Coltivare l'aglio

NEWS DI Piante16 Settembre 2013 ore 13:59
Ricco di proprietà benefiche e molto diffuso in tavola, l'aglio è un ortaggio coltivato in tutto il mondo e facile da curare anche in un orto domestico.
aglio , liliacea , bulbosa , bulbo

L'aglio è un ortaggio diffuso in tutto il mondo ed utilizzato in cucina sin dall'antichità, a partire dagli Egizi.
Ricco di proprietà curative ed antibiotiche, è molto apprezzato per la sua capacità di arricchire e di insaporire numerose pietanze e non presenta particolari difficoltà per la sua coltivazione, anche in ambito domestico.

Caratteristiche dell'aglio


L'aglio è una pianta perenne bulbosa appartenente alla famiglia delle Liliacee,coltivata annualmente ed originaria delle zone desertiche dell'Asia Centrale.
La varietà più diffusa è senza dubbio l'Allium Savitum, che comprende due gruppi di specie, l'aglio a tunica bianca e l'aglio a tunica rossa. Quest'ultimo si differenzia per il ciclo di coltivazione più breve, di circa un mese, e per i bulbi molto più grandi ma meno duraturi.
Altre varietà meno diffuse sono l'Allium Vineale, l'Allium Ursinum, il Fragrans e l'Oraceum.

La parte commestibile è costituita dal bulbo, o anche testa, racchiuso tra foglie protettive, le cosiddette tuniche sterili.

Ogni bulbo è composto da sei a quattordici bulbilli o spicchi, che vengono utilizzati anche per la riproduzione. Il resto della pianta è costituito da radici cordiformi, da quaranta a sessanta, che non si espandono oltre i trenta centimetri iniziali di terreno.

Il fusto, avvolto da foglie basali a punta e larghe circa tre centimetri, consiste in un piccolo disco lungo tre centimetri e largo due centimetri circa.
Durante la germogliazione, nascono anche degli steli floreali alti tra i quaranta e gli ottanta centimetri, con alla sommità piccoli boccioli di colore bianco, rosso e rosa che spesso però non arrivano nemmeno ad aprirsi.

Numerose e molto conosciute sono poi le proprietà benefiche e curative dell'aglio, oltre a quelle squisitamente culinarie.
La prima citazione dell'aglio come pianta aromatica medicamentosa si trova nel Codex Ebers, papiro egizio risalente al 155 a.C., in cui viene indicato come ingrediente fondamentale nei composti contro punture d'insetti e mal di testa.
Bulbo di aglio
Oltre a possedere una spiccata azione antisettica, antibiotica e disinfettante delle vie respiratorie, l'aglio è prezioso per prevenire e curare ogni specie di malattia da raffreddamento ed aiuta a contrastare gli effetti dell'inquinamento e l'invecchiamento dell'organismo.
Dalla capacità ipotensiva ma solo nei soggetti ipertesi, questa pianta migliora inoltre la circolazione sanguigna e di conseguenza tutte le attività cardiocircolatorie.

Già nel IV secolo a.C. il greco Ippocrate, padre della medicina occidentale, consigliava l'utilizzo dell'aglio a scopo curativo.
Citata da Plinio il Vecchio nella Historia Naturalis per le sue eccezionali virtù medicamentose, la pianta venne usata anche nel Medioevo per proteggersi dalle infezioni, fino ad arrivare all'età moderna quando Pasteur, nel 1858, ne mise in luce le notevoli proprietà antisettiche.

Coltivazione dell'aglio


Il ciclo di coltivazione dell'aglio inizia solitamente in autunno, quando la pianta viene messa a dimora, e si conclude in primavera con la raccolta.

Il terreno più adatto a fare germogliare i bulbi deve essere fertile ma allo stesso tempo leggero e soprattutto privo di ristagni idrici, dal momento che l'aglio viene spesso colpito da muffe e malattie fungine.

La temperatura ideale per la germogliazione della pianta è compresa tra i 15° e i 18° C.
Per una crescita ottimale della specie, i bulbilli vanno interrati a cinque centimetri di profondità, con l'apice rivolto l'alto e a cinque centimetri di distanza tra loro.
Le file invece devono essere distanti l'una dall'altra circa quarantacinque centimetri.
Fiore di aglio
Prima di essere messi a dimora, i bulbilli appena raccolti devono però essere tenuti a riposo a bassa temperatura, intorno ai 7°C, ed in ambiente umido.

Molta attenzione va poi prestata alla lavorazione del terreno, da eseguire sempre non in superficie per non recare danni alle radici della pianta.

Durante la germogliazione, a volte possono comparire gli steli floreali, che vanno tagliati ancora in bocciolo per impedire che utilizzino le riserve nutritive contenute nei bulbi. Per quanto riguarda invece l'irrigazione, se l'aglio viene coltivato in campo aperto, sono sufficienti le piogge per una corretta innaffiatura.

Inoltre, quando i bulbi iniziano a maturare e le foglie si piegano, l' irrigazione deve essere sospesa del tutto per non favorire l'insorgere di marciumi.
Da evitare assolutamente sono i concimi organici, in quanto anch'essi possono indurre la formazione di muffe. Sono invece da preferire i concimi minerali, mentre prima della semina può essere utile somministrare fosforo e potassio.
La raccolta dell'aglio, infine, va eseguita quando le foglie sono quasi completamente secche. Una volta ripuliti da foglie e radici, i bulbi vengono fatti essiccare al sole per una conservazione ideale.


Malattie dell'aglio


Le patologie che possono colpire l'aglio sono diverse, in prevalenza malattie fungine ed infestazioni di parassiti. Tra i funghi che possono danneggiare la pianta, troviamo la Pernospora, che si manifesta generalmente sulle parti aeree.

Un altro pericolo per la salute dell'aglio è la muffa bianca, che aggredisce la specie proprio durante il suo sviluppo.
Molto frequente è inoltre il marciume dei bulbi, il cui sintomo principale è la comparsa di una polverina di colore variabile dal giallo al grigio-verde sulle diverse parti della pianta.

I fattori che favoriscono l'insorgenza delle malattie fungine sono un'eccessiva umidità, frequenti ristagni idrici e lesioni, da evitare accuratamente per una corretta prevenzione.
Parassita su pianta
Se invece ci troviamo di fronte ad una pianta già aggredita da queste malattie, sarà necessario ricorrere ad adeguati trattamenti chimici.
Tra i parassiti dell'aglio, invece, molto diffusa è la Delia antiqua.
Questa mosca depone le proprie uova nei bulbi e le larve, una volta nate, si nutrono dei loro tessuti.

Anche in questo caso, il rimedio da adottare è di carattere chimico, mentre a livello preventivo è consigliato posticipare la semina per evitare almeno la prima generazione del parassita, in genere più dannosa delle successive.
I trattamenti antiparassitari e fungicidi disponibili sul mercato sono numerosi ed acquistabili anche su internet.
Specializzato nella vendita online di questo tipo di prodotti è la Agraria Gioiese, che mette a disposizione nel proprio negozio virtuale diversi tipi di insetticidi e disinfettanti.
Per chi ha bisogno invece di un'azione più decisa, ecco una lista di aziende che eseguono disinfestazioni efficaci e di alto livello, dopo un accurato sopralluogo e monitoraggio dell'ambiente.

riproduzione riservata
Articolo: Coltivare l'aglio
Valutazione: 5.71 / 6 basato su 7 voti.

Coltivare l'aglio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Coltivare l'aglio che potrebbero interessarti
Coltivazione aglio orsino

Coltivazione aglio orsino

Piante - L'aglio orsino è un'erbacea perenne simile per sapore e odore all'aglio, facile da coltivare e da sfruttare in cucina come insaporitore per carne o pesce.
Coltivare un orto sinergico

Coltivare un orto sinergico

Giardino - L'orto sinergico è un modo innovativo di concepire la coltura,che avviene senza ricorrere a prodotti chimici e che si basa sulla convivenza delle diverse piante.
Scilla Hispanica, la bulbosa da sottobosco

Scilla Hispanica, la bulbosa da sottobosco

Giardino - Per un gairdino ad effetto naturale come un fresco sottobosco, si possono utilizzare i bulbi di Scilla Hispanica, con i loro fiorellini colorati a campanula

Consociazione degli ortaggi

Orto e terrazzo - Siamo ai primi dell?anno e già si vedono le giornate un po? allungate. Momento ideale per pensare al prossimo orto

Coltivazioni autunnali: consigli per la semina

Orto e terrazzo - Con l'arrivo del freddo, le coltivazioni autunnali prendono il posto di quelle estive, con varietà di facile coltura che resistono anche alle basse temperature.

Antiparassitari naturali

Giardinaggio - Le patologie fungine e le invasioni parassitarie di orto e giardino possono essere contrastate facilmente con l'aiuto di rimedi completamente naturali fai da te

Orto sul terrazzo e ortaggi da piantare

Giardino - L'idea di realizzare un orticello sul proprio balcone o terrazzo consente di coniugare risparmio, sana alimentazione e vita all'aria aperta senza uscire di casa.

Muscari

Giardino - In giardino, in vaso e... in cucina, queste bulbose preannunciano la primavera anche sotto le feste.

Lavori nell'orto di ottobre

Orto e terrazzo - Ad ottobre molte piante iniziano il loro ciclo terminale, i colori dell'orto sono meno vivaci e le giornate più fredde, ma anche questo mese richiede un certo lavoro.
REGISTRATI COME UTENTE
295.496 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Landscaper pro univestar 15 5 16 25
    Landscaper pro univestar 15 5 16 25...
    38.27
  • Sportsmaster wsf high n 35+0+14+fe 15 kg
    Sportsmaster wsf high n 35+0+14+fe...
    45.76
  • Concime actiwin prato rinverdente 4 kg
    Concime actiwin prato rinverdente...
    16.85
  • Actiwin 20 5 10 concime per prato
    Actiwin 20 5 10 concime per prato...
    55.54
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Weber
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.