Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Coltivazione e caratteristiche Alchechengi

NEWS Piante25 Gennaio 2013 ore 01:17
L'alchechengi è una pianta medicinale particolarmente utilizzata, che si contraddistingue per una fioritura bianca e piccoli frutti arancio commestibili.
pianta medicinale , coltivazione , pianta , erboristeria

Media Lavorincasa.itL'utilizzo di piante medicinali per uso erboristico si sta diffondendo sempre di più, soprattutto all'interno di filoni che preferiscono l'uso di rimedi naturali in caso di piccoli malesseri e patologie non gravi.

L'alchechengi è sicuramente una delle più apprezzate tra le piante medicinali in circolazione.

Si tratta di una pianta velenosa di cui solo il frutto è commestibile e che ha una spiccata funzione diuretica tanto da essere in grado di sciogliere i calcoli urinari e di combattere in maniera efficace eventuali infezioni dell'apparato urinario. Il nome completo della pianta è Physalis Alkekengi e fa parte della famiglia delle Solenacee. Può raggiungere l'altezza di un metro e produce dei coreografici fiori bianchi a forma di campanella che sbocciano nel periodo intorno al mese di luglio garantendo circa un mese di fioritura.

I frutto è una bacca con dimensioni simili a quelle di una ciliegia con colore un po' più pallido che, normalmente, è ricoperta da un calice che funge da collegamento con la pianta vera e propria, come accennato sopra è l'unica parte commestibile della pianta e viene spesso utilizzato anche in cucina.


Media Lavorincasa.itSotto questo aspetto, infatti, preme sottolineare come le bacche siano molto ricche di vitamina C, oltre a molte altri acidi organici e sostanze come ferro, potassio e flavanoidi.

Questa composizione le rende particolarmente diuretiche e vengono spesso utilizzate per la cura della litasi urinaria.

Le foglie di Alchechengi sono di forma ovale con una lunghezza contenuta che si aggira intorno agli 8 cm.Si tratta di una pianta di origine asiatica che prolifera in tutte le zone temperate del mondo, spesso la si può incontrare ai margini dei boschi o dei vigneti.In condizioni ideali può raggiungere i 10 anni di vita, ma, comunque, si tratta di una pianta abbastanza rustica che si dimostra resistente sia alla siccità che al freddo specialmente se collocata su terreno fresco e con esposizione in mezza ombra.L'alchechengi non è assolutamente difficile da coltivare.Si riproduce per semina in un composto che deve essere mantenuto umido e caldo ad una temperatura possibilmente costante.

Normalmente germinano molti dei semi piantati a patto che vengano evitati i ristagni idrici che porterebbero a problemi di marcescenza. In questo senso meglio aggiungere un po' di sabbia al terriccio per garantire un migliore effetto drenante.
Media Lavorincasa.itUna volta germinate le piantine devono essere tenute al riparo dai venti e dalla luce diretta del Sole.
Successivamente si può procedere alla messa a dimora.

Le piantine di Alchechengi non hanno particolari esigenze sul fronte terreno, ma non è detto che riescano a fruttificare.Spesso la fruttificazione arriva al secondo anno alla ripresa della vegetazione quando le piante riacquistano vigore.

Su questo fronte meglio nutrire la pianta con un concime liquido una volta ogni due settimane, ma non abbondare con le annaffiature che vanno effettuate soltanto nel periodo estivo.
Sul fronte freddo la pianta teme i periodi di gelo prolungati, ma, grazie ai rizomi, spesso anche le piante che si sono seccate in inverno riescono a riprendersi in estate.

riproduzione riservata
Articolo: Alchechengi: coltivazione e caratteristiche
Valutazione: 3.87 / 6 basato su 31 voti.

Alchechengi: coltivazione e caratteristiche: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Giuseppinalisamanno
    Giuseppinalisamanno
    Domenica 5 Gennaio 2014, alle ore 21:43
    Interessante articolo, sono appassionata di piante e delle loro proprietà energetiche, non sapevo delle proprietà diuretiche e curative dell'archechengi.
    Grazie a Valentina Caiazzo.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
308.202 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Saint-Gobain ISOVER
  • Marazzi
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Furaos busta da 30 gr
    Furaos busta da 30 gr...
    6.93
  • Ortovaso verdemax contenitore orto
    Ortovaso verdemax contenitore orto...
    18.18
  • Acimax valagro ml 500
    Acimax valagro ml 500...
    9.88
  • Multiplanter attrezzo piantatore per bulbi e piante
    Multiplanter attrezzo piantatore...
    33.67
Notizie che trattano Alchechengi: coltivazione e caratteristiche che potrebbero interessarti


Vaso automatizzato

Giardino - Il giardinaggio non è una passione semplice a cui dedicarsi: non solo occorrono tempo e pazienza per curare come si deve le piante ma, a volte, bisogna

Belladonna, velenosa e utile

Giardino - Conosciuta fin dall'antichità per le proprietà velenose anche gravi, la belladonna è una pianta caratterizzata da bacche nere e una fioritura abbondante.

Spiraea, buona e bella

Giardino - La Spiraea è una specie a foglia decidua molto decorativa e colorata, da cui è stato estratto in passato l'acido salicidico, molto utilizzato in farmacia.

Cicuta Maculata

Giardino - La cicuta, passata alla storia come veleno di Socrate, è un'erbacea comune, subalpina, di tipo biennale con fiori ad ombrello e foglioline frstagliate.

Feijoa: protagonista in giardino

Piante - La Feijoa è una pianta scenografica e abbastanza facile da coltivare, che regala fioriture prolungate e frutti, utilizzabili in cucina.

Camelia invernale

Giardino - La Camelia Sasanqua è la specie ideale per avere un angolo del giardino o del balcone, fiorito e scenografico anche in pieno inverno e con temperature molto rigide.

Coltivazione del Cisto

Piante - Il cisto è una pianta mediterranea molto scenografica, che ama terreni poveri e che decora il giardino grazie all'abbondante fioritura delicata estiva.

Vantaggi della coltivazione aeroponica delle piante in casa

Giardinaggio - Coltivare piante senza l'aiuto del terreno, con il potenziamento delle sostanze nutritive, in assenza di germi e batteri, per una migliore crescita e produzione

Coltivazione della Camomilla

Piante - La camomilla è un'erbacea spontanea molto diffusa, facile da coltivare sia a scopo decorativo che per fare decotti e infusi, dalle proprietà calmanti e rilassanti.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img laraferraferrari
Salve a tutti, mi potreste dare delle linee guida su come organizzare la pianta di una palazzina? Dovrebbe essere costituita da 3 abitazioni (piccola, media, grande), scala,...
laraferraferrari 15 Settembre 2017 ore 15:35 2
Img mito1971
Scusate carissimi del forum,spero di farmi capire ma non è sicuramente facile.Ho evidenziato il pilastro in giallo perché nasce tutto da li e mi spiego.Il vicino...
mito1971 24 Ottobre 2015 ore 10:39 3