Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Decreto debiti PA e imposte sulla casa

NEWS Normative12 Aprile 2013 ore 02:08
Nel Decreto sblocca debiti delle Pubbliche Amministrazioni sono contenute importanti novità di carattere tributario, in particolare in materia di Imu e Tares.
imu , imposta municipale unica , tares , imposte

Decreto sblocca debiti delle Pubbliche Amministrazioni


Negli ultimi giorni le attenzioni della politica e del Governo uscente Monti, si sono concentrate in maniera particolare sull'approvazione del cosiddetto decreto sblocca pagamenti della Pubblica Amministrazione.

debiti alle impreseSi tratta del decreto legge n. 35 del 6 aprile 2013, pubblicato in Gazzetta Ufficiale dell'8 aprile e intitolato Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali, nonché in materia di versamento di tributi degli enti locali.

Al di là del tema principale del provvedimento legislativo, ovvero il via libera ai pagamenti verso imprese e professionisti prestatori di servizi nei confronti di enti ed amministrazioni, bloccati dal Patto di Stabilità, che comunque è argomento di fondamentale importanza per la ripresa dell'economia generale, in esso sono contenute importanti novità di carattere tributario per i contribuenti, in particolare in materia di Imu e Tares.


Nuova scadenza per la dichiarazione Imu


Sin dalla sua introduzione, nel 2012, i termini e la scadenza previsti per la dichiarazione Imu, sono risultati poco chiari e sono stati più volte modificati, tanto che anche noi ce ne siamo occupati ripetutamente, cercando di essere d'aiuto ai cittadini spesso in difficoltà.

dichiarazione ImuEvidentemente è stato proprio per semplificare questo adempimento che, in occasione della pubblicazione del citato decreto, i legislatori hanno deciso di stabilire una data univoca per la presentazione della dichiarazione.

Infatti l'articolo 10, comma 4 del decreto, ha modificato il precedente articolo 13, comma 12 ter del
del decreto legge n. 201 del 2011 convertito in legge n. 214 del 2011, stabilendo che la dichiarazione va presentata entro il 30 giugno di ogni anno.
Ovviamente ciò va fatto nel caso in cui nell'anno precedente si sia entrati in possesso di un nuovo immobile non avente caratteristiche di prima abitazione, o che siano avvenute delle variazioni rilevanti che possono determinare cambiamenti nell'importo dell'Imu.

In questo modo viene meno la regola di presentare la dichiarazione entro 90 giorni dalle variazioni avvenute, e torna in vigore invece la scadenza univoca, così come avveniva per la vecchia Ici.



Calcolo IMU



Aliquote Imu per il 2013


aliquote ImuNello stesso decreto sono contenute delle indicazioni ai Comuni, relative alla data entro cui pubblicare le aliquote e l'ammontare delle detrazioni previste dell'Imposta Municipale Unica per il 2013.

La scadenza per il pagamento della prima rata dell'Imu è fissata, per quest'anno, al 17 giugno 2013, e i comuni dovranno pubblicare la delibera con le nuove aliquote, se ci saranno variazioni, entro il 30 aprile.

Nel caso in cui gli enti non riuscissero ad ottemperare alla scadenza entro il termine fissato, rimarranno in vigore le aliquote dello scorso anno, come per i Comuni che non abbiano stabilito cambiamenti.
Se anche l'anno scorso il Comune non aveva deliberato specificamente, saranno applicate le aliquote standard nazionali, cioè il 4 per mille per la prima casa e il 7,6 per mille per gli altri immobili.

Le delibere potranno essere comunicate solo in via telematica, attraverso il portale del federalismo fiscale.
Se la pubblicazione non avverrà, comunque, entro il 16 maggio, la prima rata dell'imposta dovrà essere calcolata in base al 50% dell'importo calcolato per lo scorso anno, con le opportune detrazioni previste.

La seconda rata da versare a dicembre, quindi, potrà contenere un eventuale conguaglio, sulla base delle delibere pubblicate entro il 16 novembre.
Anche in questo caso, in mancanza di tale documento, si dovrà fare riferimento alle delibere pubblicate entro il 16 maggio o alla situazione dell'anno precedente.


Decreto debiti PA e Tares


Alcuni novità riguardano poi la Tares, la nuova imposta sui rifiuti solidi urbani che da quest'anno andrà a sostituire Tarsu e Tia.

TaresIl decreto stabilisce che, solo per quest'anno, i comuni potranno fissare la scadenza e il numero di rate in cui si articolerà il tributo, con un'apposita delibera da pubblicare almeno 30 giorni prima della scadenza fissata. Questo in virtù dell'articolo 10 che modifica quanto previsto dall'articolo 14 del Decreto Salva Italia.

Per il pagamento delle prime due rate, i comuni potranno utilizzare i bollettini di pagamento precompilati già predisposti per le imposte che la Tares andrà a sostituire o indicare altre modalità di pagamento.

Inoltre la maggiorazione di 0,30 euro per metro quadrato, prevista per la copertura dei cosiddetti servizi indivisibili dei comuni, andrà versata tutta con l'ultima rata, utilizzando il modello F24, oppure un bollettino di conto corrente postale predisposto.
Questa maggiorazione non potrà essere ulteriormente aumentata dalle amministrazioni comunali e il suo gettito andrà interamente allo Stato.

riproduzione riservata
Articolo: Decreto debiti PA e imposte sulla casa
Valutazione: 5.69 / 6 basato su 16 voti.

Decreto debiti PA e imposte sulla casa: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Enrico.rufus
    Enrico.rufus
    Lunedì 15 Aprile 2013, alle ore 10:53
    I soliti ladri, i politici rubano tutto, hanno massacrato il Popolo Italiano!
    rispondi al commento
  • Iangelo
    Iangelo
    Domenica 14 Aprile 2013, alle ore 15:15
    Mangiare o pagare le ulteriori tasse questo è il problema, pazienza pensiamo prima a mangiare. Vuol dire che da questo momento, non pagheremo più, venite a pignorarci gl'immobili, sicuramente ci troverete a casa ad aspettarvi ma meglio che venite ben equipaggiati ed accompagnati, troverete delle belle sorprese.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
306.750 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Kitchen tappeto home
    Kitchen tappeto home...
    40.00
  • Kitchen pia 80x200
    Kitchen pia 80x200...
    40.00
  • Kitchen pia 80x300
    Kitchen pia 80x300...
    58.00
  • Sampietrini selciato Marino di Roma
    Sampietrini selciato marino di roma...
    100.00
  • Faretto led con sensore movimento
    Faretto led con sensore movimento...
    49.99
  • Presa intelligente wifi
    Presa intelligente wifi...
    69.99
Notizie che trattano Decreto debiti PA e imposte sulla casa che potrebbero interessarti
Tares, nuova imposta sui rifiuti

Tares, nuova imposta sui rifiuti

Normative - Slitta a luglio 2013 il pagamento della prima rata della Tares, la nuova imposta sui rifiuti: si spera così che il nuovo Governo possa apportare delle modifche.
TUC, Tributo Unico Comunale

TUC, Tributo Unico Comunale

Normative - Il TUC è un'imposta che dovrebbe accorpare i tributi patrimoniali dovuti per il possesso di un immobile e quelli dovuti al comune per i servizi indivisibili.

Stop a Imu di giugno

Normative - Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legge che sospende il pagamento della rata Imu di giugno. Entro agosto la riforma che deciderà l'eventuale abolizione.

Federalismo Municipale

Normative - Il Consiglio dei Ministri ha varato ieri sera il decreto sul Federalismo Municipale i cui contenuti interessano soprattutto i proprietari di immobili.

IUC, Imposta Unica Comunale

Normative - E' entrata in vigore dal primo gennaio l'Imposta Unica Comunale: vediamo quali sono le modalità di calcolo del tributo e le scadenze previste per i pagamenti.

TARI, tassa sui rifiuti urbani

Fisco casa - La Tari è l'imposta che sostituisce dal primo gennaio di quest'anno la vecchia Tares ed è destinata a finanziare i servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Come si calcola l'IMU

Fisco casa - L'Imposta Municipale Unica, IMU, ha sostituito la vecchia Ici: in prossimità della scadenza della prima rata, vediamo alcuni esempi per capire come si calcola.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img vittorio1959
Buon giorno, espongo il mio problema nella speranza di ricevere un aiuto da qualcuno:abito al terzo piano di un condominio di 4 piani.La palazzina è stata ritinteggiata e...
vittorio1959 23 Novembre 2013 ore 12:02 3
Img sal.ferry
Buonasera, volevo chiedervi come trattereste questa parete esterna non battuta dal sole posta a 400 mt sul livello del mare (sopra Sorrento). Ogni anno uso una pittura antimuffa...
sal.ferry 04 Febbraio 2018 ore 19:13 5
Img antoniopaparazzo
Salve a tutti,ho comprato un negozio e voglio fare alcuni lavori.Il primo di tutti è rimuovere lo stucco veneziano e ritinteggiare con pittura normale.Lo stucco presente...
antoniopaparazzo 22 Ottobre 2014 ore 13:42 1
Img mister221
Ho il problema di rimuovere "l'alzatina" della cucina che è stata incollata col silicone prendendo due parti: le piastrelle e il piano lavoro.Come faccio a rimuovere il...
mister221 06 Dicembre 2008 ore 09:36 14
Img silviadadi
Ho una casetta ampliata 5 anni fa, nella parte vecchia (risalente al 1920) ci sono le camere da letto ed è esposta a nord, muri in mattoni pieno e pietre intonacati, mentre...
silviadadi 26 Aprile 2011 ore 09:21 10