Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Contestazione dei provvedimenti dell'amministratore

La Cassazione, dopo essere intervenuta sull?argomento con una sentenza dello scorso maggio, torna ad occuparsi dei provvedimenti dell?amministratore
28 Giugno 2011 ore 15:14 - NEWS Condominio
amministratore , opere individuali
ProvvedimentiLa Cassazione, dopo essere intervenuta sull'argomento con una sentenza dello scorso maggio, torna ad occuparsi dei provvedimenti dell'amministratore adottati ai sensi dell'art. 1133 c.c.La sentenza che andremo ad esaminare è la n. 13689 dello scorso 22 giugno.Che cosa affermano gli ermellini?Si legge in sentenza che si deve ritenere che i condomini, per l'ordinato svolgimento della vita condominiale, si siano assoggettati al regolamento, demandandone l'attuazione pratica all'assemblea e all'amministratore, secondo i poteri e i limiti tracciati nel regolamento stesso e nella legge.Va da sà che i margini di opinabilità interpretativa che sono intrinsecamente connessi all'interpretazione e all'applicazione concreta dei testi normativi e regolamentari rientrane nel fisiologico dipanarsi della vita del condominio.Ne risulta per converso innalzata la soglia oltre la quale si connota di illiceità l'attività del condominio e dell'amministratore che, ragionevolmente facendo richiamo delle disposizioni regolamentari o di legge, richiamino il singolo condomino all'osservanza dei medesimi.Soccorre in proposito la lettura della seconda parte dell'art. 1133 c.c., volto a disegnare l'andamento ordinario delle relazioni condominiali.Vi si legge che contro i provvedimenti dell'amministratore è ammesso ricorso all'assemblea, senza pregiudizio del ricorso all'autorità giudiziaria nei casi e nel termine previsti dall'art. 1137.Ciò significa che l'amministratore, anche laddove vi siano incertezze o dubbi interpretativi, può adottare provvedimenti di portata obbligatoria per il condomino e che questi può ricorrere all'assemblea o anche - direttamente - proporre impugnativa ex art. 1137 c.c. (Cass. 22 giugno 2011 n. 13689).Come dire: l'amministratore è tenuto a far rispettare regolamento e delibere e l'incertezza interpretativa di questi documenti non può spingersi fino a paralizzarne l'attività.Il suo prudente apprezzamento delle norme, aggiungiamo noi, dovrà essere valutato, tra le altre cose, in relazione alla così detta diligenza del buon padre di famiglia che il mandatario deve osservare nell'espletamento del suo incarico.La Corte, nell'esaminare il quadro complessivo della situazione, spiega anche in che modo i condomini possano far valere le proprie ragioni qualora ritenessero illegittimo l'atto dell'amministratore.ProvvedimentiI rimedi, chiariscono da piazza Cavour, sono due e sono autonomi tra loro.Si legge nel testo del provvedimento che è opinione diffusa quella che afferma con certezza l'immediata impugnabilità del provvedimento per motivi di legittimità. Minori certezze sussistono in ordine alla ricorribilità diretta al giudice quando sia controversa una questione di merito, quale quella qui esaminata.V'è infatti chi preferisce ipotizzare che sia necessario preventivamente adire l'assemblea per contestare il provvedimento dell'amministratore.La tesi non convince.Il testo codicistico prevede infatti il ricorso all'assemblea, senza pregiudizio del ricorse all'autorità giudiziaria, così lasciando trasparire dal punto di vista letterale la compatibilità tra i due rimedi (Cass. 22 giugno 2011 n. 13689).Ultima nota sul ricorso all'Autorità Giudiziaria: l'importante è che il condomino, eccezion fatta per i casi di nullità del provvedimento, lo contesti entro 30 giorni, che decorrono dal momento in cui ne è venuto a conoscenza.Il richiamo all'art. 1137 c.c. contenuto nell'art. 1133 c.c. sta a significare anche questo.
riproduzione riservata
Articolo: Contestazione dei provvedimenti dell'amministratore
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Contestazione dei provvedimenti dell'amministratore: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
328.203 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Contestazione dei provvedimenti dell'amministratore che potrebbero interessarti


Contestazione per l'addebito di spese individuali in condominio

Ripartizione spese - In tema di spese in condominio, è possibile che ai condòmini vengano addebitate delle spese individuali; che cosa accade, tuttavia, se l'addebito è illegittimo?

Provvedimenti dell'amministratore e diritti dei condomini

Condominio - La Cassazione, con una sentenza dello scorso 11 maggio, la n. 10347, torna ad occuparsi dei poteri dell?amministratore, dei loro limiti e del corretto

Opere su parti di proprietà esclusiva nella riforma del condominio

Parti comuni - La riforma del condominio è intervenuta sul codice civile modificando l'art. 1122 o meglio,aggiornandolo alle pronunce giurisprudenziali che lo riguardavano

Spese condominiali, come contestarle

Condominio - Ogni condomino, per il sol fatto d?essere definibile tale (vale a dire proprietario

Doppie finestre, rapporti con il comune ed il condominio

Manutenzione condominiale - Le doppie finestre non sono manutenzione se prima non c'erano e se gli altri condomini non le hanno. E, comunque, vanno rimosse se violano il regolamento edilizio.

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

Condominio senza amministratore, istruzioni per l'uso

Amministratore di condominio - I condomini che non hanno l'obbligo di nominare un amministratore sono quelli che contano meno di nove partecipanti. Ma come si gestiscono queste compagini?

Pulizia delle scale, è obbligatorio pagare l'impresa affidataria?

Manutenzione condominiale - La pulizia delle scale in condominio può essere eseguita in proprio solamente se tutti i condomini sono d'accordo e l'assemblea non può obbligare nessuno.

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 25 Febbraio 2021 ore 09:49 11
Img lorenzomasi
C'è compatibilità tra amministratore di condominio e tecnico asseveratore di lavori superbonus?...
lorenzomasi 08 Gennaio 2021 ore 11:54 1
Img iside1707
Buongiorno, Siamo un contesto di 4 unità e da luglio i rapporti con i miei vicini si sono incrinati. Il mio vicino tiene la cassa e paga le bollette e fino ad ora siamo...
iside1707 29 Dicembre 2020 ore 19:41 3
Img sirimarco
Buongiorno, nel nostro condominio abbiamo effettuato un lavoro straordinario abbastanza costoso, in una prima riunione l'amministratore ha spiegato che la ripartizione spese si...
sirimarco 01 Dicembre 2020 ore 21:43 4
Img kettyveronese
Buonasera. Nell'atrio di ingresso del nostro condominio esiste un vano contatori ENEL che normalmente è chiuso a chiave. Giorni fa, dovendo affittare il mio appartamento...
kettyveronese 30 Luglio 2020 ore 18:46 6