per New York, e dopo la presentazione in Europa salperà verso l'Est per approdare proprio in Thailandia.

A dare vita al progetto Dignity Design Collection c'è un team tutto in rosa. Due le figure chiave che si sono occupate del coordinamento. Patrizia Scarzella, architetto, autrice di libri sul design e fondatrice dell'associazione D come Design, associazione impegnata per la promozione e diffusione della creatività di progetto per le donne. Valentina Downey, designer di Parma, insegna Design Managment all'Università di Bologna. Insieme a loro, si sono buttate in questa avventura altre nove donne, artiste e designer. Solo una componente femminile così forte poteva avere la sensibilità necessaria per non limitarsi a partecipare a Dignity Design, ma per farlo proprio, interiorizzarlo.

Per informazioni:

Fondazione Buon Pastore

Oak Foundation

D come Design

riproduzione riservata
Articolo: Design solidale al Salone
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Design solidale al Salone: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Design solidale al Salone che potrebbero interessarti
Saie 2010

Saie 2010

Arredamento - Bologna Fiere, atto secondo. Dal 27 al 30 ottobre il capoluogo emiliano si anima grazie a una grande vetrina, il Salone Internazionale dell'Industrializzazione: SAIE.
Interruttori elettrici

Interruttori elettrici

Impianti - Gli interruttori sono dispositivi per l'apertura e la chiusura di circuiti, in prima approssimazione essi possono essere suddivisi in unipolari ed interruttori bipolari.
Saie 2009

Saie 2009

Arredamento - Ormai da ben quarantacinque anni Saie, Salone Internazionale dell'Industrializzazione Edilizia, rappresenta una realtà di spicco nel panorama dell?edilizia.

Installare interruttori

Impianti - Gli interruttori presenti in casa sono generalmente interruttori unipolari ed interruttori bipolari, i primi sono utilizzati per luci i secondi per elettrodomestici.

Festival del Design Brianza

Arredamento - Mille storie e forse anche di più. Tanti sono i racconti protagonisti del Festival del Design Brianza

Interrutore volante

Impianti - In tutte le case è presente almeno un interruttore a filo, comunemente detto interruttore volante, spesso sono utilizzati per accendrere le lampade da tavolo.

Impianto elettrico sicuro realizzato secondo D.M. n° 37/08

Impianti elettrici - Un impianto elettrico sicuro deve essere realizato a norma di legge ed essere usato in maniera cosciente.

Sostituire dispositivo on-off

Fai da te - Sono presenti in tutte le case lampade o semplici elettrodomestici con interruttori a filo: una tecnologia che ha spesso il punto debole nel dispositivo on-off.

Interruttori touch screen

Impianti - Grazie alla domotica la tecnologia touch screen si sta integrando anche in funzioni strettamente legate alla gestione della casa, come gli interruttori.
REGISTRATI COME UTENTE
295.646 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Consolidamento Roto&Push Parma e dintorni
    Consolidamento roto&push parma...
    80.00
  • Controsoffitto in cartongesso Roma e dintorni
    Controsoffitto in cartongesso roma...
    32.00
  • Controsoffitti cartongesso Milano e dintorni
    Controsoffitti cartongesso milano...
    35.00
  • Schüco VarioTec Air
    Schüco variotec air...
    1.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.