Concessione in sanatoria e beni d'interesse storico

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche29 Giugno 2010 ore 12:26
La legge sul condono edilizio e la concessione in sanatoria per i beni sottoposti a vincolo storico artistico. Obbligatorietà del parere dell'Autorità preposta e conseguenze.

Condono edilizioLa concessione edilizia in sanatoria, prevista dalla Legge n. 47 del 1985, è illegittima se per il bene sottoposto a vincolo storico artistico non è stato ottenuto il parere favorevole dell'Autorità competente, ossia il Ministero per i beni e le attività culturali.

In conseguenza di ciò deve ritenersi lecito, se adottato in osservanza delle leggi e dei regolamenti ed anche se emesso in un momento successivo rispetto al provvedimento concessorio, l'ordine di demolizione proveniente dal ministero.

Questa, in sintesi, la decisione del Consiglio di Stato che con una sentenza del 27 aprile 2010, la n. 2373, ha preso posizione in merito ad una domanda di condono cui il Comune competente inizialmente aveva risposto positivamente; tuttavia, successivamente tale provvedimento era stato, di fatto, posto nel nulla dall'ordine di demolizione spiccato dal Direttore generale dell'Ufficio centrale per i beni archeologici, architettonici, artistici e storici del Ministero per i beni culturali e ambientali.



Prima di vedere più nello specifico che cosa ha detto il massimo giudice amministrativo è utile comprendere per sommi capi il contenuto della legge n. 47 del 1985 ben più nota come prima legge sul condono edilizio.

Tale legge consentiva, attraverso il pagamento di una somma di denaro, di estinguere le sanzioni penali ed amministrative applicabili in relazione ad interventi edilizi eseguiti in assenza dei necessari titoli autorizzatori o in difformità da essi.


Condono edilizioIl tutto, è fondamentale aggiungerlo, consentendo al trasgressore, che aderiva al condono, di poter continuare ad usufruire dell'opera illegale realizzata in quanto, per l'appunto condonandola, si scongiurava il rischio di vedersi notificato un ordine di demolizione.

D'altronde la stessa parola condono, ossia annullamento parziale o totale di una sanzione o di una pena (Dizionario della lingua italiana De Mauro, Paravia Bruno Mondadori editore), suggerisce le conseguenze dell'adesione a questa legge.

Alcune particolarità erano previste per la concessione in sanatoria in relazione ad immobili di particolare pregio storico artistico.

Ai sensi dell'art. 32, primo comma, della legge n. 47 del 1985, infatti, […] il rilascio del titolo abilitativo edilizio in sanatoria per opere eseguite su immobili sottoposti a vincolo è subordinato al parere favorevole delle amministrazioni preposte alla tutela del vincolo stesso.
Qualora tale parere non venga formulato dalle suddette amministrazioni entro centottanta giorni dalla data di ricevimento della richiesta di parere, il richiedente può impugnare il silenzio-rifiuto.
Il rilascio del titolo abilitativo edilizio estingue anche il reato per la violazione del vincolo. Il parere non è richiesto quando si tratti di violazioni riguardanti l'altezza, i distacchi, la cubatura o la superficie coperta che non eccedano il 2 per cento delle misure prescritte
.



Nel caso che ha trovato giustizia con la sentenza n. 2373/10 del Consiglio di Stato, un comune rilasciava concessione edilizia in sanatoria pur senza il preventivo parere favorevole del ministero competente, fondando il proprio provvedimento amministrativo su una generica disponibilità mostrata dall'ente ministeriale a fornire, a determinate condizioni, il proprio assenso.

Il contrasto emergeva quando, contrariamente all'atto concessorio dell'ente locale, il Dirigente ministeriale spiccava un ordine di demolizione.

CondonoNe seguiva un contenzioso giudiziario e la sentenza più volte citata, nella quale il Consiglio di Stato ha avuto modo di affermare che deve escludersi che il rilascio della concessione edilizia in sanatoria possa impedire la tutela dei valori storico artistici di cui il bene stesso è espressione intrinseca, stante l'autonomia del potere esercitato rispetto a quello inerente al controllo dello sviluppo urbanistico ed edilizio del territorio, nonché la preminenza dell'interesse salvaguardato - oggetto di specifica considerazione per effetto dell'art. 9, secondo comma della Costituzione - su ogni altro che possa coinvolgere l'utilizzo del bene (C.d.S. 27 aprile 2010 n. 2373).

riproduzione riservata
Articolo: Concessione in sanatoria e beni d'interesse storico
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 4 voti.

Concessione in sanatoria e beni d'interesse storico: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Concessione in sanatoria e beni d'interesse storico che potrebbero interessarti
Condono edilizio 2017: i criteri per stabilire demolizione o condono

Condono edilizio 2017: i criteri per stabilire demolizione o condono

Leggi e Normative Tecniche - Condono edilizio: il Ddl Falanga in fase di approvazione, consentirebbe di stabilire nuovi criteri per decidere quando condonare e quando demolire un'immobile.
Immobili abusivi: sanatoria solo se ultimati

Immobili abusivi: sanatoria solo se ultimati

Leggi e Normative Tecniche - Con la sentenza 05/02/2015 n. 554, il Consiglio di Stato ha sancito che la sanatoria per opere edilizie abusive possa essere concessa solo per immobili ultimati.
Condono per mini abusi

Condono per mini abusi

Normative - Allo studio un condono per le piccole irregolarita' edilizie, prima della presentazione della Manovra Finanziaria in Commissione Bilancio.

Condono per abusi in aree vincolate

Normative - Si riaprono a Napoli i termini per la definizione di istanze di sanatoria non ancora evase e riguardanti tutti i condoni precedenti, per interventi realizzati in aree vincolate.

Condono abusi ambientali

Normative - In discussione in Senato un emendamento al decreto Milleproroghe che aprirebbe i termini per un condono degli abusi edilizi commessi su beni sottoposti a vincolo paesaggistico ed ambientale.

Qual è la differenza tra Sanatoria e Condono?

Leggi e Normative Tecniche - Nella pratica professionale capita spesso di percepire che non si comprenda la differenza tra Condono e Sanatoria: cerchiamo di fare chiarezza sull'argomento.

Riapertura Condono Edilizio in Campania

Leggi e Normative Tecniche - Il CdM impugna la legge regionale n. 16/2014 della Campania, che aveva prolungato i termini entro cui i comuni potevano pronunciarsi sulle istanze di condono '85 e '94.

Stop alle demolizioni in Campania?

Normative - Il presidente del Consiglio ha annunciato ierii di aver pronto un provvedimento per bloccare temporaneamente le demolizioni degli edifici abusivi in Campania.

Rispunta il condono

Normative - Prontamente ritirato l'ennesimo emendamento alla manovra finanziaria, contenente ipotesi di nuovo condono edilizio.
REGISTRATI COME UTENTE
295.627 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ideal standard miscelatore rubinetto lavello cucina ceraplan
    Ideal standard miscelatore...
    107.00
  • Ideal standard miscelatore rubinetto monocomando lavabo ceraplan
    Ideal standard miscelatore...
    67.50
  • Ideal standard miscelatore rubinetto monocomando bidet ceraplan
    Ideal standard miscelatore...
    67.50
  • Montascale rettilinei 950 Mantova
    Montascale rettilinei 950 mantova...
    3000.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Kone
  • Weber
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.