Cosa fare per cambiare residenza agevolmente

NEWS DI Burocrazia e utenze
Il cambio di residenza prevede sì il trasloco ma anche la comunicazione ai diversi enti e la sottoscrizione di una serie di pratiche, di adempimenti burocratici
28 Maggio 2017 ore 09:47
Arch. Loredana Ruggieri

Cambio di residenza cosa fare


Cambiare residenza
, che sia nella stessa città e comune o altro luogo, vuol dire provvedere anche al trasloco, ovvero il fattivo spostamento delle cose, dei propri beni per poi adempiere una serie di obblighi riguardanti la comunicazione di trasferimento di residenza ai diversi enti sociali, alla banca, al medico e al pediatra, all’Agenzia delle Entrate, all’Inps, al Comune, etc.

Quando ci si trasferisce da un’abitazione all’altra, occorre comunicare all’Ufficio Anagrafe del Comune corrispondente la nuova residenza, lo spostamento, e ciò va fatto entro 20 giorni, questa operazione è gratuita in tutti i Comuni italiani.


Cambio residenza e traslochi, by Alex Traslochi

Cambio residenza e traslochi, by Alex Traslochi

Cambio residenza e traslochi, by Alex Traslochi
Traslocare con Alex traslochi

Traslocare con Alex traslochi

Traslocare con Alex traslochi
Assistenza e garanzia Alex Traslochi

Assistenza e garanzia Alex Traslochi

Assistenza e garanzia Alex Traslochi
Mercatino dell'usato di Alex traslochi

Mercatino dell'usato di Alex traslochi

Mercatino dell'usato di Alex traslochi
Sgomberi alla pari gratuiti, by Alex Traslochi

Sgomberi alla pari gratuiti, by Alex Traslochi

Sgomberi alla pari gratuiti, by Alex Traslochi

Comunicato il nuovo indirizzo al Comune di nuova residenza, quest’ultimo provvederà ad avvisare il Comune d’origine, tutto naturalmente con accertamenti che fanno sì che la tempistica di perfezionamento abbia una durata maggiore anche se la variazione decorre sempre dal giorno di denuncia all’Ufficio Anagrafe.

Del cambio di residenza verranno informati anche il Ministero dei Trasporti che farà pervenire, tramite posta, il nuovo e aggiornato tagliando adesivo con le nuove informazioni residenziali; la Motorizzazione Civile per ricevere i tagliandi della patente e libretto di circolazione.

Cambio di residenza cosa fare
Se a trasferirsi è un’intera famiglia costituita da più persone, basta che un solo componente maggiorenne, segua l’iter burocratico, portando con sé un valido documento di riconoscimento e il modulo cambio residenza compilato e ritirato presso l'URP, Ufficio Relazioni con il pubblico o settore preposto alla dichiarazione di residenza, la richiesta di cambio di residenza può anche essere inoltrata online.

Entro 20 giorni dal trasferimento, va necessariamente comunicato il cambio residenza, oltre al modulo di domanda cambio di residenza va compilato anche un verbale di accertamento che si fa giungere al Comando dei Vigili Urbani del territorio, e poi altri moduli relativi alla patente di guida e circolazione del veicolo di proprietà.


Documenti per cambio residenza


I documenti da procurarsi prima di presentare il modulo di richiesta cambio residenza, non sono tutti uguali, se si appartiene alla Comunità Europea e il trasferimento avviene in Italia serve semplicemente presentare all’ufficio dell’anagrafe il permesso di soggiorno o attestato di soggiorno.

Se la persona che fa il cambio di residenza è un lavoratore dipendente, sarà necessario un passaporto valido, il contratto di lavoro con gli identificativi INPS e INAIL, la comunicazione di assunzione al Centro dell’Impiego, il codice fiscale e una dichiarazione relativa allo stato civile.

Comunicazione cambio di residenza
Ai lavoratori autonomi invece, verrà richiesto il passaporto valido, il codice fiscale, la Partita IVA, l’iscrizione CCIAA, lo stato civile con dati esatti dell’eventuale matrimonio se si è coniugi.

Gli studenti invece, che si trasferiscono all'esterno o in un'altra città per seguire le lezioni universitarie, dovranno soltanto mostrare passaporto valido, l’assicurazione sanitaria personale, la polizza assicurativa sugli infortuni, il codice fiscale, l’iscrizione presso l’Università, la disponibilità di risorse economiche per automantenersi, la dichiarazione dello stato civile.

I cittadini extracomunitari avranno bisogno del permesso di soggiorno e il passaporto sia se sono maggiorenni sia minorenni.


Cambio residenza tempi


Una volta comunicato all’Anagrafe del Comune l’istanza di trasferimento, il cambio indirizzo e dunque residenza è immediato, in tempo reale nonostante gli accertamenti facciano allungare i tempi di perfezionamento.

I tempi di cambio residenza per i cittadini comunitari varia da 60 a 90 giorni poiché c’è un controllo da parte della Polizia Municipale e poi la cancellazione da parte del comune di provenienza.

Come fare il cambio di residenza, tempistiche
Per un cambio domicilio, la tempistica è più breve giacché può essere a vista, quindi istantaneamente oppure 60 giorni variabili se soggetti ad accertamenti della Polizia Municipale,

Procedura
più lunga è invece quella per i cambi residenza di cittadini extracomunitari legati alla presentazione di atti e documenti.


Documenti necessari per cambio residenza nello stesso Comune


Se il cambio di residenza avviene nello stesso Comune, in altre parole ci si sposta di abitazione da un quartiere in un altro, va comunque compilata e presentata la dichiarazione di cambio abitazione; è necessario che un solo membro maggiorenne della famiglia si occupi della mansione e badi a presentare all’anagrafe un documento d’identità, il modulo compilato della domanda di variazione indirizzo dell’abitazione.


Come cambiare residenza in tempo reale


Secondo la normativa, il cambio di residenza acquista validità dal giorno stesso in cui è consegnato al Comune il modulo di dichiarazione della residenza.

Il cambio di residenza in tempo reale è stato introdotto dal Decreto sulle Semplificazioni, Decreto legge del 9 febbraio 2012 n.5 convertito nella Legge 35/2012, in G.U. il 6 aprile 2012, Disposizioni urgenti in materia di semplificazioni e di sviluppo, CAPO II, Semplificazioni per i cittadini.

L’articolo 5 del decreto detta nuove regole per il cambio di residenza in tempo reale, difatti le comunicazioni di denuncia del trasferimento nella nuova residenza vanno rese note entro i 20 giorni da quando il cittadino inizia a vivere nella nuova casa e nel nuovo Comune, la modulistica è quella conforme alla pubblicata dal Ministero dell’interno.

L’articolo 76 del Testo Unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n.445, evidenzia le sanzioni previste in caso di false dichiarazioni.

Dichiarare il cambio di residenza
L’articolo 38 invece delinea la modalità con cui dichiarare i propri dati, sottoscritti di fronte all’ufficiale di anagrafe o inviate tramite fax o via telematica secondo procedura fissata.

L’ufficiale dell’anagrafe provvede alle iscrizioni appunto anagrafiche nei due giorni lavorativi successivi alla presentazione delle dichiarazioni di cui al comma 1.

Gli articoli 75 e 76 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n.445 sono presi in considerazione nel caso di dichiarazioni false o non corrispondenti al vero, discordanti con ciò che è stato dichiarato.

Dai 90 giorni, oggi il termine della procedura è di 45 giorni entro i quali va compiuta la comunicazione di eventuali requisiti mancanti o va data motivazione ai dati non congruenti.


Comunicazione cambio di residenza e canone Rai


Quando si cambia residenza e si è abbonati Rai, occorre comunicare il trasferimento avvenuto all’Agenzia delle Entrate incluso il numero del proprio abbonamento.

Cambio di residenza e canone Rai
L’avviso può essere dato per via telefonica oppure online compilando la richiesta di variazione dell’indirizzo di residenza per Canone Rai, ciò se c’è solo il cambio di domicilio e non proprio la residenza anagrafica.


Trasferimento residenza, cosa fare con il passaporto e la carta d’identità


Il passaporto e la carta d’identità non necessitano un aggiornamento immediato del cambio di residenza, se non al rinnovo.

In ogni caso se il cittadino volesse comunque apportare modifiche d’indirizzo e compiere l’aggiornamento, deve sottoscrivere un modulo specifico per passaporto presso la Polizia di Stato.


Cambiare residenza, chi altro avvisare?


Cambiare residenza non comporta avvisare solo parenti e amici della nuova abitazione e sistemazione, non richiede solo la comunicazione al comune ma anche agli enti relativi alla tassa sui rifiuti, IMU, gas, luce, telefono, banca, medico curante, agenzia delle entrate, INPS, altro.

Per quanto riguarda la tassa sui rifiuti urbani va eseguita o la denuncia d’iscrizione se si giunge da un altro comune oppure la denuncia di variazione se si è già iscritti come contribuenti comunali.

Cambio indirizzo di residenza
Circa le utenze occorre recarsi presso i centri preposti e sottoscrivere nuovo contratto di fornitura controllando se le condizioni contrattuali soddisfano le proprie esigenze; poi è bene avvisare anche la banca, la relativa Agenzia e filiale del nuovo indirizzo di residenza.

Altre comunicazioni vanno compiute all’Agenzia delle Entrate o per via diretta oppure telematica direttamente dal contribuente o soggetti interessati della trasmissione telematica, anche all’Ufficio Registro delle Imprese della Camera di Commercio secondo la propria attività.

L’INPS invece occorre avvisarla tramite autocertificazione indicando il nuovo indirizzo oppure compilando un modulo preparato dall’ente appositamente per i casi di cambio residenza.

Traslocare per cambio residenza
Se si possiedono fabbricati, terreni agricoli, altro genere di proprietà, occorre fare i conti con l’IMU e quindi, dopo aver dichiarato la nuova residenza al comune, verificare se si possono usufruire di agevolazioni, informarsi presso il catasto della visura della rendita immobiliare.

L’indirizzo sarà modificato anche sulla tessera sanitaria, su quella elettorale, sull’assicurazione dell’auto, sul libretto di circolazione, su altre assicurazioni aperte.


Prima del cambio di residenza c’è il trasloco


Traslocare
non è semplice come può sembrare, non è solamente impacchettare un po’ di roba e spostarla da un luogo ad altro, specie se la destinazione è al di fuori del proprio comune o addirittura fuori nazione.

Chi ha fatto esperienza di trasloco sa bene che è consigliabile affidarsi a specialisti del settore, si guadagna tempo e denaro oltre che salute; è necessario avere uno spirito di organizzazione sviluppato, bisogna avere anche dei mezzi idonei per trasportare la roba senza il rischio che si rompa, poi avere dei sistema d’imballaggio a prova di urto.

Traslocare con specialisti del settore
Una ditta molto specializzata in traslochi nazionali ed internazionali è Alex Traslochi, azienda che opera dal 1988 ed è annoverata fra gli operatori più qualificati del settore.

Possiedono gru, piattaforme e tante altre attrezzature che garantiscono risparmio in tempo, sicurezza di ciò che deve essere traslato, poi mettono a disposizione un deposito mobili gratis per un mese, hanno un mercatino dell’usato showroom di vendita del nuovo.

Dispongono persino di appositi bauli armadio cove è possibile far alloggiare durante il trasferimento il vestiario, senza che questo subisca alcuna piega, e i moderni furgoni, gli elevatori per mobili che raggiungono fino a 37 m, quindi oltre 10 piani, i camion capienti, assicurano sicurezza e tranquillità in ogni fase operativa.

Traslocare con Alex Traslochi
I traslochi di questa ditta sono tutti coperti da assicurazione Unipol contro qualsiasi tipo di rischio inerente il trasloco, rispettano pienamente le leggi vigenti sul trasloco, la trattativa è trasparente in ogni sua parte, l’efficienza degli operatori è eccellente.


Cambio di residenza, per il trasloco: la Redazione consiglia

Come cambiare residenza: a chi rivolgersi?


Logo Alex TraslochiCambiare residenza richiede tanto sacrificio, energia e tempo ma se svolto con il giusto aiuto, può essere compiuto con semplicità e meno stress.

Occorre occuparsi sì di tutta la parte burocratica e di comunicazione del trasferimento agli enti preposti, ma ancor prima è necessario traslocare con ogni oggetto e bene di appartenenza.

La tentazione è di voler fare da soli specie se si tratta solo di un cambio di domicilio e il comune di appartenenza resta lo stesso, basta solo impacchettare un po’ di roba e compiere qualche andata e ritorno con la macchina.

Chi fa un’esperienza del genere sicuramente la seconda volta ricorre ad un aiuto specializzato che provveda a garantire l’incolumità di ogni bene e la sicurezza dello svolgimento pratico del trasloco.

Si consiglia di prendere contatto con la ditta Alex Traslochi e di fissare una data di primo sopralluogo mediante il quale il personale preposto alla fase iniziale verifica lo stato dei luoghi, ascolta le necessità della committenza, propone soluzioni secondo le esigenze emerse, stila un preventivo gratuito e senza alcun impegno.

L’azienda ha due squadre speciali molto qualificate per sgomberi e traslochi di aziende, appartamenti, uffici, cantine, solai, negozi, altro; propone sgomberi alla pari gratuiti ovvero il lavoro in cambio di mobilio presente nell’appartamento in buone condizioni.

Eseguono traslochi chiavi in mano e pertanto al committente non resta che lasciare il vecchio appartamento e recarsi nella nuova casa dove tutto sarà messo già in ordine.

Alex & Stefi s.a.s.
Sede Operativa: Via A. Bono Cairoli 11
20127 Milano
Tel. +39 02 2619165
Per maggiori informazioni: www.alextraslochi.it

riproduzione riservata
Articolo: Come cambiare residenza
Valutazione: 5.83 / 6 basato su 6 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs
Alex Traslochi e sgomberi di appartamenti uffici cantine e solai a Milano e in tutta Italia, autotrasporto conto terzi trasporto pianoforti deposito e custodia mobili trasloco chiavi in mano noleggio piattaforma aerea noleggio cartelli stradali.

Come cambiare residenza: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Antonio Massa
    Antonio Massa
    Giovedì 9 Giugno 2016, alle ore 11:44
    Sono un coniuge e convivo in abitazione di proprietà.

    Posso cambiare io e solo io la mia residenza in altra abitazione nello stesso comune di residenza ?.

    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Come cambiare residenza che potrebbero interessarti
Cosa sono domicilio, dimora e residenza?

Cosa sono domicilio, dimora e residenza?

Il domicilio, la dimora e la residenza sono tre concetti che nel gergo comune vengono utilizzati quasi come sinonimi, ma invece rappresentano istituti differenti.
Chi avvisare dopo il Trasloco ?

Chi avvisare dopo il Trasloco ?

Prima e dopo il trasloco ci sono degli adempimenti che dobbiamo effettuare per permettere agli enti pubblici e privati di conoscere la nostra nuova residenza.
Come fissare e quando cambiare la residenza

Come fissare e quando cambiare la residenza

La redidenza, ossia la dichiarazione del luogo in cui si vive, dev'essere comunicata agli uffici dell'anagrafe del Comune interssato perché è la legge a imporlo.
A Udine la prima Casaclima Gold d'Europa

A Udine la prima Casaclima Gold d'Europa

Non è a Milano nè a Roma, tanto meno a Firenze. Ma neppure a Londra, Madrid o Parigi.La prima Casaclima Gold d?Europa si trova a Udine, città friulana...
La residenza piu' costosa del mondo

La residenza piu' costosa del mondo

Poco piu' di un mese fa e' stata completata una residenza monofamiliare da 1 miliardo di dollari.
cookie

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.
ok