Casa antisismica del Cinquecento

NEWS DI Soluzioni progettuali26 Maggio 2012 ore 19:52
La prima casa antisismica della storia fu progettata paradossalmente proprio a Ferrara, nel corso del Cinquecento, dall'illustre architetto ed erudito Pirro Ligorio.

Prima casa antisismica della storia


Mentre siamo alla triste conta dei danni causati dal sisma che pochi giorni fa ha colpito l'Emilia Romagna, gli esperti del Centro euro-mediterraneo di documentazione per la conoscenza e la memoria degli eventi estremi e dei disastri (Eedis) di Spoleto, hanno diffuso una curiosa notizia.

La prima casa antisismica della storia fu progettata paradossalmente proprio a Ferrara, nel corso del Cinquecento, dall'illustre architetto ed erudito Pirro Ligorio che tra i suoi incarichi ebbe anche quello di successore di Michelangelo nella fabbrica di San Pietro.

Solitamente si considera come primo modello di casa antisismica della storia la gaiola ideata dopo il terremoto di Lisbona del 1755, che distrusse la capitale portoghese.

Ma ad essere veramente precisi dovremmo andare ancora più indietro nel tempo per trovare un edificio progettato con criteri antisismici, stando a quanto ci riferisce Plinio il Vecchio riguardo al tempio di Diana ad Efeso, costruito nel VI secolo avanti Cristo.
Infatti, poiché doveva sorgere su terreni paludosi fu costruito su strati di carboni e pelli sistemati sotto le fondazioni a mo' di isolamento sismico.


Terremoto di Ferrara del 1570


Ma torniamo all'edifico progettato da Pirro Ligorio. Nel febbraio del 1570, come hanno ricordato anche i media in questi ultimi giorni, la città di Ferrara fu colpita dall'unico altro terremoto paragonabile, per intensità, a quello attuale e che la distrusse in gran parte.

Le cronache dell'epoca riportano che la città era stata in precedenza tormentata da ben sei anni di continue scosse e con il sisma di quell'anno si ebbero danni inestimabili e circa 2.000 vittime.

Gli effetti si sentirono fino a Venezia da un lato e fino a Roma dall'altro. Ma colpirono anche la mente dell'architetto Pirro Ligorio.


Fu proprio passeggiando per le strade di una Ferrara semidistrutta che questi, da un paio di anni giunto alla corte dei signori della città, si chiese il perché le case fossero distrutte dai terremoti e perché non si facesse nulla per contrastare questo fenomeno.
Queste sue riflessioni furono poi raccolte nel Libro, o Trattato dè diversi terremoti (codice 28 delle Antichità Romane, Archivio di Stato di Torino).

L'architetto ritiene che i terremoti non siano qualcosa di ineluttabile contro cui non si possa fare niente per difendersi, ma che, anzi, è un dovere morale dell'uomo prendere le dovute precauzioni, visto che si tratta di un fenomeno che si capisce e si comprende.


Casa antisismica di Pirro Ligorio


Pirro Ligorio intitola l'ultimo capitolo del suo trattato Rimedi contra terremoti per la sicurezza degli edifici, e progetta e disegna una casa in grado di resistere non solo ai carichi verticali, ma anche alle forze trasversali che, dal punto di vista fisico, rappresentano l'azione dei terremoti.

Quindi si può dire che la prima casa antisismica in Europa si possa datare a ben duecento anni prima dell'esempio portoghese tradizionalmente ed erroneamente considerato come tale.

Gian Michele Calvi dell'Istituto universitario di studi superiori di Pavia, direttore di Eurocentre, il centro europeo dove si insegna come costruire edifici in grado di resistere ai terremoti, spiega che in effetti l'architetto ha seguito in questo progetto poche e semplice regole geometriche di collegamento tra muri e solai, che se fossero state messe in atto nel corso dei secoli, avrebbero evitato tanti danni.


Come deve essere una casa per essere antisismica?


Fondamentalmente un edificio antisismico deve essere una scatola compatta con tutte le parti solidalmente collegate tra loro.
Infatti, un edificio con queste caratteristiche riesce ad essere in grado non solo di resistere ai carichi verticali, ma anche alle forze che rappresentano le onde sismiche, che si propagano in tutte le direzioni.

Negli anni del boom edilizio, in zone non considerate a rischio sismico, si sono trascurati questi aspetti, per cui in molti edifici non troviamo un numero sufficiente di travi di collegamento.

Questa scelta è stata fatta, ovviamente, per ragioni di convenienza economica.
Ad ogni modo, se un edificio è privo di tali collegamenti, l'unico modo per adeguarlo sismicamente è quello di inserire una interruzione sotto le fondazioni, che lo separi dal terreno in modo che scorra in caso di sisma. Ovviamente si tratta di un tipo di intervento piuttosto oneroso.

Un altro elemento da valutare per giudicare il grado di sicurezza di un edificio è l'anno di costruzione. Gli edifici in muratura costruiti prima del 1950 sono quelli meno sicuri, subito dopo vengono gli edifici in cemento armato costruiti prima del 1974.

Gli edifici costruiti tra quest'anno e il 2003 dovrebbero essere un po' più sicuri, mentre quelli costruiti da quest'anno in poi dovrebbero rispondere perfettamente a regole antisismiche, se costruiti con criterio.
Le date citate sono infatti quelle che, più o meno, scandiscono l'evoluzione della normativa antisismica in Italia.

Altri elementi vulnerabili da osservare con attenzione sono gli architravi delle finestre, che dovrebbero essere realizzati con elementi continui e non con mattoni disposti in verticale, e camini e parapetti che dovrebbero essere saldamente ancorati alla struttura.

riproduzione riservata
Articolo: Casa antisismica del Cinquecento
Valutazione: 5.80 / 6 basato su 5 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Casa antisismica del Cinquecento: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Albino
    Albino
    Martedì 8 Gennaio 2013, alle ore 16:33
    Ecco un post sugli edifici antisismici: http://pianetax.wordpress.com/2012/06/10/la-casa-antisismica-quasi-perfetta/
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Casa antisismica del Cinquecento che potrebbero interessarti
Muri in sicurezza e ben isolati con il nuovo Kit antisismico di Enea

Muri in sicurezza e ben isolati con il nuovo Kit antisismico di Enea

Il kit antisismico messo a punto da Enea, sfrutta le buone caratteristiche della canapa per rinforzare le tamponature, soggette a espulsione durante le scosse.
Wireless antisismico

Wireless antisismico

La tecnologia wireless con appositi sensori permette di supportare interventi di ristrutturazione di edifici garantendo sicurezza in caso di fenomeni sismici.
Norme antisismiche: entrata in vigore dal 30/6

Norme antisismiche: entrata in vigore dal 30/6

Le nuove norme antisismiche entreranno in vigore a partire dal prossimo 30 giugno.
Legno come materiale antisismico

Legno come materiale antisismico

La bioedilizia ha dimostrato attraverso test e simulazioni come il legno sia effettivamente un materiale molto più resistente al sisma del cemento armato.
Isolamento sismico degli edifici

Isolamento sismico degli edifici

Uno dei modi per proteggere un edificio dal sisma è rappresentato dall'isolamento sismico, che permette agli edifici di resistere a terremoti anche distruttivi.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.233 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.00
  • Tenda alla veneziana VELUX
    Tenda alla veneziana velux...
    95.16
  • Veranda a cristalli
    Veranda a cristalli...
    2000.00
  • Tenda 307 palmam
    Tenda 307 palmam...
    430.00
  • Gesal integratore universale in gocce 200 ml
    Gesal integratore universale in...
    4.70
  • Haier climatizzatore inverter classe a++ brezza bs4
    Haier climatizzatore inverter...
    685.00
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Kone
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.