Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Cedolare secca: quali sono le ultime novità?

La Legge di Bilancio 2021 ha introdotto diverse novità che mirano a limitare l'accesso al regime della cedolare secca e a ridefinire modalità e termini di versamento
20 Luglio 2021 ore 09:54 - Affittare casa

Cedolare secca, cos'è cambiato?


La Legge di Bilancio 2021 ha introdotto importanti novità per quanto riguarda la cedolare secca.

Come noto, la cedolare secca è un regime di tassazione dei redditi derivanti dal contratti di locazione alternativo rispetto alla tassazione ordinaria che in alcuni casi - si badi bene è da valutare caso per caso - può rivelarsi più conveniente.

Cedolare secca ultime novità 2021
A partire dal 1 gennaio 2021, sono operative modifiche di non poco conto che riguardano sia la possibilità di optare per tale regime sia le modalità di versamento. Si tratta, in linea generale, di cambiamenti finalizzati a limitare l’accesso all’imposta sostitutiva e a fare emergere celate attività di tipo imprenditoriale.


Cedolare secca si ma fino a quattro unità immobiliari


La prima novità introdotta dalla Legge di Bilancio riguarda la possibilità di optare per il regime alternativo.

In particolare, il comma 595, art. 1, legge 30 dicembre 2020, n. 178 stabilisce che per beneficiare della tassazione agevolata del 21%, il numero di appartamenti da concedere in locazione con riferimento a un singolo periodo d’imposta non può essere superiore a quattro.

In altri termini, la norma prevede un limite quantitativo alla possibilità di accedere alla cedolare secca.

In sostanza, chi possiede più di quattro immobili, può concederli in locazione, utilizzando il beneficio della cedolare secca solo per un numero massimo di quattro.

Oltre tale limite scatta la presunzione di svolgimento dell’attività imprenditoriale e il conseguente obbligo di dotarsi di partita IVA.

Tale novità riguarda gli affitti brevi.

Attenzione tale limite si applica anche allorquando i contratti siano stati stipulati tramite intermediari, oppure tramite piattaforme telematiche.

Cedolare secca, in arrivo anche una nuova banca dati


Al fine di controllare la regolarità all’accesso alla cedolare secca e, in particolare, il rispetto del limite quantitativo, la Legge di Bilancio 2021, ha istituto presso il Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo (Mibact) una banca dati delle strutture ricettive e degli immobili destinati agli affitti brevi.


Cedolare secca, nuove modalità di versamento


La Legge di Bilancio è intervenuta anche in ordine alle modalità di versamento della cedolare secca, che seguirà quanto previsto per il pagamento dell’Irpef.

A partire dal 2021 l’imposta sostitutiva dovrà essere versata in un’unica soluzione, entro il 30 novembre, se l’importo è inferiore a euro 257,52.

Se l’importo è superiore, sono previste due rate:

  • a titolo di acconto pari al 40% dell’importo complessivamente dovuto, entro il 30 giugno;

  • a saldo entro il 30 novembre pari al 60% dell’importo restante.

riproduzione riservata
Articolo: Cedolare secca ultime novità
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Cedolare secca ultime novità: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
Notizie che trattano Cedolare secca ultime novità che potrebbero interessarti

Scadenza Imu: previsto il pagamento entro il 18 dicembre 2017

Fisco casa - Il 18 dicembre è la data prevista per il pagamento della seconda rata dell'Imu, l'imposta municipale unica sugli immobili; quali sono le modalità di pagamento?

Tasi 2017: scadenza e modalità di pagamento della seconda rata

Fisco casa - Si avvicina l'appuntamento annuale con le imposte sulla casa: fissata al 18 dicembre la scadenza della seconda rata della Tasi, la tassa su servizi indivisibili

Quali sono le scadenze per Imu e Tasi 2018?

Fisco casa - Si avvicinano gli appuntamenti con il Fisco per quanto concerne l'Imu e la Tasi 2018. Vediamo quando devono essere pagate le imposte sulla casa: acconto e saldo


IMU e TASI 2018 scadenza al 17 dicembre

Fisco casa - È ormai vicina la scadenza per il versamento della seconda rata dell'IMU e della TASI. Quando i contribuenti dovranno effettuare il saldo e modalità di calcolo.

TASI: come si compila il modello F24

Fisco casa - Le istruzioni per la corretta compilazione, insieme ai codici tributo, del modello F24 per il pagamento della Tasi, il tributo comunale sui servizi indivisibili.

TASI: come pagare in ritardo

Fisco casa - I contribuenti che non rispettano le scadenze previste dalla Legge per pagare la TASI, possono fruire del ravvedimento operoso e versare sanzioie ridotte e interessi.

IMU e TASI: guida al saldo di dicembre 2015

Fisco casa - Guida al versamento del saldo IMU e TASI 2015 in scadenza il prossimo 16 dicembre: chi paga e chi no, come si calcolano le imposte e come effettuare il pagamento

IVIE: IMU su case all'estero

Fisco casa - Quanto c'è da sapere sull'IVIE, l'imposta sul valore degli immobili situati all'estero, introdotta nel 2011 dalla manovra salva Italia: cos'è, chi la paga e come

IMU: compilazione modello F24

Fisco casa - Anche per il 2015 il pagamento dell'IMU si divide in due tranche (16 giugno e 16 dicembre): ecco le istruzioni e i codici tributo per pagare l'imposta con il mod.F24.