archiviato

Per quanto tempo bisogna conservare le bollette?

NEWS DI Burocrazia e utenze
Prima di buttare le bollette e le relative ricevute di pagamento di utenze e altre spese relative alla casa, la normativa impone il rispetto di una tempistica.
06 Ottobre 2017 ore 16:29
Francesca Panico

Bollette casa: la conservazione delle ricevute di pagamento


Anche se viviamo nell'era digitale la burocrazia fa fatica a stare al passo con i tempi e il cartaceo ci ritorna ancora molto utile.
Per quanto concerne le utenze e altre bollette o scontrini fiscali relativi alla casa, non basta essere in regola con i pagamenti, ma bisogna sempre conservare le scartoffie, onde evitare di incorrere in un disguido con i Gestori di servizi, il condominio, l'Agenzia delle Entrate e così via.
Ma per quanto tempo bisogna conservare le bollette prima di poterle ammucchiare tutto a cuore leggero tra i rifiuti della raccolta differenziata?

bollette

La normativa impone determinate tempistiche da rispettare prima di poter gettare bollette e relative ricevute di avvenuto pagamento.

Quali sono i tempi a cui attenersi?

La maggior parte delle bollette per le utenze di casa vanno conservate per un periodo di 5 anni: questo vale per gas, acqua e telefono.
Lo stesso valeva un tempo anche per la bolletta dell'energia elettrica; da quando il canone Rai è entrato in bolletta, la conservazione della relativa ricevuta di pagamento si allunga a 10 anni.
Anche le ricevute di altre tasse relative alla casa devono essere riposte nel cassetto per cinque anni: ci riferiamo alle ricevute di pagamento di IMU, TASI e TARI. Stesso periodo, dunque cinque anni, per le ricevute di affitto e per eventuali spese condominiali sostenute, così nessuno potrà accampare diritti di finti arretrati.

Bastano invece 3 anni per la conservazione di fatture di parcelle di professionisti ( ad es. architetti), imprese edili e artigiane; scende a due anni il tempo di giacenza di scontrini fiscali per acquisti di elettrodomestici, ovvero per tutta la durata della loro garanzia.

Non resta che decidere dove collocare tutto il cartaceo di cui abbia bisogno, avendo cura magari di scannerizzare tutto e creare anche un file per la loro conservazione digitale su hard disk.

riproduzione riservata
Articolo: Conservare le bollette: quanto tempo?
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 3 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Conservare le bollette: quanto tempo?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Conservare le bollette: quanto tempo? che potrebbero interessarti
Conservare bollette e fatture

Conservare bollette e fatture

Per quanto tempo bisogna conservare le attestazioni di pagamento? In questo articolo cercheremo di rispondere per quello che riguarda le spese relative alla casa.
Pagamenti e Tecnologie

Pagamenti e Tecnologie

Tenere in ordine i conti di casa è fondamentale per averne un quadro semplice e completo in fase di bilanci, rispetto agli anni passati ci aiuta la tecnologia.
Controlli su detrazioni 50%, 65% e bonus mobili

Controlli su detrazioni 50%, 65% e bonus mobili

Sentenza Commissione Tributaria Lombardia: l'Agenzia Entrate può fare controlli non oltre il 31/12 del secondo anno successivo alla presentazione della dichiarazione.
Pagare le bollette a rate

Pagare le bollette a rate

Complice la crisi economica, sono sempre più numerosi gli utenti italiani che si avvalgono della possibilità di pagare a rate le bollette della luce e del gas.
Ravvedimento IMU e Tasi: nuova scadenza il 16 marzo 2015

Ravvedimento IMU e Tasi: nuova scadenza il 16 marzo 2015

La Legge di Stabilità, introducendo il ravvedimento medio, prevede la facoltà di pagare il saldo IMU e Tasi 2014 entro il 16 marzo 2015 con la sanzione ridotta al 3,33%.
cookie

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.
ok